Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'I bilanci straordinari'

Ingrandisci immagine


I bilanci straordinari


di

Caratozzolo Matteo

 

Normalmente disponibile in 20/21 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «I bilanci straordinari»

Tipo Libro
Titolo I bilanci straordinari
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143083
Pagine XVII-2000
Data 2009

INDICE DI «I bilanci straordinari»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


INTRODUZIONE
pag.
1. Nozione di bilancio straordinario e differenze col bilancio d'esercizio . . 1
2. Le innovazioni introdotte nella disciplina dei bilanci dalla riforma del
diritto societario del 2003 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3. L'applicazione in Italia dei principi contabili internazionali . . . . . . . . 11
3.1. Il Regolamento Comunitario n. 1606/2002 ed il procedimento di
« omologazione » degli IAS/IFRS . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
3.2. Il Decreto Legislativo n. 38/2005 sul « passaggio » agli IAS/IFRS . 13
3.3. Le principali caratteristiche del bilancio redatto con i principi
contabili internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.4. Valore giuridico degli IAS/IFRS « omologati » e limiti di applicabi-
lita del diritto interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 26
4. La nozione di bilancio straordinario nei principi contabili internazionali. 28
5. Le novita che saranno introdotte nella disciplina dei bilanci straordinari in
`
sede di attuazione delle Direttive Comunitarie n. 65/2001 e 51/2003: il
progetto O.I.C. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
5.1. La Direttiva 2001/65 sul fair value degli strumenti 'nanziari . . . . 33
5.2. La Direttiva n. 2003/51 sulla « modernizzazione » delle direttive
contabili ed il progetto di attuazione dell'O.I.C. . . . . . . . . . . . 33




Parte I
I BILANCI STRAORDINARI:
PROBLEMI GENERALI


CAPITOLO I
INDIVIDUAZIONE E CLASSIFICAZIONE DEI BILANCI STRAORDINARI.
I BILANCI ORDINARI INFRANNUALI (BILANCI INTERMEDI)

1.1. I bilanci « straordinari » previsti dal Codice Civile e dalla legge fallimen-
tare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
1.2. I bilanci ordinari infrannuali (bilanci intermedi) . . . . . . . . . . . . . . 46
VIII INDICE



CAPITOLO II
STRUTTURA E CONTENUTO DEI BILANCI STRAORDINARI.
PRINCIPI DI REDAZIONE

2.1. Alcune distinzioni terminologiche: bilancio, inventario, situazione patri-
moniale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
2.2. Struttura dei bilanci straordinari e dei bilanci ordinari, infrannuali e
principi generali sulla loro formazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
2.2.1. I bilanci ordinari infrannuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
2.2.2. I bilanci straordinari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
2.2.3. I bilanci redatti con gli IAS/IFRS . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.3. Il ruolo dei principi contabili e delle norme tributarie nella formazione dei
bilanci straordinari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62

CAPITOLO III
I BILANCI STRAORDINARI NEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI:
L'IFRS 3 SULLE BUSINESS COMBINATIONS
3.1. Nozione di business combination. Importanza del principio di prevalenza
della sostanza sulla forma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
3.2. Le operazioni societarie straordinarie che rientrano fra le business com-
binations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
3.3. I criteri di rilevazione contabile delle business combinations previsti
dall'IFRS 3: il purchase method . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
3.3.1. Individuazione dell'acquirer (acquirente) e dell'acquiree (acqui-
sito). Il caso della reverse acquisition (rinvio) . . . . . . . . . . . 77
3.3.2. L'oggetto dell'acquisizione: azienda o societa. L'ipotesi di acqui-
`
sizione di una partecipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
3.3.3. Il concetto di controllo di un'entita o di un business . . . . . . .
` 81
3.3.4. Determinazione del costo dell'aggregazione aziendale. . . . . . . 82
3.3.5. Retti'che al costo dell'aggregazione subordinate ad eventi fu-
turi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
3.3.6. Allocazione del costo alle attivita acquisite ed alle passivita e
` `
passivita potenziali assunte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 85
3.3.6.1. Individuazione delle attivita, passivita e passivita po-
` ` `
tenziali iscrivibili separatamente dal goodwill . . . . . 86
3.3.6.2. Le attivita immateriali iscrivibili separatamente dal
`
goodwill . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
3.3.7. Individuazione del documento contabile nel quale esporre la
con'gurazione del patrimonio dell'azienda o societa acquisita . .
` 91
3.3.8. La determinazione del fair value di attivita, passivita e passivita
` ` `
potenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
3.3.9. Determinazione e trattamento contabile dell'avviamento, positivo
e negativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
3.3.10. Differenze tra goodwill e negative goodwill ed avanzo e disavanzo
di fusione/scissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
3.3.11. Aggregazione aziendale realizzata in piu fasi (step acquisition) .
` 101
3.3.12. Informazioni da fornire in nota integrativa . . . . . . . . . . . . . 104
INDICE IX



