Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L' appello al Consiglio di Stato'

Ingrandisci immagine


L' appello al Consiglio di Stato

(Trattato di giustizia amministrativa)


di

Carlotti Gabriele

 

Disponibile dopo il 30/08 causa chiusura estiva di editori e distributori
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L' appello al Consiglio di Stato»

Tipo Libro
Titolo L' appello al Consiglio di Stato
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814138614
Pagine XXI-1146
Data 2008
Collana Trattato di giustizia amministrativa

INDICE DI «L' appello al Consiglio di Stato»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Parte Prima
PRINCIPI, FUNZIONI E CARATTERI DELL'APPELLO
AL CONSIGLIO DI STATO



Capitolo I
IL CONSIGLIO DI STATO IN SEDE GIURISDIZIONALE
(MARCO FRATINI)

1. La tutela delle situazioni giuridiche nel sistema di giustizia amministrativa.
Pro'li generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. La funzione giurisdizionale del Consiglio di Stato. Pro'li storici. . . . . . 5
3. Il Consiglio di Stato come giudice di appello . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
3.1. Le tipologie di giurisdizione: di legittimità, di merito ed esclusiva . 24
3.1.1. La giurisdizione di legittimità . . . . . . . . . . . . . . . . 24
3.1.2. La giurisdizione di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
3.1.3. La giurisdizione esclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 33
3.2. La tutela cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
4. Il Consiglio di Stato come giudice di unica istanza. L'ottemperanza. . . . 62
5. Il Consiglio di Stato come giudice della competenza. Il difetto di
giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
5.1. Il criterio di riparto della giurisdizione: provvedimenti, comporta-
menti e tutela risarcitoria. Pro'li storici e nuove tendenze . . . . . 70



Capitolo II
LE FONTI NORMATIVE E I PRINCIPI GENERALI DEL GIUDIZIO
DINANZI AL CONSIGLIO DI STATO
(MARCO FRATINI)

1. La pluralità delle fonti normative che disciplinano il giudizio dinanzi al
Consiglio di Stato. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
2. I principi di origine comunitaria e costituzionale. Il principio del 'giusto
processo' e i suoi precipitati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
VI Indice

2.1. Il principio di eguaglianza delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.2. La terzietà, l'imparzialità e l'indipendenza del giudice. Astensione e
ricusazione del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
2.3. La ragionevole durata del processo amministrativo . . . . . . . . . 104
2.4. L'obbligo di motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
2.5. Il doppio grado di giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
3. I principi fondamentali del giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
3.1. Il principio della domanda (applicato al giudizio di secondo grado). 107
3.2. Il principio dispositivo con metodo acquisitivo . . . . . . . . . . . . 109
3.3. Il principio del contraddittorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3.4. I principi dell'oralità, della collegialità e della concentrazione . . . 117
4. Le fonti 'proprie' del giudizio dinanzi al Consiglio di Stato. Il Testo Unico
delle leggi sul Consiglio di Stato e la legge istitutiva dei Tribunali
amministrativi regionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
4.1. Il regolamento per la procedura dinanzi alle sezioni giurisdizionali
del Consiglio di Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
4.2. La rappresentanza in giudizio della p.a. . . . . . . . . . . . . . . . . 124
4.2.1. La rappresentanza in giudizio delle Università pubbliche . 126
4.2.2. La rappresentanza in giudizio delle regioni a statuto ordi-
nario e di quelli a statuto speciale . . . . . . . . . . . . . . 131
4.2.3. La rappresentanza in giudizio delle agenzie 'scali . . . . . 134
4.3. Il giudizio elettorale di appello (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . 134
5. Le fonti 'improprie' del giudizio dinanzi al Consiglio di Stato (rinvio). . 135



Capitolo III
LE FUNZIONI DEL GIUDIZIO DI APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Le impugnazioni in generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
2. Le funzioni delle impugnazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
3. I tratti essenziali del diritto all'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
4. La fondamentale classi'cazione dei mezzi d'impugnazione: rimedi rinno-
vatori e rimedi eliminatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
5. Il sistema delle impugnazioni nel codice di procedura civile: la varietà dei
mezzi d'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
5.1. La completezza della disciplina civilistica . . . . . . . . . . . . . . . 145
5.2. La disciplina comune. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5.3. L'appello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
5.4. Il ricorso per cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
5.5. La revocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
5.6. L'opposizione di terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Indice VII



Capitolo IV
IL MODELLO TEORICO DI IMPUGNAZIONE, IL FONDAMENTO
COSTITUZIONALE DELL'APPELLO AL CONSIGLIO DI STATO
E IL PROBLEMA DEL COMPLETAMENTO DELLA DISCIPLINA
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Premessa introduttiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
2. La legge istitutiva dei Tribunali amministrativi regionali e la 'generalizza-
zione' dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
3. I difetti della l. n. 1034/1971 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
4. Le modi'che apportate dalla l. n. 205/2163 . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
5. L'opera ricostruttiva della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
6. Il problematico 'completamento' della disciplina . . . . . . . . . . . . . . 165
7. Il modello teorico d'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
8. Le ragioni del dif'cile adattamento delle regole civilistiche . . . . . . . . . 167
9. Le differenze tra appello civile e appello amministrativo . . . . . . . . . . 168
10. La natura del processo amministrativo: le ragioni della centralità dell'ap-
pello e la sua costituzionalizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
11. Il dibattito sui fondamenti costituzionali dell'appello . . . . . . . . . . . . 171
12. Il doppio grado di giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
12.1. Il signi'cato del principio del doppio grado di giurisdizione . . . . 177
13. Le ragioni della centralità dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179



