Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato'

Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato - [volume 3]

 

Normalmente disponibile in 10/11 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato»

Tipo Libro
Titolo Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato - [volume 3]
A cura di Fiori R.
Editore

Jovene


EAN 9788824318273
Data settembre 2009

INDICE DI «Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO

Nota del curatore ........................................................................... p. IX


RICCARDO CARDILLI
Il problema della resistenza del tipo contrattuale nel diritto
romano tra natura contractus e forma iuris .......................... » 1
I. MODIFICABILITÀ DEL TIPO E DOTTRINA DEI NATURALIA NELLA TRADIZIONE
CIVILISTICA DI DIRITTO ROMANO. ' 1. Le critiche della Pandettistica e del
giuspositivismo ai naturalia negotii, 1. ' 2. La distinzione tra substantia
e natura in Baldo degli Ubaldi, 5. ' II. MODIFICABILITÀ DEL TIPO CONTRAT-
TUALE E DOTTRINA DEI PACTA IN DIRITTO ROMANO. ' 3. Pacta conventa so-
ciali di ripartizione dei lucri e delle perdite e resistenza del tipo tra na-
tura societatis e ius societatis, 15. ' 4. Pacta adiecta in continenti e resi-
stenza del tipo nei giuristi tardorepubblicani e di inizio principato:
alcuni esempi, 26. ' 5. Pacta adiecta e forma mandati in Giuvenzio Celso
(D. 17, 1, 48, 2), 30. ' 6. Il 'contra iuris forma' in un parere di Pomponio
in materia di pacta adiecta ad un deposito (D. 2, 14, 7, 15), 35. ' 7. Pacta
e tipo contrattuale nei giuristi dell'età dei Severi: il 'naturaliter inesse' di
Ulpiano in D. 19, 1, 11, 1, 38. ' 8. La distinzione di Papiniano tra 'sub-
stantia emptionis' e 'adminicula emptionis' (D. 18, 1, 72 pr.), 41. ' 9. L'in-
terpretatio di Ulpiano del parere di Papiniano e la natura contractus (D.
2, 14, 7, 5), 51. ' 10. 'Natura depositi' in Papiniano (D. 16, 3, 24), 56. '
11. La 'forma antiquitus constituta' in materia di datio tutoris in Ulpiano
(D. 26, 7, 5, 7), 61. ' 12. Il 'ius quod lex naturae dotis tribuit' in Paolo
(D. 2, 14, 27, 2), 64. ' 13. Il 'potest mandatum ex pacto etiam naturam
suam excedere' in Paolo (D. 19, 5, 5, 4), 69. ' III. CONCLUSIONI. ' 14. La
resistenza del tipo contrattuale e l'emersione della regola 'pacta con-
venta inesse bonae fidei iudiciis', 73.


MARIA FLORIANA CURSI
Dall'actio de dolo al danno meramente patrimoniale .................. » 77
I. IL PROBLEMA DEL RISARCIMENTO DEL DANNO MERAMENTE PATRIMONIALE
NEL DIRITTO CIVILE ITALIANO. ' 1. La posizione del problema, 77. ' 2. Il
modello contrattuale, 79. ' 3. L'adesione della giurisprudenza al mo-
VI INDICE SOMMARIO


dello contrattuale nel risarcimento del danno da contatto sociale, 82. '
4. Il modello extracontrattuale, 87. ' 5. Gli obiettivi della ricerca: danno
extracontrattuale e actio de dolo, 88. ' II. ACTIO DE DOLO E DANNO ATIPICO
NEL SISTEMA RIMEDIALE ROMANO. ' 6. La sussidiarietà dell'azione, 90. '
7. I diversi àmbiti di applicazione dell'azione, 91. ' 8. Il carattere imma-
teriale della condotta dolosa sanzionata dall'actio de dolo, 96. ' III. DAL-
L'ACTIO DE DOLO ALLA NOZIONE SOSTANZIALE DI DOLO CONTRATTUALE ED
EXTRACONTRATTUALE (SECC. XII-XVIII). ' 9. Il dibattito dei glossatori sulla
nuova applicazione dell'azione di dolo nell'ipotesi di traditio innestata
su una vendita nulla per dolo determinante della parte, 99. ' 10. La pre-
ferenza dei commentatori per l'azione contrattuale, 102. ' 11. L'emer-
gere della nozione sostanziale di dolo contrattuale e dolo extra-
contrattuale nelle sistematiche degli umanisti, 105. ' 12. Il carattere vo-
lontaristico del dolo nella dottrina canonistica e nella Seconda
Scolastica, 109. ' 13. La rilevanza del consenso nella teoria del dolo ne-
goziale di Grozio, 111. ' 14. L'incertezza dei giusnaturalisti: nullità di
diritto civile o annullamento di diritto naturale', 112. ' 15. La connes-
sione instaurata dall'Usus modernus Pandectarum tra effetti del con-
tratto viziato e scelta della parte ingannata, 117. ' IV. CONSERVAZIONE E
SUPERAMENTO DELLA PROSPETTIVA RIMEDIALE ROMANA NELL'ETÀ DELLE CODI-
FICAZIONI. ' 16. Il dolo negoziale nei codici giusnaturalisti, 117. ' 17. Il
recupero della casistica romana nei contributi della Scuola storica e la
sistematizzazione del dolo extracontrattuale nella Pandettistica, 119. '
18. La conservazione della funzione dell'azione di dolo nell'impianto
del Bürgerliches Gesetzbuch, 121. ' 19. Il dolo negoziale nella riflessione
di Domat e Pothier, 124. ' 20. La normativizzazione del dolo negoziale
e della categoria generale di danno extracontrattuale nel Code civil, 125.
' 21. La recezione del modello francese nel Codice civile italiano del
1865, 127. ' 22. Il difficile connubio tra modello francese e modello te-
desco nell'elaborazione del Codice civile del 1942, 129. ' V. UN'INTER-
PRETAZIONE STORICO-SISTEMATICA DELLA LACUNA LASCIATA APERTA DALL'A-
ZIONE DI DOLO. ' 23. La tutela extracontrattuale del danno meramente
patrimoniale, 132.

