Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Appunti di diritto penale'

Ingrandisci immagine


Appunti di diritto penale


di

Galli Rocco

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Appunti di diritto penale»

Tipo Libro
Titolo Appunti di diritto penale
Autore
Editore

CEDAM


EAN 9788813282479
Pagine 768
Data 2008

INDICE DI «Appunti di diritto penale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Capitolo I
PRINCIPIO DI LEGALITÀ

1. La norma penale in bianco nell'ambito del principio della riserva di
legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1
1.1. Premesse: il principio di legalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1
1.2. I corollari della legalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 2
1.3. Definizione e struttura della norma penale in bianco. Differenza
con gli elementi normativi della fattispecie . . . . . . . . . . . . . . » 6
1.4. Il problema dei rapporti tra legge e fonte integratrice . . . . . . . » 8
1.5. Considerazioni conclusive. I reati in materia di stupefacenti, in
particolare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 11
1.6. Problemi applicativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
1.6.1. L'applicabilità dell'art. 2 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
1.6.2. La sindacabilità della Corte Costituzionale . . . . . . . . . . » 16
1.6.3. Terza problematica: l'errore (per approfondimenti, vedi
par. su elemento psicologico) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 17
1.7. Casistica applicativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 19
1.8. Reati in materia edilizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 20
2. Principio di irretroattività e successione di leggi penali nel tempo . . » 24
2.1. Inquadramento generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 24
2.2. Abolitio criminis e modificazione della legge penale . . . . . . . . » 25
2.3. I criteri di distinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 26
2.4. La norma più favorevole . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 29
3. Ipotesi applicative: i reati societari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 29
4. I reati fallimentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 31
5. Il T.U. sull'immigrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 32
6. Successione di norme processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 34
6.1. La prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 34
7. Successione nel tempo di norme integratrici e di elementi normativi
del precetto penale: c.d. successione mediata di fattispecie incrimina-
trici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 37
7.1. In particolare: il reato di favoreggiamento dell'immigrazione
clandestina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 39
7.2. Reato di cui all'art. 14 comma 5-ter del d.lgs. n. 286/1998 . . . . . » 40
7.3. Rifiuto di prestare il servizio militare ed abolizione del servizio
di leva obbligatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 44


Capitolo II
LA RILEVANZA DELLA LEGGE PENALE NELLO SPAZIO

1. Rapporti tra diritto penale e diritto comunitario . . . . . . . . . . .... Pag. 47
1.1. Interferenze di derivazione comunitaria con la nozione di rifiu-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... » 47
1.2. ... e con le scommesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .... » 49
VI INDICE SOMMARIO



2. Il delitto politico nell'ambito della rilevanza della legge penale nel-
lo spazio e finalità di terrorismo od eversione dell'ordine democra-
tico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 51


Capitolo III
PRINCIPIO DI PERSONALITÀ DELL'ILLECITO PENALE

1. Immunità penali. Le interviste diffamatorie rese dai parlamentari . . Pag. 61
1.1. Le interviste diffamatorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 65
2. Delega di funzioni. Reati contro la pubblica incolumità. L'art. 450
c.p. e i suoi rapporti con l'art. 451 c.p. Ipotesi di concorso tra gli artt.
589 e 590 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 68
3. Responsabilità degli enti e legislazione antinfortunistica . . . . . . . . . » 72


