Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Il diritto del mercato finanziario'

Ingrandisci immagine


Il diritto del mercato finanziario


di

Foschini Marcello

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Il diritto del mercato finanziario»

Tipo Libro
Titolo Il diritto del mercato finanziario
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143137
Pagine XXI-304
Data 2008

INDICE DI «Il diritto del mercato finanziario»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO

pag.
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XVII
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIX



Capitolo I
IL MERCATO FINANZIARIO
1. Il concetto di mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
2. Segmenti tradizionali del mercato 'nanziario e l'attenuarsi del signi'cato
della ripartizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
3. Le ragioni di una valutazione unitaria del mercato 'nanziario . . . . . . . 4
4. I limiti della presente trattazione: il fenomeno 'nanziario nella sua evolu-
zione in ragione dei 'nanziamenti innovativi per le imprese e per l'am-
pliarsi dei soggetti investitori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
5. La nozione di attività 'nanziaria secondo i pro'li tecnico-economico e
giuridico-normativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
6. Le fonti del diritto del mercato 'nanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
7. Il signi'cato della molteplicità delle fonti e la loro peculiarità rispetto al
sistema normativo generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8

Capitolo II
L'ORDINAMENTO DEL MERCATO FINANZIARIO
Premessa: I pro'li essenziali per la con'gurazione del sistema 'nanziario. 11

Sezione I
SOGGETTI CHE OPERANO NEL MERCATO FINANZIARIO

1. I soggetti abilitati ad operare nel mercato 'nanziario: le SIM, le imprese di
investimento comunitarie, le imprese di investimento extracomunitarie, le
SICAV, la SGR.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2. I soggetti abilitati e i promotori 'nanziari: la natura del rapporto e l'attività
di promozione. Rinvio della trattazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3. L'equiparazione delle banche, degli intermediari 'nanziari di cui al testo
unico bancario, delle banche comunitarie ed extracomunitarie, (una volta
autorizzate all'esercizio dei servizi e delle attività di investimento a norma
del TUF), alle imprese d'investimento abilitate. . . . . . . . . . . . . . . . 13
4. La de'nizione delle SICAV e delle SGR. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
VIII INDICE



5. I soggetti che 'comunque' operano nel mercato 'nanziario. I soggetti che
sovraintendono alla gestione del mercato: le società di gestione dei mercati
regolamentati. I sistemi multilaterali di negoziazione. L'internazionalizza-
tore sistematico e il 'market maker'. Rinvio della trattazione. . . . . . . . 14
6. Le emittenti quotate aventi sede in Italia come Stato membro di origine:
categorie ricomprese nella nozione di cui all'art. 1, comma 1, lett. w)
quater: rinvio della trattazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
7. I requisiti richiesti per la copertura delle cariche di esponenti aziendali o
quali soggetti partecipanti al capitale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15

Sezione II
I SERVIZI E LE ATTIVITÀ DI INVESTIMENTO

1. L'estensione della sfera dei servizi e delle attività di investimento in
attuazione della direttiva Mi'd e il principio di 'riserva' a determinati
soggetti della prestazione di servizi e delle attività di investimento. . . . . 18
2. La nuova elencazione dei servizi e attività d'investimento aventi ad oggetto
strumenti 'nanziari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 18
3. La nuova elencazione dei servizi accessori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
4. Servizi e attività ammessi al mutuo riconoscimento. . . . . . . . . . . . . . 20
5. La disciplina dell'esercizio professionale nei confronti del pubblico dei
servizi e delle attività di investimento, relativamente alle imprese d'inve-
stimento, alle SGR, agli intermediari 'nanziari (ex art. 107 TUB) alle
società di gestione dei mercati regolamentati. . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
6. La nuova disciplina dei consulenti 'nanziari. . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
7. L'autorizzazione per le SIM all'esercizio di servizi ed attività di
investimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
8. Regole di comportamento dei soggetti abilitati.. . . . . . . . . . . . . . . . 23
9. La 'separazione patrimoniale'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
10. I contratti relativi alla prestazione dei servizi ed attività d'investimento. . 27
11. Condizioni di reciprocità nell'esercizio dell'attività di negoziazione nei
mercati regolamentati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
12. L'applicabilità delle regole precedentemente indicate alla sottoscrizione e
al collocamento di prodotti 'nanziari immessi sul mercato da banche ed
imprese di assicurazione.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
13. L'operatività transfrontaliera delle imprese che esercitano attività e servizi
di investimento: delle SIM, delle imprese comunitarie ed extracomunitarie
di investimento, delle banche italiane e delle banche estere 'al di fuori del
territorio italiano' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30

