Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'I contratti di lavoro. Con CD-ROM'

Ingrandisci immagine


I contratti di lavoro. Con CD-ROM

(Trattato dei Contratti)


di

Vallebona Antonio

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)

DETTAGLI DI «I contratti di lavoro. Con CD-ROM»

Tipo Libro
Titolo I contratti di lavoro. Con CD-ROM
Autore
Editore

UTET Giuridica


EAN 9788859802594
Pagine 2256
Data settembre 2009
Collana Trattato dei Contratti

INDICE DI «I contratti di lavoro. Con CD-ROM»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO
TOMO PRIMO

CAPITOLO PRIMO
FINI E TECNICHE DEL DIRITTO DEL LAVORO
Antonio Vallebona

I ' I FINI
1. La giustizia sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 3
2. La protezione del lavoratore quale contraente debole . . . . . . . . . . . . . » 5
3. La protezione del lavoratore nell'organizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . » 7
4. La protezione del lavoratore nel mercato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 8
5. Dalla protezione del lavoratore produttore alla protezione del lavora-
tore consumatore e cittadino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 9
6. La tutela dell'organizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 10
7. La tutela del merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 10
8. La tutela della solidarieta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 11
9. La tutela della concorrenza leale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 12
10. La tutela dell'ambiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 13
11. La tutela dell'ordine, della pace sociale e dell'armonia spirituale . . . . . » 13

II ' LE TECNICHE
12. Il contratto di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
13. La norma comune inderogabile con ef'cacia sostitutiva . . . . . . . . . . . » 15
14. I limiti ai poteri del datore di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 15
15. L'azione collettiva: liberta sindacale, contratto collettivo, sciopero . . . .
` » 16
16. La previdenza pubblica e privata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 17
17. Il processo del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 18
18. Il rinvio della legge all'autonomia collettiva per la speci'cazione e
l'adattamento della regola generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 19
19. L'individuazione preventiva della regola del caso concreto . . . . . . . . . » 19
20. La gestione stragiudiziale delle controversie individuali: commissioni pa-
ritetiche; arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 20
VI Indice


21. La partecipazione dei lavoratori alla gestione dell'organizzazione: stru-
mento e 'ne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 21

CAPITOLO SECONDO
IL LAVORO SUBORDINATO
Ivana Marimpietri
1. La subordinazione nel codice civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 25
2. La subordinazione tecnico-funzionale: l'assoggettamento al potere diret-
tivo quale tratto distintivo del tipo legale lavoro subordinato . . . . . . . » 30
3. La valorizzazione dell'elemento della dipendenza a connotare il tipo le-
gale lavoro subordinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 36
4. Subordinazione e lavoro autonomo continuativo . . . . . . . . . . . . . . . . . » 41
5. Unitarieta del tipo legale lavoro subordinato e pluralita dei modelli re-
` `
golativi. Cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 45
6. Il metodo di quali'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 47
7. Quali'cazione del rapporto e volonta contrattuale . . . . . . . . . . . . . . .
` » 51
8. (Segue). La certi'cazione dei contratti di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . » 59
9. L'onerosita quale elemento essenziale del tipo legale lavoro subordinato.
`
Il lavoro gratuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 62
10. La tutela del lavoro oltre la subordinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 67

CAPITOLO TERZO
IL LAVORO TRA AUTONOMIA E SUBORDINAZIONE:
IL LAVORO COORDINATO, IL LAVORO DEL SOCIO
DI COOPERATIVA, L'ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE
Pasquale Passalacqua

I ' INTRODUZIONE
1. Il lavoro tra autonomia e subordinazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 75
2. Il perdurante peso del lavoro subordinato: da contenitore delle tutele a
parametro di quali'cazione di fattispecie di lavoro diverse tra dif'denza
e legittimazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 78
3. Le tendenze generali sull'articolazione tipologica dei rapporti di lavoro:
le ipotesi di una piu o meno drastica reductio e del parallelo sviluppo di
`
garanzie sul versante della sicurezza sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 82

II ' IL LAVORO COORDINATO
4. Il lavoro coordinato. Le collaborazioni coordinate e continuative . . . . » 90
5. La rappresentanza sindacale e lo spazio delle fonti collettive nel lavoro
coordinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 94
6. L'utilizzo delle collaborazioni coordinate e continuative nell'ambito
delle pubbliche amministrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 97
6.1. (Segue). La disciplina integrativa de'nita occasionalmente in sede
collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 102
Indice VII