Capitolo IV
LA RILEVANZA DEL PRINCIPIO DI OFFENSIVITÀ
NELL'AMBITO DEL CODICE PENALE

1. Reati di pericolo contro la pubblica incolumità mediante violenza . . Pag. 87
1.1. Il concetto di pericolo nei reati contro la pubblica incolumità. In
particolare la figura del cd. disastro innominato e la sua even-
tuale configurabilità nell'ipotesi colposa . . . . . . . . . . . . . . . . » 87
1.1.1. Il concetto di pericolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 90
1.1.2. La nozione di disastro: rapporto con i reati di pericolo . . » 92
1.1.3. Il disastro innominato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 96
2. Reati di pericolo contro la pubblica incolumità mediante frode . . . . » 101
2.1. La portata del comune pericolo mediante frode nei reati contro
la salute pubblica. In particolare il ruolo assunto dal pericolo
nelle fattispecie incriminatrici di cui agli artt. 439 c.p., 449 c.p. e
441 c.p.: i profili differenziati generali e specifici rispetto a quelli
di cui agli artt. 442, 443, 444, 445 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 101
3. Reati di opinione, reati ostacolo e reati a dolo specifico . . . . . . . . . » 103
3.1. Il fondamento, la portata ed i limiti del principio di offensività:
in particolare, la sua applicabilità ai reati di pericolo presunto, ai
reati di attentato, ai reati a dolo specifico, ai reati ostacolo, a
quelli di mero sospetto, ed ai reati omissivi impropri . . . . . . . . » 103
3.1.1. La rilevanza penale del pericolo nei reati di spionaggio in-
diziario e propaganda sovversiva, attentato per finalità di
terrorismo ed eversione, di fabbricazione, acquisto e de-
tenzione di filigrana ed altri strumenti destinati alla falsifi-
cazione di monete, sigilli, valori da bollo etc., di interfe-
renza illecita nella vita privata e di installazione di appa-
recchiature atte ad intercettare o impedire comunicazioni
o conversazioni telegrafiche e telefoniche: la compatibilità
con i principi di offensività e proporzionalità . . . . . . . . . » 105
3.2. Reato o libera manifestazione del pensiero' Lo «strano caso»
dell'apologia, dell'istigazione e del vilipendio . . . . . . . . . . . . . » 109
INDICE SOMMARIO VII


3.2.1. I reati di opinione alla luce della recente riforma . . . . . . Pag. 112
4. Reati di falso documentale e relativa incidenza sulle certezze pubbli-
che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 115
4.1. Certezza pubblica e reati di falso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 115
4.1.1. Il falso innocuo, il falso grossolano, il falso inutile e reato
impossibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 119
4.1.2. Falso materiale e falso ideologico . . . . . . . . . . . . . . . . » 122
4.1.3. Falso per omissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 126
5. Il problema dell'offensività nei reati vaghi e indeterminati . . . . . . . » 127
5.1. Reati in materia di stupefacenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 127
5.1.1. Il pericolo nei reati di traffico e detenzione di stupefacen-
ti. In particolare la rilevanza, anche sotto il profilo dell'of-
fensività, delle previsioni contenenti norme penali in bian-
co ed elementi normativi della fattispecie . . . . . . . . . . . » 127
5.1.1.1. Il problema delle norme penali in bianco . . . . . . » 127
5.1.1.2. Gli elementi normativi della fattispecie. I rapporti
tra art. 73 e art. 75 del T.U. sugli stupefacenti: in
particolare il valore della clausola di salvezza . . . » 131
5.1.1.2.1. Il profilo del pericolo . . . . . . . . . . . . » 137
5.1.1.2.2. Un altro profilo degli elementi normati-
vi della fattispecie: l'autorizzazione . . . » 140
5.1.1.3. L'errore attinente agli elementi normativi della
fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 142
5.1.1.4. Altri elementi normativi della fattispecie . . . . . . » 142
5.2. Pedofilia e stupefacenti: un delicato banco di prova per il princi-
pio di offensività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 142
5.3. Le manipolazioni genetiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 151


Capitolo V
STRUTTURA DEL REATO

1. Condotta criminosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 156
A) Reati omissivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 156
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 156
2. Reati omissivi propri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 157
2.1. Configurabilità del tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 159
2.2. Delitti di omessa solidarietà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 160
2.2.1. Abbandono di persone minori o incapaci . . . . . . . . . . . » 160
2.2.2. Omissione di soccorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 163
2.3. Rifiuto d'atti d'ufficio. Omissione d'atti d'ufficio . . . . . . . . . . » 165
2.4. Omesse cautele sul lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 169
3. Reati omissivi impropri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 171
3.1. Sfera di operatività della clausola di equivalenza, fattispecie su-
scettibili di conversione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 173
3.2. Elementi strutturali del reato omissivo improprio . . . . . . . . . . » 174
3.2.1. Obbligo di garanzia, di sorveglianza e di mera attivazio-
ne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
3.2.2. Obblighi di garanzia derivati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 182
VIII INDICE SOMMARIO



