Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame'

Ingrandisci immagine


Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame

(Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.)


di

Bassi Alessandra, Epidendio Tomaso E.

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame»

Tipo Libro
Titolo Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814138423
Pagine XIX-942
Data 2008
Collana Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.

INDICE DI «Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE

pag.
Premessa alla terza edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ix
Parte prima
IL PROCEDIMENTO

Capitolo 1
LINEE GENERALI SULLE DIVERSE TIPOLOGIE
DEI MEZZI DI IMPUGNAZIONE AVVERSO
I PROVVEDIMENTI CAUTELARI PERSONALI E REALI
(di T.E. Epidendio)

1.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2. L'assetto normativo delle impugnazioni avverso le misure cautelari
penali: linee essenziali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
1.2.1. Il riesame ex art. 309 c.p.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
1.2.2. L'appello ex art. 310 c.p.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.2.3. Il ricorso per saltum ex art. 311 c.p.p . . . . . . . . . . . . . . 15
1.2.4. Il riesame ex art. 324 c.p.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.2.5. L'appello ex art. 322-bis c.p.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20



Sezione Prima
I RICORSI AVVERSO I PROVVEDIMENTI
IN MATERIA DI MISURE PERSONALI

Capitolo 2
LA PROPOSIZIONE DEL MEZZO D'IMPUGNAZIONE
(di T.E. Epidendio)

2.1. I soggetti legittimati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
2.2. I provvedimenti impugnabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
2.3. I termini per l'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
xii indice


pag.
2.4. Le forme di presentazione del ricorso, gli organi competenti per
la decisione e la decorrenza dei termini per la trasmissione degli
atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
2.5. La sospensione feriale dei termini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97


Capitolo 3
LA TRASMISSIONE DEGLI ATTI
(di T.E. Epidendio)

3.1. La procedura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
3.2. Le forme di trasmissione degli atti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
3.3. L'oggetto della trasmissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
3.3.1. Il riesame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 120
3.3.1.1. Gli atti di polizia giudiziaria . . . . . . . . . . . . . 128
3.3.1.1.1. Gli atti di indagine del Pubblico
Ministero . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
3.3.1.2. Gli atti di indagine della difesa . . . . . . . . . . . 135
3.3.1.3. `
Gli atti relativi alla legittimita e utilizzabilita `
dei mezzi di prova e gli atti processuali . . . . . 148
3.3.1.4. L'interrogatorio di garanzia e l'interrogatorio
in udienza di convalida. . . . . . . . . . . . . . . . . 163
3.3.1.5. Gli elementi favorevoli e gli atti sopravve-
nuti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
3.3.1.6. Gli elementi nuovi e le produzioni delle parti . 169
3.3.1.7. L'integrazione degli atti e l'acquisizione d'uffi-
cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
3.3.1.8. Casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
3.3.1.8.1. Gli ''omissis'' . . . . . . . . . . . . . . . 179
3.3.1.8.2. La trasmissione degli atti da parte
del giudice del dibattimento . . . . 181
3.3.1.8.3. La trasmissione degli atti relativi
al latitante e all'estradando e gli
atti acquisiti dall'autorita giudi- `
ziaria straniera . . . . . . . . . . . . . . 184
3.3.2. L'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
3.3.2.1. Gli atti da trasmettere . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
3.3.2.2. Casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
3.3.2.3. L'appello del Pubblico Ministero. . . . . . . . . . 193
3.3.2.4. L'appello e la produzione di elementi nuovi . . 194
3.3.2.5. L'acquisizione di atti ''ex officio'' . . . . . . . . . 198
indice xiii


Capitolo 4
LA FISSAZIONE
DELL'UDIENZA DI
TRATTAZIONE DEL RICORSO
(di A. Bassi)
pag.
4.1. `
Il vaglio preliminare di ammissibilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
4.2. `
La dichiarazione di inammissibilita del ricorso . . . . . . . . . . . . . . 211
4.3. `
L'attivita presidenziale di fissazione della data dell'udienza di trat-
tazione del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
4.4. Gli avvisi della data fissata per l'udienza in caso di riesame. . . . . 218
4.4.1. L'avviso al P.M . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221
4.4.2. L'avviso all'imputato/indagato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
4.4.3. L'avviso al difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 232
4.5. Il contenuto dell'avviso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
4.6. Le forme dell'avviso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
4.7. La natura del termine di tre giorni per l'avviso. . . . . . . . . . . . . . 258
4.8. Le conseguenze processuali in caso di mancato, viziato o tardivo
avviso alle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
4.9. Gli avvisi della data fissata per l'udienza in caso di appello . . . . . 277