Sezione III
L'OFFERTA FUORI SEDE DI PRODOTTI FINANZIARI

1. La de'nizione della offerta fuori sede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2. I soggetti legittimati all'offerta fuori sede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3. L'ef'cacia sospesa dei contratti già conclusi di collocamento di strumenti
'nanziari e di gestione di portafogli. Il diritto di recesso dell'investitore. . 33
INDICE IX



4. Casi di inapplicabilità della 'sospensione di ef'cacia' dei contratti conclusi
fuori sede in relazione alle offerte pubbliche di vendita o di sottoscrizione
di azioni con diritto di voto e strumenti 'nanziari comportanti l'acquisi-
zione di azioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
5. I promotori 'nanziari e l'offerta fuori sede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
6. La promozione e il collocamento a distanza. . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
7. Tutela degli interessi 'collettivi' degli investitori da parte delle associazioni
dei consumatori e il ricorso alle procedure di conciliazione e arbitrato per
la risoluzione 'stragiudiziale' delle controversie . . . . . . . . . . . . . . . 36

Sezione IV
LA VIGILANZA DEL MERCATO FINANZIARIO

1. Autorità nazionali di vigilanza ed Autorità dei paesi dell'Unione europea:
forme di collaborazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2. Gli obiettivi delle Autorità di vigilanza e la ripartizione delle competenze
tra le medesime.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3. Le varie tipologie di vigilanza: in particolare, la vigilanza regolamentare. . 39
4. Segue: l'esercizio della vigilanza regolamentare da parte della Banca d'Italia
e della CONSOB. La disciplina 'congiunta' riguardo alla prestazione dei
servizi e della attività di investimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
5. Le ipotesi di inapplicabilità delle norme sulla vigilanza regolamentare. . . 42
6. La regolamentazione per la individuazione dei clienti professionali, privati
e pubblici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
7. La vigilanza informativa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
8. La vigilanza ispettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
9. La vigilanza sui gruppi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
10. I provvedimenti 'ingiuntivi' nei confronti dei soggetti abilitati. . . . . . . 45
11. I provvedimenti di sospensione e cautelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46

Sezione V
LA DISCIPLINA DELLA CRISI D'IMPRESA

1. I soggetti sottoposti alla procedura di amministrazione straordinaria. Il
presupposto oggettivo per l'applicazione della procedura. . . . . . . . . . 48
2. Le attribuzioni della Banca d'Italia e la normativa applicabile. . . . . . . . 48
3. La procedura della liquidazione coatta amministrativa: i soggetti sottoposti
alla procedura e il presupposto oggettivo dell'applicazione della stessa.. . 49
4. Le attribuzioni della Banca d'Italia e la normativa applicabile. . . . . . . . 49
5. L'estensione della liquidazione coatta amministrativa di imprese comuni-
tarie o extracomunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
6. I sistemi di indennizzo a tutela dell'investitore. . . . . . . . . . . . . . . . . 50
7. La responsabilità per illecito amministrativo dipendente da reato. . . . . . 51
8. Fattispecie di reato per condotte 'illecite' poste in essere nell'ambito del
mercato 'nanziario: Rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
X INDICE



Capitolo III
LA GESTIONE DEL RISPARMIO NEL MERCATO FINANZIARIO
Premessa: le ragioni di una autonoma trattazione . . . . . . . . . . . . . . 53

Sezione I
LA GESTIONE DEI PORTAFOGLI DI INVESTIMENTO

1. L'amministrazione degli strumenti 'nanziari . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2. La gestione personalizzata di patrimoni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
3. La gestione di portafogli a norma del TUF . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4. Le diversità normative tra la precedente disciplina del TUF e quella
vigente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
5. La gestione di portafogli nel Regolamento intermediari, approvato con
delibera CONSOB n. 16190 del 29/10/2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
6. Le informazioni doverose da raccogliere sul cliente . . . . . . . . . . . . . 59
7. La 'best execution' nella esecuzione degli ordini per conto del cliente . . 60
8. Modalità applicative nella gestione degli ordini. . . . . . . . . . . . . . . . 61
9. Obbligo di rendiconto nei confronti del cliente . . . . . . . . . . . . . . . 61
10. Cliente 'al dettaglio', cliente 'professionale' e controparti quali'cate . . 63