Capitolo V
LA NATURA DELL'APPELLO AMMINISTRATIVO
TRA REVISIO PRIORIS INSTANTIAE E NOVUM IUDICIUM
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Le caratteristiche dell'appello amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
1.1. La controversa natura dell'appello amministrativo . . . . . . . . . . 184
1.2. I prevalenti tratti di novum iudicium . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
1.3. L'effetto devolutivo. L'area dell'appellabilità in via incidentale. . . 187
1.4. L'irrilevanza dei vizi di carente motivazione e di omessa istruttoria.
I poteri of'ciosi del giudice di appello . . . . . . . . . . . . . . . . 190
1.5. Il 'self-restraint' di Palazzo Spada sul rinvio al T.a.r. e l'allargata
legittimazione ad impugnare. Il peculiare atteggiarsi dell'effetto
traslativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
1.6. L'ef'cacia oggettiva della procura speciale. I motivi aggiunti e le
eccezioni sollevate per la prima volta in appello . . . . . . . . . . . 185
1.7. La pronuncia d'appello come de'nitiva decisione della lite . . . . . 199
2. La rimessione della causa al primo giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
2.1. La disciplina codicistica del rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
2.2. L'annullamento nell'appello amministrativo. Elasticità applicativa
delle fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
2.3. Il 'favor' legislativo per la decisione nel merito . . . . . . . . . . . 204
2.4. La natura cassatoria del giudizio d'annullamento. . . . . . . . . . . 204
VIII Indice

2.5. L'annullamento senza rinvio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
2.5.1. Il difetto di giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
2.5.1.1. I recenti sviluppi giurisprudenziali . . . . . . . . 207
2.5.1.2. La translatio iudici . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
2.5.2. Il difetto di competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
2.5.3. La nullità. Rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
2.5.4. Le cause estintive ed impeditive del giudizio . . . . . . . . 215
2.6. L'annullamento con rinvio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
2.6.1. La casistica giurisprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
2.6.2. L'ambito semantico degli 'errores in iudicando' . . . . . . 224
2.6.2.1. Le fattispecie tipizzate in via pretoria . . . . . . . 225
2.6.3. Lo svolgimento del giudizio di rinvio a seguito dell'an-
nullamento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
2.6.4. Alcune conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
3. La querela nullitatis nel giudizio amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . 228
3.1. Residue tracce del rimedio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
3.2. La sentenza inesistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
3.2.1. La tutela contro le sentenze inesistenti. . . . . . . . . . . . 231
3.2.2. L'impugnazione del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
3.2.2.1. L'impugnazione dei lodi avanti al giudice ammi-
nistrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
3.3. La querela nullitatis nell'appello amministrativo . . . . . . . . . . . 236
4. Il rapporto tra il codice processuale civile e le regole sul giudizio ammi-
nistrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
5. Un punto di partenza: l'autonomia dell'appello amministrativo . . . . . . 238
6. Una proposta metodologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238



Capitolo VI
IL REGIME DELLO JUS NOVORUM
(MARCO FRATINI)

1. Il divieto di 'nova' in giudizio: la ratio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
2. Il regime delle domande nuove in appello: l'ambito oggettivo di operatività
della preclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
2.1. I motivi aggiunti in appello (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
2.2. L'inammissibilità in appello dei motivi aggiunti 'estensivi' . . . . . 254
2.3. La censura di legittimità costituzionale proposta per la prima volta
in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
2.4. La domanda di risarcimento del danno . . . . . . . . . . . . . . . . 257
3. La sorte delle domande nuove in appello e l'eventuale accettazione del
contraddittorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
4. Il regime delle domande nuove in appello: l'ambito soggettivo di operati-
vità della preclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
5. Il regime delle eccezioni nuove in appello: il dibattito. . . . . . . . . . . . 266
5.1. L'intervento (semi) chiari'catore dell'Adunanza Plenaria 14/2004.
L'eccezione di prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
Indice IX



5.2. Le eccezioni in senso ampio e le eccezioni fondate su fatti o diritti
sopravvenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
5.3. Le eccezioni della parte non costituita in primo grado e quelle della
parte erroneamente dichiarata non costituita in primo grado . . . . 271
5.4. Le eccezioni rilevabili d'uf'cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
5.5. Le forme processuali di proposizione delle eccezioni . . . . . . . . 277
6. Il regime dei nuovi mezzi di prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
6.1. Il regime applicabile alle nuove prove precostituite . . . . . . . . . 285



Parte Seconda
I PROVVEDIMENTI IMPUGNABILI E I SOGGETTI
DEL GIUDIZIO DI APPELLO


Capitolo VII
LE PRONUNCE IMPUGNABILI
(MARCO FRATINI)

