Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale'

Ingrandisci immagine


Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale

(Manuali universitari)


di

Monaco Riccardo, Curti Gialdino Carlo

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)

DETTAGLI DI «Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale»

Tipo Libro
Titolo Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale
Autori
Editore

UTET Giuridica


EAN 9788859803720
Pagine 912
Data novembre 2009
Collana Manuali universitari

INDICE DI «Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO



Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. XVII
Bibliografia generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » XXIX
Abbreviazioni ed acronimi . . . . . . . . . . . . . . . . . . » XLI




SEZIONE PRIMA
`
I CARATTERI DELLA COMUNITA INTERNAZIONALE
E LA SUA EVOLUZIONE STORICA

CAPITOLO I
`
LA COMUNITA INTERNAZIONALE ED IL SUO DIRITTO . . . . . . » 3
1. `
Concetto di societa internazionale e di diritto internazionale . . . . . » 3
2. Diritto internazionale pubblico e diritto internazionale privato. . . . . » 5
3. Il metodo nello studio del diritto internazionale. . . . . . . . . . » 6
4. Le caratteristiche dell'ordinamento giuridico internazionale . . . . . » 7
5. `
L'adattamento della societa internazionale alle nuove situazioni di fatto: il
ricambio giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 11
6. Il sistema del diritto internazionale e le sue partizioni . . . . . . . » 15


CAPITOLO II
`
L'EVOLUZIONE STORICA DELLA COMUNITA INTERNAZIONALE . . » 19
1. Le origini: dal Medioevo alla pace di Westfalia . . . . . . . . . » 19
2. Dai trattati di Westfalia al Congresso di Vienna . . . . . . . . . » 24
3. Dal Congresso di Vienna ai conflitti mondiali . . . . . . . . . . » 25
4. `
Le trasformazioni della comunita internazionale nel XX secolo . . . . » 28
5. Il diritto internazionale agli inizi del terzo millennio . . . . . . . . » 32
IV Indice sommario

SEZIONE SECONDA
IL FONDAMENTO DEL CARATTERE OBBLIGATORIO
DEL DIRITTO INTERNAZIONALE
CAPITOLO III
IL FONDAMENTO DEL DIRITTO INTERNAZIONALE . . . . . . . . pag. 41
1. Il problema del fondamento del diritto internazionale come problema
strettamente giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 41
2. Le teorie naturalistiche (e neo-naturalistiche) e la loro critica . . . . . » 43
3. La teoria dell'autolimitazione e la sua critica . . . . . . . . . . » 44
`
4. La teoria della volonta collettiva e la sua critica . . . . . . . . . » 46
5. La teoria della norma fondamentale e la sua critica . . . . . . . . » 48
6. La teoria del fondamento sociale del diritto internazionale e delle norme
spontanee e la sua critica . . . . . . . . . . . . . . . . . » 53
` `
7. La teoria dell'autorita o volonta del corpo sociale e la sua critica . . . » 56
8. La concezione istituzionistica dell'ordinamento internazionale e l'accer-
tamento della sua costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . » 57
9. Brevi cenni ad altre teorie del Novecento circa il fondamento del diritto
internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 61


SEZIONE TERZA
LE NORME GIURIDICHE INTERNAZIONALI
CAPITOLO IV
LE VARIE CATEGORIE DI FONTI . . . . . . . . . . . . . . . » 69
1. Considerazioni generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 69
2. Classificazione delle norme internazionali in generali e particolari . . . » 70
2.1. Norme giuridiche internazionali e regole della morale o cortesia
internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 72

CAPITOLO V
I PRINCIPI COSTITUZIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . » 75
1. I principi costituzionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 75

CAPITOLO VI
LA CONSUETUDINE INTERNAZIONALE E LA CODIFICAZIONE DELLE
NORME GENERALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 81
1. La consuetudine: concetti generali . . . . . . . . . . . . . . » 81
1.1. La concezione binaria (o dualistica) della consuetudine . . . . » 82
1.2. Il tempo nella formazione della consuetudine . . . . . . . . » 84
1.3. La rilevazione della consuetudine . . . . . . . . . . . . » 85
1.4. La questione dell'obiettore persistente . . . . . . . . . . » 91
1.5. Consuetudini generali, consuetudini particolari e consuetudini co-
stituzionali negli enti internazionali . . . . . . . . . . . » 92
Indice sommario V