Sezione II
LA GESTIONE COLLETTIVA DEL RISPARMIO

1. Il servizio di gestione collettiva del risparmio come attività 'riservata' a
determinati soggetti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
2. La società di gestione del risparmio-SGR: attività e servizi af'dati; carat-
teristiche della SGR; condizioni per l'ottenimento dell'autorizzazione al-
l'esercizio; obblighi di comportamento, di organizzazione e di salvaguardia
dei diritti dei partecipanti ai fondi; l'esercizio del diritto di voto inerente
agli strumenti 'nanziari di pertinenza del fondo gestito . . . . . . . . . . . 65
3. La SGR e la banca depositaria: rapporti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
4. La SGR e i partecipanti al fondo: rapporti . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
5. La responsabilità della SGR . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
6. Operatività delle SGR all'estero e delle società di gestione armonizzate in
Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
7. Le società di investimento a capitale variabile-SICAV: caratteristiche es-
senziali inerenti alla costituzione, al capitale, all'oggetto esclusivo, agli
organi di amministrazione e di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
8. Ulteriori caratteristiche della SICAV: la sua appartenenza ad un gruppo;
l'esistenza di più comparti; l'iscrizione in apposito Albo; la possibilità di
delega della gestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
9. La SICAV e la società per azioni: raffronto delle diversità . . . . . . . . . 72
10. La previsione nel TUF di una peculiare disciplina sulle SICAV . . . . . . 73
11. La SICAV come 'tipo di società a sé stante' caratterizzata dalla specialità
del suo ruolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
12. Il Regolamento n. 16190 del 29/10/2007 e i principi di trasparenza e
correttezza nell'esercizio della gestione collettiva del risparmio. . . . . . . 76
13. La 'commercializzazione' delle quote o delle azioni di OICR . . . . . . . 77
INDICE XI



Sezione III
I FONDI COMUNI DI INVESTIMENTO

1. La de'nizione del fondo comune di investimento. Le varie categorie di
fondi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
2. I fondi aperti e i fondi chiusi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
3. I fondi mobiliari ed i fondi immobiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
4. I fondi pensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
5. I fondi armonizzati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
6. I fondi riservati e i fondi garantiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
7. I fondi speculativi e gli 'hedge funds': rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
8. La disciplina essenziale sui fondi di investimento . . . . . . . . . . . . . . 83
9. Le fonti normative a carattere regolamentare: criteri generali per l'orga-
nizzazione dei fondi; criteri generali circa il regolamento di ciascun fondo;
elementi del regolamento emanato per ciascun fondo . . . . . . . . . . . . 84
10. La pertinenza del patrimonio del fondo ad una pluralità di partecipanti: la
situazione giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
11. La natura del patrimonio 'autonomo' del fondo . . . . . . . . . . . . . . 88
12. Sulla problematica inerente alla ammissione alla quotazione nei mercati
regolamentati dei certi'cati rappresentativi delle quote dei fondi comuni di
investimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
13. Applicabilità delle norme concernenti l'offerta al pubblico . . . . . . . . . 91

Capitolo IV
LA STRUTTURA E IL FUNZIONAMENTO
DEL MERCATO 'MOBILIARE'
1. Il mercato primario e secondario. I soggetti che operano nel mercato;
l'esigenza di una normativa peculiare per il corretto svolgimento del
mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2. Regole di carattere negoziale e regole di derivazione 'pubblicistica' sul-
l'assetto e sul funzionamento del mercato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
3. La varietà dei modelli di organizzazione nel mercato: i soggetti di natura
pubblica o di natura privata. La situazione 'italiana' nel tempo e i principi
in sede comunitaria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
4. I mercati: mercati regolamentati e non regolamentati. La disciplina inno-
vativa per quanto attiene a questi ultimi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
5. Le società di gestione nel mercato: le norme regolamentari CONSOB e il
regolamento deliberato dalla società di gestione del mercato. . . . . . . . 99
6. L'autorizzazione all'accesso nei mercati regolamentati e condizioni
relative.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
7. La peculiare disciplina per determinate società di gestione nei mercati
regolamentati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
8. I principi fondamentali di 'riconoscimento dei mercati'. . . . . . . . . . . 103
9. Sistemi di garanzia dei contratti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
10. Compensazione e liquidazione delle operazioni su strumenti 'nanziari non
derivati. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
11. Compensazione e garanzia delle operazioni su strumenti 'nanziari. . . . . 105
XII INDICE