4. Omesso impedimento dell'altrui reato, partecipazione negativa all'il-
lecito altrui, concorso omissivo nel reato attivo. Ipotesi problemati-
che . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 183
5. Ipotesi applicative problematiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 187
5.1. Responsabilità del direttore del giornale . . . . . . . . . . . . . . . . » 187
5.2. Responsabilità del proprietario del suolo per l'attività edificato-
ria ad opera di terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 191
5.3. Responsabilità dei sindaci nell'ambito dei reati societari . . . . . » 194
5.4. Responsabilità omissiva del cd. service provider per il reato com-
messo dal cd. content provider . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 197
B) I reati di durata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 199
1. I reati di durata: generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 199
1.1. La problematica dei reati edilizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 203
1.1.1. In particolare: la lottizzazione abusiva . . . . . . . . . . . . . » 210
1.1.1.1. I singoli profili di responsabilità: il progettista, il
proprietario del suolo, il costruttore, il notaio ro-
gante ed i professionisti-tecnici . . . . . . . . . . . . . » 214
1.2. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 216
1.3. Le problematiche ancora irrisolte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 217
2. La rilevanza penale della famiglia ai fini degli interessi tutelati: reati
di violazione degli obblighi di assistenza familiare, art. 570 c.p. e di
maltrattamenti in famiglia, art. 572 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 220
2.1. La violazione degli obblighi di assistenza familiare . . . . . . . . . » 220
2.2. Maltrattamenti in famiglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 227
C) Questioni particolari nell'ambito dei reati contro il patrimonio . . . » 232
1. Reati di detenzione e possesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 232
1.1. Il possesso nell'ambito dei delitti contro il patrimonio . . . . . . . » 232
1.1.1. I concetti di possesso e detenzione in bilico tra norme pe-
nali in bianco ed elementi normativi della fattispecie . . . » 236
1.1.2. Possesso e detenzione: concetti civilistici, ma non troppo . » 236
1.1.3. Il principio di frammentarietà sale in cattedra: i casi con-
troversi della fauna selvatica, del furto nei supermercati e
dell'appropriazione indebita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 237
1.4. Il possesso e le azioni possessorie nell'ambito del diritto civile,
penale ed amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 244
2. Atti dispositivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 252
2.1. Gli elementi comuni e differenziali dei reati di truffa, insolvenza
fraudolenta, circonvenzione di incapaci ed usura . . . . . . . . . . » 252
2.2. In particolare l'incidenza di tali reati sui relativi atti dispositivi
delle vittime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 255
2.3. L'usura e la circonvenzione di incapaci: atti nulli per violazione
di norme imperative, rescindibili ex art. 1448 c.c. o annullabili ex
art. 428 c.c. per incapacità naturale' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 257
3. Violenza, minaccia e inganno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 264
3.1. La portata della violenza o della minaccia nel furto, nella rapina,
nel danneggiamento e nei reati di turbativa o spoglio del posses-
so. In particolare la distinzione tra la rapina propria e il furto
con violenza sulla cosa, nonché la distinzione tra rapina ed
estorsione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 264
INDICE SOMMARIO IX