1. La nozione di provvedimento giurisdizionale appellabile nell'evoluzione
giurisprudenziale e normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
2. I provvedimenti giurisdizionali inappellabili. . . . . . . . . . . . . . . . . . 304
3. Le ordinanze ex artt. 186-bis e 186-ter c.p.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
4. Le sentenze non de'nitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
5. I provvedimenti appellabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
5.1. Le ordinanze cautelari e il dispositivo di sentenza . . . . . . . . . . 321
5.2. La pronuncia sulle spese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
5.3. Le pronunce rese in sede di ottemperanza . . . . . . . . . . . . . . 325


Capitolo VIII
LA TEORIA DELLE PARTI NEL GIUDIZIO DI APPELLO
E LA LEGITTIMAZIONE ALL'IMPUGNAZIONE
(GABRIELE CARLOTTI)

1. I soggetti nel giudizio di appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
2. L'ampia e diversi'cata platea delle parti del giudizio dinanzi al Consiglio di
Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
3. La teoria delle parti e il ricorso alle classi'cazioni: parte formale, sostan-
ziale, necessaria ed eventuale, principale e accessoria . . . . . . . . . . . . 335
4. La « legitimatio ad processum ». Brevi cenni. . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
5. « Legitimatio ad causam » e legittimazione a ricorrere . . . . . . . . . . . . 339
6. La legittimazione ad appellare e la soccombenza (totale o parziale, teorica
o pratica). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 340
6.1. L'insuf'cienza del concetto di soccombenza quale fondamento
teorico della legittimazione ad appellare . . . . . . . . . . . . . . . . 342
7. L'interesse ad impugnare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
X Indice

8. L'acquiescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
8.1. L'accertamento della prestata acquiescenza . . . . . . . . . . . . . . 347
9. Un caso di legittimazione eccezionale del Governo: l'art. 33, 2° co., del r.d.
n. 1054/1924 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10. La successione nel processo di appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349



Capitolo IX
LE PARTI DEL GIUDIZIO DI APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Le parti necessarie in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
2. L'individuazione delle parti necessarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
3. Casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 356
4. Alcune conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
5. I controinteressati sostanziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
6. L'interveniente « ad opponendum » nel giudizio di primo grado . . . . . . 360
6.1. Genesi della 'gura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 362
7. L'appello limitato dell'intervenuto in primo grado . . . . . . . . . . . . . . 363
8. Le parti accessorie. L'intervento in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
9. L'appello delle associazioni dei consumatori . . . . . . . . . . . . . . . . . 370



Capitolo X
L'INTERVENTO IN APPELLO
(MARCO FRATINI)

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
2. L'intervento nel processo civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
2.1. L'intervento nel processo civile d'appello . . . . . . . . . . . . . . . 382
3. La funzione dell'intervento nel processo amministrativo . . . . . . . . . . 385
4. L'intervento nel giudizio amministrativo d'appello . . . . . . . . . . . . . . 387
4.1. La tesi dell'inammissibilità dell'intervento principale e di quello
adesivo autonomo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 389
4.1.1. La tesi dell'inammissibilità dell'intervento del cointeressa-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
4.2. L'intervento adesivo dipendente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 393
4.2.1. L'intervento del controinteressato in senso proprio, del
controinteressato c.d. sostanziale e del controinteressato
successivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 394
4.2.2. L'intervento di soggetti, diversi dai controinteressati, tito-
lari di interesse alla conservazione dell'atto . . . . . . . . . 396
4.2.3. L'intervento dei soggetti titolari di un interesse derivato o
ri'esso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
4.2.4. L'intervento dei soggetti titolari di un interesse di fatto . . 400
Indice XI



4.2.5. L'intervento in appello delle associazioni a tutela dei
consumatori (Cons. St., Ad. Plen., 11 gennaio 2007, n. 1). 401
5. L'intervento in appello nelle materie di giurisdizione esclusiva . . . . . . . 406
6. L'intervento in appello 'iussu iudicis' e su istanza di parte . . . . . . . . . 407
7. La conversione dell'appello in atto di intervento . . . . . . . . . . . . . . . 412


Parte Terza
L'INSTAURAZIONE DEL CONTRADDITTORIO
E LA FISSAZIONE DEL THEMA DECIDENDUM


Capitolo XI
IL RICORSO IN APPELLO: PROFILI FORMALI
E SOSTANZIALI
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Il ricorso in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415
1.1. Le fonti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
1.2. Le funzioni del ricorso in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
2. Il contenuto essenziale dell'appello: la critica alla sentenza impugnata . . 418
2.1. La posizione della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
2.2. Il capo di sentenza come misura dell'effetto devolutivo . . . . . . . 424
3. La forma dell'appello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
3.1. La forma interna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426
4. Gli elementi del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
4.1. Il preambolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
4.2. L'esposizione dei fatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 430
4.3. La redazione dei motivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
4.4. Le conclusioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
5. Il principio di corrispondenza tra il chiesto ed il pronunciato . . . . . . . 437
6. La graduazione dei motivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
7. Gli effetti espansivo ed estensivo dell'impugnazione e della decisione di
appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
8. La sottoscrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
8.1. La sottoscrizione del legale rappresentante . . . . . . . . . . . . . . 444
8.2. La sottoscrizione del ricorso delle pubbliche amministrazioni: la
questione della delibera d'incarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445
9. La procura alle liti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
10. La nullità del ricorso in appello e la sanatoria dei vizi. . . . . . . . . . . . 452
11. L'appello collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
11.1. L'appello collettivo a seguito di ricorso collettivo di primo grado . 459
11.2. L'appello collettivo non preceduto da ricorso collettivo in primo
grado . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460
12. L'appello cumulativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 460
XII Indice