1.6. Fondamento del carattere obbligatorio della consuetudine. . . . pag. 95
1.7. Effetti della consuetudine . . . . . . . . . . . . . . . » 95
2. La codificazione delle norme consuetudinarie . . . . . . . . . . » 96
2.1. L'esigenza della codificazione . . . . . . . . . . . . . » 96
2.2. Le prime iniziative, opera della dottrina . . . . . . . . . . » 97
2.3. La codificazione del diritto della guerra e del diritto umanitario
internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 97
`
2.4. La codificazione panamericana e l'insuccesso della Societa delle
Nazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 98
2.5. Le Nazioni Unite e la codificazione del diritto internazionale . . » 99
(i) La Commissione del diritto internazionale . . . . . . . » 100
(ii) La codificazione affidata a comitati ad hoc ed a conferenze
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . » 102
2.6. Il valore degli accordi di codificazione . . . . . . . . . . » 103

CAPITOLO VII
LE NORME DI JUS COGENS E LE NORME ISTITUTIVE DI OBBLIGHI
ERGA OMNES . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 113
1. Le norme imperative (jus cogens) . . . . . . . . . . . . . . » 113
2. Le norme istitutive di obblighi erga omnes o di obblighi solidali. . . . » 120
2.1. La distinzione fra le due categorie di norme . . . . . . . . » 121

CAPITOLO VIII
IL DIRITTO DEI TRATTATI . . . . . . . . . . . . . . . . . » 127
1. Il concetto di trattato e la sua disciplina . . . . . . . . . . . . » 128
1.1. Irrilevanza della denominazione utilizzata . . . . . . . . . » 130
1.2. Trattati internazionali ed impegni internazionali non vincolanti . . » 130
1.3. Classificazioni dei trattati internazionali . . . . . . . . . . » 132
1.4. La codificazione del diritto dei trattati . . . . . . . . . . » 134
2. La forma e l'oggetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 135
`
2.1. La liberta di forma . . . . . . . . . . . . . . . . . » 135
(i) La struttura formale . . . . . . . . . . . . . . » 137
(ii) La lingua . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 139
2.2. L'oggetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 139
`
3. La capacita di stipulare . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 140
4. Le fasi di formazione: dalla negoziazione all'entrata in vigore . . . . » 141
4.1. La negoziazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 142
(i) I plenipotenziari . . . . . . . . . . . . . . . . » 143
4.2. La conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 144
(i) L'autenticazione del testo e la firma . . . . . . . . . » 144
4.3. La ratifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
(i) L'accettazione e l'approvazione . . . . . . . . . . » 149
(ii) La stipulazione . . . . . . . . . . . . . . . . » 150
(iii) L'entrata in vigore . . . . . . . . . . . . . . . » 151
(iv) L'applicazione in via provvisoria . . . . . . . . . . » 152
VI Indice sommario