3.1.1. Ricettazione, riciclaggio ed impiego di denaro, beni o uti-
lità di provenienza illecita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 268
3.1.2. Furto aggravato, rapina ed estorsione . . . . . . . . . . . . . . » 269
3.1.3. Reati di danneggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 270
3.1.4. La violenza e la minaccia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 271
4. Altruità della cosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 277
4.1. Il concetto di altruità della cosa nei delitti di furto, danneggia-
mento, turbativa violenta del possesso, usurpazione e deviazione
delle acque e la configurabilità della responsabilità del proprie-
tario in ordine a tali delitti: la rilevanza dell'errore sull'altruità
della cosa e i limiti alla sua scusabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 277
4.1.1. Il concetto di patrimonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
4.1.2. Il concetto di cosa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
4.1.3. Il concetto di altruità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
4.2. Reato di furto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 281
4.3. Reato di danneggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 282
4.4. Reati di turbativa violenta del possesso . . . . . . . . . . . . . . . . . » 283
4.5. Il problema dell'errore sull'altruità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 285
5. Abuso di poteri e qualità nei reati contro la pubblica amministrazio-
ne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 288
5.1. Abuso di poteri funzionali e qualità pubblicistiche nei reati con-
tro la pubblica amministrazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 288
2. L'evento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 291
2.1. L'evento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 291
2.1.1. Evento nei reati di pericolo (rinvio ai reati contro la pub-
blica incolumità: Cap. IV, par. 1 e 2) . . . . . . . . . . . . . . » 295
2.2. Nocumento nei reati a tutela del segreto . . . . . . . . . . . . . . . . » 295
2.2.1. La rilevanza giuridico-penale del nocumento nei reati a
tutela del segreto e della riservatezza e la sua disciplina
giuridica specie con riferimento ai rapporti con la man-
canza di giusta causa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 295
2.2.1.1. Criteri di distinzione tra condizioni obiettive di
punibilità ed eventi costitutivi del reato . . . . . . . » 300
2.2.2. I reati contro l'amministrazione della giustizia . . . . . . . . » 304
2.2.2.1. Le false informazioni al p.m. e le false dichiara-
zioni al difensore: le indagini difensive . . . . . . . . » 304
2.2.2.2. La ritrattazione: natura giuridica ed estensibilità
ai concorrenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 310
2.2.2.3. Il segreto investigativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 312
2.2.2.4. Concorso tra il reato di false informazioni difensi-
ve ed il favoreggiamento . . . . . . . . . . . . . . . . . » 315
2.2.2.5. Il cd. stato di necessità speciale . . . . . . . . . . . . » 316
2.2.2.6. Concorso tra l'art. 371-bis e l'art. 371-ter . . . . . . » 318
2.2.2.7. Il falso del difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 319
2.3. Distinzione tra segreto e riservatezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 320
2.3.1. Gli incerti confini tra riservatezza ed accesso: un proble-
ma a cavallo tra diritto penale e diritto amministrativo . . » 326
2.3.2. Il segreto d'ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 331
2.3.3. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 337
X INDICE SOMMARIO



2.4. La valenza del nocumento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 341
2.5. Danno nei reati contro il patrimonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 346
2.5.1. Il concetto di danno nei reati contro il patrimonio. In par-
ticolare la portata nella truffa contrattuale e nell'insolven-
za fraudolenta e la sua diversa incidenza sul tentativo e
sul momento consumativo del reato. Il rapporto tra danno
e profitto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 346
2.5.1.1. Il concetto di patrimonio . . . . . . . . . . . . . . . . . » 347
2.5.1.2. Il concetto di danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 347
2.5.1.3. La configurabilità del tentativo nella truffa e nel-
l'insolvenza fraudolenta . . . . . . . . . . . . . . . . . » 354
2.6. Evento e condizioni obiettive di punibilità . . . . . . . . . . . . . . . » 356
2.6.1. Le condizioni obiettive di punibilità in un'ottica costitu-
zionalmente orientata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 356
2.6.2. Circostanze del reato, elementi costitutivi e condizioni di
punibilità: elementi comuni e differenziali con particolare
riguardo alla verificazione dell'evento disastroso nei reati
di pericolo contro la pubblica incolumità, alla verificazio-
ne del nocumento nei reati a tutela del segreto epistolare
e al superamento della soglia di punibilità nei reati di infe-
dele dichiarazione dei redditi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 361
2.6.2.1. Criteri di distinzione tra evento in senso tecnico
giuridico e circostanza aggravante . . . . . . . . . . . » 369
2.6.2.2. Criteri di distinzione tra evento in senso tecnico
giuridico e condizione obiettiva di punibilità . . . . » 373
2.6.2.3. La casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 376
3. Nesso di causalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 378
3.1. L'accertamento deI nesso causale nei reati omissivi impropri, in
particolare nei casi di responsabilità medico-chirurgica . . . . . . » 378
3.2. I riflessi dell'intervento delle Sezioni Unite 2002: il ritorno al ri-
gore nell'accertamento del nesso causale nell'applicazione giuri-
sprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 382
3.3. Nesso causale e teoria dell'accrescimento del rischio: abbandono
o possibilità di recupero nel campo dei reati a forma libera' . . . » 385
3.4. Nesso causale e dolo: rilevanza dell'errore sul decorso causale . » 387
3.5. Nesso causale e normativa antinfortunistica sul lavoro: ipotesi di
interruzione del nesso causale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 389
3.6. Il nesso causale e le ipotesi di responsabilità oggettiva: la temati-
ca della aberratio delicti e la sua compatibilità con il delitto pre-
terintenzionale, con la morte o lesioni come conseguenza di al-
tro delitto e con l'ipotesi di cui all'art. 116 c.p. . . . . . . . . . . . . » 392
3.7. Nesso causale e delitti aggravati dall'evento: ipotesi applicative
più controverse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 396
INDICE SOMMARIO XI


