Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Il sistema penale'

Ingrandisci immagine


Il sistema penale


di

Aleo Salvatore

 

Disponibile in 30/31 gg. Disponibilità incerta a causa dell'emergenza sanitaria
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Il sistema penale»

Tipo Libro
Titolo Il sistema penale
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814138577
Pagine XX-574
Data 2008

INDICE DI «Il sistema penale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE

pag.
Nota per il lettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XV
Prefazione alla terza edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIX




Parte prima
LA PARTE GENERALE DEL DIRITTO PENALE


Capitolo I
INTRODUZIONE. IL SISTEMA PENALE
E I PRINCIPI FONDAMENTALI . . . . . . . . . . 3


Capitolo II
PROFILI DI STORIA DEL DIRITTO PENALE
E DELLA CULTURA PENALISTICA
1. Premessa. La funzione della pena. La pratica della vendetta. Il medioevo. 11
2. Il problema penale nella cultura illuministica . . . . . . . . . . . . . . . . 15
3. La codi'cazione e le scuole del diritto penale in Italia . . . . . . . . . . . 24


Capitolo III
LA LEGGE PENALE E I DIVERSI ASPETTI
DEL PRINCIPIO DI LEGALITÀ
1. Il principio di legalità e di riserva di legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2. I corollari del principio di legalità e gli altri principi del diritto e della
responsabilità penale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3. Le esigenze di determinatezza e tassatività della previsione legale e le
ragioni della crisi dell'astrattezza e generalità delle forme giuridiche. La
tendenza di 'decodi'cazione' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
4. Il divieto di applicazione analogica della norma penale . . . . . . . . . . . 49
5. L'applicazione della legge penale nel tempo: i principi d'irretroattività
della norma penale e di retroattività della disposizione più favorevole
all'imputato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
6. L'applicazione della legge penale nello spazio: il principio di territorialità
e la disciplina dell'estradizione. La nozione di reato trasnazionale della
Convenzione di Palermo del 2000 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 54
VIII INDICE



7. La presunzione di conoscenza della legge penale . . . . . . . . . . . . . . 57
8. Il rapporto fra norme penali: principio di specialità e rapporto di
sussidiarietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
9. La struttura del nostro codice penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
10. I principi costituzionali in materia penale e giurisdizionale. . . . . . . . . 62


Capitolo IV
LA STRUTTURA DEL REATO
1. La de'nizione di reato e la distinzione fra delitti e contravvenzioni. . . . 67
2. La nozione di fattispecie e la struttura del reato . . . . . . . . . . . . . . . 69
3. La distinzione fra danno e pericolo nel reato. Reati di danno e reati di
pericolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
4.1. Il rapporto di causalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
4.2. L'insuf'cienza dello schema causale nell'analisi della complessità: la no-
zione di relazione funzionale nelle teorie dei sistemi e dell'organizzazione. 82
4.3. La causalità dell'omissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5. Responsabilità, colpevolezza e imputabilità. La nozione di responsabilità
oggettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6. Il dolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
7. La colpa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
8. La distinzione fra colpa cosciente e dolo eventuale . . . . . . . . . . . . . 100
9. La preterintenzione e i delitti aggravati dall'evento . . . . . . . . . . . . . 102
10. Le condizioni obiettive di punibilità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
11. Cause di esclusione della colpevolezza: caso fortuito, forza maggiore e
costringimento 'sico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
12. La disciplina dell'errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 110
12.1. L'errore di fatto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 111
12.2. L'errore di diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
13. Le cause di giusti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
13.1. Legittima difesa e stato di necessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
13.2. Consenso dell'avente diritto; esercizio di un diritto; adempimento di
un dovere; uso legittimo delle armi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
13.3. Eccesso colposo nelle cause di giusti'cazione. . . . . . . . . . . . . 118
13.4. Errore sulle cause di giusti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
14. I reati commessi col mezzo della stampa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120


Capitolo V
LE FORME DI MANIFESTAZIONE DEL REATO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
2.1. Il delitto tentato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
2.2. La desistenza volontaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
2.3. Il recesso attivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
2.4. Il reato supposto erroneamente e il reato impossibile . . . . . . . . . . . . 132
3.1. Le circostanze del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.2. I criteri di attribuzione delle circostanze. L'errore sulle circostanze. . . . 144
INDICE IX



