Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Il rapporto amministrativo'

Ingrandisci immagine


Il rapporto amministrativo

(Responsabilità civile e previdenza)


di

Protto Mariano

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Il rapporto amministrativo»

Tipo Libro
Titolo Il rapporto amministrativo
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814147548
Pagine XIII-490
Data 2008
Collana Responsabilità civile e previdenza

INDICE DI «Il rapporto amministrativo»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE VII




INDICE


Capitolo I
INTRODUZIONE

1. Il rapporto amministrativo tra Archimede e il barone di Munch- ¨
hausen. La rivalutazione del rapporto giuridico nella teoria ge-
nerale del diritto. Il ruolo del rapporto amministrativo nella co-
`
struzione della teoria giuridica dell'attivita amministrativa . . . . . . 1
2. La rivalutazione del rapporto giuridico come evoluzione della
nomodinamica kelseniana e reazione alla dottrina socialista del
diritto. L'influenza del funzionalismo e della teoria dei sistemi
sulla teoria dell'ordinamento giuridico come ordinamento di
rapporti giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3. I capisaldi della nuova concezione del rapporto giuridico e loro
rilevanza per il rapporto amministrativo: concretezza, relativita, `
`
reciprocita, simmetria-asimmetria, multipolarita e politomia, `
`
etero-autodeterminabilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
4. Il nuovo pensiero sistematico: dal sistema esterno-chiuso al si-
stema interno-aperto. Cenni ai presupposti teorici per il ricono-
scimento del contenuto normativo e del valore sistematico del
rapporto amministrativo. Delimitazione dell'indagine . . . . . . . . . . 25


Capitolo II
IL RAPPORTO AMMINISTRATIVO NELL'EVOLUZIONE
DELLA PRIMA DOTTRINA AMMINISTRATIVISTICA

1. Il rapporto amministrativo nella prima dottrina amministrativi-
stica italiana. Le relazioni tra amministrazione e privati nell'o-
pera di G.D. Romagnosi. La « Teoria » del rapporto amministra-
tivo nell'opera di Santi Romano. La concezione del rapporto am-
ministrativo nell'opera di Oreste Ranelletti. La sistematica del
« rapporto amministrativo » di Federico Cammeo . . . . . . . . . . . . . 29
2. Il rapporto amministrativo nella prima dottrina amministrativi-
`
stica tedesca. L'eta dell'oro: la teorizzazione jellinekiana dei di-
VIII INDICE

ritti pubblici soggettivi. La difficile convivenza del rapporto am-
ministrativo con l'atto amministrativo nell'opera di Otto Mayer.
`
L'inelasticita del rapporto amministrativo nell'opera di F. Fleiner 45
3. Il rapporto amministrativo nella dottrina amministrativistica ita-
liana tra le due guerre. La concezione rapportuale del procedi-
mento amministrativo nell'opera di Ugo Forti. Il rapporto ammi-
`
nistrativo come rapporto con l'autorita nell'opera di Cino Vitta.
La visione effettuale di Francesco D'Alessio. La concezione del
rapporto amministrativo nell'opera di G. Miele: cenni alla multi-
`
polarita del rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
4. Il rapporto amministrativo nella dottrina amministrativistica te-
desca tra le due guerre. Il declino del rapporto amministrativo
dopo la svolta nomodinamica del diritto amministrativo tedesco
sotto l'influenza della scuola viennese: il monopolio del provve-
dimento amministrativo nell'ambito del processo dinamico di
produzione del diritto nell'opera di A.J. Merkl. L'influenza sulla
dottrina tedesca tra le due guerre . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61



Capitolo III
IL RAPPORTO AMMINISTRATIVO
E LE TRASFORMAZIONI DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO

