Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina'

Ingrandisci immagine


Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina


di

Tasca Gaetano, Vietti Michele

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina»

Tipo Libro
Titolo Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814150531
Pagine X-416
Data settembre 2009
Peso 650 grammi

INDICE DI «Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Prefazione di GIORGIO DI GIORGIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX




Parte Prima
FENOMENI OFF-SHORE E GLOBALIZZAZIONE: ANALISI DI SISTEMA


Capitolo I
COLLOCAZIONE ECONOMICO-GIURIDICA DEL FENOMENO OFF-SHORE
(di Gaetano Tasca)
1. Off-shore: portata terminologica e concettuale nell'evoluzione storica . . 3
2. Mercato globale e concorrenza fra i sistemi - attrazione dei capitali . . . . 8
3. Concorrenza fra ordinamenti e diritti societari . . . . . . . . . . . . . . . . 24
4. L'operato dell'OCSE e la risposta degli ordinamenti nazionali. Le legisla-
zioni CFC antielusive e di contrasto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4.1. Problemi di compatibilità della CFC legislation rispetto alle norme
comunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
5. Le altre legislazioni di contrasto a tutela del mercato e del risparmio . . 81
5.1. Elementi generali e sintetici della normativa di contrasto italiana.
Caratteristiche e contraddizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
6. De'nizione e criteri di individuazione dei 'Paradisi' . . . . . . . . . . . . 101
6.1. Liechtenstein, Andorra e Principato di Monaco . . . . . . . . . . . 110


Capitolo II
FATTORI DELL'OPZIONE OFF-SHORE
(di Gaetano Tasca)
1. Il segreto bancario: l'istituto ed il fenomeno in generale . . . . . . . . . . 121
1.1. Asimmetria di sistemi bancari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
1.2. Evoluzione dell'istituto in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
1.3. Il segreto bancario all'estero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
1.4. I Paesi con segreto bancario « assoluto » . . . . . . . . . . . . . . . . 168
2. Il riciclaggio del denaro di provenienza illecita. Le Direttive antiriciclaggio
dell'UE, il GAFI e le sue Raccomandazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
2.1. Le misure antiriciclaggio tra bank haven e cyber haven . . . . . . . . 183
2.2. Il contrasto del riciclaggio secondo l'evoluzione normativa in Italia. 190
VI INDICE SOMMARIO



3. I fattori del fenomeno off-shore: anonimato, segretezza ed impunità, dopo
la crisi 'nanziaria del 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202



Parte Seconda
LA LEGISLAZIONE ITALIANA DI CONTRASTO AI PARADISI OFF-SHORE


Capitolo III
SOCIETÀ OFF-SHORE, LE NORME ITALIANE
A DIFESA DELLA TRASPARENZA
E DEL CONTROLLO. LA LEGGE 262/2005, LA TUTELA
DEL RISPARMIO E DELL'AZIONISTA
(di Michele Vietti)


SEZIONE I
LA TRASPARENZA IN GENERALE


1. I signi'cati di 'trasparenza'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
2. Un mercato 'trasparente' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
3. Le origini della trasparenza 'societaria'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
4. Le origini nel sistema bancario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
5. Le origini per le società quotate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
6. La c.d. legge sulla tutela del risparmio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
7. 'Indagine conoscitiva'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231


SEZIONE II
I CRITERI PER STABILIRE LA TRASPARENZA DI UN ORDINAMENTO


1. I presupposti. Il presupposto soggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
2. Cenni di diritto internazionale privato: la lex societatis . . . . . . . . . . . 236
3. I presupposti. La trasparenza in generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
4. I criteri (Pubblicità e costituzione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
5. (Segue) I criteri (Disciplina del capitale sociale) . . . . . . . . . . . . . . . 245
6. (Segue) I criteri (Struttura societaria). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
7. (Segue) I criteri (Il bilancio di esercizio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
8. (Segue) Criteri ulteriori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
9. La funzione e il ruolo della Consob . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252