Capitolo XII
TERMINI DI PROPOSIZIONE E NOTIFICAZIONE
DEL RICORSO IN APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Termini e noti'cazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
1.1. Il termine « breve » ordinario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 465
1.2. Il termine « lungo » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
1.3. La sospensione feriale dei termini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 469
2. I termini per l'appello nei riti speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
3. Il luogo della noti'cazione della sentenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
4. Le modalità della noti'cazione dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . 475
5. Nullità e sanatoria delle noti'cazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
6. L'errore scusabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
6.1. I presupposti per la concessione del bene'cio . . . . . . . . . . . . 481
7. Forme e modalità della noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 483
7.1. La noti'ca per consegna diretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
7.2. La noti'ca a mezzo del servizio postale . . . . . . . . . . . . . . . . 487
7.3. La noti'ca per pubblici proclami. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
7.4. La noti'ca per via telematica o telefax. . . . . . . . . . . . . . . . . 494



Capitolo XIII
LA COSTITUZIONE DELLE PARTI E L'ATTO
DI INTERVENTO IN APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Soggetti legittimati ad appellare: forme e termini della loro costituzione . 497
2. Il deposito del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498
2.1. L'omesso o l'intempestivo deposito del ricorso e la consumazione
del potere d'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
3. Il deposito della sentenza e del fascicolo di primo grado . . . . . . . . . . 501
4. L'articolazione delle difese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
4.1. L'appellante già ricorrente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
4.2. L'appellante già resistente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 504
5. La costituzione dell'appellato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
6. Il controricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
7. La strategia difensiva dell'appellato già ricorrente e quella dell'appellato
già resistente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
8. L'assorbimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
8.1. Assorbimento e soccombenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
9. L'atto di intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 513
10. L'istanza di 'ssazione dell'udienza di discussione e l'istanza di prelievo . 515
10.1. Istanza di 'ssazione dell'udienza e procedimento cautelare . . . . . 517
Indice XIII



Capitolo XIV
L'APPELLO INCIDENTALE, L'APPELLO PARZIALE,
LA RISERVA D'APPELLO E L'APPELLO CONTRO IL DISPOSITIVO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. L'appello incidentale tra principio devolutivo e soccombenza . . . . . . . 519
2. Le impugnazioni incidentali nel processo civile. . . . . . . . . . . . . . . . 525
3. La scarna disciplina dell'appello incidentale nel giudizio amministra-
tivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 527
4. Appello incidentale « proprio » ed « improprio » . . . . . . . . . . . . . . 530
4.1. L'appello incidentale improprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
4.2. L'appello incidentale proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
5. L'appello incidentale tardivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539
5.1. La questione del limite oggettivo all'appello incidentale tardivo . . 541
6. Modalità e termini di proposizione dell'appello incidentale. . . . . . . . . 544
7. L'appello parziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 545
8. L'appello contro le sentenze non de'nitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . 547
8.1. La riserva d'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 548
8.2. Forme e modi dell'appello differito . . . . . . . . . . . . . . . . . . 554
8.3. L'effetto traslativo dell'appello avverso sentenza non de'nitiva . . 556
8.4. L'effetto espansivo della decisione d'appello . . . . . . . . . . . . . 557
8.5. La prosecuzione del processo di primo grado . . . . . . . . . . . . 558
8.6. Riserva d'appello e impugnazione proposta da altre parti . . . . . . 559
9. L'appello contro il dispositivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 560



Capitolo XV
I MOTIVI AGGIUNTI NEL GIUDIZIO DI APPELLO
(MARCO FRATINI)

1. I motivi aggiunti in appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565
1.1. Alcune precisazioni concettuali: la differenza tra motivo e argomen-
tazione giuridica, le mere difese e le domande accessorie . . . . . . 567
2. L'inammissibilità in appello di motivi aggiunti « estensivi ». . . . . . . . . 570
3. Le condizioni di ammissibilità in appello di motivi aggiunti « non esten-
sivi » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 571
4. Le circostanze deducibili con motivi aggiunti . . . . . . . . . . . . . . . . . 574
4.1. La conoscenza sopravvenuta di un vizio originario del provve-
dimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576
4.2. La conoscenza extraprocessuale di un vizio originario del provve-
dimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 579
4.3. Conoscenza sopravvenuta dell'atto presupposto e dell'invalidità
derivata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 580
4.4. L'invalidità sopravvenuta del provvedimento amministrativo . . . . 590
4.4.1. La legge retroattiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 592
4.4.2. La legge di interpretazione autentica . . . . . . . . . . . . . 594
XIV Indice