(v) L'adesione . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 153
(vi) Gli accordi in forma semplificata . . . . . . . . . . » 154
5. La registrazione e la pubblicazione . . . . . . . . . . . . . . » 156
6. Le riserve . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 158
6.1. L'origine delle riserve e la codificazione della relativa disciplina . » 158
6.2. La nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 160
`
6.3. L'ammissibilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 161
6.4. L'accettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 162
(i) Il regime delle riserve alle convenzioni sui diritti dell'uomo » 163
6.5. L'obiezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 164
6.6. Le dichiarazioni interpretative . . . . . . . . . . . . . » 165
7. Gli effetti tra le parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 165
7.1. L'adempimento in buona fede . . . . . . . . . . . . . » 166
7.2. La sfera di applicazione spaziale . . . . . . . . . . . . » 166
7.3. La sfera di applicazione temporale . . . . . . . . . . . . » 167
7.4. Gli effetti interni dei trattati: norme self-executing e non self-exe-
cuting . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 168
8. Gli effetti nei riguardi dei terzi . . . . . . . . . . . . . . . » 169
8.1. I trattati istituenti regimi obiettivi . . . . . . . . . . . . » 171
`
8.2. La clausola della nazione piu favorita. . . . . . . . . . . » 171
9. L'emendamento e la revisione . . . . . . . . . . . . . . . . » 172
9.1. Precisazioni terminologiche e principi generali . . . . . . . » 172
9.2. La disciplina della convenzione di Vienna . . . . . . . . . » 174
9.3. Le disposizioni convenzionali sulla revisione dei trattati istitutivi di
organizzazioni internazionali . . . . . . . . . . . . . . » 175
9.4. La modifica dei trattati in base alla prassi successiva delle parti . » 177
10. `
L'invalidita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
10.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
10.2. La violazione delle norme interne sulla competenza a stipulare di
importanza fondamentale . . . . . . . . . . . . . . . » 180
10.3. La violazione da parte del rappresentante dello Stato dei limiti sta-
biliti nei pieni poteri circa la manifestazione del consenso . . . » 184
10.4. L'errore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 184
(i) La correzione degli errori materiali del trattato . . . . . » 186
10.5. Il dolo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 187
10.6. La corruzione del rappresentante dello Stato . . . . . . . . » 188
10.7. La violenza nei confronti del rappresentante dello Stato . . . . » 189
10.8. La violenza nei confronti dello Stato con la minaccia o l'uso della
forza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 191
`
10.9. La contrarieta del trattato ad una norma imperativa (jus cogens) del
diritto internazionale generale . . . . . . . . . . . . . » 194
11. L'estinzione e la sospensione . . . . . . . . . . . . . . . . » 194
11.1. Le cause previste dal trattato (termine; condizione risolutiva;
adempimento; denuncia o recesso) . . . . . . . . . . . . » 195
11.2. La violazione sostanziale del trattato da parte di uno dei partecipanti » 197
11.3. Il consenso delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . » 199
Indice sommario VII

11.4. La sopravvenienza di una nuova norma imperativa (jus cogens) del
diritto internazionale generale . . . . . . . . . . . . . pag. 200
11.5. La rottura delle relazioni diplomatiche o consolari . . . . . . » 200
11.6. Gli effetti della guerra sui trattati . . . . . . . . . . . . » 201
`
11.7. L'impossibilita sopravvenuta. . . . . . . . . . . . . . » 203
11.8. Il mutamento fondamentale delle circostanze . . . . . . . . » 204
11.9. L'estinzione dei soggetti internazionali . . . . . . . . . . » 206
11.10. La sopravvenienza di una consuetudine contraria. . . . . . . » 206
`
12. La procedura relativa all'invalidita, all'estinzione o alla sospensione . . » 206
13. La successione: (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 208
14. L'interpretazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 209
14.1. Il concetto di interpretazione e gli organi competenti per l'inter-
pretazione. Tipi di interpretazione . . . . . . . . . . . . » 209
14.2. La regola generale d'interpretazione dei trattati . . . . . . . » 212
(i) L'elemento testuale. . . . . . . . . . . . . . . » 213
(ii) L'elemento sistematico . . . . . . . . . . . . . » 214
(iii) L'elemento teleologico-funzionale . . . . . . . . . » 217
14.3. I mezzi complementari di interpretazione . . . . . . . . . » 219
`
14.4. L'interpretazione dei trattati redatti in piu lingue . . . . . . . » 221
CAPITOLO IX
I TRATTATI INTERNAZIONALI NELL'ORDINAMENTO
COSTITUZIONALE ITALIANO . . . . . . . . . . . . . . . . » 243
1. Premessa. Cenni allo Statuto albertino . . . . . . . . . . . . . » 243
2. La negoziazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 244
3. La ratifica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 245
3.1. L'autorizzazione parlamentare alla ratifica . . . . . . . . . » 248
4. Gli accordi in forma semplificata. . . . . . . . . . . . . . . » 253
4.1. I trattati segreti . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 256
5. La competenza a formulare riserve . . . . . . . . . . . . . . » 258
6. La competenza a denunciare i trattati . . . . . . . . . . . . . » 260
7. L'applicazione provvisoria . . . . . . . . . . . . . . . . . » 260
8. Il potere estero delle Regioni . . . . . . . . . . . . . . . . » 262
9. Il divieto di referendum abrogativo . . . . . . . . . . . . . . » 264
CAPITOLO X
PRINCIPI GENERALI, FONTI PREVISTE DA ACCORDI, DIRITTO
DEBOLE, GIURISPRUDENZA E DOTTRINA . . . . . . . . . . . » 271
1. Sui principi: concetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . » 271
2. I principi generali del diritto internazionale . . . . . . . . . . . » 272
3. I principi generali del diritto riconosciuti dall'insieme degli Stati . . . » 273
4. `
Le fonti previste da accordi: l'attivita normativa delle organizzazioni
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 276
5. Il diritto debole (soft law) . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
5.1. Le dichiarazioni di principi dell'Assemblea generale delle Nazioni
Unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
5.2. Le risoluzioni e le raccomandazioni degli enti internazionali. . . » 282
VIII Indice sommario