7. Il lavoro a progetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 104
8. a) L'ambito di applicazione della normativa sul lavoro a progetto. Le
esclusioni oggettive: le pubbliche amministrazioni; il lavoro occasionale
e le societa sportive dilettantistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 107
8.1. Le esclusioni soggettive: agenti e rappresentanti; professioni intel-
lettuali per l'esercizio delle quali e necessaria l'iscrizione in appositi
`
albi professionali; componenti degli organi societari di amministra-
zione e controllo; partecipanti a collegi e commissioni; lavoratori
che percepiscono la pensione di vecchiaia; il lavoro autonomo oc-
casionale; i praticanti di una delle professioni tutelate dall'Albo pro-
fessionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 110
9. b) La de'nizione della fattispecie. La dote dell'art. 409, n. 3, c.p.c.: la
continuita della prestazione, la coordinazione con l'attivita dell'impresa
` `
e il carattere prevalentemente personale dell'opera . . . . . . . . . . . . . . . » 113
10. Il progetto o programma di lavoro o la fase di esso . . . . . . . . . . . . . . » 118
11. La necessaria temporaneita della collaborazione: l'indicazione della du-
`
rata determinata o determinabile della prestazione di lavoro a progetto.
La proroga ed il rinnovo del contratto di lavoro a progetto . . . . . . . . » 124
12. L'adempimento della prestazione legato al risultato e indipendente dal
tempo impiegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 126
13. c) La disciplina. La forma scritta. Le conseguenze derivanti dalla man-
canza della forma scritta e degli altri elementi del contratto . . . . . . . . » 128
14. Gli obblighi di non concorrenza e di riservatezza . . . . . . . . . . . . . . . . » 131
15. I diritti del collaboratore a progetto: il corrispettivo e il diritto di autore
sulle invenzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 135
16. Il regime delle tutele: la malattia; la gravidanza; la sicurezza sul lavoro;
la tutela processuale; i diritti sindacali; la tutela contro la disoccupazione » 143
17. d) L'estinzione del rapporto. La realizzazione del progetto o del pro-
gramma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
18. La risoluzione anticipata del rapporto: la disciplina legale del recesso e
la disciplina convenzionale stabilita dalle parti negli accordi collettivi o
nel contratto individuale. Il patto di prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
19. e) La fase patologica. Il divieto di rapporti di collaborazione coordinata
e continuativa atipici. Le sanzioni nella la fase genetica. La conversione
in contratto di lavoro subordinato in caso di mancata individuazione del
progetto o programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 153
19.1. (Segue). Le sanzioni nella fase esecutiva. La quali'cazione come
lavoro subordinato in caso di divergenza tra l'assetto contrattuale
e le concrete modalita di svolgimento del rapporto . . . . . . . . . .
` » 161
20. f) Le rinunzie e transazioni e la certi'cazione del lavoro a progetto . . » 163

III ' IL LAVORO DEL SOCIO DI COOPERATIVA
21. Il lavoro associato. Il socio d'opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 165
22. Le cooperative di lavoro. Il lavoro associato ricondotto allo schema del
lavoro di scambio. a) La fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 166
VIII Indice


23. Le diverse forme di contratto di lavoro di scambio utilizzabili . . . . . . . p. 169
24. (Segue). Il raccordo con la normativa sul lavoro a progetto . . . . . . . . . » 171
25. La funzione del regolamento interno della cooperativa. La eventuale
certi'cazione del regolamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 173
26. b) La disciplina. L'applicabilita degli 'effetti giuridici' previsti per le
`
forme di lavoro utilizzate 'ltrata attraverso la clausola di 'compatibilita' `
con la posizione del socio lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
27. I diritti sindacali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 180
28. Il trattamento economico del socio lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 183
29. Il privilegio generale sui mobili dei crediti del socio lavoratore . . . . . . » 188
30. La disciplina previdenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 190
31. c) L'estinzione del rapporto. Il collegamento tra rapporto associativo e
rapporto di lavoro. i) Gli effetti in caso di stipula di un rapporto subor-
dinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 190
32. (Segue). ii) Gli effetti in caso di stipula di un rapporto autonomo . . . . » 195
33. d) La competenza giurisdizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 196

IV ' L'ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE
34. L'associazione in partecipazione. La disciplina codicistica . . . . . . . . . . » 203
35. Gli elementi distintivi rispetto al lavoro subordinato . . . . . . . . . . . . . . » 205
36. Le norme introdotte dal d.lg. n. 276/2003. L'ipotesi della mancanza di
una effettiva partecipazione e di adeguate erogazioni in favore dell'as-
sociato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 207
37. (Segue). Le conseguenze. Il riconoscimento dei 'trattamenti' stabiliti
per il lavoro subordinato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 209
38. (Segue). La possibilita di provare un diverso rapporto da parte dell'uti-
`
lizzatore del lavoratore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 212