4.4.3. L'incostituzionalità della legge regolativa o attributiva del
potere amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 597
4.4.4. Decreto legge non convertito . . . . . . . . . . . . . . . . . 606
4.4.5. Sopravvenienza dell'interesse a ricorrere. . . . . . . . . . . 607
5. Forma e termini di proposizione dei motivi aggiunti. . . . . . . . . . . . . 609



Capitolo XVI
LA RIUNIONE DEI RICORSI E L'INTEGRAZIONE
DEL CONTRADDITTORIO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. La riunione degli appelli contro la stessa sentenza e contro sentenze
diverse, ma connesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 611
2. Riunione obbligatoria e facoltativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 612
3. La riunione degli appelli amministrativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 613
4. Conseguenze della mancata riunione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614
5. Forme ed effetti della riunione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 615
6. L'integrazione del contraddittorio in appello e la rimessione della causa al
primo giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 616
7. Il difetto originario o la mancata integrazione del contraddittorio in
appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 618
8. L'accertamento in appello del difetto di contraddittorio in primo grado . 619



Capitolo XVII
L'INTERRUZIONE E LA SOSPENSIONE DEL GIUDIZIO D'APPELLO
E LE QUESTIONI PREGIUDIZIALI
(MARCO FRATINI)

1. L'interruzione del giudizio d'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 621
1.1. L'evento interruttivo che riguarda la parte non ancora costituita in
appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624
1.2. L'evento interruttivo che riguarda la parte costituita in appello . . 625
1.3. La riassunzione del giudizio a seguito di interruzione . . . . . . . . 626
2. La sospensione del processo d'appello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 628
2.1. La c.d. sospensione impropria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
2.1.1. L'incidente di legittimità costituzionale . . . . . . . . . . . 631
2.1.2. Incidente di legittimità costituzionale e giudizio cautelare
d'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633
2.1.3. Incidente di legittimità costituzionale e giudizio cautelare
d'appello nel rito ex art. 23-bis l. n. 1034/1971. . . . . . . 640
2.1.4. La pregiudiziale comunitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . 641
2.2. La c.d. sospensione propria: la pregiudiziale civile e quella
amministrativa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
2.2.1. L'incidente di falso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 645
Indice XV



2.2.2. Le questioni di stato e capacità delle persone. . . . . . . . 647
2.3. La pregiudizialità penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 649
2.3.1. Il rapporto tra giudizio penale e giudizio risarcitorio
davanti al G.A. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651
2.3.2. I rapporti tra processo penale e processo amministrativo
non risarcitorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 652
2.4. La sospensione per rimessione all'Adunanza Plenaria di una que-
stione identica o pregiudiziale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658
2.5. La sospensione per pendenza di un ricorso straordinario al Capo
dello Stato avente carattere pregiudiziale . . . . . . . . . . . . . . . 659
2.6. La prosecuzione del giudizio a seguito di sospensione . . . . . . . 659
2.7. Inappellabilità del provvedimento di sospensione del giudizio adot-
tato dal T.a.r. (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660



Parte Quarta
LA TUTELA CAUTELARE, L'ATTIVITÀ ISTRUTTORIA
E LO SVOLGIMENTO DEL GIUDIZIO D'APPELLO



Capitolo XVIII
LA TUTELA CAUTELARE IN APPELLO
(MARCO FRATINI)

1. La tutela cautelare: pro'li generali, storici ed evolutivi . . . . . . . . . . . 664
2. Lineamenti della tutela cautelare nel giudizio d'appello . . . . . . . . . . . 676
2.1. La strumentalità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 677
2.2. L'interinalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 680
2.3. La sommarietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 680
2.3.1. L'accertamento del 'fumus boni iuris' . . . . . . . . . . . . 681
2.3.2. L'accertamento del 'periculum in mora'. . . . . . . . . . . 682
2.4. I requisiti processuali della domanda cautelare . . . . . . . . . . . . 687
3. L'impugnazione dell'ordinanza cautelare del T.a.r.. . . . . . . . . . . . . . 689
3.1. L'impugnabilità dei provvedimenti di revoca o modi'ca della
misura cautelare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 691
3.2. Le conseguenze derivanti dalla contemporanea proposizione del-
l'appello e dell'istanza di revoca o di modi'ca della misura
cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 691
3.3. La legittimazione a proporre appello avverso la pronuncia cautelare. 693
3.4. Termini e modalità di proposizione dell'appello cautelare . . . . . 694
4. Le norme applicabili ai giudizi aventi a oggetto le materie elencate nell'art.
23-bis della legge T.a.r. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 698
5. Il decreto presidenziale inaudita altera parte . . . . . . . . . . . . . . . . . 706
6. La tutela cautelare ante causam in generale e nel codice dei contratti
pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 708
XVI Indice

