Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti'

Ingrandisci immagine


L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti

(Biblioteca dell'arbitrato)


di

Atteritano Andrea

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti»

Tipo Libro
Titolo L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814144585
Pagine XIII-410
Data giugno 2009
Collana Biblioteca dell'arbitrato

INDICE DI «L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE



Abbreviazioni ......................................................................................................... XI




INTRODUZIONE
I. Il diritto delle parti all'arbitrato ............................................................. 1
II. La particolare importanza del rispetto della volonta delle parti nel-`
l'arbitrato commerciale internazionale .................................................. 4
III. La rilevanza della dimensione transnazionale dell'arbitrato per il
giudice dell'enforcement. Differenza tra enforcement ed esecuzione . 9



CAPITOLO PRIMO
LA NOZIONE DI SENTENZA ARBITRALE
DEL COMMERCIO INTERNAZIONALE

1. Premessa ...................................................................................................... 17


Sezione Prima
LA NOZIONE DI SENTENZA ARBITRALE

2. La nozione di sentenza arbitrale negli strumenti internazionali ....... 20
3. La nozione di sentenza arbitrale in alcuni ordinamenti interni ........ 29
4. La nozione di sentenza arbitrale nell'ordinamento italiano .............. 36
5. La sentenza arbitrale a effetti contrattuali nel quadro delle conven-
zioni internazionali .................................................................................... 47


Sezione Seconda
IL CARATTERE COMMERCIALE E INTERNAZIONALE

6. Il carattere commerciale della sentenza arbitrale ................................ 52
7. Il carattere internazionale della sentenza arbitrale ............................. 56
8. Il floating arbitration tra mito e realta ..................................................
` 61
9. Il sistema self-contained realizzato dalla Convenzione di Washin-
gton e la perfetta internazionalita delle sentenze ICSID ...................
` 65
VI INDICE



CAPITOLO SECONDO
LA JURISDICTION TO ENFORCE
10. La giurisdizione del giudice statale ........................................................ 71
10.1. Segue. Nei procedimenti di enforcement ................................... 74


Sezione Prima
IL DINIEGO DI EXEQUATUR PER CARENZA DI PERSONAL JURISDICTION

11. Cognizione e jurisdiction to enforce davanti ai giudici statunitensi . 77
12. Il diniego di exequatur per carenza di jurisdiction: problemi di com-
patibilita con il diritto pattizio ................................................................
` 81
13. La Convenzione di New York quale fonte della giurisdizione inter-
nazionale ..................................................................................................... 83
13.1. Segue. Alla luce delle leggi statali di alcuni Stati membri .... 84
13.2. Segue. Alla luce della giurisprudenza successiva ..................... 89
13.3. Segue. Alla luce della giurisprudenza USA in tema di immu-
nita degli Stati ...............................................................................
` 91
14. La compatibilita del diritto pattizio con il principio costituzionale
`
del due process ........................................................................................... 95
15. La jurisdiction to enforce in assenza di beni da esecutare nel forum
executionis ................................................................................................... 97
16. Panama e Washington come New York ................................................ 99
17. La jurisdiction to enforce delle sentenze giudiziarie ........................... 104


Sezione Seconda
IL FORUM NON CONVENIENS NEI PROCEDIMENTI DI ENFORCEMENT

18. L'applicabilita del forum non conveniens ai procedimenti di enfor-
`
cement .......................................................................................................... 107
19. Il forum non conveniens nella giurisprudenza statunitense e la tran-
sfer's rule ...................................................................................................... 110
19.1. Segue. Difficolta operative in relazione ai procedimenti di
`
enforcement .................................................................................... 112
20. La distinzione tra enforcement ed esecuzione ...................................... 115
21. La Convenzione di New York e l'onere della prova .......................... 116



CAPITOLO TERZO
LA CONVENZIONE ARBITRALE

Sezione Prima
LA `
NOZIONE DI INVALIDITA DELLA CONVENZIONE ARBITRALE

22. La convenzione di arbitrato: compromesso e clausola compromisso-
ria ................................................................................................................. 119
23. Atto di missione e forum prorogatum ................................................... 121
INDICE VII



24. L'invalidita della convenzione arbitrale negli strumenti internazio-
`
nali ................................................................................................................ 127
25. La legge applicabile alla convenzione arbitrale. Termini della que-
stione ............................................................................................................ 130
26. Nullita e inesistenza della convenzione arbitrale .................................
` 133
26.1. Segue. La confirmation del lodo nei confronti dei terzi ........ 135


Sezione Seconda
LA LEGGE APPLICABILE ALLE PARTI: CAPACITA E POTERE DI COMPROMETTERE
`


27. La capacita di compromettere negli strumenti internazionali ...........
` 138
28. Il rinvio agli ordinamenti statali e il favor arbitrati ............................ 141
28.1. Segue. Limiti alla volonta arbitrale derivanti da criteri ri-
`
stretti di giurisdizione: esclusione .............................................. 144
29. Il potere di compromettere. Il silenzio del diritto pattizio e l'orien-
tamento della giurisprudenza .................................................................. 145
30. La capacita di compromettere di Stati ed enti pubblici: il supera-
`
mento del meccanismo conflittuale ........................................................ 148
30.1. Segue. Cenni sull'immunita dalla giurisdizione ........................
` 153