CAPITOLO QUARTO
IL CONTRATTO DI LAVORO
Nicola De Marinis
1. Il lavoro subordinato tra contratto e rapporto. a) Le origini del contratto
di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 217
2. (Segue). b) La reazione all'originaria concezione contrattualistica del
rapporto di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 221
3. (Segue). c) Contrattualismo ed acontrattualismo nell'epoca post-costitu-
zionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 225
4. (Segue). d) Le rinnovate ragioni dell'opzione acontrattualista . . . . . . . » 228
5. Il tipo legale del contratto di lavoro ed i suoi elementi. a) La subordi-
nazione quale criterio identi'cativo del tipo e la causa del contratto . . » 232
6. (Segue). b) I soggetti del contratto di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 235
7. (Segue). c) L'oggetto del contratto di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 238
8. (Segue). d) L'accordo delle parti e la forma del contratto di lavoro . . . » 240
9. Il regime dell'invalidita e la prestazione di fatto . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 241
Indice IX


CAPITOLO QUINTO
AUTONOMIA COLLETTIVA E DIRITTI SINDACALI
Giulio Prosperetti

I ' FUNZIONE E LIMITI DELL'AUTONOMIA COLLETTIVA
1. La nozione di autonomia collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 247
2. Il sindacato come ente esponenziale degli interessi dei lavoratori . . . . » 251
3. Il passaggio dall'ordinamento corporativo al pluralismo sindacale . . . . » 255
4. La liberta sindacale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 259
5. L'ef'cacia dei contratti collettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 263
6. Autodeterminazione degli interessi professionali e limiti dell'intervento
legislativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 266
7. La concertazione sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 272
8. Dalla nozione di sindacato 'maggiormente rappresentativo' a quella di
'comparativamente piu rappresentativo' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 274
9. Il ruolo dei sindacati piu rappresentativi nel rinvio della legge alla con-
`
trattazione collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 277
10. La rappresentanza sindacale a livello europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 279
11. Il ruolo partecipativo del sindacato previsto nella legislazione comuni-
taria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 281

II ' L'ORGANIZZAZIONE E LE GARANZIE
DELL'AZIONE SINDACALE
12. Il diritto di sciopero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 284
13. Lo sciopero illegittimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 290
14. Lo sciopero nei servizi pubblici essenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 294
15. La serrata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 304
16. La legislazione di sostegno: lo Statuto dei lavoratori . . . . . . . . . . . . . . » 306
17. (Segue). La tutela antidiscriminatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 308
18. (Segue). Il collettaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 313
19. (Segue). Controllo sindacale e tutela della salute . . . . . . . . . . . . . . . . » 314
20. Le forme di rappresentanza sindacale sul luogo di lavoro . . . . . . . . . . » 315
21. (Segue). Le rappresentanze sindacali aziendali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 317
22. (Segue). La tutela dei dirigenti delle r.s.a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 324
23. (Segue). Le rappresentanze sindacali unitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 327
24. La tutela dell'azione sindacale (i diritti di assemblea, referendum, af's-
sione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 330
25. La repressione della condotta antisindacale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 334
26. (Segue). Il problema della natura della procedura ex art. 28 . . . . . . . . » 336

III ' LA CONTRATTAZIONE COLLETTIVA
27. Funzione e causa del contratto collettivo . ....... . . . . . . . . . . . . . . » 346
28. L'ef'cacia del contratto collettivo di diritto comune . . . . . . . . . . . . . . » 348
29. (Segue). Le teorie privatistiche . . . . . . . . . ....... . . . . . . . . . . . . . . » 350
30. (Segue). L'ordinamento intersindacale . . . . ....... . . . . . . . . . . . . . . » 355
X Indice