7. Norme processuali ulteriori per le controversie relative a infrastrutture e
insediamenti produttivi (art. 246 del codice dei contratti pubblici) . . . . 719
8. L'attività istruttoria nel giudizio cautelare di appello . . . . . . . . . . . . 722
9. I caratteri della decisione d'appello: pro'li generali . . . . . . . . . . . . . 725
9.1. La cauzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 727
9.2. La liquidazione delle spese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 730
9.3. Il carattere decisorio dell'ordinanza cautelare . . . . . . . . . . . . . 730
9.4. La revocabilità dell'ordinanza cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . 732
9.5. L'inammissibilità del ricorso straordinario per cassazione avverso
l'ordinanza cautelare del Consiglio di Stato . . . . . . . . . . . . . . 733
9.5.1. Segue: e la sua conversione in regolamento preventivo di
giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 734
9.6. La revocazione dell'ordinanza cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . 734
9.7. La rinuncia all'istanza e agli effetti dell'ordinanza cautelare . . . . 736
9.8. L'ef'cacia dell'ordinanza cautelare e la sua « autorità » . . . . . . . 737
9.8.1. L'ef'cacia soggettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 737
9.8.2. L'ef'cacia « nel tempo » dell'ordinanza cautelare . . . . . 738
10. Le varie tipologie di ordinanze cautelari d'appello: l'atipicità della tutela
cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739
10.1. L'ordinanza di sospensione dell'atto amministrativo impugnato . . 742
10.1.1. Le conseguenze della sospensione in appello del provvedi-
mento impugnato sull'attività amministrativa . . . . . . . . 749
10.1.2. La distinzione tra sospensive « pure » e sospensive con
effetti positivi automatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 751
10.1.3. La modulazione degli effetti dell'ordinanza cautelare d'ap-
pello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 753
10.2. Le ordinanze cautelari propulsive (remand) . . . . . . . . . . . . . . 755
10.2.1. Il regime degli atti adottati a seguito di ordinanze cautelari
propulsive annullate in grado d'appello . . . . . . . . . . . 779
10.3. L'ingiunzione di pagamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 783
10.4. Misure cautelari con funzione conservativa . . . . . . . . . . . . . . 786
10.5. Il sequestro conservativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 786
10.6. Le ordinanze cautelari d'appello e il tempo dell'azione ammini-
strativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 789
10.6.1. La tutela cautelare avverso il silenzio-assenso e il silen-
zio-rigetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 791
10.6.2. La tutela cautelare avverso il silenzio-ri'uto . . . . . . . . 792
10.7. L'annullamento dell'ordinanza cautelare di primo grado e il rinvio
al giudice a quo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 795
11. La sospensione dell'esecutività della sentenza del T.a.r. . . . . . . . . . . . 796
11.1. L'esecutività della sentenza di primo grado . . . . . . . . . . . . . . 797
11.2. Esecutività e ottemperanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 798
11.3. La sospensione cautelare dell'esecutività della sentenza . . . . . . . 805
11.4. Proposizione dell'istanza e decisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 808
11.5. La proposizione dell'istanza con impugnazione del solo dispositivo
di sentenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 809
11.6. La sospensione dell'esecuzione in pendenza del termine di impu-
gnazione: contrasti giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 810
Indice XVII



11.7. Il destino degli atti adottati in attesa della pronuncia sull'istanza di
sospensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 812
11.8. L'inoppugnabilità della decisione sull'istanza di sospensione della
sentenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 812


Capitolo XIX
L'ATTIVITÀ ISTRUTTORIA IN APPELLO
(MARCO FRATINI)

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 815
2. Il sistema istruttorio: il principio dispositivo con metodo acquisitivo . . . 816
2.1. La distinzione tra fatti principali e fatti secondari . . . . . . . . . . 823
2.2. L'equilibrio tra potere istruttorio ex of'cio e onere della prova . . 825
2.3. La valutazione del comportamento processuale delle parti e il libero
apprezzamento del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 827
3. La connotazione del metodo acquisitivo nel giudizio d'appello . . . . . . 828
4. Il metodo acquisitivo in appello nelle controversie devolute alla giurisdi-
zione esclusiva del g.a. e in quelle risarcitorie. . . . . . . . . . . . . . . . . 831
5. Il principio devolutivo e l'istruttoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 833
5.1. Il sindacato d'appello sull'attività istruttoria di primo grado . . . . 836
5.2. L'ammissione in appello di nuovi mezzi di prova . . . . . . . . . . 839
5.3. L'ammissione in appello di nuove prove precostituite . . . . . . . . 845
6. I mezzi di prova. L'evoluzione (in sintesi) del regime istruttorio . . . . . . 851
6.1. I mezzi di prova nelle controversie devolute alla giurisdizione
esclusiva del g.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 857
6.2. I mezzi di prova nelle controversie risarcitorie . . . . . . . . . . . . 860
7. L'ammissione dei mezzi di prova nel giudizio d'appello. . . . . . . . . . . 860
7.1. L'acquisizione del fascicolo di primo grado e di nuovi documenti. 861
7.2. L'istruzione preliminare all'udienza di trattazione . . . . . . . . . . 863
7.2.1. ' prima della legge 205/2863' . . . . . . . . . . . . . . . 863
7.2.2. ' dopo la legge 205/2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 865
7.3. La competenza istruttoria del Presidente di Sezione e del magistrato
delegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 866
8. L'assunzione dei singoli mezzi di prova: rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . 868



