Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime'

Ingrandisci immagine


L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime

(Teoria pratica diritto. Penale e process.)


di

Manzione Domenico

 

Disponibilità immediata
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime»

Tipo Libro
Titolo L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814170478
Pagine X-220
Data settembre 2013
Collana Teoria pratica diritto. Penale e process.

INDICE DI «L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

DICE SOMMARIO

Ringraziamenti ....................................................................................................................... IX




CAPITOLO 1 L'EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTIUSURA
FINO AL CODICE ROCCO
1. Premessa ........................................................................................................................ 1
2. Le usure lecite e le usure illecite.......................................................................... 3
3. L'atteggiamento della chiesa e la condanna, anche morale, del pre-
stito ad interessi .......................................................................................................... 6
4. L'essenzialità dell'esercizio del credito dalla riforma protestante all'af-
fermazione del liberismo economico ................................................................ 11
5. La regolamentazione preunitaria e quella del codice unitario................ 16


CAPITOLO 2 IL DELITTO DI USURA
1. La disciplina del codice Rocco e le successive modi'che: la « revisio-
ne » della fattispecie sull'usura e l'introduzione del delitto di usura
impropria ........................................................................................................................ 22
2. L'approvazione della legge 108/1996: l'individuazione del tasso di
interesse come momento cruciale della repressione del fenomeno
usurario ........................................................................................................................... 28
3. La « disciplina transitoria » della l. 7 marzo 1996, n. 108 e la succes-
sione tra norme incriminatrici............................................................................... 32
4. L'estensione della fattispecie e le sue caratteristiche: l'usura
monetaria....................................................................................................................... 38
4.1. L'« obbiettivizzazione » del reato: soggetti attivi e passivi, de-
lega di funzioni, concorso di persone nel reato................................ 39
4.2. La responsabilità amministrativa dell'ente (cenni) .......................... 41
4.3. La condotta e il dolo. Rilevanza dell'errore ......................................... 42

V
INDICE


4.4. La sempli'cazione strutturale della fattispecie: con'gurabilità
del tentativo, assenza di « requisiti impliciti » e rapporti con la
circonvenzione di persone incapaci ...................................................... 44
4.5. La « nuova » incriminazione come norma penale in bianco:
problematiche relative alla successione dei d.m. sul « tasso
soglia » ... .......................................................................................................... 47
4.6. ... e in materia di commissione di massimo scoperto .................... 49
4.7. Le soluzioni della giurisprudenza............................................................ 53
4.8. Le forme spurie di usura ............................................................................. 56
4.9. L'usura tra banche......................................................................................... 59
5. L'usura reale.................................................................................................................. 66
6. La mediazione usuraria ............................................................................................ 68
7. I criteri di individuazione dell'usura: il tasso usurario e gli interessi
moratori .......................................................................................................................... 69
7.1. La sproporzione tra le prestazioni e le condizioni di dif'coltà
economica e 'nanziaria del mutuatario .............................................. 79
8. L'oggetto giuridico del reato... ............................................................................. 84
9. ... e la sua persistente natura di reato istantaneo ad effetti
permanenti .................................................................................................................... 91
10. I ri'essi civilistici .......................................................................................................... 97
10.1. La riabilitazione speciale del debitore protestato............................ 100
10.2. La sospensione e la cancellazione del protesto ............................... 104
11. Il sistema circostanziale: il regime transitorio ................................................ 105
12. Le circostanze ad effetto speciale....................................................................... 107
12.1. L'aver agito nell'esercizio di attività professionale, bancaria o di
intermediazione mobiliare......................................................................... 109
12.2. La richiesta di garanzie ................................................................................ 111
12.3. Il fatto commesso in danno di persona in stato di bisogno ........ 112
12.4. Il fatto commesso in danno di soggetti esercenti attività im-
prenditoriali, professionali o artigianali................................................. 114
12.5. Reato commesso da persona assoggettata a misura di
prevenzione...................................................................................................... 115
13. La sanzione accessoria in tema di usura .......................................................... 116
14. L' ipotesi di con'sca disciplinata dall'art. 644 c.p.... .................................... 118
14.1. ... e quella disciplinata dall'art. 12-sexies d.l. 306/1992 ................ 122
14.2. La con'sca senza condanna tra interpretazione... ......................... 125
14.3. ...e 'nuove prospettive' europee............................................................. 130


CAPITOLO 3 LE ALTRE SANZIONI PENALI
1. La mediazione: generalità ....................................................................................... 138

VI
INDICE


2. L'abusiva mediazione creditizia............................................................................ 141
3. L'ipotesi consistente nell'indirizzare a soggetti non abilitati all'eserci-
zio di attività bancaria o creditizia ....................................................................... 145
4. L'inasprimento di pena per l'esercizio abusivo di attività 'nanziaria (ed
un ... repentino ripensamento).............................................................................. 147
5. Le connessioni con il fenomeno del riciclaggio e l'applicabilità delle
relative sanzioni alla mediazione creditizia ..................................................... 150


CAPITOLO 4 LA PREVENZIONE DEL FENOMENO USURARIO E
LA TUTELA DELLE VITTIME DELL'USURA
1. Premessa ........................................................................................................................ 153
2. La prevenzione in senso penalistico................................................................... 154
3. La prevenzione come creazione di un « autonomo » mercato del
credito: il fondo per la prevenzione del fenomeno dell'usura................. 157
4. Il fondo di solidarietà per le vittime dell'usura................................................ 160
5. La domanda di concessione .................................................................................. 162
6. ... i limiti e le cause « risolutive » della erogazione ..................................... 165


CAPITOLO 5 LE DISPOSIZIONI PROCESSUALI E LE CRISI DA SO-
VRAINDEBITAMENTO
1. La competenza ............................................................................................................ 168
2. Le attività investigative: l'ampliamento delle ipotesi di intercettazione
telefonica........................................................................................................................ 169
3. Il ritardo nella esecuzione dei provvedimenti cautelari, precautelari e
di sequestro................................................................................................................... 171
4. Rapporti tra misure di sicurezza ed applicazione di pena concordata. 174
4.1. Il sequestro preventivo................................................................................ 176
5. La costituzione di parte civile delle fondazioni e associazioni
antiusura......................................................................................................................... 182
6. L'usura e la composizione delle crisi da sovraindebitamento: il dise-
gno di legge S/307... ................................................................................................. 184
7. ...e l'approvazione della l. 27 gennaio 2012 n. 3............................................ 188
8. La nuova incriminazione prevista dall'art. 19 l. 3/2012: la versione
provvisoria... .................................................................................................................. 195
9. ...e quella de'nitiva ..................................................................................................... 201
10. Le interferenze tra procedimento amministrativo e procedimento
penale... ........................................................................................................................... 203

VII
INDICE


11. ...anche con riferimento alla sospensione dei termini di cui all'art. 20 l.
44/1999.......................................................................................................................... 205
12. La portata del provvedimento del procuratore della Repubblica........... 207
13. Effetti e criteri di orientamento del provvedimento del procuratore
della Repubblica .......................................................................................................... 210


Indice analitico ...................................................................................................................... 215




VIII

COMMENTI DEI LETTORI A «L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime»

ALTRI LIBRI DI «Manzione Domenico»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L'usura. Sanzioni, prevenzione e tutela delle vittime»