3.3.13. Materie non disciplinate dall'IFRS 3 . . . . . . . . . . . . . . . . 107
3.3.14. Osservazioni sulla determinazione del costo e del valore del-
l'azienda acquisita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
3.4. Il « fair value » ed i criteri per la sua determinazione. La sua applicazione
alle « business combinations » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
3.4.1. Il « fair value »: natura e caratteristiche . . . . . . . . . . . . . . . 111
3.4.2. Il processo di stima per la determinazione del fair value . . . . . 114
3.4.3. I criteri speci'ci per la determinazione del fair value indicati dai
documenti dei principi contabili internazionali. . . . . . . . . . . 121
3.5. I metodi alternativi di valutazione: il fresh start method ed il pooling of
interests method e le loro attuali possibilita di applicazione . . . . . . . .
` 127
3.5.1. Il « pooling of interests method »: caratteristiche e possibilita `
applicative attuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.5.2. Il « fresh start accounting method » e le sue possibili applicazio-
ni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
3.6. Il trattamento contabile delle business combinations compiute fra societa `
sotto un comune controllo: pro'li generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.6.1. La nozione di « Business combinations involving entities under
common control » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.6.2. I criteri generali di rilevazione delle aggregazioni aziendali fra
entita sotto un comune controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 134
3.7. Le modi'che previste dalla nuova ED IFRS 3 del 2005: l'acquisition
method ed il full goodwill . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
3.8. L'acquisizione e la vendita di quote di partecipazione di minoranza (step
up e step down) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3.8.1. L'acquisizione di quote di partecipazione di minoranza dopo
l'ottenimento del controllo (step up) . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3.8.2. La vendita di quote di partecipazione di minoranza di una
controllata (step down) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
3.8.3. Il trattamento contabile previsto dalla ED IAS 27. . . . . . . . . 155
3.9. L'acquisizione inversa (reverse acquisition) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.9.1. Nozione di reverse acquisition . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.9.2. Il procedimento di realizzazione della reverse acquisition . . . . 158
3.10. L'acquisizione di singoli beni o gruppi di beni non costituenti un business
(asset acquisition) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
3.11. I criteri da osservare nella prima applicazione dell'IFRS 3. . . . . . . . . 166




CAPITOLO IV
LE VARIE CONFIGURAZIONI DEL CAPITALE D'IMPRESA:
CAPITALE DI FUNZIONAMENTO, CAPITALE DI LIQUIDAZIONE,
CAPITALE DI CESSIONE

4.1. La nozione aziendalistica di capitale (patrimonio) delle imprese . . . . . 169
4.2. Il capitale « di funzionamento » o « di gestione » e la sua composizione. 173
4.3. Il capitale di liquidazione « per stralcio » . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
X INDICE



4.4. Il capitale di cessione e le altre con'gurazioni di capitale ad esso ricon-
ducibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
4.5. Il capitale di costituzione e il capitale di trasformazione . . . . . . . . . . 180


CAPITOLO V
LA VALUTAZIONE DELL'AZIENDA
COME COMPLESSO ECONOMICO IN FUNZIONAMENTO:
CRITERI GENERALI

5.1. La nozione di « capitale economico » dell'impresa . . . . . . . . . . . . . 183
5.2. I vari metodi di determinazione del valore dell'azienda . . . . . . . . . . 186
5.2.1. I metodi patrimoniali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
5.2.2. La valutazione delle attivita immateriali (intangibles): cenni
` . . . 199
5.2.3. Le principali applicazioni del metodo patrimoniale . . . . . . . . 202
5.2.4. I metodi reddituali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
5.2.5. Il metodo misto-patrimoniale reddituale . . . . . . . . . . . . . . 209
5.2.6. I metodi 'nanziari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
5.2.7. Il « metodo di mercato » ed i multipli . . . . . . . . . . . . . . . 213
5.2.8. La valutazione delle aziende in perdita . . . . . . . . . . . . . . . 214
5.2.9. La valutazione dei « capitali accessori » (surplus assets) . . . . . 216