Capitolo VI
L'ELEMENTO PSICOLOGICO

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 412
1. La concezione psicologica e la concezione normativa della colpevo-
lezza: il suo fondamento costituzionale e la sua funzione politico-
criminale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 412
2. Actiones liberae in causa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 416
3. L'inquadramento codicistico delle actiones liberae in causa . . . . . . » 418
4. Dolo: oggetto e struttura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 422
5. Una peculiare conferma della tesi precedentemente esposta: il dolo
generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 424
6. La struttura del dolo: le principali problematiche . . . . . . . . . . . . » 428
7. Il dolo nei reati omissivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 430
8. Le diverse forme di dolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 437
9. Dolo eventuale e colpa cosciente: criteri distintivi ed ipotesi appli-
cative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 440
10. Dolo eventuale e morte o lesioni come conseguenza di altro delitto . » 444
11. Dolo eventuale e abuso d'ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 446
12. Dolo eventuale e i reati a dolo specifico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 450
13. Dolo eventuale e dolo alternativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 455
14. Dolo ed errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 460
15. Articoli 47, 48 e 117 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 469
16. Error in persona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 472
17. Errore sull'età e consenso della vittima nei reati di violenza sessuale
e pornografia minorile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 472
18. Reato aberrante: le principali questioni interpretative . . . . . . . . . » 489
18.1. Inquadramento sistematico e nozione . . . . . . . . . . . . . . . . » 489
18.2. Principali questioni interpretative in tema di aberratio ictus . . » 490
18.3. Aberratio ictus e delitto preterintenzionale . . . . . . . . . . . . . » 498
19. La colpa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 505
19.1. La colpa nei reati omissivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 505
19.2. Confini tra colpa e responsabilità oggettiva . . . . . . . . . . . . . » 521
A) Nei delitti aggravati dall'evento: in particolare il problema dell'im-
putazione giuridica di morte o lesione come conseguenza dei reati
di sequestro di persona, abuso dei mezzi di correzione, maltratta-
menti, omissione di soccorso, abbandono di persone minori o inca-
paci, aborto su donna minore o inferma di mente nonché del reato
ex art. 586 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 522
B) Nei reati aberranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 541
19.3. Colpa nei reati di agevolazione e contro la pubblica incolumità . » 544
20. La preterintenzione: vecchie e nuove problematiche alla luce dei re-
centi risvolti dottrinali e giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 551
20.1. Omicidio preterintenzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 551
20.2. Aborto preterintenzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 559
21. Il tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 559
21.1. Principali questioni interpretative. In particolare sua competi-
bilità col dolo eventuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 559
21.2. Tentativo e circostanze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 563
XII INDICE SOMMARIO



