Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari'

Ingrandisci immagine


Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari»

Tipo Libro
Titolo Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari
A cura di Ambrosino S., Demarchi P. G.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814149696
Pagine VII-564
Data luglio 2009

INDICE DI «Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Prefazione di PAOLO MONTALENTI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . V
Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX
Autori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XI




SEZIONE I
I SERVIZI DI INVESTIMENTO E
DI GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

Capitolo I
MARKET ABUSE E TUTELA DEL CONSUMATORE
di FABIO FRANCONIERO
1. Premessa: gli abusi di mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. La tutela del risparmiatore e la disciplina comunitaria degli abusi di
mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3. Le finalità e i principali contenuti della disciplina europea sugli abusi di
mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3.1. (Segue): la disciplina attuativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
4. Il recepimento della direttiva sul market abuse in Italia: le principali
innovazioni al testo unico dell'intermediazione finanziaria in materia di
comunicazioni al pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
5. La disciplina sanzionatoria degli abusi di mercato: caratteri generali . 28
5.1. (Segue): l'abuso di informazioni privilegiate . . . . . . . . . . . . . 30
5.2. (Segue): la manipolazione del mercato . . . . . . . . . . . . . . . . 33
6. Il rapporto tra la disciplina sanzionatoria penale e quella ammini-
strativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
7. Le conseguenze civilistiche degli abusi di mercato . . . . . . . . . . . . 40
8. Gli obblighi degli intermediari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44


Capitolo II
IL RISPARMIATORE INFORMATO
TRA POTERI FORTI E TUTELE DEBOLI
di ROBERTO CALVO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2. Lo statuto normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3. I precedenti di merito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
XIV Indice sommario

4. L'idiosincrasia delle Sezioni unite verso la categoria delle nullità ine-
spresse (o virtuali). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
5. L'assenza di prospettiva assiologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
6. Obblighi informativi e ordine pubblico economico di protezione . . . 68
7. L'insidia della disparità di trattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71


Capitolo III
LA RESPONSABILITÀ DELLA BANCA PRIMA E DOPO
LA DIRETTIVA MIFID, TRA PROFILI DI INVALIDITÀ E
RIMEDI RISARCITORI
di STEFANO AMBROSINI
1. Gli obblighi gravanti sugli intermediari finanziari alla luce della
MiFID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
2. L'obbligo di redigere il contratto in forma scritta . . . . . . . . . . . . . 77
3. Le conseguenze della violazione degli obblighi comportamentali . . . 81
4. L'oggetto delle domande di nullità, annullamento, risoluzione e
risarcimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
5. L'individuazione degli operatori qualificati: la situazione anteriore alla
direttiva MiFID . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
6. (Segue): le modifiche apportate dalla direttiva MiFID . . . . . . . . . . 92


Capitolo IV
LE REGOLE GENERALI DI COMPORTAMENTO
DEGLI INTERMEDIARI AUTORIZZATI. I PRINCIPI DI LEALTÀ,
BUONA FEDE E CORRETTEZZA NELLA GESTIONE DEL RISPARMIO
di VALENTINA PICCININI
1. Il dovere di comportarsi con diligenza, trasparenza e correttezza nel-
l'art. 21 del t.u.f. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2. La specificazione dei principi generali nella Direttiva MiFID e nel
Nuovo Regolamento Consob . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
3. (Segue): il principio di trasparenza e gli obblighi di informazione nei
confronti della clientela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
4. L'opera di concretizzazione dei criteri generali di condotta effettuata
dalla giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117


Capitolo V
LA NON ADEGUATEZZA DELLE OPERAZIONI DI INVESTIMENTO
TRA NUOVA E VECCHIA DISCIPLINA
di PAOLO FIORIO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
PARTE PRIMA: LA DISCIPLINA PRECEDENTE ALLA DIRETTIVA MIFID . . . . . . . 130
2. I doveri prodromici e strumentali alla suitability rule . . . . . . . . . . . 130
3. La Know your customer rule . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
4. L'ambito di applicazione dell'art. 29 Reg. Consob . . . . . . . . . . . . 135
Indice sommario XV



5. Le fattispecie di non adeguatezza: la non adeguatezza per frequenza
(churring) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
6. La non adeguatezza per dimensioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
7. La non adeguatezza per oggetto e tipologia . . . . . . . . . . . . . . . . 144
8. L'obbligo di astenersi dall'effettuare operazioni non adeguate . . . . . 149
9. La segnalazione di non adeguatezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
10. Dovere di curare gli interessi del cliente ed autorizzazione scritta . . . 157
PARTE SECONDA: LA NUOVA DISCIPLINA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
11. La l. 262/2005 e l'attuazione della Direttiva MiFID. . . . . . . . . . . . 161
12. Gli obiettivi della Direttiva MiFID. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
13. L'adeguatezza e l'appropriatezza delle operazioni di investimento nella
nuova disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
14. L'ambito di applicazione delle regole sull'adeguatezza dell'operazione:
il servizio di consulenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
15. I doveri e le modalità di informazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
16. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177