3.3. I criteri di applicazione delle circostanze. Il criterio di comparazione o
bilanciamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.1. Il concorso di persone nel reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
4.2. Concorso eventuale e concorso necessario: i reati plurisoggettivi . . . . . . 160
4.3. La cooperazione nel delitto colposo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4.4. Le circostanze aggravanti e attenuanti del concorso di persone nel reato. 161
4.5. Accordo e istigazione non seguiti dal reato. Le deroghe. I criteri di alcuni
altri codici e ordinamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
4.6. Reato diverso da quello voluto da taluno dei concorrenti . . . . . . . . . 170
4.7. Concorso di persone nel reato proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
4.8. I criteri di valutazione delle circostanze nel concorso di persone nel
reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
5. Il concorso di reati: concorso materiale, concorso formale e reato conti-
nuato; aberratio ictus e aberratio delicti; reato complesso . . . . . . . . . . 174


Capitolo VI
IL REO E LA PERSONA OFFESA DAL REATO
1.1. L'imputabilità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183
1.2. Determinazione e preordinazione degli stati d'incapacità . . . . . . . . . . 184
1.3. Le cause di esclusione o diminuzione dell'imputabilità . . . . . . . . . . . 185
1.3.1. L'infermità di mente: totale o parziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
1.3.2. L'ubriachezza: accidentale o fortuita; volontaria o colposa; preor-
dinata; abituale; la cronica intossicazione da alcool . . . . . . . . . 188
1.3.3. I fatti commessi sotto l'azione di sostanze stupefacenti . . . . . . . 190
1.3.4. Il sordomutismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
1.3.5. La minore età . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
2. La recidiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
3. La persona offesa dal reato e il diritto di querela . . . . . . . . . . . . . . 197


Capitolo VII
LE CONSEGUENZE ('SANZIONI') GIURIDICHE DEL REATO
1. Le pene. Pene principali e accessorie. Pene detentive e pecuniarie . . . . 201
2. Il potere discrezionale del giudice nell'applicazione della pena . . . . . . 205
3. Computo delle pene. Ragguaglio fra pene pecuniarie e pene detentive. La
conversione delle pene pecuniarie: la libertà controllata e il loro sostitu-
tivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 207
4. Le sanzioni sostitutive delle pene detentive brevi: la semidetenzione e la
libertà controllata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
5. Le cause di estinzione del reato e della pena. . . . . . . . . . . . . . . . . 212
5.1. La morte del reo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
5.2. L'amnistia, l'indulto e la grazia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
5.3. La remissione della querela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
5.4. La prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
5.5. L'oblazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
5.6. La sospensione condizionale della pena . . . . . . . . . . . . . . . . 221
X INDICE



5.7. Il perdono giudiziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
5.8. Le cause di estinzione della pena: 1) la morte del reo dopo la
condanna; 2) il decorso del tempo; 3) l'indulto; 4) la grazia; 5) la
liberazione condizionale; 6) la riabilitazione. La non menzione della
condanna nel certi'cato del casellario giudiziale . . . . . . . . . . . 228
6. Le sanzioni (obbligazioni) civili nascenti dal reato. . . . . . . . . . . . . . 235
7. Le misure di sicurezza. La nozione di pericolosità sociale dell'individuo.
Le nozioni di delinquente abituale, professionale e per tendenza . . . . . 237
7.1. Le misure di sicurezza personali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
7.1.1. Le misure di sicurezza personali detentive: 1) colonia agri-
cola e casa di lavoro; 2) casa di cura e di custodia; 3)
manicomio giudiziario (ospedale psichiatrico giudiziario); 4)
riformatorio giudiziario (collocamento in comunità). . . . . 248
7.1.2. Le misure di sicurezza personali non detentive: 1) libertà
vigilata; 2) divieto di soggiorno in uno o più Comuni o in
una o più Province; 3) divieto di frequentare osterie e
pubblici spacci di bevande alcooliche; 4) espulsione dello
straniero dallo Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
7.2. Le misure di sicurezza patrimoniali: 1) cauzione di buona condotta;
2) con'sca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
8. Le misure di prevenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
8.1. Le misure di polizia durante l'Ottocento . . . . . . . . . . . . . . . 261
8.2. La legge n. 1423 del 1956 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
8.3. La riforma contenuta nella legge n. 327 del 1988 . . . . . . . . . . 266
8.4. Le disposizioni contro la ma'a delle leggi n. 575 del 1965 e n. 646
del 1982. Le indagini e le misure di prevenzione di carattere
patrimoniale. L'estensione operata con la legge n. 55 del 1990. . . 267
8.5. La misura amministrativa del divieto di accesso ai luoghi dove si
svolgono manifestazioni sportive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272