1. L'ultimo riferimento alla teoria dei diritti pubblici soggettivi e al
rapporto amministrativo nell'opera di Zanobini. Il definitivo ab-
bandono della teoria dei diritti pubblici soggettivi e l'afferma-
zione del rapporto amministrativo come rapporto di fatto nell'o-
pera di Guicciardi. Il provvedimento come « momento dell'auto-
`
rita » (Giannini) e la sublimazione del rapporto autorita-liberta ` `
`
nel principio di legalita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2. La codificazione tedesca del provvedimento amministrativo. La
concezione processuale del diritto pubblico soggettivo. Le incer-
tezze della dottrina sul valore sostanziale del principio di lega-
`.
lita La funzione di tutela dei diritti fondamentali . . . . . . . . . . . . . 78
3. La rinascita dell'interesse per il rapporto amministrativo nella
riflessione della dottrina italiana. Il rapporto amministrativo
come subiettivazione della norma e la sua concretizzazione nel
procedimento nelle opere di Piras e Giannini. Il rapporto ammi-
nistrativo come luogo di conformazione del potere amministra-
tivo negli studi di Nigro. Le obiezioni mosse dalla successiva
dottrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
4. La rivalutazione del rapporto amministrativo come rapporto in
senso tecnico, prossimo al diritto di credito, da parte della dot-
INDICE IX

trina processualamministrativistica (Greco). La recente afferma-
zione dell'interesse legittimo come diritto di credito (Ferrara L.).
La stringente logica del rapporto giuridico (paritario) nelle ul-
time riflessioni di A. Orsi Battaglini. Alcuni rilievi critici . . . . . . . . 88
5. L'esigenza di nuovi strumenti concettuali per fronteggiare le tra-
sformazioni del diritto amministrativo nella riflessione della re-
cente dottrina italiana. Le moderne definizioni di provvedimento
e procedimento amministrativo. Individuazione dello spazio per
il rapporto amministrativo come criterio ordinatore dello statuto
`
giuridico dell'attivita amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
6. Il rapporto amministrativo come concetto chiave (Bachof), ov-
vero come punto archimedeo per una nuova sistematica del di-
ritto amministrativo (Haberle). Cenni alla definizione di rap-
¨
porto amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102


Capitolo IV
LE DEFINIZIONI DI RAPPORTO AMMINISTRATIVO

1. Precisazioni in merito al complemento « amministrativo ». Le di-
verse tesi della dottrina circa il contenuto specificativo del com-
`
plemento. Possibilita di una connotazione esclusivamente sog-
gettiva del rapporto. Il rapporto amministrativo come Inbegriff ai
fini dell'individuazione della disciplina applicabile . . . . . . . . . . . . 106
`
2. Il rapporto amministrativo come « unita superiore » ovvero « si-
stema delle relazioni giuridiche ». Alla ricerca dell'elemento uni-
ficante: l'oggetto, la vicenda o l'episodio, la funzione amministra-
tiva, la tutela dei diritti fondamentali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
3. La configurazione in termini paritari del rapporto giuridico tra
privato e pubblica amministrazione come ''discontinuita'' ri- `
spetto al sistema di giustizia amministrativa precostituzionale
(A. Orsi Battaglini). Gli analoghi tentativi della dottrina tedesca
(J. Martens). Le critiche. Il rapporto amministrativo come rap-
porto asimmetrico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117


Capitolo V
IL RAPPORTO AMMINISTRATIVO
NEL SISTEMA APERTO DEL DIRITTO AMMINISTRATIVO

1. Dal sistema chiuso al sistema aperto. Dal sistema per dire al si-
stema per fare fino alle teorie strutturaliste e sistemiche. La rile-
vanza del Typus . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
X INDICE