Parte II
I SINGOLI BILANCI STRAORDINARI


CAPITOLO VI
IL BILANCIO PER IL CONFERIMENTO DI AZIENDA

6.1. I conferimenti in natura ed il « bilancio di conferimento ». Le novita `
introdotte dalla riforma societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
6.2. I « beni » conferibili e la composizione del « capitale di conferimento ». 227
6.2.1. Le funzioni del capitale sociale nelle societa per azioni . . . . . .
` 227
6.2.2. Requisiti dei conferimenti in natura: effettivita del capitale ed
`
integrale liberazione del conferimento. . . . . . . . . . . . . . . . 231
6.2.3. I beni e crediti conferibili singolarmente ed il conferimento
dell'azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
6.2.4. Il conferimento di opere e servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
6.2.5. I conferimenti in natura « atipici ». . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
6.2.6. Gli strumenti 'nanziari partecipativi . . . . . . . . . . . . . . . . 252
6.3. La valutazione dei conferimenti in natura . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
6.3.1. La valutazione dei conferimenti: pro'li generali . . . . . . . . . . 256
6.3.2. La valutazione dell'azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 258
6.3.3. La valutazione di azienda a « valore di libro » . . . . . . . . . . . 280
6.4. La relazione di stima dell'esperto ex art. 2343 Cod. Civ. . . . . . . . . . 281
6.4.1. Forma e contenuto della relazione. Bilancio di conferimento . . 281
INDICE XI



6.4.2. Ammissibilita e limiti della « sottovalutazione » del conferimento
`
di azienda. Forme di realizzazione della sottovalutazione . . . . . 289
6.4.3. La sopravvalutazione del conferimento e la sua illiceita . . . . . .
` 291
6.5. Il controllo e la revisione della stima da parte degli amministratori nelle
Spa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
6.6. Il bilancio di apertura della societa conferitaria e la contabilita del
` `
conferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
6.6.1. Il capitale di costituzione ed il bilancio d'apertura . . . . . . . . 298
6.6.2. L'iscrizione dell'azienda conferita nel bilancio della societa con- `
feritaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 302
6.6.3. La contabilita del conferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 311
6.7. Il conferimento di azienda nei principi contabili internazionali . . . . . . 314
6.7.1. Il conferimento di azienda quale business combination. Modalita `
di applicazione delle disposizioni del Codice Civile sulla stima ed
il controllo dei conferimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
6.7.2. Trattamento contabile del conferimento di azienda da parte della
conferitaria e da parte della conferente . . . . . . . . . . . . . . . 329
6.7.3. Trattamento contabile del conferimento di beni o gruppi di beni
(asset acquisitions) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
6.7.4. Il conferimento di azienda che costituisce un'acquisizione inver-
sa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
6.7.5. Il conferimento di azienda nell'ambito dei gruppi di societa . . . ` 335
6.7.5.1. Il conferimento infragruppo: legittimita della valuta-
`
zione a valore di libro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
6.7.5.2. Il conferimento infragruppo nei principi contabili in-
ternazionali. Gli orientamenti interpretativi dell'Assi-
revi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339


CAPITOLO VII
I BILANCI NELLA TRASFORMAZIONE DI SOCIETA ED ENTI
v

7.1. La trasformazione di societa ed enti: nozione ed effetti. Le principali
`
novita introdotte dalla riforma societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 347
7.1.1. La nozione di trasformazione di societa prima della riforma del
`
2003 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
7.1.2. La trasformazione da e in societa ed « ente » dopo la riforma . .
` 350
7.2. Il procedimento di trasformazione. I documenti contabili della trasfor-
mazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
7.3. Il bilancio di trasformazione previsto dall'art. 2500-ter Cod. Civ.: strut-
tura e valutazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
7.3.1. La stima nell'ipotesi di trasformazione da societa di persone in
`
societa di capitali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 356
7.3.2. La stima del patrimonio nella trasformazione « eterogenea ». . . 373
7.3.3. La relazione degli amministratori nella trasformazione da societa `
di capitali in societa di persone e in « enti » . . . . . . . . . . . .
` 377
XII INDICE