Capitolo 5
L'UDIENZA CAMERALE
(di A. Bassi)


5.1. La partecipazione delle parti all'udienza camerale. . . . . . . . . . . . 283
5.2. Il rinvio dell'udienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
5.3. L'impedimento a comparire del difensore e l'adesione all'asten-
`
sione collettiva dall'attivita difensiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
5.4. Il principio di immediatezza della deliberazione ed il principio di
`
immutabilita del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 306
5.5. La discussione in camera di consiglio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
5.6. `
La possibilita per le parti di allegare nuovi motivi . . . . . . . . . . . 310
5.7. `
La possibilita per le parti di produrre documenti o altri elementi
probatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 313
5.8. Le indagini difensive e gli atti provenienti da Autorita Giudiziaria `
straniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 319
5.9. L'acquisizione degli atti da parte del Tribunale. . . . . . . . . . . . . . 322
5.10. Gli accertamenti da parte del Tribunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
xiv indice


Capitolo 6
LA DECISIONE DEL RIESAME
(di A. Bassi)
pag.
6.1. Le questioni deducibili in sede di riesame in materia di misure coer-
citive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
6.2. Le questioni processuali concernenti vizi del procedimento di rie-
same. L'inefficacia sopravvenuta della misura per intempestiva tra-
smissione degli atti o ritardata decisione del ricorso . . . . . . . . . . 338
6.2.1. L'inefficacia sopravvenuta della misura per inosservanza
del termine per la decisione del ricorso . . . . . . . . . . . . . 340
6.2.2. La sede processuale nella quale deve essere dedotta l'inef-
ficacia sopravvenuta della misura . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
6.3. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi del procedimento
`
di riesame. La nullita per omesso, viziato o tardivo avviso di fissa-
zione dell'udienza alle parti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
6.4. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi del procedimento
`
di riesame. La nullita per mancata traduzione in udienza o per
omessa audizione da parte del Magistrato di Sorveglianza dell'in-
dagato detenuto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
6.5. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza coercitiva
` `
danti luogo a nullita insanabile. La nullita per mancato interroga-
torio a piede libero nel caso di rinnovazione della misura ai sensi
dell'art. 302 c.p.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 348
6.6. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza
`
coercitiva danti luogo a nullita insanabile. La nullita dell'ordi- `
nanza per difetto assoluto degli elementi strutturali del provvedi-
mento cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
6.6.1. `
La mancata indicazione delle generalita dell'indagato . . . 353
6.6.2. L'omessa descrizione del fatto e delle norme di legge violate 354
6.6.3. La carenza assoluta di motivazione. . . . . . . . . . . . . . . . 361
6.6.4. La mancata indicazione della data e l'omessa sottoscri-
zione del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
6.7. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza
`
coercitiva danti luogo a nullita insanabile. La violazione del prin-
cipio della domanda cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
6.8. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza
`
coercitiva danti luogo a nullita insanabile. La nullita per difetto `
`
di capacita del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 380
6.9. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza
`
coercitiva danti luogo a nullita insanabile. La nullita per violazione`
del ne bis in idem sostanziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
indice xv