2. Il diritto amministrativo come sistema interno aperto ai valori.
Le riflessioni della dottrina italiana sulla regola della « natura
delle cose » e sull'amministrazione « di risultato » . . . . . . . . . . . . . 134
3. Il sistema del diritto amministrativo come idea di ordine. Il si-
stema interno e aperto applicato al diritto amministrativo . . . . . . 137
4. Funzione dogmatica e contenuto normativo del rapporto ammi-
nistrativo. Le « situazioni tipiche » e i « concetti intermedi » per
arrivare al concetto generale di rapporto amministrativo. Il rap-
porto amministrativo come criterio ordinatore dello statuto giuri-
`
dico dell'attivita amministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
5. Rapporto amministrativo e provvedimento amministrativo. La
funzione complementare del rapporto amministrativo: una rela-
zione a « geometria variabile ». La rilevanza della dimensione
reale e temporale nel rapporto amministrativo. La multipolarita `
del rapporto amministrativo: rinvio. La stabilita del provvedi- `
mento e il carattere duraturo del rapporto amministrativo: rinvio 145
6. Rapporto amministrativo e principio di legalita. Dall'originaria `
concezione conflittuale della relazione tra cittadini e ammini-
strazione al carattere necessario del rapporto amministrativo a
fronte dei nuovi significati del principio di legalita. Il ruolo del `
rapporto amministrativo nella integrazione valoriale della disci-
`
plina legislativa. Legalita di risultato e rapporto di risultato: rin-
vio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
7. Rapporto amministrativo e principi e clausole generali. I principi
`
di buona fede e imparzialita. Il ruolo del rapporto amministra-
tivo nella tipizzazione dell'attuazione concreta dei principi e
clausole generali. Obblighi procedimentali: dall'imparzialita alla `
buona fede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
8. Rapporto amministrativo, discrezionalita e merito amministra- `
tivo. Il ruolo del rapporto amministrativo rispetto ai profili non
`
regolati dell'attivita amministrativa. Dall'amministrazione di ri-
sultato al rapporto di risultato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155



Capitolo VI
IL RAPPORTO PROCEDIMENTALE

1. Il rapporto procedimentale nella prima dottrina amministrativi-
stica. La nozione di pendenza del rapporto. L'abbandono della
visione relazionale con l'affermarsi della concezione formale del
procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
2. La rivalutazione del rapporto procedimentale con l'affermarsi
della concezione funzionale del procedimento. Gli approfondi-
INDICE XI

menti sulla formazione della decisione. La deriva verso le situa-
zioni soggettive procedimentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
3. Divergenze tra l'esperienza italiana e quella tedesca. L'elabora-
zione della nozione di rapporto procedimentale come species del
rapporto amministrativo. Il rapporto amministrativo come fon-
damento di un nuovo status activus processualis. La partecipa-
zione come contraddittorio di contestazione-accettazione attra-
verso il rapporto amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
4. Il rapporto procedimentale e la demarchia benvenutiana presa
`
sul serio. La paritarieta del rapporto come omogeneita teleolo- `
gica degli atti delle parti. Il contraddittorio contestazione-accet-
tazione come costante del rapporto amministrativo. Il rapporto
amministrativo e la forma presa sul serio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
5. Il rapporto procedimentale come « fonte » di obblighi ulteriori ri-
spetto a quelli previsti dalla legge sul procedimento. Le obiezioni
`
fondate sui principi di legalita e uguaglianza. Il rapporto proce-
dimentale come tipizzazione della concreta attuazione del prin-
cipio di buona fede nel procedimento. Le conseguenze della vio-
lazione di tali obblighi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
6. `
Rapporto procedimentale e responsabilita civile dell'amministra-
zione. Stato attuale della giurisprudenza e della dottrina. La tesi
`
della responsabilita da « contatto amministrativo »: le critiche
della dottrina successiva. Il ruolo del rapporto amministrativo
`
nella configurazione della responsabilita della pubblica ammini-
`
strazione come « responsabilita da rapporto ». . . . . . . . . . . . . . . . . 203



Capitolo VII
`
MULTIPOLARITA DEL RAPPORTO AMMINISTRATIVO

1. Il rapporto amministrativo principale e i rapporti derivati (o ri-
flessi) tra privati nella prima dottrina (Cammeo). L'affermarsi
della cd. teoria della separazione (Fleiner). La teorizzazione di
interessi legittimi tra privati (Zanobini). La bilateralita del rap- `
porto amministrativo come presupposto (implicito o esplicito)
dell'affermazione della natura sostanziale dell'interesse legittimo
(in Italia) e del diritto pubblico soggettivo (in Germania) . . . . . . . 216
`
2. La bilateralita del rapporto amministrativo negli studi sull'am-
`
missibilita dell'azione di accertamento nel processo amministra-
tivo. Esclusione del carattere multipolare del rapporto ammini-
strativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
3. Critica alla concezione bipolare del rapporto amministrativo
`
(Scoca, Isensee). La multipolarita del rapporto amministrativo in
XII INDICE