12. L'accesso delle imprese ai sistemi di garanzia, compensazione e liqui-
dazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
13. Disciplina dell'insolvenza di mercato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
14. La vigilanza sulle società di gestione e sui mercati.. . . . . . . . . . . . . . 107
15. Provvedimenti straordinari a tutela del mercato e crisi della società di
gestione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
16. Vigilanza sui mercati all'ingrosso di titoli di Stato e sui sistemi di compen-
sazione, liquidazione e garanzia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
17. I mercati 'non regolamentati': innovazioni arrecate al TUF ai sensi del
D.Lgs. n. 164/2007. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
18. I sistemi multilaterali di negoziazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
19. Gli internazionalizzatori sistematici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
20. I sistemi multilaterali di scambio di depositi monetari in Euro. . . . . . . 110
21. Disposizioni comuni ai mercati in funzione della trasparenza e del conso-
lidamento delle informazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
22. La gestione accentrata di strumenti 'nanziari e la dematerializzazione degli
strumenti 'nanziari. La peculiare disciplina. . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
23. Il mercato uf'ciale di borsa (MTA) e i suoi segmenti principali. Gli altri
mercati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

Capitolo V
I PRODOTTI FINANZIARI E GLI STRUMENTI FINANZIARI
1. La de'nizione normativa dei prodotti 'nanziari. Le caratteristiche dei
prodotti 'nanziari: rinvio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
2. La de'nizione degli strumenti 'nanziari e l'indicazione normativa delle
varie tipologie. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
3. La c.d. tassività delle fattispecie di strumenti 'nanziari. Le posizioni in
dottrina. La soluzione sulla base della normativa del TUF. . . . . . . . . . 128
4. La 'negoziabilità' o la 'normale negoziazione' delle categorie degli stru-
menti 'nanziari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
5. Caratteri e tipi dei prodotti 'nanziari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
6. Fattispecie di prodotti 'nanziari elencate dal TUF. . . . . . . . . . . . . . 133
7. La disciplina applicabile agli strumenti 'nanziari. A) valori mobiliari
riconducibili alle obbligazioni; B) valori mobiliari riconducibili alle azioni;
C) valori riconducibili agli strumenti 'nanziari; D) strumenti 'nanziari
espressivi di un 'nanziamento e strumenti 'nanziari partecipativi.. . . . . 134
8. I caratteri degli strumenti derivati: la loro standardizzazione e la presenza
di una clearing house. Le competenze della Cassa di compensazione e
garanzia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
9. Gli strumenti 'nanziari derivati: le più rilevanti tipologie (future, option,
swaps). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
10. Gli strumenti 'nanziari in funzione delle operazioni di cartolarizzazione
dei crediti (L. n. 130/1999). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
11. Gli strumenti 'nanziari derivati cartolarizzati: i covered warrants e i
certi'cates. La loro de'nizione; caratteri dei covered warrants; carattere
residuale dei certi'cates. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
INDICE XIII



12. Le fattispecie di strumenti 'nanziari derivati nella più recente evoluzione
(i prodotti strutturati e i derivati per il trasferimento del rischio di credito). 151

Capitolo VI
LA DISCIPLINA DEGLI EMITTENTI
Premessa: principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157

Sezione I
OFFERTA AL PUBBLICO DI SOTTOSCRIZIONE O DI VENDITA (OPV)
1. Le recenti modi'che apportate al TUF. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
2. La disciplina del prospetto di offerta: le varie fasi del procedimento. . . . 159
3. La responsabilità da prospetto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4. Le ulteriori regole in tema di OPV. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
5. Inapplicabilità delle disposizioni concernenti le OPV . . . . . . . . . . . . 163
6. Il tema della 'circolazione dei prodotti 'nanziari'. . . . . . . . . . . . . . 164
7. L'attività pubblicitaria inerente alle OPV . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165