pag.
6.10. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza coercitiva
`
danti luogo a nullita sanabile. Il difetto non assoluto di motiva-
zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
6.11. Segue. Le questioni processuali concernenti vizi dell'ordinanza
`
coercitiva danti luogo a nullita sanabile. L'omessa indicazione
del termine di scadenza della misura in relazione alle indagini da
compiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 391
6.12. Altre questioni processuali. Il sindacato sulla competenza territo-
riale e funzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
6.13. Segue. Altre questioni processuali. L'incompatibilita, l'astensione e `
la ricusazione del giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
6.14. Segue. Altre questioni processuali. L'omessa traduzione dell'ordi-
nanza nella lingua straniera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
6.15. Segue. Altre questioni processuali. Il sindacato sulla qualificazione
giuridica del fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 408
6.16. `
Segue. Altre questioni processuali. La nullita dell'ordinanza per
omessa tempestiva ammissione al gratuito patrocinio . . . . . . . . . 409
6.17. Le questioni di merito. Le condizioni di applicabilita della misura ` 411
6.18. Segue. Le questioni di merito. I gravi indizi . . . . . . . . . . . . . . . . 418
6.19. Segue. Le questioni di merito. Le esigenze cautelari . . . . . . . . . . 431
6.20. Segue. Le questioni di merito. I principi di adeguatezza e di pro-
`
porzionalita della misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
6.21. Segue. Le questioni di merito. I parametri oggettivi e soggettivi del
giudizio di adeguatezza e proporzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
6.22. Le questioni non deducibili in sede di riesame . . . . . . . . . . . . . . 472



Capitolo 7
LA DECISIONE DELL'APPELLO
(di A. Bassi)

7.1. Le questioni deducibili in sede di appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . 478
7.2. Le questioni processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
7.3. Segue. Le questioni processuali. La violazione del principio della
domanda cautelare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
7.4. Segue. Le questioni processuali. L'inefficacia sopravvenuta per
omessa o tardiva rinnovazione della misura emessa da giudice in-
competente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
7.5. Segue. Le questioni processuali. La caducazione della misura per
vizi dell'interrogatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
7.6. Segue. Le questioni processuali. Il vizio di motivazione . . . . . . . . 502
xvi indice


pag.
7.7. Segue. Le questioni processuali. La scadenza dei termini di custo-
dia cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
7.7.1. La determinazione dei termini massimi di custodia caute-
lare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
7.7.2. L'ampliamento del termine massimo di custodia cautelare
per la fase del giudizio ai sensi dell'art. 303 comma 1 lett.
b) n. 3-bis c.p.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
7.7.3. Il computo dei termini di custodia cautelare nei casi di
evasione o di regresso del procedimento . . . . . . . . . . . . 527
7.7.4. I criteri di computo dei termini di custodia cautelare . . . 533
7.7.5. Il fenomeno della c.d. contestazione a catena. . . . . . . . . 539
7.7.6. Il computo della custodia cautelare sofferta all'estero . . . 547
7.8. Segue. Le questioni processuali. La rinnovazione della misura per
esigenze probatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 548
7.9. Segue. Le questioni processuali. La sospensione dei termini di cu-
stodia cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 552
7.10. Segue. Le questioni processuali. La proroga dei termini di custodia
cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 577
7.11. Segue. Le questioni processuali. L'inefficacia sopravvenuta per in-
tempestiva trasmissione degli atti e per decisione tardiva del ricorso 581
7.12. Segue. Le questioni processuali. L'estinzione della misura per ef-
fetto della pronuncia di determinate sentenze . . . . . . . . . . . . 582
7.13. Le questioni di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 584
7.14. `
Segue. Le questioni di merito. L'incompatibilita delle condizioni di
salute con il regime carcerario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 587
7.15. Segue. Le questioni di merito. La sostituzione della misura o il cu-
mulo con altra misura piu grave in caso di trasgressione alle pre-
`
scrizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 592
7.16. Segue. Le questioni di merito. L'impugnazione avverso i provvedi-
menti in caso di scarcerazione per decorrenza dei termini ai sensi
dell'art. 307 c.p.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 596
7.17. `
La definizione di nuove modalita e prescrizioni attinenti alle mi-
sure cautelari non carcerarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 604
7.18. L'appello sulle misure interdittive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 607


Capitolo 8
LA DECISIONE DEI RICORSI
IN MATERIA DI MISURE DI SICUREZZA
(di A. Bassi)

8.1. L'applicazione provvisoria di misure di sicurezza . . . . . . . . . . . . 615
indice xvii


pag.
8.2. Le questioni deducibili in sede di riesame avverso i provvedimenti
in materia di misure di sicurezza provvisorie . . . . . . . . . . . . . . . 622
8.3. Le questioni deducibili in sede di appello avverso i provvedimenti
in materia di misure di sicurezza provvisorie . . . . . . . . . . . . . . . 629


Capitolo 9
L'ESITO DEL RICORSO
(di A. Bassi)