`
6. Altre presunte norme internazionali: l'analogia e l'equita . . . . . . pag. 284
7. Segue: la giurisprudenza e la dottrina . . . . . . . . . . . . . » 285
7.1. La giurisprudenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . » 285
7.2. La dottrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 286

CAPITOLO XI
GLI ATTI ED I COMPORTAMENTI UNILATERALI . . . . . . . . . » 295
1. Gli atti unilaterali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 295
1.1. Aspetti generali: nozione, tipologia, requisiti, forma. . . . . . » 296
1.2. La promessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 300
1.3. La notificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 303
1.4. Il riconoscimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 304
1.5. La rinuncia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 306
1.6. La protesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 308
2. I comportamenti degli Stati dotati di efficacia giuridica: l'acquiescenza e
l'estoppel . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 310

CAPITOLO XII
LA GERARCHIA DELLE NORME INTERNAZIONALI . . . . . . . . » 317
1. Considerazioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . » 317
2. Il rango supremo dei principi costituzionali e dello jus cogens . . . . » 318
3. I rapporti tra norme consuetudinarie non cogenti . . . . . . . . . » 319
4. I rapporti tra norme consuetudinarie e trattati . . . . . . . . . . » 319
5. I rapporti tra norme confliggenti di trattati diversi . . . . . . . . . » 320
6. I rapporti di gerarchia fra singole disposizioni di un medesimo trattato . » 322
7. I rapporti tra norme generali poste da trattati e norme particolari poste da
consuetudini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 323
8. I rapporti tra norme generali consuetudinarie e norme particolari risultanti
da consuetudini e trattati . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 323
9. I rapporti tra consuetudini e accordi, da un lato, e principi generali, dal-
l'altro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 323
10. Il rango subordinato del soft law . . . . . . . . . . . . . . . » 324


SEZIONE QUARTA
L'ADATTAMENTO DELL'ORDINAMENTO INTERNO
ALLE NORME INTERNAZIONALI
CAPITOLO XIII
I RAPPORTI TRA IL DIRITTO INTERNAZIONALE ED IL DIRITTO
STATUALE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 329
1. Concetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 329
2. Le principali concezioni teoriche: le due versioni del monismo e la loro
critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 329
3. Il dualismo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 332
Indice sommario IX

4. Verso il superamento della controversia tra teorie . . . . . . . . . pag. 334
5. I reciproci richiami tra ordinamento internazionale e ordinamento statuale:
rinvio materiale e rinvio formale . . . . . . . . . . . . . . . » 336
6. La trasformazione e l'adattamento . . . . . . . . . . . . . . » 337

CAPITOLO XIV
L'ADATTAMENTO DELL'ORDINAMENTO ITALIANO ALLE NORME
INTERNAZIONALI. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 343
1. Premesse generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 343
2. L'adattamento del diritto italiano al diritto internazionale generale . . . » 344
3. L'adattamento del diritto italiano ai trattati internazionali . . . . . . » 349
3.1. Il procedimento ordinario . . . . . . . . . . . . . . . » 351
3.2. Il procedimento speciale dell'ordine di esecuzione . . . . . . » 352
3.3. Il rango delle norme di adattamento al diritto pattizio . . . . . » 356
4. L'adattamento del diritto italiano alle fonti previste da accordo (diverse da
quelle dell'Unione europea) . . . . . . . . . . . . . . . . » 360
5. L'adattamento del diritto italiano al diritto dell'Unione europea . . . . » 361
5.1. La relazione fra ordinamento dell'Unione europea ed ordinamento
nazionale come rapporto di integrazione giuridica . . . . . . » 361
5.2. Il recepimento del diritto dell'Unione europea . . . . . . . » 362
5.3. Il rango delle norme dell'Unione europea nell'ordinamento nazio-
nale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 363
(i) I cd. controlimiti e la loro attuale portata . . . . . . . » 368
6. Le Regioni e le Province autonome e l'adattamento al diritto internazionale
ed al diritto dell'Unione europea . . . . . . . . . . . . . . . » 370