Capitolo VI
LA QUALIFICAZIONE DEL DIRETTORE DI BANCA
COME INVESTITORE NON PROFESSIONALE
di FRANCO BENASSI
1. Quando anche il direttore di banca è investitore 'retail' . . . . . . . . 181
2. Adeguatezza dell'operazione ed applicazione 'elastica' dei criteri di
individuazione dell'esperienza dell'investitore . . . . . . . . . . . . . . . 186
3. L''inadeguatezza' dell'art. 31 del Reg. Consob n. 11522/98. . . . . . . 188
4. I tentativi di riforma, la MiFID e la riduzione del margine di intervento
del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200


Capitolo VII
NEGOZIAZIONE ON LINE E FORMA SCRITTA. LA PROVA
DEL CONFERIMENTO DEI SINGOLI ORDINI DI NEGOZIAZIONE
di MAURO BERNARDI
1. Introduzione: le fonti normative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
2. Gli obblighi informativi: profili generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
3. Il diritto di recesso e le informazioni sul contratto . . . . . . . . . . . . 223
4. Le modalità di comunicazione delle informazioni preliminari e delle
condizioni contrattuali e le informazioni aggiuntive. . . . . . . . . . . . 227
5. Le violazioni degli obblighi imposti al fornitore del servizio ed i rimedi
previsti dall'ordinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
6. La conclusione del contratto mediante Internet . . . . . . . . . . . . . . 238
7. Forma e contenuto dei contratti relativi ai servizi di investimento on
line . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
8. La prova del conferimento degli ordini di negoziazione . . . . . . . . . 246
XVI Indice sommario

Capitolo VIII
CONTRATTI DERIVATI: STRUMENTALITÀ E
MALIZIA NELLA PREDISPOSIZIONE E
RACCOLTA DELLA DICHIARAZIONE DI OPERATORE QUALIFICATO
di BRUNO INZITARI
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
2. La tutela del cliente nelle operazioni su derivati . . . . . . . . . . . . . 254
3. La tutela nei servizi di investimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
4. Adeguatezza dell'operazione e consapevolezza dei rischi . . . . . . . . 261
5. L'effettività della natura di operatore qualificato . . . . . . . . . . . . . 262
6. Gli orientamenti della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
7. Validità della dichiarazione e sanzione per l'inosservanza delle norme
di comportamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269


Capitolo IX
I DERIVATI: IMPIEGO A COPERTURA E IMPIEGO SPECULATIVO.
STRUMENTI DI TUTELA DEL DIRITTO
di ROBERTO MARCELLI
1. Introduzione. I rischi dell'attività imprenditoriale . . . . . . . . . . . . . 275
2. I derivati: caratteristiche e finalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
3. Gli Interest Rate Swap: nozioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
3.1. Tipologia di swap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
3.2. Valutazione di uno swap . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
4. I derivati: recenti sviluppi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
5. Il collocamento di derivati presso imprese ed enti locali. . . . . . . . . 293
5.1. Le azioni delle Autorita di Vigilanza . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 297
6. Swap: natura economica e risvolti giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . 306
7. La nozione di operatore qualificato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
7.1. Dottrina e giurisprudenza: l'art. 31 del Regolamento Consob e la
valutazione della professionalità ed esperienza . . . . . . . . . . . 313
8. Sintesi e conclusioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 322


Capitolo X
LA RESPONSABILITÀ CIVILE DELLA CONSOB
PER OMESSA VIGILANZA
di FABIO FRANCONIERO
1. La funzione di garanzia della Consob nel mercato finanziario . . . . . 326
1.1. (Segue): la responsabilità nei confronti degli investitori in caso di
omessa o inadeguata vigilanza. Impostazione del problema . . . 331
2. La difficile affermazione della responsabilità civile dell'autorità di
vigilanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
2.1. La tesi negativa della giurisprudenza di merito . . . . . . . . . . . 337
Indice sommario XVII



3. Dopo la sentenza n. 500/99 delle Sezioni Unite, con cui viene sancita la
responsabilità extracontrattuale della pubblica amministrazione per
lesione degli interessi legittimi, la Cassazione afferma la responsabilità
della Consob per omessa vigilanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
4. Le prime implicazioni della responsabilità della Consob. La giurisdi-
zione sulla domanda risarcitoria dopo il d.lgs. n. 80 del 1998 e la legge
n. 205 del 2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
5. La responsabilità per omessa vigilanza si afferma nella giurisprudenza
di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
5.1. Il Tribunale di Roma rigetta la domanda di condanna al risarci-
mento della Consob per la negoziazione di obbligazioni
'Argentina' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
6. Le altre fattispecie di responsabilità per omessa vigilanza della Consob:
l'omessa vigilanza sull'o.p.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
7. I profili problematici: la giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
7.1. (Segue): i limiti del sindacato giurisdizionale sull'esercizio dei
poteri di vigilanza e la soluzione del legislatore. . . . . . . . . . . 370