Sezione II
LE OFFERTE PUBBLICHE DI ACQUISTO E DI SCAMBIO

1. La nuova normativa in attuazione delle direttive comunitarie . . . . . . . 166
2. La de'nizione di offerta pubblica di acquisto o di scambio.La identi'ca-
zione della categoria 'società italiane quotate'. Ambito di applicazione
della disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
3. Procedimento di formazione e di approvazione delle OPA o delle OPS. . 168
4. I caratteri dell'offerta pubblica di acquisto o di scambio. . . . . . . . . . . 169
5. La 'passivity rule'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
6. La neutralizzazione di alcune barriere preventive: la c.d. breakthrough rule. 173
7. L'OPA obbligatoria: caratteri generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
8. L'OPA totalitaria.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
9. L'OPA preventiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
10. L'obbligo di acquisto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
11. L'acquisto 'di concerto'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 180
12. Il diritto di acquisto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
13. L'inadempimento degli obblighi in tema di OPA obbligatoria.. . . . . . . 181
14. Il potere della CONSOB in tema di OPA totalitaria . . . . . . . . . . . . 182

Sezione III
L'INFORMAZIONE SOCIETARIA
1. Obbligo di informativa nella fase di ammissione alle negoziazioni degli
strumenti 'nanziari comunitari o di quote od azioni di OICR aperti. . . . 183
2. La normativa sulla comunicazione al pubblico delle informazioni privile-
giate. La nozione di 'informazione privilegiata'. . . . . . . . . . . . . . . . 184
3. Regole fondamentali per gli emittenti nell'attuazione della comunicazione
al pubblico di informazioni privilegiate. La facoltà di ritardare la comuni-
cazione. La comunicazione delle informazioni privilegiate a determinati
XIV INDICE



soggetti e contestualità di comunicazione al pubblico. L'obbligo di comu-
nicazione alla CONSOB e al pubblico da parte di determinati soggetti che
hanno accesso alle informazioni privilegiate. . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
4. Ulteriori obblighi di informazione: le stock options. Gli strumenti 'nan-
ziari diffusi in misura rilevante tra il pubblico. I patti parasociali. I dati
contabili. I prodotti etici o socialmente responsabili. . . . . . . . . . . . . 187
5. Dichiarazione di inapplicabilità della normativa sulle informazioni . . . . 189

Sezione IV
LE SOCIETÀ PER AZIONI CON AZIONI QUOTATE

1. La comunicazione di dati rilevanti concernenti gli assetti proprietari. . . . 190
2. La disciplina relativa alle partecipazioni reciproche. . . . . . . . . . . . . . 191
3. I patti parasociali relativi alle società con azioni quotate. . . . . . . . . . . 192
4. La disciplina dei patti parasociali dettata dal TUF e dal codice civile: loro
raffronto.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
5. I rapporti 'normativi' tra disciplina dettata dal TUF con riferimento alle
azioni quotate e alle azioni diffuse tra il pubblico in misura rilevante e
disciplina del codice civile in tema di società che ricorrono al mercato dei
capitali di rischio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
6. Codici di comportamento e obblighi di informazione.. . . . . . . . . . . . 197
7. La tutela delle minoranze nelle società quotate. . . . . . . . . . . . . . . . 197
8. Le assemblee straordinarie delle società quotate. . . . . . . . . . . . . . . . 198
9. L'integrazione dell'ordine del giorno relativo all'assemblea.. . . . . . . . . 199
10. Il voto per corrispondenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
11. La denuncia di fatti censurabili al collegio sindacale e al Tribunale.. . . . 199
12. Le azioni di responsabilità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
13. L'informazione dei soci. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
14. Il diritto di recesso dalle società quotate. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
15. La normativa relativa all'acquisto delle azioni proprie o della società
controllante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
16. L'esclusione delle società quotate dalle negoziazioni. . . . . . . . . . . . . 202
17. Gli aumenti di capitale nelle società quotate: disposizioni peculiari relative
a dette società. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
18. L'esclusione del diritto di opzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
19. Le deleghe di voto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
20. Le azioni di risparmio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
21. La normativa inerente agli organi amministrativi delle società quotate. . . 207
22. La normativa inerente agli organi di controllo delle società quotate. . . . 209
23. La redazione dei documenti contabili societari.. . . . . . . . . . . . . . . . 211
24. Le relazioni ''nanziarie' delle società quotate.. . . . . . . . . . . . . . . . 212
25. La revisione contabile delle società quotate. . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
26. La disciplina sulle società di revisione e i poteri della CONSOB in materia.. 215
27. La revisione contabile del 'gruppo'.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
28. La disciplina inerente a società estere in Stati che non garantiscono la
trasparenza societaria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
INDICE XV