SEZIONE QUINTA
I PROTAGONISTI
DELLA VITA DI RELAZIONE INTERNAZIONALE
CAPITOLO XV
I SOGGETTI E GLI PSEUDOSOGGETTI DEL DIRITTO INTERNAZIONALE » 383
1. I protagonisti della vita di relazione internazionale. Il concetto di perso-
`
nalita internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 383
`
2. La determinazione della soggettivita internazionale . . . . . . . . » 385
`
2.1. La tesi della soggettivita limitata agli Stati e dipendente da una
norma consuetudinaria. Critica . . . . . . . . . . . . . » 386
2.2. La tesi secondo cui lo Stato diviene soggetto in base al ricono-
scimento. Critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 387
(i) Il riconoscimento: natura unilaterale o bilaterale. . . . . » 388
(ii) Il riconoscimento: efficacia dichiarativa o costitutiva . . . » 391
(iii) La forma, i tipi, le caratteristiche e la valenza del ricono-
scimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 392
(iv) Il disconoscimento . . . . . . . . . . . . . . . » 399
X Indice sommario

(v) Il riconoscimento di nuovi Governi . . . . . . . . . pag. 401
2.3. La tesi dell'esistenza di una norma attributiva della personalita.`
Critica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 402
`
2.4. L'accertamento concreto della personalita internazionale: esistenza
di una organizzazione sociale che sia anche autonoma . . . . . » 404
3. Lo Stato come soggetto di diritto internazionale . . . . . . . . . » 405
4. La Santa Sede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 412
5. L'Ordine di Malta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 416
6. Gli insorti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 421
7. I Governi in esilio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 425
8. I Comitati nazionali all'estero . . . . . . . . . . . . . . . . » 427
9. I movimenti di liberazione nazionale . . . . . . . . . . . . . » 428
10. Le organizzazioni internazionali intergovernative . . . . . . . . . » 432
11. L'individuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 441
12. Le nazioni, le minoranze, i popoli . . . . . . . . . . . . . . » 445
12.1. Lo status dei popoli indigeni o autoctoni . . . . . . . . . » 448
13. `
Le organizzazioni internazionali non governative e la societa civile inter-
nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 449
13.1. Il Comitato internazionale della Croce Rossa . . . . . . . . » 451
14. Le imprese multinazionali nel mercato globale . . . . . . . . . . » 453
15. `
La comunita internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . » 454

CAPITOLO XVI
`
LE IMMUNITA DEI SOGGETTI INTERNAZIONALI . . . . . . . . . » 471
1. Considerazioni introduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . » 471
`
2. L'immunita degli Stati stranieri dalla giurisdizione civile . . . . . . » 472
`
2.1. L'origine della norma sull'immunita degli Stati . . . . . . . » 472
` `
2.2. La trasformazione da immunita assoluta ad immunita relativa . . » 474
(i) La distinzione fra atti jure imperii ed atti jure gestionis . . » 476
`
(ii) L'immunita in materia di rapporti di lavoro . . . . . . » 477
`
(iii) L'immunita nel caso di violazioni gravi dei diritti umani tu-
telati da norme di jus cogens . . . . . . . . . . . » 478
`
(iv) La dottrina dell'Act of State ed i principi sull'immunita degli
Stati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 480
`
2.3. La codificazione delle regole concernenti l'immunita degli Stati e
dei loro beni, in particolare gli aspetti generali della convenzione di
New York del 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . » 481
`
2.4. L'immunita di organi supremi di Stati stranieri: Capi di Stato, Capi
di Governo, Ministri degli Esteri, altri organi . . . . . . . . » 483
`
2.5. L'immunita degli agenti diplomatici . . . . . . . . . . . » 484
(i) Il trattamento dell'agente diplomatico cittadino dello Stato
accreditatario . . . . . . . . . . . . . . . . . » 488
(ii) Il trattamento del personale della missione diplomatica . . » 489
(iii) Il trattamento del personale amministrativo e tecnico della
missione diplomatica . . . . . . . . . . . . . . » 489
`
2.6. L'immunita degli agenti consolari . . . . . . . . . . . . » 490
Indice sommario XI