OLIVIER DESCAMPS
Modèles théoriques et méthodologiques en matière de respon-
sabilité civile: l'héritage fondateur du droit canonique
naissant et du droit vulgaro-franc......................................... p. 139
1. Introduction, 139. ' 2. Les origines patristique et canonique de la
responsabilité civile pour faute personnelle, 141. ' 2.1. La faute et la
culpabilité, 142. ' 2.2. La réparation de la faute, 156. ' 3. Les origines
vulgaro-barbares de la responsabilité civile pour faute personnelle, 167.
' 3.1. La lente mutation des classifications et des notions romaines, 170.
' 3.2. Les modifications de la nature de la responsabilité extracontrac-
tuelle, 177. ' 3.3. Les effets de la responsabilité extracontractuelle, 183.
' 4. Conclusion: la reprise de l'héritage antique dans l'ancien droit, 189.
INDICE SOMMARIO VII

PAUL J. DU PLESSIS
Creative legal reasoning and rules of law: a study in the ius
commune ................................................................................. p. 193
1. Introduction, 193. ' 2. Methodology, 195. ' 3. The Roman-law posi-
tion, 196. ' 4. The ius commune position, 203. ' 4.1. Medieval learned
law, 203. ' 4.2. From medieval learned law to the Prussian Land Law,
214. ' 4.3. From the Prussian Land Law to the German Civil Code, 227.
' 5. Conclusions, 235.

ROBERTO FIORI
Fides e bona fides. Gerarchia sociale e categorie giuridiche ......... » 237
1. La fides arcaica, 237. ' 1.1. Lo stato della dottrina, 237. ' 1.2. Le fun-
zioni della fides nelle fonti, 237. ' 1.3. La fides come 'credito' socio-giu-
ridico, 240. ' 1.4. La fides e la 'parola data', 245. ' 2. La bona fides, 248.
' 2.1. La genesi della bona fides, 248. ' 2.2. Bona fides e ius gentium, 250.
' 2.3. Bona fides e ius honorarium, 252. ' 2.4. Bona fides e 'parola data',
255. ' 2.5. Bona fides e 'natura del contratto', 258. ' 3. Fides, bona fides e
strutture 'tipiche' nella società e nel diritto, 259.

PAOLA LAMBRINI
Novazione del contratto o contratto rinnovativo' ....................... » 261
1. La 'novazione del contratto' nell'ordinamento italiano, 261. ' 2. La ri-
flessione giurisprudenziale romana in merito alla renovata venditio, 265.
' 3. Emptionis substantia constitit ex pretio, 269. ' 4. Seconda compra-
vendita e in diem addictio, 271. ' 5. Contratto modificativo e contratto
rinnovativo, 273.

GIANNI SANTUCCI
Utilitas contrahentium. Note minime su una regula che 'cacciata
dalla porta rientrò dalla finestra' .......................................... » 277
1. Considerazioni introduttive, 277. ' 2. Uno sguardo al diritto romano
', 281. ' 3. ' e uno alla tradizione giuridica posteriore, 287. ' 4. Le
critiche alla dottrina della tripartizione delle colpa, 292. ' 5. L'(appa-
rente) abbandono della regola dell'utilitas in talune codificazioni del
primo Ottocento, 295. ' 6. Il permanere del criterio dell'utilitas nelle
principali codificazioni del Novecento, 304. ' 7. Conclusioni, 309.

MARTIN JOSEF SCHERMAIER
Non-Roman Foundations of European Legal Culture................. » 313
1. Introduction, 313. ' 2. Intestate succession from the XII tables to Ju-
stinian, 316. ' 3. Specificatio and the balancing of work and matter, 320.
' 4. The concept of culpa: negligence or sin', 324. ' 5. Conclusion and
consequences, 329.

COMMENTI DEI LETTORI A «Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Modelli teorici e metodologici nella storia del diritto privato»