Parte seconda
ALTRI PROFILI NORMATIVI E ISTITUZIONALI

Capitolo I
IL PROCESSO PENALE
1. Introduzione. Il codice del 1988. Processo inquisitorio e processo accusa-
torio. Il 'giusto processo'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
2. I soggetti del procedimento penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 281
2.1. Il giudice. Giurisdizione e competenza . . . . . . . . . . . . . . . . 282
2.2. Il pubblico ministero. L'azione penale . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
2.3. La polizia giudiziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
2.4. L'imputato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
2.5. La parte civile. Il responsabile civile. La persona civilmente obbli-
gata per la pena pecuniaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
INDICE XI



2.6. La persona offesa dal reato. La partecipazione degli enti e delle
associazioni rappresentative di interessi lesi dal reato . . . . . . . . 287
2.7. Il difensore, di 'ducia e d'uf'cio. Il patrocinio dei non abbienti . 288
3. Le regole sulla competenza dei giudici, per materia e per territorio . . . . 289
4. Gli atti e le prove. Le misure cautelari: rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . 293
5. La tutela penale del processo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
6. Le indagini preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
6.1. L'attività di coordinamento del procuratore nazionale antima'a . . 306
6.2. Le attività a iniziativa della polizia giudiziaria . . . . . . . . . . . . 308
6.3. Arresto in 'agranza e fermo di indiziato di delitto . . . . . . . . . . 309
6.4. Le investigazioni difensive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
6.5. L'incidente probatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
6.6. La chiusura delle indagini preliminari, l'esercizio dell'azione penale
ovvero la richiesta di archiviazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 316
6.7. Il potere di avocazione delle indagini da parte del procuratore
generale e del procuratore nazionale antima'a . . . . . . . . . . . . 319
6.8. L'udienza preliminare. Il fascicolo per il dibattimento. . . . . . . . 321
7. Le misure cautelari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
7.1. Le misure cautelari personali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
7.2. Le misure cautelari reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331
8. I procedimenti speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
8.1. Il giudizio abbreviato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
8.2. L'applicazione della pena su richiesta delle parti ('patteggiamento
sulla pena') . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
8.3. Il giudizio direttissimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
8.4. Il giudizio immediato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 338
8.5. Il procedimento per decreto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
9. Il dibattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
9.1. L'istruzione dibattimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 343
9.2. Le letture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
9.3. La modi'ca dell'imputazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
9.4. La discussione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
10. La sentenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
11. Il procedimento davanti al tribunale in composizione monocratica . . . . 351
12. Le impugnazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 352
12.1. L'appello. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
12.2. Il ricorso per cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
12.3. La revisione, e la relativa riparazione dell'errore giudiziario . . . . 364
13. Il giudicato e l'esecuzione penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
13.1. Il giudicato e i suoi effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
13.2. Il giudice dell'esecuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 367
13.3. Il magistrato e il tribunale di sorveglianza. . . . . . . . . . . . . . . 369
14. Il casellario giudiziale. Le spese del processo. . . . . . . . . . . . . . . . . 372
15. I rapporti giurisdizionali con i Paesi stranieri: 1) l'estradizione; 2) le
rogatorie internazionali; 3) gli effetti delle sentenze penali straniere e
l'esecuzione all'estero delle sentenze penali italiane . . . . . . . . . . . . . 374
15.1. L'estradizione: per l'estero e dall'estero . . . . . . . . . . . . . . . . 375
15.2. Le rogatorie internazionali: dall'estero e all'estero . . . . . . . . . . 379
XII INDICE



15.3. Gli effetti delle sentenze penali straniere e l'esecuzione all'estero
delle sentenze penali italiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
15.4. Il mandato di arresto europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
16. La competenza e il procedimento penale del giudice di pace . . . . . . . 387

Capitolo II
LA DISCIPLINA DEL PROCESSO PENALE
A CARICO DI IMPUTATI MINORENNI
1. Introduzione. I principi generali del processo penale minorile. . . . . . . 395
2. La disciplina penale sostanziale: imputabilità; perdono giudiziale; misure
di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
3. Il tribunale per i minorenni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
4. Gli accertamenti sulla personalità del minorenne. Assistenza e tutela
dell'imputato minorenne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
5. La disciplina delle restrizioni della libertà personale: arresto; fermo;
accompagnamento a seguito di 'agranza; misure cautelari. Il centro di
prima accoglienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 403
6. Procedimenti speciali. Irrilevanza del fatto. Sospensione del processo e
messa alla prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409
7. Udienza preliminare. Dibattimento. Giudizio di appello. Esecuzione . . . 413