Capitolo VII
CIRCOSTANZE DEL REATO

1. Imputazione psicologica delle circostanze del reato . . . . . . . . . . . . Pag. 565
2. L'aggravante di cui all'art. 61 n. 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 569
3. Il regime speciale delle circostanze nel concorso di persone nel rea-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 571
4. La recidiva nell'ambito delle circostanze del reato . . . . . . . . . . . . . » 585
5. Le circostanze nel tentativo, con particolare riguardo ai rapporti tra
il recesso e l'attenuante di cui all'art. 62 n. 6 c.p. . . . . . . . . . . . . . . » 594



Capitolo VIII
CAUSE DI GIUSTIFICAZIONE E CAUSE DI NON PUNIBILITÀ

1. Generalità sulle cause di esclusione della punibilità . . . . . . . . . . . . Pag. 597
2. Il consenso dell'avente diritto tra tipicità e antigiuridicità . . . . . . . . » 607
3. La punibilità del reato commesso nell'esercizio di un diritto o nel-
l'adempimento di un dovere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 621
4. La legittima difesa a seguito della legge 59/2006 . . . . . . . . . . . . . . » 626
5. Lo stato di necessità: le principali ipotesi applicative . . . . . . . . . . . » 627
6. Ritrattazione e reazione legittima agli atti arbitrari del pubblico uffi-
ciale tra cause di giustificazione e cause di esclusione della pena . . . » 630
7. Eccesso e abuso nelle cause di giustificazione codificate e non codifi-
ficate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 633
7.1. Eccesso e abuso nelle cause di giustificazione codificate... . . . . » 633
7.2. ... e non codificate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 640
7.3. Rapporto tra art. 55 c.p. (eccesso colposo) e art. 83 c.p. (aberra-
tio delicti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 646



Capitolo IX
IMPUTABILITÀ

1. Nuovi orientamenti in tema di imputabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 647
1.1. Lo stato di incapacità preordinata alla commissione di un delit-
to. In particolare, il problema della estensione di tale disciplina
all'ipotesi di incapacità non preordinata, ma volontaria o colpo-
sa, specie con riferimento agli articoli 86, 92 e 93 del codice pe-
nale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 647
1.1.1. Il dolo di preordinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 647
1.1.2. Il problema dell'ammissibilità dell'actio libera in cau-
sa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 654
1.1.3. Le actiones liberae in causa colpose . . . . . . . . . . . . . . . » 658
2. Imputabilità e disturbi della personalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 664
INDICE SOMMARIO XIII