`
2.7. L'immunita dei membri delle missioni speciali . . . . . . . pag. 491
`
2.8. L'immunita dalla giurisdizione esecutiva e cautelare . . . . . » 491
`
3. L'immunita della Santa Sede . . . . . . . . . . . . . . . . » 493
`
4. L'immunita dell'Ordine di Malta . . . . . . . . . . . . . . » 495
`
5. L'immunita delle organizzazioni internazionali e dei loro funzionari . . » 498
`
5.1. L'immunita delle organizzazioni internazionali . . . . . . . » 498
`
5.2. L'immunita dei funzionari internazionali . . . . . . . . . » 502

CAPITOLO XVII
LE VICENDE DEI SOGGETTI INTERNAZIONALI: L'ESTINZIONE E LA
SUCCESSIONE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 515
1. L'estinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 515
1.1. Il trasferimento di un territorio da uno Stato all'altro . . . . . » 516
1.2. La fusione (o unificazione) . . . . . . . . . . . . . . » 517
1.3. La dissoluzione (o smembramento) . . . . . . . . . . . » 517
1.4. L'incorporazione (o annessione) . . . . . . . . . . . . » 518
1.5. La separazione (o secessione) . . . . . . . . . . . . . » 519
1.6. I mutamenti dell'organizzazione costituzionale dello Stato . . . » 520
1.7. La temporanea assenza di un Governo effettivo . . . . . . . » 522
1.8. L'occupazione militare totale . . . . . . . . . . . . . » 523
1.9. L'estinzione di una organizzazione internazionale . . . . . . » 523
2. La successione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 524
2.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 524
2.2. Rapporti esclusi dalla successione . . . . . . . . . . . . » 527
2.3. La successione degli Stati nei trattati . . . . . . . . . . . » 529
(i) I cd. trattati localizzati. . . . . . . . . . . . . . » 530
(ii) I cd. trattati non localizzati . . . . . . . . . . . . » 532
2.4. La successione nei beni pubblici, archivi pubblici e debiti pubblici » 535
(i) I beni pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . » 535
(ii) Gli archivi di Stato . . . . . . . . . . . . . . . » 537
(iii) I debiti pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . » 538
2.5. La successione e la condizione giuridica degli abitanti . . . . . » 541
2.6. La successione delle organizzazioni internazionali . . . . . . » 542


SEZIONE SESTA
L'USO DELLA FORZA NEL DIRITTO INTERNAZIONALE
CAPITOLO XVIII
L'IMPIEGO DELLA FORZA TRA DIVIETI, USI LEGITTIMI ED ABUSI . . » 555
`
1. La liceita dell'impiego della forza nel diritto internazionale classico . . » 556
`
2. La prevenzione della guerra: dal Patto della Societa delle Nazioni al Patto
Briand-Kellogg . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 557
3. Il divieto dell'uso della forza nella Carta delle Nazioni Unite . . . . . » 558
3.1. Il concetto di forza vietata . . . . . . . . . . . . . . » 562
XII Indice sommario