31. (Segue). L'elemento dell'effettivita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` p. 357
32. (Segue). Il rinvio individuale ai contratti collettivi . . . . . . . . . . . . . . . . » 360
33. (Segue). Il contratto collettivo aziendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 364
34. L'individuazione del contratto di categoria applicabile . . . . . . . . . . . . . » 366
35. (Segue). L'incentivazione legislativa all'applicazione dei contratti collet-
tivi di categoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 369
36. I livelli della contrattazione collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 372
37. La successione tra contratti collettivi, l'ultrattivita e la disdetta . . . . . .
` » 373
38. Il problema della derogabilita in peius dei contratti collettivi . . . . . . .
` » 376
39. Il concorso-con'itto tra contratti collettivi. a) Il problema e le soluzioni
giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 380
40. (Segue). b) La soluzione collettiva secondo il Protocollo del 1993 e la
problematica riforma del 2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 384
41. (Segue). c) La soluzione secondo la teoria dell'effettivita e del rinvio . ` » 387
42. L'inderogabilita e la disponibilita collettiva dei diritti individuali . . . . .
` ` » 390
43. I rinvii legislativi all'autonomia collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 393
44. (Segue). I rinvii derogatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 397
45. (Segue). I rinvii nella procedimentalizzazione del potere imprenditoriale » 400
46. (Segue). I rinvii autorizzatori. a) Le assunzioni a tempo determinato . . » 403
47. (Segue). b) Le assunzioni a tempo parziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 406
48. (Segue). I rinvii con funzione costitutivo-de'nitoria . . . . . . . . . . . . . . . » 406
49. La contrattazione collettiva nel pubblico impiego . . . . . . . . . . . . . . . . » 409

CAPITOLO SESTO
L'OGGETTO E IL LUOGO DELLA PRESTAZIONE
Carlo Pisani

Sezione I
L'OGGETTO DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO

I ' LE MANSIONI DEL LAVORATORE
1. Le mansioni del lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 417
2. La quali'ca, la categoria e l'inquadramento del lavoratore . . . . . . . . . » 419
3. L'individuazione delle mansioni di assunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 421

II ' LA MODIFICAZIONE DELLE MANSIONI ED IL LIMITE
DELL'EQUIVALENZA
4. La fonte della modi'cazione delle mansioni: jus variandi, potere diret-
tivo, accordo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 425
5. La nozione di equivalenza nella giurisprudenza e nella dottrina . . . . . » 433
6. Nullita di patti contrari individuali e collettivi e le eccezioni legali . . .
` » 448
7. Flessibilita per accordo individuale a salvezza dell'occupazione, per ac-
`
cordo collettivo per esigenze temporanee e per evoluzione professionale » 450
8. Le mansioni promiscue . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 457
Indice XI


III ' TECNICHE DI TUTELA CONTRO L'ILLEGITTIMA
MODIFICAZIONE DELLE MANSIONI
10. La violazione della regola dell'equivalenza: invalidita e/o illiceita . . . .
` ` p. 464
11. L'onere della prova della violazione o del rispetto dell'equivalenza . . . » 467
12. L'azione di condanna e l'azione cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 473
13. L'autotutela individuale del lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 479
14. Il risarcimento del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 481
IV ' LE MANSIONI SUPERIORI
15. La tipologia delle promozioni. La quali'ca convenzionale . . . . . . . . . . » 490
16. La fonte in relazione all'assegnazione a mansioni superiori . . . . . . . . . » 495
17. L'equivalenza e l'adibizione a mansioni superiori . . . . . . . . . . . . . . . . » 500
18. Il diritto alla de'nitiva assegnazione alle mansioni superiori (c.d. pro-
mozione automatica) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 503
18.1. La 'superiorita' delle mansioni e il riferimento al contratto collet-
`
tivo; i sistemi caratterizzati dall'indifferenza delle mansioni rispetto
all'inquadramento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 506
18.2. L'adibizione piena alle mansioni superiori; le mansioni vicarie e
altri casi particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 514
18.3. La durata dell'assegnazione a mansioni superiori . . . . . . . . . . . . » 523
18.4. La sostituzione del lavoratore assente con diritto alla conserva-
zione del posto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 527
V ' LA DISCIPLINA DELLE MANSIONI
PER I DIPENDENTI PUBBLICI
19. La contrattualita delle mansioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 531
20. L'irrilevanza delle cc.dd. mansioni di fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 533
21. Lo jus variandi orizzontale: critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 535
22. L'equivalenza ed il rinvio al contratto collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . » 540
23. Tecnica di tutela contro la dequali'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 548
24. Il divieto della promozione automatica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 552
25. Le procedure concorsuali e lo 'sviluppo professionale' . . . . . . . . . . . . » 553
26. Lo jus variandi in melius . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 559
27. La 'superiorita' delle mansioni. L'adibizione 'piena' e le mansioni pro-
`
miscue verticali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 560
28. Le causali giusti'catrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 563
29. Il diritto alla retribuzione superiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 565
30. Il rinvio al contratto collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 569
31. L'applicabilita residuale dell'art. 2103 c.c. e la nullita dei patti contrari
` ` » 571