9.1. La decisione del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
9.2. Le formule decisorie del giudizio di riesame . . . . . . . . . . . . . . . . 638
9.3. Le formule decisorie dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 648
9.4. `
L'effetto estensivo e l'esecutivita della decisione . . . . . . . . . . . . . 662
9.5. La condanna alle spese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 666


Sezione Seconda
I RICORSI IN MATERIA DI MISURE REALI

Capitolo 10
LE IMPUGNAZIONI AVVERSO
LE MISURE CAUTELARI REALI
(di T.E. Epidendio)

10.1. Le analogie e le differenze rispetto alle impugnazioni avverso le mi-
sure cautelari personali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 671
10.2. I soggetti legittimati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 678
10.3. I provvedimenti impugnabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 688
10.4. La proposizione dell'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 711
10.5. La trasmissione degli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 721
`
10.6. Il vaglio preliminare di ammissibilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 725
10.7. Gli avvisi della data fissata per l'udienza di riesame . . . . . . . . . . 731
10.8. Gli avvisi della data fissata per l'udienza di appello . . . . . . . . . . 744
10.9. La partecipazione delle parti all'udienza camerale per i ricorsi in
materia di misure reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 747
10.10. L'esito dell'impugnazione e le formule decisorie . . . . . . . . . . . . . 750
10.11. Le questioni deducibili in relazione alle misure cautelari reali . . . 756
10.11.1. I vizi del procedimento incidentale . . . . . . . . . . . . . . . . 757
10.11.2. I vizi del provvedimento cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . 760
`
10.11.2.1. L'inefficacia e le nullita . . . . . . . . . . . . . . . . 760
xviii indice


pag.
10.11.2.2. La domanda cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . 762
10.11.2.3. La motivazione del provvedimento, la carenza
degli elementi strutturali e i poteri integrativi . 763
10.11.2.4. La competenza per territorio. . . . . . . . . . . . . 778
10.11.2.5. L'inefficacia delle misure reali e i vizi della con-
valida . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 779
10.11.3. Le questioni di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 789
10.11.3.1. Il fumus commissi delicti . . . . . . . . . . . . . . . . 789
10.11.3.2. Il periculum in mora e il nesso di pertinenzialita ` 800
10.11.3.3. Il principio di proporzione e adeguatezza . . . . 811


Parte seconda
I PRINCIPI GENERALI



Introduzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 815


Capitolo 11
IL PRINCIPIO DEVOLUTIVO
(di T.E. Epidendio)

11.1. I caratteri generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 821
11.2. Il principio devolutivo e il riesame. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 823
11.3. Il principio devolutivo e l'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 831


Capitolo 12
IL PRINCIPIO DEL GIUDICATO CAUTELARE
(di T.E. Epidendio)

12.1. Le lacune normative e l'applicazione analogica. . . . . . . . . . . . . . 853
12.2. `
I presupposti normativi (irrevocabilita, ne bis in idem, inammissibi-
`
lita) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 855
12.3. `
Le peculiarita del giudicato cautelare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 859
12.4. La giurisprudenza che ha introdotto l'istituto del giudicato cautelare 863
12.5. La portata del giudicato cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 881
12.5.1. I fatti nuovi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 887
12.5.2. Gli argomenti nuovi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 892
indice xix


12.6. La casistica sui fatti nuovi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 896
12.7. Il ne bis in idem cautelare sostanziale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 900



Capitolo 13
IL PRINCIPIO DELL'ASSORBIMENTO
(di T.E. Epidendio)
pag.
13.1. La preclusione alla nuova valutazione dei gravi indizi di colpevo-
lezza nel caso di intervenuta sentenza di condanna . . . . . . . . . . . 905
13.2. La valutazione dei gravi indizi di colpevolezza dopo il rinvio a giu-
dizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 910
13.3. L'assorbimento e le esigenze cautelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 920
13.4. L'assorbimento alla rovescia: l'archiviazione obbligatoria . . . . . . 928


Indice analitico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 931

COMMENTI DEI LETTORI A «Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame»

ALTRI LIBRI DI «Bassi Alessandra, Epidendio Tomaso E.»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Guida alle impugnazioni dinanzi al tribunale del riesame»