alcune definizioni del concetto (Wollf-Bachof, Piras, Nigro) e
nella rilevanza attribuita al « problema amministrativo » (Ledda) . 224
`
4. La necessita del concetto di rapporto amministrativo ai fini del-
`
l'affermazione della multipolarita del diritto amministrativo. La
natura relazionale dei diritti fondamentali: insufficienza. Il rap-
porto amministrativo come concetto in grado di fondare la poli-
` `
gonalita del rapporto: necessita di distinguere l'imputazione giu-
`
ridica dall'azionabilita delle situazioni giuridiche tra privati . . . . . 225
`
5. La multipolarita del rapporto amministrativo nella riflessione
della recente dottrina sul procedimento amministrativo (Pastori).
`
Multipolarita ed effetti giuridici del provvedimento. Il rifiuto del
rapporto amministrativo e la multipolarita del diritto ammini- `
strativo fondata (solo) sulla struttura della norma e sugli effetti
del provvedimento. Critica. Conferma del valore normativo della
figura concettuale del rapporto amministrativo. La vicenda dei
diritti a « nucleo rigido »: la giurisdizione amministrativa esclu-
siva sui « comportamenti » come giurisdizione sul « rapporto am-
ministrativo » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232


Capitolo VIII
IL RAPPORTO AMMINISTRATIVO DI DURATA

`
1. Stabilita del provvedimento amministrativo e tutela dell'affida-
mento: lo scontro ideologico tra culture giuridiche sul fonda-
mento della tutela dell'affidamento: garanzia dello Stato di di-
ritto e principio di buona fede. La distanza tra il sistema tedesco
e il sistema italiano. Il rapporto amministrativo come veicolo per
l'applicazione del principio di buona fede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
`
2. Certezza e flessibilita dell'azione amministrativa. Il ruolo del
rapporto amministrativo nel recupero del principio di buona
fede. La rivisitazione della tesi del provvedimento amministra-
tivo come fonte del diritto nel caso concreto. L'utilita del rap- `
porto amministrativo (di durata) per la soluzione del problema
`
della flessibilita dell'azione amministrativa nell'ambito della tu-
tela dinamica dell'affidamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
3. Autonomia e dipendenza del rapporto procedimentale rispetto
`
al rapporto finale. Necessita di superare l'alternativa in ragione
`
della dimensione temporale dell'attivita amministrativa. Il rap-
porto amministrativo durevole nella riflessione della dottrina ita-
liana: la « tentazione » di Nigro e gli altri tentativi falliti. . . . . . . . . 254
4. L'amministrazione partecipata e il nuovo ruolo del principio di
buona fede e del rapporto amministrativo nella soluzione dei
problemi legati al tempo dell'azione amministrativa. La flessibi-
INDICE XIII

`
lita dell'azione amministrativa nella riflessione della dottrina ita-
liana: l'abbandono della tesi dell'autotutela e l'affermarsi della
teoria dei provvedimenti di secondo grado. Tutela dell'affida-
mento e rapporto amministrativo. La tesi della riconducibilita `
dell'affidamento all'interesse pubblico attuale. Inesauribilita del `
potere amministrativo e rapporto amministrativo (Corso). Il
ruolo del rapporto amministrativo nella tutela dell'affidamento:
la questione della sorte del contratto nel caso di annullamento
(giurisdizionale o in via amministrativa) o revoca degli atti della
serie pubblicistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
5. Il rapporto amministrativo di durata e i modelli alternativi al
provvedimento. Il superamento della questione della natura
provvedimentale e privatistica della dichiarazione di inizio atti-
`
vita: inquadramento dei poteri di « autotutela ». La tutela del
terzo in sede giurisdizionale: ancora sulla giurisdizione sul rap-
porto amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266


Bibliografia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275

COMMENTI DEI LETTORI A «Il rapporto amministrativo»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Il rapporto amministrativo»

ALTRI LIBRI DI «Protto Mariano»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Il rapporto amministrativo»