(i) Il divieto della minaccia dell'uso della forza e la sua defini-
zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 563
(ii) Il luogo entro cui ed i beni contro i quali si esercita la mi-
naccia o l'uso della forza: forza internazionale e forza interna » 564
(iii) L'oggetto dell'impiego della forza . . . . . . . . . » 565
4. Le eccezioni al divieto della forza: la legittima difesa . . . . . . . » 566
4.1. Il concetto di attacco armato: aggressione diretta ed indiretta . . » 567
(i) La legittima difesa preventiva . . . . . . . . . . . » 569
4.2. I requisiti per l'esercizio della legittima difesa: necessita, pro-`
`
porzionalita ed immediatezza. . . . . . . . . . . . . . » 572
4.3. La legittima difesa collettiva . . . . . . . . . . . . . . » 575
5. Altre eccezioni al divieto della forza: l'intervento richiesto o consentito
dallo Stato territoriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 576
6. Segue: l'intervento a protezione dei cittadini all'estero . . . . . . . » 577
7. `
Segue: l'intervento d'umanita ed il cd. diritto-dovere d'ingerenza umani-
taria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 579
8. Segue: il divieto di rappresaglie armate, le esimenti del consenso dello Stato
`
leso, dello stato di necessita, della forza maggiore, del caso fortuito e del-
l'estremo pericolo, le azioni implicanti la forza nel caso di violazioni di
obblighi erga omnes . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 584
9. Segue: le disposizioni (desuete) della Carta delle Nazioni Unite concernenti
le misure contro Stati ex nemici . . . . . . . . . . . . . . . » 588
10. Il sistema di sicurezza collettiva delle Nazioni Unite . . . . . . . . » 588
10.1. Il disegno complessivo della Carta . . . . . . . . . . . . » 588
10.2. Misure di accertamento, misure provvisorie, misure non implicanti
l'impiego della forza, misure implicanti l'uso della forza . . . . » 589
10.3. Compiti del CdS e ruolo ''di supplenza'' dell'Assemblea generale . » 591
10.4. Mancata attuazione delle disposizioni della Carta relative alla co-
stituzione di forze armate delle Nazioni Unite e autorizzazione agli
Stati membri da parte del CdS dell'impiego della forza . . . . » 592
(i) `
L'inammissibilita di autorizzazioni implicite . . . . . . » 595
10.5. Cenni alle operazioni per il mantenimento della pace . . . . . » 596
11. Guerra, nuovi conflitti armati ed ordinamento costituzionale italiano . . » 598
11.1. Le norme costituzionali e subcostituzionali di riferimento, nel mu-
tato atteggiarsi della politica internazionale tra il XX ed il XXI
secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 598
11.2. La disciplina delle missioni militari all'estero . . . . . . . . » 603
(i) `
La legittimita costituzionale dei recenti interventi militari
italiani che prevedono l'impiego della forza in situazioni di
conflitto armato . . . . . . . . . . . . . . . . » 607
Indice sommario XIII

SEZIONE SETTIMA
`
LA RESPONSABILITA INTERNAZIONALE
CAPITOLO XIX
`
LA RESPONSABILITA INTERNAZIONALE . . . . . . . . . . . . pag. 623
1. `
La codificazione delle regole della responsabilita internazionale . . . . » 623
2. `
Il concetto di illecito e di responsabilita internazionale . . . . . . . » 626
3. Classificazioni dei fatti illeciti. . . . . . . . . . . . . . . . » 627
4. Gli elementi costitutivi del fatto illecito . . . . . . . . . . . . » 628
`
4.1. L'elemento soggettivo: l'imputabilita allo Stato . . . . . . . » 628
4.2. L'elemento oggettivo: la violazione di una norma internazionale . » 639
4.3. L'irrilevanza del carattere della norma internazionale violata . . » 639
(i) La distinzione fra crimini internazionali e delitti internazio-
nali » 640
4.4. Gli elementi controversi: la colpa . . . . . . . . . . . . » 641
4.5. Segue: il danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 643
5. Il momento di commissione dell'illecito . . . . . . . . . . . . » 644
6. Le cause di esclusione del fatto illecito . . . . . . . . . . . . » 646
6.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 646
6.2. Il consenso dello Stato leso . . . . . . . . . . . . . . » 647
6.3. La forza maggiore . . . . . . . . . . . . . . . . . » 648
(i) Il caso fortuito . . . . . . . . . . . . . . . . » 649
6.4. L'estremo pericolo . . . . . . . . . . . . . . . . . » 651
`
6.5. Lo stato di necessita. . . . . . . . . . . . . . . . . » 652
6.6. La legittima difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . » 655
6.7. Le contromisure . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 660
(i) La ritorsione . . . . . . . . . . . . . . . . . » 664
6.8. Inesistenza di ulteriori cause di esclusione dell'illecito . . . . . » 665
7. Le conseguenze del fatto illecito . . . . . . . . . . . . . . . » 666
7.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 666
7.2. La cessazione dell'illecito. . . . . . . . . . . . . . . » 666
7.3. L'offerta di appropriate assicurazioni e garanzie di non reiterazione » 668
7.4. La riparazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 669
(i) La restituzione in forma specifica . . . . . . . . . . » 670
(ii) La riparazione per equivalente (o risarcimento monetario) . » 671
(iii) La soddisfazione. . . . . . . . . . . . . . . . » 674
7.5. La controversa questione dei danni punitivi . . . . . . . . » 675
7.6. Le contromisure . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 677
7.7. Le conseguenze gravi della violazione di una norma imperativa (jus
cogens) del diritto internazionale generale . . . . . . . . . » 679
8. `
La nozione di Stato leso ed il diritto di far valere la responsabilita inter-
nazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 681
9. `
I regimi speciali di responsabilita . . . . . . . . . . . . . . » 687
10. `
La responsabilita delle organizzazioni internazionali . . . . . . . . » 689
11. `
La responsabilita internazionale dell'individuo . . . . . . . . . . » 691
12. `
La responsabilita da fatto lecito . . . . . . . . . . . . . . . » 692
XIV Indice sommario