Capitolo III
L'ORDINAMENTO PENITENZIARIO
1. Introduzione. Le riforme dell'ordinamento penitenziario . . . . . . . . . . 419
2. Gli istituti penitenziari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 420
3. Il trattamento penitenziario rieducativo e il regime penitenziario. Il regime
speciale dell'art. 41-bis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
4. Le misure alternative alla detenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 426
5. La magistratura di sorveglianza: il magistrato e il tribunale di sorveglian-
za. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 433
6. I centri di servizio sociale e le attribuzioni degli educatori . . . . . . . . . 436

Capitolo IV
L'ORDINAMENTO GIUDIZIARIO
1. I soggetti dell'ordine giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 437
2. Le 'guarentigie' della magistratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
3. Il Consiglio superiore della magistratura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444

Capitolo V
LA PROBLEMATICA DELLA CRIMINALITÀ ORGANIZZATA
E DELLE FIGURE DELITTUOSE ASSOCIATIVE
1. La nozione di criminalità organizzata. La storia delle 'gure delittuose
associative nella codi'cazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
INDICE XIII



1.1. Il crimine dell'associazione di malfattori del codice napoleonico e il
delitto della società formata per commettere delitti del codice
toscano del 1853 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
1.2. Segue. Le considerazioni di Carrara sulle 'bande' e il delitto
associativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
1.3. Il delitto di associazione per delinquere nel codice Zanardelli . . . 454
1.4. Le 'gure delittuose associative nel nostro sistema penale . . . . . . 457
2. La funzione autonoma delle 'gure delittuose associative . . . . . . . . . . 462
3. Le carenze di tassatività e determinatezza, corollari della complessità dei
dati oggetto della considerazione, e della rappresentazione. . . . . . . . . 468
4. La 'gura autonoma dell'associazione di tipo ma'oso . . . . . . . . . . . . 470
5. L'associazione di malfattori nel nuovo codice francese . . . . . . . . . . . 473
6. Il problema della de'nizione generale e sistematica della criminalità
organizzata nella Convenzione delle Nazioni Unite del 2000. . . . . . . . 475
7. La problematica e la teoria generale dell'organizzazione . . . . . . . . . . 477
8. La problematica del concorso 'esterno' nei delitti associativi . . . . . . . 480
9. La circostanza aggravante dei delitti connessi con l'attività dell'associa-
zione ma'osa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
10. La de'nizione generale e sistematica della nozione di organizzazione
criminale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 484


Capitolo VI
LA CATEGORIA DEL REATO POLITICO
E LA PROBLEMATICA DEL TERRORISMO
1. Il crimen maiestatis nel diritto romano e nel diritto intermedio . . . . . . 487
2. I crimini e delitti contro la sicurezza dello Stato nei codici napoleonico e
Zanardelli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 489
3. I delitti contro la personalità dello Stato nel codice Rocco . . . . . . . . . 490
3.1. Le disposizioni generali e comuni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 490
3.2. Le associazioni sovversive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 492
3.3. L'associazione terroristica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 496
4. La rilevanza della dimensione organizzativa nella categoria del reato
politico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 498


Capitolo VII
I DELITTI DEI PUBBLICI UFFICIALI
CONTRO LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501
2. Le quali'che soggettive: le nozioni di pubblico uf'ciale, persona incaricata
di un pubblico servizio, persone esercenti un servizio di pubblica
necessità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
3. Il peculato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
4. La malversazione e l'indebita percezione di erogazioni a danno dello
Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 515
5. La concussione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
XIV INDICE



6. La corruzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
7. Estensione delle previsioni delittuose precedenti ai membri degli organi e
funzionari delle Comunità europee e di Stati esteri. La misura della
con'sca nei delitti dei pubblici uf'ciali contro la pubblica amministra-
zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 526
8. L'abuso d'uf'cio. La 'gura abrogata dell'interesse privato in atti d'uf'-
cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528
9. La circostanza attenuante della particolare tenuità dei delitti dei pubblici
uf'ciali contro la pubblica amministrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 534
10. Le violazioni dei segreti di uf'cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 535
11. Il ri'uto e l'omissione di atti d'uf'cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
12. Le altre previsioni del capo dei delitti dei pubblici uf'ciali contro la
pubblica amministrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539
13. La responsabilità amministrativa delle persone giuridiche per reati . . . 540


Capitolo VIII
IL DIRITTO PENALE INTERNAZIONALE . . . . . . . 547


Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561

COMMENTI DEI LETTORI A «Il sistema penale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Il sistema penale»

ALTRI LIBRI DI «Aleo Salvatore»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Il sistema penale»