Sezione II
IL LUOGO DELLA PRESTAZIONE
1. La modi'cazione del luogo di svolgimento della prestazione . . . . . . . . » 572
2. La nozione di trasferimento e la distinzione con altre 'gure (trasferta,
lavoro itinerante, distacco) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 574
3. Il mutamento di unita produttiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 577
XII Indice


4. La comunicazione del trasferimento: forma e contenuto . . . . . . . . . . . p. 579
5. La giusti'cazione del trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 581
6. Ulteriori limiti al potere di trasferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 586
7. I rimedi contro il trasferimento illegittimo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 588
8. La disciplina del trasferimento per i dipendenti pubblici . . . . . . . . . . . » 589

CAPITOLO SETTIMO
LA DURATA DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO
Pasquale Sandulli e Vincenza Marina Marinelli

I ' LA DURATA DELLA PRESTAZIONE LAVORATIVA
NELL'ASSETTO DEL CONTRATTO INDIVIDUALE DI LAVORO
1. Durata della prestazione lavorativa e oggetto del contratto di lavoro . » 593
2. L'in'usso della normativa europea ed i rapporti con la Costituzione italiana » 596
3. Le linee di politica legislativa italiana: 'quantum' della prestazione e
nuovi modelli contrattuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 597
4. Le fonti collettive sull'orario di lavoro in se ed a fronte dell'azione am-
´
ministrativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 599
5. Il livello di effettivita della disciplina fra condizionamenti funzionali alla
`
prevenzione e meccanismi sanzionatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 600

II ' DALL'IMPIANTO CODICISTICO ALL'ARTICOLAZIONE
DEI TEMPI DI LAVORO NELLA LEGISLAZIONE NAZIONALE
6. La durata della prestazione lavorativa sino alla riforma organica dei
tempi di lavoro e le problematiche interpretative nel sistema delle fonti » 602
7. Il d.lg. n. 66/2003 come novellato dall'art. 41 l. n. 133/2008. Ulteriori
linee di tendenza in ambito europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 607
8. L'attuale disciplina regolativa in tema di orario di lavoro . . . . . . . . . . » 610
8.1. Durata massima della prestazione lavorativa: orario normale di la-
voro come 'limite' e come 'media' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 611
8.2. Rivisitazione dell'ambito de'nitorio e maggiore circoscrizione del-
l'ambito soggettivo di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 614
8.3. Lavoro notturno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 617
8.4. Computo del periodo di riferimento multiperiodale e svolgimento
di lavoro straordinario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 621
8.5. La nozione di 'lavoro effettivo' ed il regime del riposo giornaliero
e delle pause . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 624
8.6. Deroghe e sanzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 628
9. Il punto di approdo per il contemperamento dei tempi di lavoro con
quelli della dimensione personale e familiare del lavoratore . . . . . . . . » 637

CAPITOLO OTTAVO
LA SICUREZZA DEL LAVORO
Andrea Lassandari
1. L'obbligo di sicurezza ed il rapporto di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 641
Indice XIII


2. Fonti di regolamentazione e con'itti di competenza . . . . . . . . . . . . . . p. 643
3. Funzioni e caratteri dell'obbligazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 647
4. (Segue). Attualita di un (risalente) dibattito: l'ambito di applicazione
`
dell'art. 2087 c.c . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 648
5. (Segue). Problemi di speci'cazione del contenuto del precetto vincolante » 652
6. (Segue). L'operare della tutela tra prevenzione e risarcimento del pre-
giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 658
7. La protezione della personalita morale del prestatore . . . . . . . . . . . . .
` » 663
8. Cenni alla ricostruzione sistematica dell'obbligo di sicurezza . . . . . . . . » 665
9. Il disegno legale di speci'cazione dell'obbligo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 671

CAPITOLO NONO
I POTERI DEL DATORE DI LAVORO
Marco Marazza
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 683
2. Contratto ed organizzazione gerarchica del lavoro . . . . . . . . . . . . . . . » 683
3. L'organizzazione del lavoro in senso 'statico' ed in senso 'dinamico' . » 685
4. Potere direttivo ed interessi privati del lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . » 686
5. I contenuti essenziali del potere direttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 686
6. I poteri del datore di lavoro ad ef'cacia modi'cativa (ius variandi) . . » 688
7. I poteri del datore di lavoro ad ef'cacia speci'cativa (il potere direttivo
in senso proprio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 690
8. Potere direttivo obbligazione di lavoro subordinato . . . . . . . . . . . . . . » 694
9. (Segue). Potere direttivo ed obbligazione di lavoro autonomo (il potere
di dettare istruzione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 695
10. L'organizzazione esterna ed interna della prestazione di lavoro subordi-
nato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 697
11. (Segue). L'organizzazione del lavoro per obiettivi . . . . . . . . . . . . . . . . » 700
12. Potere direttivo e regole di disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 701
13. Potere direttivo e buona fede in executivis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 704