SEZIONE OTTAVA
LA SOLUZIONE PACIFICA
DELLE CONTROVERSIE INTERNAZIONALI

CAPITOLO XX
LA PREVENZIONE E LA SOLUZIONE DELLE CONTROVERSIE
INTERNAZIONALI . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . pag. 717

1. Il concetto di controversia internazionale . . . . . . . . . . . . » 717
2. La prevenzione delle controversie e l'obbligo per gli Stati di risolverle in
modo pacifico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 723
3. I mezzi ed i procedimenti di soluzione delle controversie: i procedimenti
diplomatici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 725
3.1. Il negoziato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 729
3.2. La consultazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 732
3.3. I buoni uffici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 733
3.4. La mediazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 734
3.5. L'inchiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 736
3.6 La conciliazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 739
3.7. I procedimenti diplomatici nel sistema delle Nazioni Unite . . . » 742
4. Segue: i procedimenti arbitrali e giudiziali . . . . . . . . . . . » 744
4.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 744
(i) La funzione giurisdizionale nell'ordinamento internazionale » 744
(ii) Il carattere volontario della giurisdizione internazionale . . » 746
`
(iii) La funzionalita degli organi giurisdizionali internazionali . » 749
(iv) La definizione del concetto di giurisdizione internazionale . » 750
(v) La cd. proliferazione di giurisdizioni internazionali . . . . » 752
4.2. La funzione arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . » 753
(i) La storia dell'arbitrato internazionale . . . . . . . . » 753
`
(ii) Le modalita per la costituzione di un organo arbitrale: com-
promesso, clausola compromissoria e trattato generale di ar-
bitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 754
(iii) I limiti della competenza degli organi arbitrali . . . . . » 755
(iv) L'organo arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . » 757
(v) Il diritto applicabile . . . . . . . . . . . . . . . » 758
(vi) Il procedimento arbitrale . . . . . . . . . . . . . » 758
(vii) La sentenza (o lodo) arbitrale . . . . . . . . . . . » 759
(viii) La Corte permanente di arbitrato . . . . . . . . . . » 761
4.3. La funzione giudiziale . . . . . . . . . . . . . . . . » 763
(i) Il diritto applicabile dal giudice internazionale . . . . . » 763
(ii) La natura giuridica della sentenza . . . . . . . . . . » 763
(iii) Le diverse categorie di sentenze . . . . . . . . . . » 764
(iv) La Corte permanente di giustizia internazionale . . . . . » 765
(v) La Corte internazionale di giustizia . . . . . . . . . » 766
(vi) Il Tribunale internazionale per il diritto del mare . . . . » 779
Indice sommario XV

(vii) Gli organi giurisdizionali dell'Organizzazione mondiale del
commercio (O.M.C.) . . . . . . . . . . . . . . pag. 782
(viii) La Corte penale internazionale . . . . . . . . . . . » 786
5. La prevenzione delle controversie ed il controllo internazionale . . . . » 792
5.1. La compliance procedure . . . . . . . . . . . . . . . » 794
5.2. L'ispezione in loco . . . . . . . . . . . . . . . . . » 794
5.3. Il procedimento quasi-contenzioso . . . . . . . . . . . . » 795
5.4. L'adozione di misure di carattere preventivo . . . . . . . . » 795


Indice della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 811

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 833

COMMENTI DEI LETTORI A «Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Manuale di diritto internazionale pubblico. Parte generale»