Sezione Terza
LA `
LEGGE APPLICABILE AI PROFILI DI VALIDITA FORMALE E SOSTANZIALE
DELLA CONVENZIONE ARBITRALE


31. La prospettiva conflittualistica scelta dal diritto pattizio ................... 158
32. Rilevanza e limiti della volonta privata: la legge di autonomia .......
` 160
32.1. Segue. La scelta implicita delle parti ......................................... 162
32.2. Segue. Inammissibilita del rinvio a principi generali di di-
`
ritto, lex mercatoria e diritto internazionale ............................. 164
33. La rilevanza residuale della sede arbitrale ........................................... 166
34. La prospettiva conflittualistica e le preclusioni processuali ............... 169
35. I limiti della prospettiva conflittualistica ............................................... 173
a) Rispetto ai profili di validita sostanziale: eccesso di potere e
`
incompromettibilita della controversia ......................................
` 173
b) Rispetto ai profili di validita formale .......................................
` 177
36. La validita formale dell'accordo arbitrale nelle relazioni del com-
`
mercio internazionale: il favor executionis e il principio in dubio pro
riconoscimento ............................................................................................ 181
37. Cenni sui vizi del consenso ...................................................................... 185



CAPITOLO QUARTO
IL PROCEDIMENTO ARBITRALE

38. Premessa ...................................................................................................... 187
VIII INDICE



Sezione Prima
GLI ERRORES IN PROCEDENDO

39. La supremazia della volonta delle parti sulle norme imperative
`
della lex loci arbitratus nel diritto internazionale pattizio ................. 192
40. La diversa prospettiva degli ordinamenti interni ................................. 197
41. Il diverso grado di tutela accordato alla volonta delle parti nell'im-
`
pugnativa per nullita. Il lodo arbitrale tra Scilla e Cariddi ...............
` 202
42. Contro Scilla e Cariddi la necessita di una normativa processuale uni-
`
forme: i correttivi introdotti dalla Convenzione di Ginevra del 1961 .. 206
43. Questioni residuali ..................................................................................... 209
43.1. Segue. La definizione « internazionale » delle nozioni di tri-
bunale e procedura arbitrale ...................................................... 209
43.2. Segue. L'impossibilita di far valere il vizio processuale in as-
`
senza di pregiudizio ...................................................................... 211
43.3. Segue. Il necessario collegamento tra la violazione delle
norme procedurali e il lodo. La sanatoria del vizio in corso
di arbitrato e la sua rilevanza sugli esiti della controversia . 211


Sezione Seconda
LA VIOLAZIONE DEL DUE PROCESS

44. L'inderogabilita del due process ..............................................................
` 214
45. Il due process nella prospettiva conflittuale ......................................... 216
46. Il rapporto tra violazioni del due process ed errores in procedendo . 218
47. Due process e public policy: le ragioni del rinvio alla lex fori execu-
tionis ............................................................................................................. 219
48. Il due process negli strumenti internazionali e nella giurisprudenza . 222
49. In tema di proper notice ........................................................................... 223
50. In tema di violazione del contraddittorio in corso di arbitrato ........ 228
51. Modalita e termini di contestazione delle violazioni del giusto pro-
`
cesso ............................................................................................................. 231
52. La rilevanza della volonta privata nella definizione delle regole pro-
`
cedurali ........................................................................................................ 234


CAPITOLO QUINTO
L'ECCESSO DI POTERE
53. La scaturigine negoziale del potere iusdicente dell'arbitro ............... 237
54. L'eccesso di potere e l'inesistenza dell'accordo arbitrale ................... 240
55. L'eccesso di potere negli strumenti internazionali. Esclusione della
c.d. infra-petizione ..................................................................................... 244
56. Eccesso di potere e ultra-petizione ........................................................ 247
57. Sull'incidenza del comportamento processuale delle parti sull'ec-
cesso di potere ........................................................................................... 252
58. Il rispetto della volonta privata nella definizione del merito della
`
controversia ................................................................................................. 255
59. L'arbitrato di diritto. Il rapporto tra principi equitativi e rules of law . 257
59.1. Segue. In riferimento alla lex mercatoria .................................. 260
INDICE IX



60. L'arbitrato di equita e la rilevanza delle rules of law ........................
` 262
60.1. Segue. In riferimento alle norme imperative ........................... 264
61. L'error in iudicando: irrilevanza nei giudizi di enforcement .............. 266
61.1. Segue. Specificita del problema relativo alla corretta applica-
`
zione delle norme conflittuali ..................................................... 268
62. L'enforcement parziale del lodo .............................................................. 270