7.3.4. La stima del patrimonio nella trasformazione delle societa coo- `
perative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
7.4. Il bilancio di chiusura della societa che si trasforma . . . . . . . . . . . .
` 380
7.5. Il bilancio d'apertura della societa nel nuovo tipo sociale e la contabilita
` `
della trasformazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
7.5.1. Il bilancio d'apertura dopo la trasformazione . . . . . . . . . . . 388
7.5.2. La contabilita della trasformazione . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 391


CAPITOLO VIII
I BILANCI NELLA FUSIONE TRA SOCIETA
v

8.1. La fusione tra societa: natura ed effetti. Le innovazioni introdotte dalla
`
riforma societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
8.1.1. Motivazioni economiche della fusione. . . . . . . . . . . . . . . . 397
8.1.2. Natura giuridica della fusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
8.1.3. Le innovazioni introdotte dalla riforma societaria . . . . . . . . . 404
8.2. Il procedimento di fusione. Bilanci e documenti contabili nella fusione . 405
8.3. Le fusioni « sempli'cate » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
8.3.1. Incorporazione di societa interamente possedute . . . . . . . . .
` 411
8.3.2 Incorporazione di societa possedute al novanta per cento . . . .
` 413
8.3.3. Fusioni alle quali non partecipano societa con capitale rappre-
`
sentato da azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
8.4. La situazione patrimoniale ai sensi dell'art. 2501-quater Cod. Civ. . . . . 416
8.4.1. La situazione patrimoniale prima dell'attuazione della IIIa Diret-
tiva sulle fusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
8.4.2. La situazione patrimoniale di fusione dopo la riforma . . . . . . 421
8.5. Le valutazioni di fusione e la determinazione del rapporto di cambio . . 431
8.5.1. Le valutazioni di fusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
8.5.2. La determinazione del rapporto di cambio fra azioni e quote . . 441
8.6. La relazione dell'organo amministrativo e la relazione degli esperti . . . 465
8.6.1. La relazione dell'organo amministrativo sulla fusione . . . . . . . 465
8.6.2. La relazione degli esperti sulla congruita del rapporto di cambio.
` 481
8.6.2.1. Nomina degli esperti, poteri e responsabilita . . . . . .
` 482
8.6.2.2. Metodologia dell'attivita degli esperti. Contenuto della
`
relazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 486
8.6.2.3. La relazione degli esperti nelle societa quotate in mer-
`
cati regolamentati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
8.7. La retroattivita reddituale, contabile e 'scale della fusione . . . . . . . .
` 490
8.7.1. La retroattivita reddituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 492
8.7.2. La retroattivita contabile (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 494
8.8. Il bilancio di chiusura delle societa incorporate o fuse . . . . . . . . . . .
` 495
8.8.1. Funzioni del bilancio di chiusura e fondamento dell'obbligo della
sua compilazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
8.8.2. Forma e contenuto del bilancio di chiusura. Criteri di valutazione
applicabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
8.8.3. Il procedimento di formazione del bilancio di chiusura . . . . . 515
8.8.4. Modalita di tenuta delle scritture contabili . . . . . . . . . . . . .
` 519
INDICE XIII



