Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale'

Ingrandisci immagine


Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale

(Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.)


di

Faiella Simone

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale»

Tipo Libro
Titolo Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814138812
Pagine XIV-492
Data 2009
Collana Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.

INDICE DI «Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE-SOMMARIO


Presentazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xii
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


Parte I
ASPETTI STRUTTURALI DEL FATTO TIPICO

Capitolo I
L'EVOLUZIONE NORMATIVA DELLA FATTISPECIE

1.1. La supplenza svolta dall'art. 648 c.p. nella lotta al riciclaggio: una
significativa inversione di tendenza dal codice Zanardelli al codice
Rocco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
1.2. Una fattispecie ad hoc: l'art. 648-bis c.p. (d.l. 21 marzo 1978, n. 59)
ed il contesto internazionale dell'epoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
1.3. Alcuni raffronti comparatistici in ambito europeo e l'originalita del- `
l'approccio statunitense nella c.d. ''war on drugs'' . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.4. La Convenzione di Vienna del 1988 e il primo intervento di riforma
operato sull'art. 648-bis c.p. (l. 19 marzo 1990, n. 55) . . . . . . . . . . . . 30
1.5. L'influsso del G.A.F.I., la Convenzione di Strasburgo del 1990 ed il
secondo intervento di riforma operato sull'art. 648-bis c.p. (l. 9 ago-
sto 1993, n. 328) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37

Capitolo II
IL REATO PRESUPPOSTO E IL REATO ACCESSORIO

2.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
`
2.2. Dalla ''complicita criminosa ex post'' al titolo autonomo di reato:
cenni sulla teoria dei reati accessori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2.3. La provenienza da reato della res e l'identificazione del reato pre-
supposto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
2.3.1. Il ruolo del delitto tributario a seguito della riforma di cui al
d.lgs. 10 marzo 2000, n. 74 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
viii indice-sommario


`
2.4. Il reato presupposto e il reato accessorio tra punibilita e procedibili-
`
ta: il fondamento del rapporto di presupposizione . . . . . . . . . . . . . . . . 72
2.5. Il rapporto di presupposizione e la violazione di mere norme di cau-
tela nel compimento della ''condotta accessoria'' . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
2.6. Alcune problematiche di rango internazionale sulle disomogeneita di `
disciplina e la ''soluzione'' delle cd. ''clausole di persecuzione tran-
snazionale'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92

Capitolo III
LA CONDOTTA E L'''EVENTO'' DI RICICLAGGIO

3.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
3.2. L'affannosa ricerca sui profili ontologici delle singole fattispecie ac-
cessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 107
3.3. La sostituzione, il trasferimento e il c.d. ''rimpiazzo'' impropriamen-
te intese come ipotesi paradigmatiche di riciclaggio . . . . . . . . . . . . . . 113
3.3.1. L'acquisto e la ricezione del bene come accidentalia delicti
nella fattispecie di cui all'art. 648-bis c.p.. . . . . . . . . . . . . . . . . 118
3.3.2. Lo spazio applicativo dell'art. 648-bis e dell'art. 110 c.p. nel
rapporto intersoggettivo: la distanza tra money spending e mo-
ney laundering . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
3.4. La condotta di riciclaggio tra ''vincolo'' e liberta di forma . . . . . . . . 132
3.5. L'ostacolo all'identificazione della provenienza della res: mera atti-
tudine della condotta od evento' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
3.6. Alcune questioni di carattere applicativo: il deposito di ''denaro
sporco'' su conto corrente bancario e la tesi della ''contaminazione'' 145
3.6.1. Il c.d. ''tarroccamento dei veicoli'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150

Capitolo IV
L'ELEMENTO SOGGETTIVO

4.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
4.2. Il dubbio sui c.d. ''presupposti della condotta'' tra dolo eventuale e
colpa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
4.2.1. Il dubbio sul reato presupposto inteso come mancata ''perce-
zione del significato'' della condotta: critica . . . . . . . . . . . . . . . 185
4.2.2. Il ruolo e la rilevanza della clausola di selezione del reato
presupposto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
4.3. Il dolo sulla condotta di riciclaggio tra elemento soggettivo e attitu-
dine obiettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
indice-sommario ix


`
4.4. Il ''ponte'' tra rappresentazione sul reato presupposto e finalita spe-
cifica di riciclaggio. Il dolo di riciclaggio come dolo ''di concorso'' 206
4.5. Il dolo eventuale e gli indici tipizzati di sospetto: problematiche di
accertamento giudiziale e profili di analisi ermeneutica. . . . . . . . . . . . 212
4.5.1. Gli obblighi di reporting e la ''colpa d'autore indiretta'' tra
riciclaggio e incauto acquisto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218