Capitolo X
UNITÀ E PLURALITÀ DEI REATI

1. Unità e pluralità di reati, criteri di unificazione dei reati complessi,
dei reati progressivi, della progressione criminosa, dell'antefatto e
postfatto non punibili e dei reati continuati, con le principali fattispe-
cie applicative di parte generale e speciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 669
1.1. Unità e pluralità di reati; rilevanza della tematica in merito al
trattamento sanzionatorio e al concorso di norme e di reati; art.
15 c.p., principio di specialità e applicabilità oltre i casi consenti-
ti dei criteri di assorbimento e sussidiarietà . . . . . . . . . . . . . . » 669
1.2. Assorbimento e sussidiarietà, applicabilità ed effetti nel reato
complesso. Ipotesi applicative: sequestro di persona, art. 605
c.p., rapina, art. 628 c.p., furto con violazione di domicilio, art.
624 bis c.p., sequestro di persona per fini estorsivi, art. 630 c.p.,
per finalità di terrorismo ed eversione dell'ordine costituzionale,
art. 289 bis, c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 680
1.3. L'assorbimento nel reato progressivo. Detenzione e porto d'ar-
mi abusivo. Condotte detentive in genere, finalizzate alla com-
missione di fatti-reato. Contraffazione e introduzione nello Sta-
to di prodotti con segni falsi, artt. 473-474 c.p. Pornografia mino-
rile, artt. 600-bis e ss. c.p... Truffa, art. 640 c.p. e delitti di falso . » 684
1.4. L'assorbimento nella progressione criminosa . . . . . . . . . . . . . » 687
1.5. L'antefatto e il postfatto. Casi applicativi: furto per bisogno ali-
mentare e danneggiamento. Organizzazione di casa da gioco
abusiva e gioco d'azzardo. Cognizione e rivelazione della corri-
spondenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 689
1.6. Il reato continuato. Rapporto con l'aggravante teleologica del-
l'art. 61, n. 2, c.p. Irrogazione di pene eterogenee, con la forma-
zione del giudicato, con la recidiva. Rapporto tra reato associati-
vo e reato scopo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 690
2. Rapporto di presupposizione tra reati nell'ambito del contesto del
concorso apparente di norme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 694
2.1. Perimetrazione dei confini operativi dell'art. 15 c.p. . . . . . . . . » 694
2.2. Interpretazione del concetto di «materia», ex art. 15 c.p. . . . . . » 696
2.3. La presupposizione fra reati, con riferimento ai reati di ricetta-
zione, favoreggiamento reale, riciclaggio e reimpiego . . . . . . . » 704
3. La portata del concorso apparente di norme ed i suoi rapporti con il
concorso di reati. In particolare, il rapporto tra l'art. 474 c.p. ed il 648
c.p. e tra gli artt. 316-bis, 316-ter, 640, 640-bis c.p. . . . . . . . . . . . . . » 711
3.1. Il rapporto tra l'art. 474 c.p. e l'art. 648 c.p. . . . . . . . . . . . . . . » 711
3.2. Fondamento giuridico e politico-criminale degli artt. 316-bis e
-ter del codice penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 713
3.3. Rapporto tra gli artt. 316-bis e 640-bis del codice penale . . . . . » 714
3.4. Rapporto tra gli artt. 316-ter e 640-bis del codice penale . . . . . » 716
4. Vecchie e nuove frontiere giurisprudenziali nell'ambito delle forme
di manifestazione del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 720
4.1. Rapporti tra truffa e millantato credito di cui all'art. 346, comma
2, c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 720
XIV INDICE SOMMARIO



4.2. Rapporti tra tentativo di corruzione, istigazione alla corruzione
e istigazione alla corruzione in atti giudiziari . . . . . . . . . . . . . Pag. 721
4.3. Ricettazione e commercio abusivo di audiovisivi . . . . . . . . . . . » 723


Capitolo XI
CONCORSO DI PERSONE NEL REATO

1. La cooperazione colposa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 729
2. Concorso ex art. 117 c.p.: in particolare i reati di appropriazione in-
debita e peculato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 729
3. Concorso del non imputabile e del non punibile nei reati plurisogget-
tivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 731
4. Concorso di persone nel reato e responsabilità per titoli diversi, in
particolare il concorso dell'agente provocatore . . . . . . . . . . . . . . . » 733
5. Concorso di persone nel reato associativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 744
6. Concorso apparente di norme e reati associativi . . . . . . . . . . . . . . » 751
6.1. Distinzione dei reati associativi in due grandi categorie in ragio-
ne dei fini perseguiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 751
6.2. I reati con finalità di eversione o di terrorismo interno o interna-
zionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 752
6.3. La seconda categoria di reati ipotizzata . . . . . . . . . . . . . . . . . » 755
7. Reati contratto e in contratto, in particolare le fattispecie di concus-
sione e corruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 757
7.1. Il problema della disciplina applicabile: le tesi prospettate . . . . » 758
7.2. Conseguenze dell'applicazione della tesi mediana . . . . . . . . . . » 758
7.3. Inquadramento di tali fattispecie tra i reati plurisoggettivi . . . . » 759
7.4. Fattispcie applicative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 760
A) Corruzione e concussione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 760
B) Truffa, insolvenza fraudolenta e frode in commercio . . . . . . . . . . » 764
C) Circonvenzione d'incapaci ed usura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 766

COMMENTI DEI LETTORI A «Appunti di diritto penale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Appunti di diritto penale»

ALTRI LIBRI DI «Galli Rocco»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Appunti di diritto penale»