CAPITOLO DECIMO
LA RETRIBUZIONE
Giancarlo Perone e Antonella D'Andrea
1. La retribuzione nella disciplina del rapporto di lavoro: generalita ` . . . . » 709
2. La sovrapposizione di nozioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 716
3. I principi costituzionali della proporzionalita e della suf'cienza . .
` . . . . » 722
4. La determinazione giudiziale della retribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . » 727
5. I caratteri della retribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 736
6. La parita di trattamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` . . . . » 739
7. L'adempimento dell'obbligo retributivo: termini e luogo . . . . . . . . . . . » 748
8. Le forme speciali di retribuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 753
9. La misura della retribuzione a tempo e a cottimo . . . . . . . . . . . . . . . . » 760
XIV Indice


10. Struttura della retribuzione e articolazione delle voci che la compon-
gono . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 764
11. Il trattamento economico nel rapporto di lavoro alle dipendenze delle
pubbliche amministrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 774
12. Garanzie e tutele . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 780

CAPITOLO UNDICESIMO
IL TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO
Antonella D'Andrea
1. L'evoluzione normativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 787
2. Meccanismo di calcolo e pagamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 790
3. L'anticipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 794
4. Il Fondo di garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 798
5. La destinazione del t.f.r. ai fondi pensione a seguito della riforma . . . » 800
6. Il t.f.r. e le indennita equipollenti dei lavoratori alle dipendenze delle
`
pubbliche amministrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 802
7. L'opzione per il t.f.r. e la previdenza complementare dei dipendenti di
pubbliche amministrazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 805
8. I diritti del coniuge divorziato e l'indennita in caso di morte ai superstiti
` » 807

CAPITOLO DODICESIMO
LA SOSPENSIONE DELLA PRESTAZIONE DI LAVORO
Riccardo Del Punta
1. Gli eventi sospensivi della prestazione di lavoro: struttura e funzione . » 813
2. Malattia e infortunio. La malattia come incapacita al lavoro . . . . . . . .
` » 817
3. (Segue). Comunicazione e certi'cazione della malattia . . . . . . . . . . . . » 825
4. (Segue). Il contenuto della certi'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 828
5. (Segue). La facolta datoriale di valutazione della certi'cazione medica
` » 828
6. (Segue). Lo svolgimento di attivita da parte del lavoratore malato . . .
` » 831
7. (Segue). Rapporti tra certi'cato privato e pubblico . . . . . . . . . . . . . . . » 834
8. (Segue). Il controllo della malattia: l'art. 5 st. lav. . . . . . . . . . . . . . . . . » 836
9. (Segue). Le «fasce orarie» di reperibilita. a) L'illecito . . . . . . . . . . . . .
` » 838
10. (Segue). b) La sanzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 843
11. (Segue). Il diritto del lavoratore alla conservazione del posto . . . . . . . » 845
12. (Segue). Comporto per sommatoria e giudizio di equita . . . . . . . . . . .
` » 848
13. (Segue). Il licenziamento in pendenza di malattia . . . . . . . . . . . . . . . . » 850
14. (Segue). Periodo di comporto e licenziamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 854
15. (Segue). Il trattamento economico di malattia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 858
16. I congedi parentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 861
17. (Segue). I lavori vietati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 864
18. (Segue). Il divieto di lavoro notturno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 866
19. (Segue). Il congedo di maternita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 867
20. (Segue). Il congedo di paternita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 870
21. (Segue). Adozione e af'damento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 871
Indice XV


22. (Segue). Il trattamento dei congedi di maternita e paternita . . . . . . . .
` ` p. 874
23. (Segue). Il congedo parentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 877
24. (Segue). I riposi giornalieri (e i permessi per assistenza a 'gli con han-
dicap grave) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 882
25. (Segue). I congedi per la malattia del 'glio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 886
26. (Segue). Il divieto di licenziamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 887
27. (Segue). Le dimissioni della lavoratrice madre . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 890
28. Il servizio militare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 891
29. Aspettative e permessi per funzioni pubbliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 895
30. (Segue). L'aspettativa per funzioni pubbliche elettive . . . . . . . . . . . . . » 896
31. (Segue). I permessi per funzioni pubbliche elettive . . . . . . . . . . . . . . . » 898
32. (Segue). I permessi per motivi elettorali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 901
33. Aspettative e permessi per ragioni personali. I permessi per motivi di
studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 904
34. (Segue). I congedi formativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 906
35. (Segue). I congedi per eventi e cause particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . » 907
36. (Segue). I riposi giornalieri per i donatori di sangue . . . . . . . . . . . . . . » 910
37. (Segue). I permessi per i donatori di midollo osseo . . . . . . . . . . . . . . . » 911
38. (Segue). L'aspettativa per lo svolgimento di attivita di volontariato nei
`
Paesi in via di sviluppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 911