CAPITOLO SESTO
L'IMPUGNATIVA DELLE SENTENZE ARBITRALI
63. L'annullamento e l'enforcement del lodo nel diritto pattizio ............ 273
64. L'autorita deputata all'annullamento del lodo .....................................
` 276
65. La giurisdizione del giudice della nullita e l'efficacia extraterrito-
`
riale della sentenza di annullamento ..................................................... 280
66. Conseguenze dell'annullamento nei giudizi di enforcement: la prassi
giurisprudenziale ........................................................................................ 282
67. Sospensione e sospensione ex lege della sentenza arbitrale .............. 285
67.1. Segue. In riferimento alla Convenzione di Washington ......... 288
68. Nullita ed enforcement: il giusto contemperamento di interessi con-
`
trapposti realizzato dal diritto pattizio .................................................. 291
69. L'enforcement di lodi annullati nel Paese di origine ........................... 292
70. Le critiche della dottrina .......................................................................... 296
i) Sulla non conformita alla Convenzione di New York ...........
` 296
ii) Sulla policy del diritto pattizio ................................................... 298
iii) Sulla legittima aspettativa delle parti ........................................ 299
71. I consensi della dottrina ........................................................................... 301
i) Sulla conformita alla Convenzione di New York ....................
` 301
ii) Sulla policy del diritto pattizio ................................................... 303
iii) Sulla legittima aspettativa delle parti ........................................ 305
72. La circolazione internazionale di lodi annullati nella prospettiva della
denazionalizzazione dell'arbitrato. Ancora sul floating arbitration ........ 306
73. La rilevanza dei grounds for annulment ................................................ 310
73.1. Segue. Problematiche di diritto interno legate alla tutela
delle parti ....................................................................................... 312


CAPITOLO SETTIMO
ORDINE PUBBLICO E ARBITRABILITA DELLE CONTROVERSIE
v
74. Premessa ...................................................................................................... 315


Sezione Prima
LA CONTRARIETA DELLA SENTENZA ARBITRALE
`

ALL'ORDINE PUBBLICO DELL'ORDINAMENTO RICEVENTE

75. La diversa funzione dell'ordine pubblico nel diritto civile e nel di-
ritto internazionale privato ...................................................................... 319
X INDICE



76. Ordine pubblico e norme di applicazione necessaria ......................... 324
76.1. Segue. In tema di norme imperative ......................................... 327
77. La rilevanza del concetto di Inlandsbeziehung nella distinzione tra
ordine pubblico interno e internazionale .............................................. 329
78. L'esclusiva rilevanza dell'ordine pubblico internazionale nei giudizi
di enforcement ............................................................................................ 335
78.1. Segue. L'ordine pubblico nei procedimenti di omologa dei
lodi nazionali ................................................................................. 344
79. Il concetto di ordine pubblico nella prassi giurisprudenziale ............ 349
79.1. Segue. L'ordine pubblico processuale ........................................ 350
a) In relazione all'accordo arbitrale ............................................... 350
b) In relazione al procedimento arbitrale: l'imparzialita dell'ar- `
bitro ................................................................................................. 351
c) Ancora in relazione al procedimento arbitrale: il principio
del due process .............................................................................. 353
d) In relazione alla sentenza arbitrale ........................................... 356
79.2. Segue. L'ordine pubblico sostanziale ......................................... 358
80. La contrarieta del lodo a sentenza arbitrale o giudiziaria prece-
`
denti ............................................................................................................. 360
81. Il carattere manifesto della violazione dell'ordine pubblico tra rile-
vabilita ex officio e onere probatorio ....................................................
` 361


Sezione Seconda
LA `
NON COMPROMETTIBILTA PER ARBITRI DELLE CONTROVERSIE

82. L'arbitrabilita delle controversie e l'incidenza delle scelte interne
`
dei legislatori statali .................................................................................. 364
83. La compromettibilita per arbitri negli ordinamenti di Common law
`
e Civil law: la prospettiva dell'ordine pubblico ................................... 366
84. La diversa valenza dell'ordine pubblico nella definizione dell'area
del compromettibile .................................................................................. 369


CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE
85. La specificita dell'arbitrato commerciale internazionale: conse-
`
guenze giuridiche ....................................................................................... 373
85.1. Segue. In tema di convenzione arbitrale ................................... 377
85.2. Segue. In tema di procedimento arbitrale ................................ 379
85.3. Segue. In tema di pronuncia arbitrale ....................................... 381
85.4. Segue. Quanto all'esecuzione nell'ordinamento ricevente ..... 383
86. Il superamento della prospettiva conflittuale e dell'arbitrato estero
per una maggiora tutela della volonta delle parti ...............................
` 384
87. La jurisdiction to enforce .......................................................................... 385


Bibliografia ............................................................................................................. 387

COMMENTI DEI LETTORI A «L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L' enforcement delle sentenze arbitrali del commercio internazionale. Il principio del rispetto della volontà delle parti»