Capitolo XX
LO SVOLGIMENTO DEL GIUDIZIO DI APPELLO
E LA FORMA DELLA DECISIONE
(MARCO FRATINI)

1. Cenni sull'ulteriore svolgimento del giudizio di appello . . . . . . . . . . . 869
2. La 'ssazione dell'udienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 871
3. La discussione del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 873
4. La deliberazione in camera di consiglio e il dispositivo della decisione . . 874
5. La redazione ed il deposito della decisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 876
XVIII Indice

6. L'ordine di esame elle questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 877
6.1. L'assorbimento dei motivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 881
7. La forma della decisione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 885
7.1. L'interpretazione sostanziale dell'art. 65 del r.d. 642/1907 . . . . . 888
8. La pronuncia sulle spese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 889
9. Le decisioni in forma sempli'cata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 890
10. La disciplina della fattispecie generale di decisione in forma sempli'cata. 891
10.1. Il destino « manifesto » del ricorso in appello . . . . . . . . . . . . 894
10.2. Il ruolo delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 895
10.3. Esame istruttorio ex art. 44, comma 2, T.U. Cons. Stato e decisione
sempli'cata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 898
10.4. Il carattere succinto della motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 900
10.5. La pronuncia adottata in forma sempli'cata in carenza dei presup-
posti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 901
11. La decisione in forma sempli'cata su ricorso per regolamento di
competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 903
12. La decisione sempli'cata su ricorso contro il silenzio-ri'uto . . . . . . . . 905
13. La rimessione all'Adunanza Plenaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 906
13.1. La procedura e la decisione dell'Adunanza Plenaria . . . . . . . . . 907



Parte Quinta
LA DECISIONE E LE ALTRE FORMULE TERMINATIVE
DEL GIUDIZIO DI APPELLO



Capitolo XXI
LE CONCLUSIONI ANOMALE DEL PROCESSO D'APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Premessa introduttiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 911
2. Il sopravvenuto difetto d'interesse, in generale . . . . . . . . . . . . . . . . 912
2.1. I caratteri dell'interesse a ricorrere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 913
2.2. La sopravvenuta carenza in relazione al ricorso di primo grado . . 916
2.3. La sopravvenuta carenza in relazione all'appello . . . . . . . . . . . 918
2.4. Casistica pretoria di ipotesi di sopravvenuta carenza di interesse . 919
3. La cessazione della materia del contendere . . . . . . . . . . . . . . . . . . 921
3.1. I presupposti della dichiarazione della cessata materia del contendere. 922
4. L'estinzione del processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 925
4.1. Il fenomeno estintivo nel processo civile . . . . . . . . . . . . . . . 926
4.2. L'estinzione del giudizio amministrativo d'appello . . . . . . . . . . 026
4.2.1. L'estinzione per inattività delle parti . . . . . . . . . . . . . 927
4.2.2. La mancata comparizione all'udienza . . . . . . . . . . . . 928
4.3. La rinuncia agli atti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 928
4.3.1. La rinuncia all'appello e la rinuncia al ricorso di primo
grado ed agli effetti della sentenza . . . . . . . . . . . . . . 931
Indice XIX



4.3.2. Decorrenza dell'effetto estintivo . . . . . . . . . . . . . . . 932
4.3.3. Il rito monocratico introdotto dalla l. n. 205/2000 . . . . . 933
4.4. L'estinzione parziale: la rinuncia ai motivi. . . . . . . . . . . . . . . 936
4.5. La rinuncia all'azione e l'acquiescenza . . . . . . . . . . . . . . . . . 937
4.6. La perenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 940
4.6.1. La perenzione biennale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 940
4.6.1.1. L'istanza di 'ssazione dell'udienza . . . . . . . . 941
4.6.1.2. Casi, modalità e forme dichiarative della peren-
zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 943
4.6.2. La speciale perenzione ultradecennale . . . . . . . . . . . . 945


Capitolo XXII
LA DECISIONE
(MARCO FRATINI)

1. La decisione. Pro'li generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 947
2. La portata dispositiva delle decisioni d'appello: quadro sintetico . . . . . 950
3. Le decisioni in rito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 954
3.1. Irricevibilità dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 955
3.2. Inammissibilità dell'appello. Casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . 955
3.3. Improcedibilità dell'appello. Casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . 959
3.4. Cessazione della materia del contendere, sopravvenuta carenza di
interesse, rinuncia e perenzione dell'appello (parziale rinvio) . . . . 960
3.5. Il problema dell'idoneità al giudicato delle decisioni in rito (rinvio). 961
4. L'annullamento senza rinvio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 961
4.1. Il difetto di giurisdizione. Il problema della sua rilevabilità d'uf'cio. 962
4.1.1. I recenti sviluppi giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . 963
4.2. Il difetto di competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 965
4.3. Le cause estintive ed impeditive del giudizio . . . . . . . . . . . . . 967
4.3.1. L'errore scusabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 968
4.4. La nullità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 970
4.4.1. La querela nullitatis nel giudizio amministrativo . . . . . . 970
5. L'annullamento con rinvio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 978
5.1. La disciplina codicistica del rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 981
5.2. Il rinvio nel giudizio amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 982
5.3. « Errores in procedendo ». Casistica giurisprudenziale . . . . . . . . 984
5.4. L'ambito semantico degli « errores in iudicando » . . . . . . . . . . 988
5.4.1. Casistica giurisprudenziale degli « errores in iudicando » . 989
5.5. Lo svolgimento del giudizio di rinvio a seguito dell'annullamento . 990
6. L'annullamento come « extrema ratio » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 991
7. La decisione nel merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 992
7.1. La decisione di rigetto dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 993
7.2. La decisione di accoglimento dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . 994
7.3. La portata precettiva delle decisioni nel merito. L'accertamento
come indefettibile « prius » logico-giuridico . . . . . . . . . . . . . . 995
7.3.1. La decisione di accertamento . . . . . . . . . . . . . . . . . 996
7.3.2. La decisione a effetti costitutivi . . . . . . . . . . . . . . . . 1000
XX Indice