8.9. Il bilancio d'apertura della societa incorporante o risultante dalla fusione.
` 520
8.9.1. Il bilancio di apertura prima della riforma societaria del 2003. . 520
8.9.2. La nuova disciplina introdotta dall'art. 2504-bis, 4o comma, Cod.
Civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
8.9.3. Struttura e contenuto del bilancio d'apertura. Valutazione delle
attivita e passivita delle societa incorporate o fuse. . . . . . . . .
` ` ` 532
8.9.4. L'avanzo e il disavanzo di fusione: natura economica e giuridica
e corretto trattamento contabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 537
8.9.4.1. Natura economica delle differenze di fusione . . . . . 539
8.9.4.2. La disciplina civilistica delle differenze di fusione ai
sensi dell'art. 2504-bis Cod. Civ. . . . . . . . . . . . . . 543
8.9.5. Il capitale sociale post-fusione ed il trattamento contabile delle
riserve e dei « fondi » 'guranti nel bilancio delle societa incor-
`
porate o fuse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 555
8.9.6. La nuova disciplina del bilancio di apertura prevista dal « Pro-
getto OIC » di attuazione delle Direttive 2001/65 e 2003/51 . . 564
8.10. I « prospetti contabili » da allegare al primo bilancio d'esercizio succes-
sivo alla fusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 568
8.11. La contabilita delle fusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 572
8.11.1. Fusione propria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 572
8.11.2. Fusione per incorporazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576
8.12. La fusione nei principi contabili internazionali. Il reverse merger . . . . . 577
8.13. Il trattamento contabile applicabile alle fusioni infragruppo. . . . . . . . 589
8.13.1. Modalita di applicazione della disciplina del procedimento di
`
fusione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 590
8.13.2. Il bilancio di apertura e la contabilizzazione delle attivita e `
passivita della societa incorporata o fusa . . . . . . . . . . . . . .
` ` 592
8.13.3. Gli orientamenti interpretativi dell'Assirevi sulle fusioni infra-
gruppo (OPI 2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 596
8.14. Gli effetti della fusione sulla struttura del patrimonio netto della so-
cieta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 599
8.14.1. Riserve formate in epoca anteriore al passaggio ai principi con-
tabili internazionali: natura e disciplina giuridica . . . . . . . . . 600
8.14.2. Riserve costituite in epoca successiva al passaggio ai principi
contabili internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 602
8.14.3. Riserve create alla data di « passaggio » ai principi contabili
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 605
8.14.4. Regime giuridico delle riserve formate a seguito di operazioni di
fusione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 607
8.15. La fusione inversa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 608
8.15.1. La fusione inversa: nozione e caratteristiche . . . . . . . . . . . . 608
8.15.2. Le varie modalita per la soddisfazione del concambio fra azioni e
`
quote. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 612
8.15.3. Iscrizione in bilancio delle azioni proprie ricevute ed aumento di
capitale per il concambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 613
8.15.4. Annullamento delle azioni proprie ricevute e contestuale au-
mento di capitale per il concambio . . . . . . . . . . . . . . . . . 614
XIV INDICE



8.15.5. Distribuzione ai soci dell'incorporata delle azioni proprie e, se
necessario, aumento di capitale per le azioni mancanti . . . . . . 616
`
8.15.6. E con'gurabile la scissione inversa' . . . . . . . . . . . . . . . . . 621
8.15.7. La fusione inversa nei principi contabili internazionali . . . . . . 622
8.15.7.1. Fusione inversa disciplinata dall'IFRS 3. . . . . . . . . 623
8.15.7.2. Fusione inversa tra societa appartenenti al medesimo
`
gruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 625
8.16. La fusione a seguito di acquisizione con indebitamento. . . . . . . . . . . 626
8.16.1. Nozione e caratteristiche del « merger leveraged by-out » . . . . 627
8.16.2. Analisi delle disciplina dell'art. 2501-bis . . . . . . . . . . . . . . 628


CAPITOLO IX
I BILANCI NELLA SCISSIONE DI SOCIETA
v

9.1. La scissione di societa: natura ed effetti. Il procedimento di scissione . .
` 635
9.1.1. L'istituto della scissione in generale e la sua disciplina civilistica
dopo la riforma societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
9.1.2. Pro'li economici dell'operazione di scissione . . . . . . . . . . . 643
9.1.3. Nozione giuridica ed effetti della scissione . . . . . . . . . . . . . 648
9.1.4. Il procedimento di scissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 655
9.1.5. Le scissioni sempli'cate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660
9.1.6. Le varie modalita di distribuzione delle azioni . . . . . . . . . . .
` 662
9.2. Valutazioni di scissione e rapporto di cambio . . . . . . . . . . . . . . . . 667
9.2.1. Le valutazioni di scissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
9.2.1.1. Le valutazioni di scissione. Analogie e differenze con le
valutazioni di fusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
9.2.1.2. Le situazioni patrimoniali che rilevano le varie quote
del patrimonio della scissa trasferite alle bene'ciarie . 673
9.2.2. Il rapporto di cambio nelle scissioni. . . . . . . . . . . . . . . . . 678
9.2.3. Esempi illustrativi di determinazione del rapporto di cambio . . 685
9.2.4. Le relazioni degli amministratori e degli esperti . . . . . . . . . . 697
9.2.4.1. La relazione degli amministratori . . . . . . . . . . . . 697
9.2.4.2. La relazione degli esperti sulla congruita del rapporto
`
di cambio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 699
9.3. Bilanci ed altri documenti contabili nelle scissioni . . . . . . . . . . . . . 700
9.3.1. La situazione patrimoniale ex art. 2501-quater . . . . . . . . . . . 701
9.3.2. La retroattivita reddituale, contabile e 'scale della scissione . . .
` 703
9.3.3. Il bilancio di chiusura della societa scissa. . . . . . . . . . . . . .
` 707
9.3.4. Il bilancio di apertura dopo la scissione . . . . . . . . . . . . . . 710
9.3.5. L'avanzo e il disavanzo di scissione . . . . . . . . . . . . . . . . . 712
9.3.6. Il capitale sociale dopo la scissione e la « reiscrizione » di riserve
e fondi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 726
9.3.7. Scissione con valore negativo o pari a zero dell'azienda scissa . . 729
9.4. La contabilita delle scissioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 731
9.5. La scissione nei principi contabili internazionali. La reverse acquisition.
Forme di scissione non disciplinate dall'IFRS 3 . . . . . . . . . . . . . . . 732
INDICE XV