Capitolo VII
PECULIARI FATTISPECIE DI FONDI

Sezione I
I FONDI PENSIONE

1. Fondi pensione e mercato 'nanziario. Le ragioni dell'investimento in
strumenti 'nanziari. Le fonti normative dei fondi pensione. . . . . . . . . 219
2. La distinzione tra forme pensionistiche collettive e individuali. La de'ni-
zione di fondi pensione 'chiusi' e fondi pensione 'aperti' . . . . . . . . . 220
3. Caratteri differenziali tra fondi di pensione 'a prestazione de'nita' e fondi
pensione 'a contribuzione de'nita' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
4. Le forme soggettive di organizzazione dei fondi pensione. . . . . . . . . . 222
5. Il controllo della COVIP: natura e obiettivi di detta Autorità . . . . . . . 222
6. La gestione delle risorse derivanti dalla raccolta del risparmio . . . . . . . 223
7. Ulteriori caratteristiche dei fondi pensione e titolarità dei fondi . . . . . . 225
8. Le ipotesi alternative per l'esercizio del diritto di voto inerente alle azioni
possedute dai fondi di pensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226

Sezione II
GLI HEDGE FUNDS
1. Gli hedge funds: le loro origini e la funzione assolta. La 'nalità di copertura
del rischio e la 'nalità speculativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
2. Le caratteristiche degli hedge funds quale forma di investimento alternativo,
sottratto alla disciplina di controllo dei fondi ai 'ni di trasparenza e
stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
3. Gli hedge funds nell'ordinamento italiano e in sede europea. La presenza
del carattere speculativo del fondo. La disciplina nazionale relativa ai fondi
speculativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
4. La forma più ricorrente degli hedge funds: il fondo di fondi hedge funds.
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232

Capitolo VIII
IL MERCATO FINANZIARIO: FATTISPECIE DI REATO
E SANZIONI AMMINISTRATIVE
1. La nuova normativa concernente il 'market abuse' e le ragioni della
disciplina. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
2. Le de'nizioni rilevanti contenute nella normativa . . . . . . . . . . . . . . 234
3. L'ambito di applicazione della normativa e le ipotesi di esenzione. . . . . 235
4. La fattispecie di 'abuso di informazioni privilegiate': elementi costitutivi
del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
5. La fattispecie di 'manipolazione del mercato' . . . . . . . . . . . . . . . . 238
6. Le altre fattispecie penalmente rilevanti: 'ostacolo all'esercizio delle fun-
zioni delle autorità di vigilanza'; il 'falso in prospetto'. Falsità nelle
relazioni e nelle comunicazioni delle società di revisione. 'Corruzione dei
revisori'. 'Controllo impedito alle società di revisione' di società quotate. 239
XVI INDICE



7. Le sanzioni amministrative collegate ai reati di abuso di mercato . . . . . 241
8. La responsabilità amministrativa dell'ente emittente . . . . . . . . . . . . . 242
9. La CONSOB e il procedimento sanzionatorio . . . . . . . . . . . . . . . . 242
10. I rapporti tra CONSOB e magistratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
11. Altri poteri della CONSOB in materia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
12. Le sanzioni amministrative meramente pecuniarie in tema di violazione
degli obblighi imposti prevalentemente ai soggetti abilitati . . . . . . . . . 243

APPENDICE
1. Delibera CONSOB n. 16515 del 18 giugno 2008 G.U. 146, 24 giugno
2008. ' Modi'cazioni al regolamento di attuazione del decreto legislativo
24 febbraio 1998, n. 58 concernente la disciplina degli emittenti, adottato
con delibera n. 11971 del 14 maggio 1999 e successive modi'che e
integrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
2. Provvedimento 29 ottobre 2007. ' Regolamento in materia di organizza-
zione e procedure degli itermediari che prestano servizi di investimento o
di gestione collettiva del risparmio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
3. Protocollo d'intesa tra BANCA d'ITALIA e CONSOB ai sensi dell'arti-
colo 5, comma 5-bis, del d.lgs. n. 58/1998 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
4. Deliberazione BANCA d'ITALIA 29 ottobre 2007. ' Regolamento in
materia di capitale minimo e operativita all'estero delle SIM, nonche
` ´
deposito e sub-deposito dei beni della clientela . . . . . . . . . . . . . . . 287

Bibliogra'a essenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303

COMMENTI DEI LETTORI A «Il diritto del mercato finanziario»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Il diritto del mercato finanziario»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Il diritto del mercato finanziario»