Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione'

Ingrandisci immagine


La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione

(Teoria e pratica del diritto.IV)


di

Asprone Maurizio, Marasca Massimo, Ruscito Antonio

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione»

Tipo Libro
Titolo La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814148644
Pagine X-324
Data giugno 2009
Collana Teoria e pratica del diritto.IV

INDICE DI «La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX




Parte prima
LA DISCREZIONALITÀ TECNICA
DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: ANALISI TEMATICA
E PROFILI PROBLEMATICI


CAPITOLO I
LA DISCREZIONALITÀ TECNICA
DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE:
NATURA ED EVOLUZIONE GIURIDICA DEL CONCETTO

1. Attività discrezionale e vincolata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. L'acquisizione di fatti complessi al procedimento . . . . . . . . . . 9
3. Valutazioni tecniche e accertamenti tecnici . . . . . . . . . . . . . . 12
4. Ricostruzione storica del concetto di discrezionalità tecnica . . . . 17
5. Considerazioni critiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29


CAPITOLO II
IL SINDACATO DEL GIUDICE AMMINISTRATIVO
SULLA DISCREZIONALITÀ

1. Introduzione alle diverse posizioni prospettabili . . . . . . . . . . . 31
2. L'orientamento tradizionale: l'insindacabilità della discrezionalità
tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3. Il sindacato estrinseco della discrezionalità tecnica . . . . . . . . . 38
4. L'indirizzo opposto del giudice ordinario . . . . . . . . . . . . . . . 43
5. La posizione della Corte di Giustizia delle Comunità Europee . . 46
6. Motivazioni di carattere processuale: analisi dei limiti dei mezzi
probatori nel processo amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
7. L'insindacabilità della discrezionalità tecnica: conseguenze . . . . . 56
VI INDICE GENERALE



8. La negazione in dottrina dell'assimilazione tra discrezionalità tec-
nica e merito amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
9. La sentenza del Consiglio di Stato n. 601/1999 . . . . . . . . . . . . 63
10. La portata e l'impatto in dottrina della nuova posizione del Consi-
glio di Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
11. Innovazioni processuali: la l. 205/2000 e la consulenza tecnica d'uf-
ficio nella giurisdizione di legittimità . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
12. I limiti alla sindacabilità intrinseca delle valutazioni tecniche da parte
del giudice amministrativo: tipologie di controllo prospettabili . . 83


Parte seconda
LA DISCREZIONALITÀ TECNICA DELLA PUBBLICA
AMMINISTRAZIONE: RICOGNIZIONE GIURISPRUDENZIALE
E SETTORI VARI DI APPLICAZIONE


CAPITOLO I
PANORAMICA GIURISPRUDENZIALE
ALLA LUCE
DEI RECENTI SVILUPPI

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2. Monitoraggio della giurisprudenza attuale in tema di discrezionalità
tecnica della Pubblica amministrazione: il rigetto del sindacato
sostitutivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
3. L'orientamento tradizionale nella giurisprudenza attuale . . . . . . 100
4. Il sindacato debole nella giurisprudenza attuale . . . . . . . . . . . 106
5. Danno da lesione di interesse legittimo pretensivo e discrezionalità
tecnica: accenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
6. Discrezionalità tecnica nella legge sul procedimento amministrativo:
spunti riflessivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123


CAPITOLO II
DISCREZIONALITÀ TECNICA NEI CONCORSI PUBBLICI

1. La discrezionalità tecnica nei concorsi pubblici . . . . . . . . . . . . 133
2. Fondamento normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
3. Classificazione delle procedure di assunzione . . . . . . . . . . . . . 139
4. La procedura concorsuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
5. Il sindacato giurisdizionale sulla discrezionalità tecnica in ambito
concorsuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
INDICE GENERALE VII



6. Segue. Casistica: concorsi interni, iscrizione ad albi professionali,
fase post-graduatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
6.1. Concorsi interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
6.2. Correzione elaborati e valutazione . . . . . . . . . . . . . 165
6.3. Motivazione e giudizio alfanumerico delle prove concor-
suali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
6.4. Motivazione del provvedimento negativo di non idoneità. 168
6.5. Principio di assorbimento prove orali ed abilitazione pro-
fessione forense . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
6.6. Conferimento incarico dirigenziale . . . . . . . . . . . . . 172
6.7. Test preselettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
6.8. Procedure di stabilizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
6.9. Iscrizione in albi o ruoli professionali . . . . . . . . . . . 189
7. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189



CAPITOLO III
LA DISCREZIONALITÀ TECNICA DELLA COMMISSIONE DI GARA
NELLA DISCIPLINA DELLE OPERE PUBBLICHE: IL SINDACATO
SULLA VALUTAZIONE DELLE OFFERTE ANOMALE

1. Breve introduzione sulle procedure di aggiudicazione e i criteri di
selezione delle offerte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
2. Le commissioni giudicatrici degli appalti pubblici. . . . . . . . . . . 196
2.1. Funzioni e composizione delle commissioni . . . . . . . . 196
2.2. La natura di organo collegiale delle commissioni secondo
la giurisprudenza dominante. . . . . . . . . . . . . . . . . 202
2.3. I componenti delle commissioni e le modalità d'esercizio
della loro attività decisoria. . . . . . . . . . . . . . . . . . 210
3. Offerte anomale: orientamenti giurisprudenziali . . . . . . . . . . . 223
4. Valutazione delle offerte anomale e sindacato giurisdizionale. . . . 238



CAPITOLO IV
DISCREZIONALITÀ TECNICA E CAUSA DI SERVIZIO

1. Premessa ed ambito di trattazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
2. Cenni storici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
3. Nozione causa di servizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
4. Benefici derivanti dal riconoscimento causa di servizio . . . . . . . 266
5. Procedimento per il riconoscimento della causa di servizio . . . . . 268
6. Valutazione della causa di servizio e sua sindacabilità giudiziale . . 272
7. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
VIII INDICE GENERALE



CAPITOLO V
LA DISCREZIONALITÀ TECNICA NELL'ESERCIZIO DELLA TUTELA
DEI BENI CULTURALI E PAESAGGISTICI

1. Normativa di riferimento: le innovazioni introdotte con il codice dei
beni culturali e paesaggistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
2. Vincolo culturale-paesaggistico e discrezionalità tecnica . . . . . . 288
3. Sindacato giurisdizionale sulla valutazione dei beni culturali e
paesaggistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302


CAPITOLO VI
CONSIDERAZIONI FINALI E NOTAZIONI CRITICHE

1. Valutazioni tecniche e sindacato giurisdizionale: inquadramento
dogmatico e soluzioni prospettabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313




Il Dott. Massimo Marasca ha curato i capitoli II e IV della parte II.
Il Dott. Antonio Ruscito ha curato la parte I ed il cap. I della parte II.
L'Avv. Maurizio Asprone ha curato i capitoli III, IV e V della parte II.

COMMENTI DEI LETTORI A «La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «La discrezionalità tecnica della pubblica amministrazione»