Parte II
`
OFFESA E PUNIBILITA DEL FATTO

Capitolo V
IL BENE PROTETTO

5.1. La tesi ''patrimonialistica'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
5.2. Una possibile summa divisio nei reati accessori: aspetti cangianti del-
la tutela e protezione del bene dell'amministrazione della giustizia . . 233
5.2.1. Le fattispecie accessorie ''di manovra'' tra tutela aggiunta e
`
tutela cangiante: la loro plurioffensivita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
5.3. Le ipotesi accessorie tra concorso apparente e concorso reale di norme 253
5.4. Aspetti funzionali nella dissimulazione della ''causa'' della disponi-
`
bilita della res . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
5.5. Il riciclaggio e il reinvestimento di capitali di provenieza illecita . . . 263
`
5.6. La ''lesione da riciclaggio'' tra pericolo e danno: la necessita di un
`
accertamento sulla concreta idoneita dissimulatoria della condotta . . . 270

Capitolo VI
IL POST FACTUM DI AUTORICICLAGGIO

6.1. L'insostenibile vuoto di tutela recato dal c.d. ''privilegio di autorici-
claggio'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
`
6.2. La clausola di riserva e la non punibilita del post factum di auto-
ricettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
`
6.3. L'autoriciclaggio tra configurabilita del tipo e punibilita del fatto . . . ` 294
6.4. Rilevanza sistematica dell'art. 384 c.p. e ne bis in idem . . . . . . . . . . . 297
6.5. Profili strutturali della manovra di riciclaggio e nemo tenetur se de-
tegere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
`
6.6. La ''deroga'' al dogma dell'intangibilita del privilegio nell'aggravante
dell'art. 416-bis, comma 6 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
6.7. De iure condendo: l'abolizione della clausole di riserva di cui all'art.
648-bis c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
x indice-sommario


Capitolo VII
IL RUOLO DEL CONCORSO ASSOCIATIVO

7.1. L'emergenza transnazionale e la ratifica della c.d. ''Convenzione di
Palermo'' (l. 16 marzo 2006, n. 146). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
7.2. Il delitto associativo e il c.d. ''privilegio di autoriciclaggio'' . . . . . . . 332
7.2.1. Il riciclaggio e il c.d. ''concorso esterno''. . . . . . . . . . . . . . . . . 340
7.3. Cenni sulla rilevanza penale del pactum sceleris associativo nell'e-
sperienza di Common law . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349


Parte III
STRUMENTI COMPLEMENTARI DI CONTRASTO

Capitolo VIII
LA C.D. ''COLLABORAZIONE ATTIVA''

`
8.1. La multidisciplinarieta degli strumenti di contrasto. Riciclaggio ed
eversione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
`
8.2. La cooperazione internazionale tra le ''Unita di intelligence finanziaria'' 376
`
8.2.1. L'''Unita di informazione finanziaria per l'Italia'' (UIF) . . . . . 381
8.2.2. Il gruppo Egmont . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
8.3. L'attuazione della c.d. ''Terza Direttiva'' e ''gli obblighi di adeguata
verifica'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
8.4. La collaborazione attiva per i c.d. ''non financial businesses'' . . . . . . 398
8.4.1. Gli obblighi del professionista e la tutela della riservatezza
del suo operato: obblighi di identificazione, registrazione e
segnalazione e divieto di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
8.4.2. Il ruolo e la funzione dell'avvocato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
8.5. Indici tipizzati di sospetto e fatto di riciclaggio negli ambiti transna-
zionale e nazionale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
8.5.1. Il c.d. riciclaggio ''mediante omissione'' tra apparato sanzio-
natorio ed indici tipizzati di sospetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430

Capitolo IX
IL C.D. ''CONGELAMENTO DEI FONDI'', LA CONFISCA, L'AGENTE
`
PROVOCATORE E LA RESPONSABILITA DELL'ENTE

9.1. Il congelamento dei fondi e delle risorse economiche secondo la di-
sciplina introdotta con il d.lgs. 22 giugno 2007, n. 109. . . . . . . . . . . . 443
9.2. Il rilievo strategico della confisca: la confisca ''per equivalente'' e
l'art. 648-quater c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
indice-sommario xi


9.2.1. La confisca per equivalente: Ne bis in idem e divieto di dou-
ble jeopardy tra ''object'' e ''value confiscation'' . . . . . . . . . . 454
9.2.2. La connessione funzionale tra ''value confiscation'' e ''money
laundering''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
9.3. Il fatto del c.d. ''agente provocatore'' tra non punibilita e non confi- `
`
gurabilita del tipo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
`
9.4. La responsabilita amministrativa da reato dell'ente . . . . . . . . . . . . . . . 473


Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491

COMMENTI DEI LETTORI A «Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Riciclaggio e crimine organizzato transnazionale»