CAPITOLO TREDICESIMO
LA DISSOCIAZIONE TRA DATORE DI LAVORO
E UTILIZZATORE DELLA PRESTAZIONE
Oronzo Mazzotta

I ' INTERPOSIZIONE, APPALTO, DISTACCO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 915
2. Alle origini del divieto di rapporti interpositori . . . . . . . . . . . . . . . . . » 917
3. La l. 23 ottobre 1960, n. 1369 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 919
4. Divieto di interposizione e lavoro temporaneo nel c.d. 'pacchetto Treu'
del 1997 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 923
5. Divieto di interposizione e somministrazione di lavoro nel d.lg. n. 276/
2003 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 924
6. La disciplina degli appalti di opere e servizi e le sub-forniture . . . . . . » 928
7. Il distacco dei lavoratori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 934

II ' LA SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO TRAMITE AGENZIA
8. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 937
9. La struttura ed il ruolo delle agenzie fornitrici . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 939
10. Il contratto di somministrazione di lavoro (fra agenzia ed utilizzatore) . » 942
11. Il contratto di lavoro con l'agenzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 946
12. La prestazione di lavoro presso l'utilizzatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 948
13. L'apparato sanzionatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 952
XVI Indice


CAPITOLO QUATTORDICESIMO
IL LAVORO A TERMINE
Luigi Menghini
1. L'evoluzione della disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 959
1.1. Dalla rigidita alla 'essibilita controllata o contrattata . . . . . . . . . .
` ` » 959
1.2. Il 'pacchetto Treu', la direttiva comunitaria ed il d.lg. n. 368/2001 » 963
1.3. La 'legge Biagi' ed il dibattito sulla precarieta del lavoro . . . . . .
` » 971
1.4. La legge 'nanziaria per il 2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 974
1.5. Il Protocollo sul Welfare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 975
1.6. La riforma del Welfare: l. 24 dicembre 2007, n. 247 . . . . . . . . . . . » 978
1.6.1. Il lavoro a tempo indeterminato come regola . . . . . . . . . . . . . . » 980
1.6.2. I limiti espliciti alla ripetizione dei contratti a termine . . . . . . . . » 981
1.6.3. Il diritto di precedenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 988
1.6.3.1. La precedenza nelle assunzioni a tempo indeterminato . . . . . . » 988
1.6.3.2. La precedenza nelle assunzioni a termine per lo svolgimento di
attivita stagionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 991
1.6.4. Le modi'che al regime delle esenzioni ed il rafforzamento del
ruolo del sindacato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 994
1.6.5. Le prestazioni di carattere discontinuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 994
1.6.6. Le disposizioni transitorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 996
1.7. Le novita introdotte dalla 'nanziaria per il 2008 . . . . . . . . . . . . .
` » 997
1.8. Nuovo Governo e nuove innovazioni con il d.l. n. 112/2008 e la
l. n. 133/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 998
1.8.1. Le modi'che per il lavoro privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 999
1.8.1.1. La possibilita di assumere a termine per l'attivita ordinaria . . .
` ` » 999
1.8.1.2. Possibilita di deroghe con contratto collettivo alle nuove dispo-
`
sizioni sui 36 mesi e sulle precedenze per la stipula di contratti a
tempo indeterminato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1000
1.8.1.3. La disapplicazione della sanzione della conversione del rappor-
to per i casi di illegittimita del termine fatta valere nei giudizi in
`
corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1001
1.8.2. Le innovazioni nel settore del lavoro pubblico . . . . . . . . . . . . . » 1005
1.9. Dalla precarieta del rapporto alla precarieta della disciplina: rilievo
` `
centrale dell'accordo-quadro europeo ed in particolare della clau-
sola di non regresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1006
1.9.1. La sentenza C. cost., 4 marzo 2008, n. 44 . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1009
1.9.2. La reazione dei giudici alle norme di favore per Poste italiane » 1011
2. Le molteplici 'nalita del contratto di lavoro a tempo determinato . . .
` » 1014
3. Tecniche limitative, poteri dei sindacati e del giudice . . . . . . . . . . . . . » 1015
4. Costituzione, stabilita, lavoro a termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` » 1018
5. Vari tipi di contratti di lavoro subordinato a termine presenti nel no-
stro ordinamento ed individuazione di quelli considerati nel presente
studio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1020
Indice XVII