Capitolo XI
CONSEGUENZE DELL'ILLECITO:
EFFETTI RESTITUTORI E RISARCIMENTO DEL DANNO
di LAURA DE SIMONE
1. Le restituzioni in ipotesi di nullità, annullabilità e risoluzione del
contratto quadro e dei singoli ordini. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
2. Gli interessi e la buona o mala fede dell'accipiens . . . . . . . . . . . . 381
3. Il maggior danno ex art. 1224 comma 2 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . 386
4. La domanda di risarcimento del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390



SEZIONE II
INTERESSI 'E DINTORNI' NEL RAPPORTO FRA BANCA E CLIENTE

Capitolo I
SPUNTI DI RIFLESSIONE IN MATERIA DI INTERESSI
NEI CONTI CORRENTI BANCARI
di PAOLO GIOVANNI DEMARCHI
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
2. Prescrizione dell'azione di ripetizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
3. Nullità della capitalizzazione trimestrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 406
3.1. Periodicità alternativa di capitalizzazione . . . . . . . . . . . . . . 409
3.2. La delibera del CICR del 9 febbraio 2000 . . . . . . . . . . . . . . 418
3.3. Imputazione delle rimesse. Inapplicabilità dell'art. 1194 c.c. . . . 423
4. La pattuizione di interessi ultralegali 'uso piazza' . . . . . . . . . . . . 425
4.1. Nullità dell'interesse ultralegale ed applicazione dell'art. 117 del
t.u.b. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
XVIII Indice sommario

Capitolo II
CRITERI E MODALITÀ DI DETERMINAZIONE DEL TASSO D'USURA:
AMBIGUITÀ E CONTRADDIZIONI
di ROBERTO MARCELLI
1. Introduzione: la legge 108/96: principi, parametri oggettivi, compiti
tecnici dell'organo amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
2. Le Istruzioni della Banca d'Italia: determinazione del tasso effettivo
medio globale, criteri di rilevazione, individuazione delle categorie . . 435
3. I tassi soglia: considerazioni tecniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
4. I tassi soglia: considerazioni giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
4.1. Il limite di usura e gli interessi di mora . . . . . . . . . . . . . . . 454
4.2. Il limite di usura e le Commissioni di Massimo Scoperto . . . . . 461
5. Le rilevazioni dei tassi bancari curate dalla Banca d'Italia . . . . . . . 469
6. Sintesi e conclusioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472


Capitolo III
LA COMMISSIONE DI MASSIMO SCOPERTO TRA LIBERTÀ
CONTRATTUALE E DUPLICAZIONE DELL'INTERESSE
di CARLA SCRIBANO
1. Le origini e la natura della commissione di massimo scoperto . . . . . 481
2. I profili d'invalidità della fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
3. La commissione di massimo scoperto e l'usura . . . . . . . . . . . . . . 496
4. Le conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500


Capitolo IV
ASPETTI PROCESSUALI NELLE CAUSE INTENTATE
DAI RISPARMIATORI: ONERE PROBATORIO E
RUOLO DELLA CONSULENZA TECNICA
di ROSARIA GIORDANO
1. Principi generali in tema di riparto dell'onere della prova. . . . . . . . 503
2. La regola sull'onere della prova sancita dall'art. 23 t.u.f. Ambito
d'applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
3. (Segue): valenza della deroga nelle fattispecie di responsabilità contrat-
tuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508
4. (Segue): onere della prova e responsabilità extracontrattuale . . . . . . 511
5. Oneri di allegazione, prova del nesso di causalità e del danno . . . . . 514
6. Ruolo della consulenza tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518


Capitolo V
ONERE PROBATORIO E LIMITI DELLA C.T.U. NELLE CAUSE
DI NULLITÀ DELL'INTERESSE ANATOCISTICO
di ELENA CABUTTI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
Indice sommario XIX



2. La documentazione necessaria per la redazione della perizia . . . . . . 522
3. Le problematiche nell'espletamento dell'incarico peritale. . . . . . . . 527
4. La documentazione prodotta dalle parti in corso di causa. . . . . . . . 531
5. La documentazione prodotta dalle parti nel corso delle operazioni di
perizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
6. I poteri di acquisizione documentale da parte del c.t.u. . . . . . . . . . 533
7. L'ordine di esibizione documentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
8. Le irregolarità nell'acquisizione documentale: nullità della perizia,
termini di eccezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 537


Capitolo VI
IL DIRITTO DI ACCESSO ALLA DOCUMENTAZIONE BANCARIA
di ILARIA CHESTA
1. Il diritto di accesso ai dati bancari quale espressione del principio di
trasparenza nei rapporti contrattuali tra le banche e i propri clienti. . 539
2. Diritto disciplinato dall'art. 119 d.lgs. n. 385/1993: interesse tutelato,
natura e finalità dello strumento di tutela . . . . . . . . . . . . . . . . . 544
3. Diritto di accesso ai dati bancari e diritto di accesso ai dati personali
disciplinato dal Codice della Privacy (d.lgs. 30 giugno 2003, n. 196). . 557
4. Forme di esercizio del diritto di accesso ai documenti bancari e
ammissibilità dell'azione collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561

COMMENTI DEI LETTORI A «Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Banche, consumatori e tutela del risparmio. Servizi di investimento, market abuse e rapporti bancari»