9.6. Il trattamento contabile applicabile alle scissioni infragruppo che costi-
tuiscono business combinations . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 741


CAPITOLO X
I BILANCI NELLA LIQUIDAZIONE ORDINARIA DI SOCIETA
v

10.1. Nozione ed effetti della liquidazione aziendale. La nuova disciplina
introdotta dalla riforma societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 747
10.2. Il procedimento di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 752
10.3. Valutazioni di liquidazione e valutazioni di funzionamento . . . . . . . . 754
10.4. Il « rendiconto della gestione » degli amministratori e le consegne dagli
amministratori ai liquidatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 756
10.4.1. La consegna dei libri sociali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 757
10.4.2. La situazione dei conti alla data di effetto dello scioglimento . . 757
10.4.3. Il rendiconto della gestione degli amministratori . . . . . . . . . 759
10.5. Il bilancio iniziale di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 769
10.5.1. Obbligatorieta, anche nelle societa di capitali, del bilancio iniziale
` `
di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 769
10.5.2. Natura e funzioni del bilancio iniziale di liquidazione . . . . . . 771
10.5.3. Struttura e contenuto del bilancio iniziale di liquidazione . . . . 775
10.5.4. Valutazione delle attivita e passivita . . . . . . . . . . . . . . . . .
` ` 782
10.5.5. Il Fondo per costi ed oneri della liquidazione . . . . . . . . . . . 791
10.5.6. Il bilancio iniziale in ipotesi di continuazione dell'attivita dell'im-
`
presa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 795
10.5.7. Problemi inerenti la redazione, il controllo e l'approvazione del
bilancio iniziale di liquidazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 797
10.6. I bilanci intermedi di liquidazione: struttura, contenuto e valutazioni . . 799
10.6.1. Natura e funzioni dei bilanci intermedi di liquidazioni . . . . . . 799
10.6.2. Struttura e contenuto. Valutazione delle attivita e passivita . . .
` ` 803
10.6.2.1. Struttura e contenuto del bilancio intermedio . . . . . 804
10.6.2.2. Criteri di calcolo del risultato economico . . . . . . . . 805
10.6.2.3. Forma e contenuto di stato patrimoniale e conto eco-
nomico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 809
10.6.2.4. Contenuto della nota integrativa . . . . . . . . . . . . . 813
10.6.2.5. La relazione sulla gestione . . . . . . . . . . . . . . . . 815
10.6.2.6. Criteri di valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 816
10.6.3. La redazione, il controllo, l'approvazione e la pubblicazione dei
bilanci annuali di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 818
10.6.4. Il primo bilancio annuale di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . 820
10.6.5. Il bilancio intermedio nell'ipotesi di continuazione dell'attivita `
dell'impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 822
10.6.5.1. Criteri di determinazione del risultato economico . . . 823
10.6.5.2. Forma e contenuto del bilancio e valutazioni . . . . . 825
10.7. La contabilita della liquidazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 828
10.8. Il bilancio 'nale di liquidazione e il piano di riparto . . . . . . . . . . . . 830
10.8.1. Natura e funzioni del bilancio 'nale di liquidazione . . . . . . . 830
10.8.2. Struttura e contenuto. Criteri di valutazione . . . . . . . . . . . . 833
XVI INDICE