6. La direttiva 1999/70/CE ed il signi'cato dell'accordo-quadro europeo . p. 1021
6.1. Valore giuridico del Preambolo e delle Considerazioni generali . . » 1023
6.2. Il signi'cato generale dell'accordo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1025
6.3. I limiti alla stipula del primo contratto a termine . . . . . . . . . . . . . » 1029
6.4. Unico contratto e giurisprudenza della Corte di Giustizia . . . . . . . » 1031
6.5. Unico contratto, Corte costituzionale e Corte di Cassazione . . . . . » 1033
6.6. Gli strumenti volti a prevenire gli abusi derivanti da una successione
di contratti a termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1034
6.6.1. Pluralita di contratti e giurisprudenza europea . . . . . . . . . . . . . . »
` 1036
6.7. La clausola di non regresso da Mangold ad Angelidaki . . . . . . . . » 1038
7. La disciplina interna dopo le modi'che introdotte nel 2007 e 2008 . . . » 1044
7.1. Il contratto di lavoro a tempo determinato come eccezione o deroga
alla 'gura normale del contratto di lavoro a tempo indeterminato:
una relazione mai mutata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1044
7.2. La temporaneita delle ragioni che giusti'cano l'apposizione del ter-
`
mine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1047
7.2.1. Una deroga al sistema della formula generale: il contratto a ter-
mine per i dipendenti aeroportuali e di Poste italiane . . . . . . . . » 1057
7.2.1.1. Le assunzioni effettuate dalle aziende di trasporto aereo od
esercenti i servizi aeroportuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1058
7.2.1.2. Le assunzioni effettuate da Poste italiane . . . . . . . . . . . . . . . . » 1060
7.2.1.2.1. Contratti Poste e clausola di non regresso . . . . . . . . . . . . . . » 1063
7.2.1.2.2. Contratti Poste e principio di uguaglianza . . . . . . . . . . . . . . » 1068
7.3. Le conseguenze derivanti dall'illegittimita dell'apposizione del ter-
`
mine per carenza delle condizioni sostanziali . . . . . . . . . . . . . . . . » 1069
7.3.1. Le conseguenze dell'illegittimita del contratto a termine secondo
`
la norma transitoria di cui all'art. 21, 1o co. bis, d.l. n. 112/2008,
come convertito dalla l. n. 133/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1075
7.4. I requisiti formali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1078
7.4.1. La speci'cazione nell'atto scritto delle 'ragioni' per cui si assume » 1079
7.4.2. L'apposizione del termine risultante indirettamente dall'atto scritto » 1082
7.4.3. La consegna dell'atto ed il principio dell'anteriorita o almeno con- `
testualita della stipula dell'accordo rispetto all'inizio dello svolgi-
`
mento delle prestazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1085
7.4.4. Le conseguenze del mancato rispetto dei requisiti formali . . . . . » 1089
7.5. L'onere della prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1090
7.6. I divieti di assunzione a termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1091
7.6.1. Il divieto di sostituire lavoratori in sciopero . . . . . . . . . . . . . . . » 1093
7.6.2. Il divieto di assunzione a termine dopo i licenziamenti collettivi » 1094
7.6.3. Il divieto concernente le unita produttive in cui sia operante una
`
sospensione o riduzione d'orario con diritto al trattamento di in-
terazione salariale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1097
7.6.4. Il divieto legato alla valutazione dei rischi . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1098
7.6.5. Le conseguenze del mancato rispetto dei divieti . . . . . . . . . . . . » 1099
XVIII Indice


7.7. L'introduzione di limiti quantitativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . p. 1100
7.7.1. Il carattere di requisito essenziale dei limiti quantitativi e le con-
seguenze del loro mancato rispetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1101
7.8. La proroga del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1104
7.8.1. La normativa precedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1104
7.8.2. Il signi'cato complessivo delle innovazioni . . . . . . . . . . . . . . . . » 1105
7.8.3. Il consenso del lavoratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1106
7.8.4. La durata massima di tre anni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1107
7.8.5. Le ragioni oggettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1107
7.8.6. La stessa attivita lavorativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . »

COMMENTI DEI LETTORI A «I contratti di lavoro. Con CD-ROM»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «I contratti di lavoro. Con CD-ROM»

ALTRI LIBRI DI «Vallebona Antonio»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «I contratti di lavoro. Con CD-ROM»