Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica'

Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica

(Temi di storia)


di

Taviani Paolo


Normalmente disponibile in 15/16 giorni lavorativi

DETTAGLI DI «Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica»

Tipo Libro
Titolo Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica
Autore
Editore

Franco Angeli


EAN 9788856833867
Pagine 288
Data 2011
Collana Temi di storia

COMMENTI DEI LETTORI A «Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica»

Voto medio degli utenti per «Furor bellicus. La figura del guerriero arcaico nella Grecia antica»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelGiurista.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

, s.croce79@libero.it il 18 aprile 2012 alle 16:18 ha scritto:

Furor bellicus è un libro appassionante. Per certi tratti corre veloce come un romanzo, poi ti richiede una lettura attenta, poi magari ti commuove.
Taviani intreccia l’antico con il presente in modo inconsueto. E inconsueto è anche il suo punto di vista: un anziano storico delle religioni che riflette sulla violenza e sul Novecento percorrendo i sentieri della Grecia antica.
Sofocle, Euripide, James Connolly, Nelson Mandela, Omero, Pindaro, Aldo Gastaldi (il mitico partigiano ‘Bisagno’) Marek Edelman, Paolo di Tarso, Agostino d’Ippona, Che Guevara, don Milani: questi alcuni dei nomi che si raccolgono sull’itinerario che il lettore percorre accompagnato da Taviani.
Nei capitoli centrali troviamo un saggio di storia culturale greca a tutto tondo. Originale è l’interpretazione dell’Aiace di Sofocle (bellissimo il paragrafo su Salamina), originalissima quella d’Eracle di Euripide.
Il problema del furor bellicus diventa il centro propulsore di una ricerca che cala nel profondo delle nostre radici culturali.
Lo inventarono gli autori cristiani che vissero nell’età dell’alleanza tra Chiesa e Impero, il furor bellicus, per demonizzare i nemici e giustificare le loro eventuali vittorie: non erano opera di uomini quelle vittorie, ma opera di Satana; la vittoria finale del popolo di Dio era comunque garantita.
Ma a fare da contro canto a questa tendenza a demonizzare il nemico (una tendenza ben viva ancora oggi), sta l’eredità greca, in particolare ateniese: la guerra deve essere l’esito di una scelta consapevole e collettiva dell’intera polis, e deve essere combattuta dai suoi membri con una coesione e una disciplina capaci d’imporre una misura alla violenza esercitata. Taviani non è un ingenuo, e cita don Milani per tenere a mente che anche intesa così la guerra può diventare imperialismo e vessazione. Ma una guerra decisa da pochi e combattuta da reparti di professionisti è certo qualcosa di peggio (e molte vicende recenti stanno lì a dimostrarlo).
Il libro di Taviani si offre come testo universitario, ma l’intelligenza dei lettori appassionati di storia della cultura, della nostra cultura e del nostro presente, non resterà delusa.
Silvia Croce