10.8.3. Il piano di riparto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 841
10.8.4. Questioni concernenti la compilazione, il controllo e la pubbli-
cazione del bilancio 'nale di liquidazione . . . . . . . . . . . . . 842
10.9. Gli effetti contabili della revoca della liquidazione . . . . . . . . . . . . . 843
10.9.1. La revoca della liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843
10.9.2. Gli effetti contabili della revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 844
10.9.3. Modalita di redazione del rendiconto di gestione dei liquidatori e
`
del bilancio dell'esercizio in cui avviene la revoca . . . . . . . . . 846
10.9.3.1. Aziende tutte assoggettate alla liquidazione. . . . . . . 846
10.9.3.2. Aziende tutte in esercizio provvisorio . . . . . . . . . . 849
10.9.3.3. Coesistenza di aziende in liquidazione ed in esercizio
provvisorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 850
10.10. Le valutazioni nel bilancio d'esercizio nell'ipotesi in cui venga meno la
validita del postulato del « going concern » . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 850


CAPITOLO XI
GLI ALTRI BILANCI STRAORDINARI

11.1. Il bilancio d'apertura dopo la costituzione dell'impresa (art. 2217, 1o
comma, Cod. Civ.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 857
11.2. Il bilancio per la determinazione del sopraprezzo delle azioni o quote in
ipotesi di limitazione o esclusione del diritto di opzione (art. 2441, 6o
comma, Cod. Civ.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 859
11.3. Il bilancio per la determinazione del valore della quota del socio rece-
dente, nelle societa di persone e nelle societa di capitali . . . . . . . . . .
` ` 865
11.3.1. I criteri di valutazione delle azioni prima della riforma societaria. 865
11.3.2. La valutazione delle azioni del socio recedente dopo la riforma
societaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 867
11.3.2.1. I criteri « legali » di valutazione delle azioni non quo-
tate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
11.3.2.2. I limiti di applicazione dei « criteri convenzionali » . . 879
11.3.2.3. Il valore di liquidazione delle azioni quotate nei mer-
cati regolamentati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 883
11.3.2.4. Il bilancio straordinario per il recesso ed i pareri del
collegio sindacale e del revisore contabile . . . . . . . 884
11.3.2.5. La valutazione della quota del socio recedente nelle
societa a responsabilita limitata. . . . . . . . . . . . . .
` ` 885
11.3.3. Il valore della quota del socio recedente nelle societa di persone.
` 887
11.4. Il bilancio di cessione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 892


CAPITOLO XII
I BILANCI NELLE PROCEDURE CONCORSUALI

12.1. Bilanci e situazioni patrimoniali nel fallimento . . . . . . . . . . . . . . . 895
12.2. Bilanci e situazioni patrimoniali nella liquidazione coatta amministrativa. 906
12.3. I bilanci nel concordato preventivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 908
INDICE XVII



12.4. Bilanci e situazioni patrimoniali nell'amministrazione straordinaria delle
grandi imprese in crisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 911



Parte III
I BILANCI ORDINARI INFRANNUALI (BILANCI INTERMEDI)


CAPITOLO XIII
I PRINCIPI CONTABILI NAZIONALI ED INTERNAZIONALI,
SUI BILANCI INTERMEDI

13.1. Il documento n. 30 dei principi contabili nazionali sui bilanci intermedi. 919
13.2. Il documento dei principi contabili internazionali IAS 34 « Interim
'nancial reporting » e le sue possibili applicazioni . . . . . . . . . . . . . 925


CAPITOLO XIV
I BILANCI PER LE OPERAZIONI SUL CAPITALE

14.1. Il bilancio per la rilevazione di « perdite » di capitale (artt. 2446 e 2447
Cod. Civ.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 935
14.2. I bilanci per la riduzione del capitale esuberante (art. 2445 Cod. Civ.) . 953
14.3. Il bilancio per l'accertamento delle riserve esistenti in una particolare
ipotesi di aumento gratuito del capitale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 961
14.4. Il bilancio per la rilevazione delle riserve disponibili in una particolare
ipotesi di acquisto di azioni proprie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 962


CAPITOLO XV
GLI ALTRI BILANCI INFRANNUALI

15.1. Il bilancio « intermedio » della societa controllata redatto ai 'ni del
`
consolidamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 965
15.2. Il bilancio per la rilevazione del limite all'emissione di obbligazioni . . . 967
15.3. Il bilancio da redigere ai 'ni della distribuzione di « acconti-dividendo ». 969


Bibliogra'a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 979

COMMENTI DEI LETTORI A «I bilanci straordinari»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «I bilanci straordinari»

ALTRI LIBRI DI «Caratozzolo Matteo»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «I bilanci straordinari»