7.3.2.1. L'effetto demolitorio . . . . . . . . . . . . . . . . . 1002
7.3.2.2. L'effetto ripristinatorio . . . . . . . . . . . . . . . . 1007
7.3.2.3. L'effetto conformativo . . . . . . . . . . . . . . . . 1009
7.3.3. La decisione di condanna. Il risarcimento per equivalente. 1011
7.3.3.1. La reintegrazione in forma speci'ca . . . . . . . 1014
7.3.3.2. Il rapporto tra risarcimento del danno per equi-
valente e risarcimento in forma speci'ca . . . . 1020


Capitolo XXIII
I RIMEDI ESPERIBILI AVVERSO LA DECISIONE D'APPELLO
(GABRIELE CARLOTTI)

1. Cenni ai rimedi esperibili avverso la decisione di appello. La revocazione. 1023
1.1. La disciplina positiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1025
1.2. Il rapporto tra appello e revocazione delle sentenze del T.a.r. . . . 1027
1.3. Giudice competente, legittimazione al ricorso e termini di proposi-
zione della revocazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1030
1.4. Motivi di revocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1032
1.5. Fisionomia, forme e termini della revocazione . . . . . . . . . . . . 1038
2. L'opposizione di terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1040
2.1. L'opposizione di terzo ordinaria e la nozione di terzo. . . . . . . . 1041
2.2. L'opposizione di terzo revocatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1045
2.3. L'opposizione di terzo e il processo amministrativo: problemi
« storici » di adattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1047
2.4. I soggetti legittimati all'opposizione di terzo ordinaria nel processo
amministrativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1050
2.5. I provvedimenti impugnabili, il giudice competente e il coordina-
mento tra appello e opposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1053
2.6. Il termine di proposizione e lo svolgimento del giudizio . . . . . . 1054
2.7. La decisione sull'opposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1057
2.8. L'opposizione di terzo revocatoria nel processo amministrativo . . 1058
3. Il ricorso per cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1058
3.1. I casi di ricorso per cassazione, la disciplina del procedimento
(rinvio) e il suo possibile esito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1059
4. La correzione degli errori materiali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1063
4.1. L'errore inerente la sottoscrizione del giudice . . . . . . . . . . . . 1064
4.2. Il procedimento e le modalità di correzione . . . . . . . . . . . . . 1066



Capitolo XXIV
IL GIUDICATO
(MARCO FRATINI)

1. Origine, funzione e fondamento del giudicato . . . . . . . . . . . . . . . . 1067
2. L'elaborazione teorica del concetto di cosa giudicata . . . . . . . . . . . . 1069
3. Giudicato formale e giudicato sostanziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1071
Indice XXI



4. Il giudicato amministrativo. Connotazioni peculiari (e non) nella giurisdi-
zione di legittimità, in quella esclusiva e di merito . . . . . . . . . . . . . . 1073
5. La formazione del giudicato amministrativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . 1078
5.1. Il giudicato implicito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1080
5.2. L'acquiescenza (parziale rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1081
6. Giudicato e decisione di rigetto del ricorso di primo grado . . . . . . . . 1082
6.1. Giudicato e decisione in rito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1086
7. L'oggetto del giudicato e i suoi limiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1090
7.1. Il ruolo della motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1091
7.2. Il giudicato e la sorte degli atti consequenziali . . . . . . . . . . . . 1095
7.3. Il giudicato e la riedizione del potere amministrativo . . . . . . . . 1097
7.3.1. La violazione e l'elusione del giudicato . . . . . . . . . . . 1099
7.4. Le sopravvenienze in fatto e in diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . 1104
7.5. Il rapporto tra giudicato e autotutela . . . . . . . . . . . . . . . . . 1108
8. L'ef'cacia soggettiva del giudicato. Pro'li di diritto processuale civile . . 1112
8.1. L'estensione e la limitazione soggettiva del giudicato ammini-
strativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1114
8.2. Il potere dell'amministrazione di estendere a terzi gli effetti favore-
voli del giudicato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

COMMENTI DEI LETTORI A «L' appello al Consiglio di Stato»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L' appello al Consiglio di Stato»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L' appello al Consiglio di Stato»