SEZIONE III
LA DISCIPLINA

1. La società italiana controllante la società estera. . . . . . . . . . . . . . . . 254
2. Il legame di controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
3. Il controllo indiretto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
4. Ulteriori aspetti della disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
INDICE SOMMARIO VII



Capitolo IV
LE SOCIETÀ OFF-SHORE NEL DIRITTO TRIBUTARIO
(di Gaetano Tasca)
1. I regimi 'scali agevolati, dal Paese 'tax haven' al vero e proprio paradiso
'scale: origine ed analisi del fenomeno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
1.1. Il tax heaven: evoluzione della nozione e differenze con i paradisi
societari e bancari e penali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
1.2. La competizione 'scale dannosa. Il rapporto OCSE 'harmful tax
competition: an emerging global issue' del 1998 . . . . . . . . . . . . 278
2. Il paradiso 'scale come centro di interesse e di attività opaca e/o illecita . 280
3. Le risposte degli ordinamenti, sovranazionale e nazionale. Problematiche
ed inef'cacia di politiche autonome ed indipendenti. . . . . . . . . . . . . 287
4. La Controlled Foreign Companies legislation . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
5. Ordinamento italiano, direttrici di contrasto del fenomeno e tutela
tributaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294
5.1. L'ordinamento tributario italiano: dalle black list alle white list . . . 307
6. La Controlled Foreign Company legislation. La genesi della norma. . . . . 313
6.1. Le disposizioni in materia di imprese controllate. Presupposti ogget-
tivi e soggettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
6.1.1. I requisiti soggettivi delle controllanti italiane . . . . . . . . . 319
6.1.2. I requisiti soggettivi delle controllate estere. . . . . . . . . . . 321
6.1.3. I requisiti oggettivi, la residenza o localizzazione in un Paese
a 'scalità privilegiata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
6.1.4. Il requisito del controllo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
6.2. Il trattamento 'scale derivante dall'applicazione della normativa
CFC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
6.3. Le circostanze esimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
6.3.1. L'esercizio effettivo di una attività industriale o commerciale,
come sua principale attività, nello Stato o nel territorio nel
quale ha sede. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
6.3.2. L'esclusione dell'effetto delocalizzativo in paesi tax heaven . 357
7. Le imprese collegate estere, particolarità applicative e differenze con la
disciplina di cui all'art. 167 del Tuir . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
7.1. I presupposti soggettivi e oggettivi previsti dall'art. 168 del Tuir: il
'collegamento' rilevante ai 'ni dell'applicazione della disciplina . . 363
7.2. L'imputazione dei redditi, le modalità di tassazione e gli obblighi
dichiarativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
7.3. Le esimenti e la disapplicazione della disciplina relativa alle collegate
estere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 374
8. L'indeducibilità dei costi black list . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 374
8.1. I presupposti soggettivi per l'applicazione della normativa . . . . . . 379
8.2. Il collegamento con il tax heaven . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
8.3. I presupposti oggettivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
8.4. Le cause di esclusione dell'applicazione della disciplina . . . . . . . 386
8.4.1. Le esimenti di cui all'art. 110, comma 11, del Tuir . . . . . . 387
8.4.2. L'esimente di cui all'art. 110, comma 12, del Tuir . . . . . . 392
VIII INDICE SOMMARIO



8.5. L'obbligo di separata indicazione dei costi black list e l'introduzione
delle sanzioni per l'infedele dichiarazione . . . . . . . . . . . . . . . 393
9. Gli utili, le remunerazioni e le plusvalenze black list . . . . . . . . . . . . 396
10. La compatibilità della disciplina 'scale italiana di contrasto al fenomeno
off-shore con il modello di convenzione contro le doppie imposizioni
dell'OCSE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
11. Le novità della manovra estiva 2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
11.1. L'articolo 12 del D.L. 78/2009: contrasto ai paradisi 'scali . . . . . 405
11.2. L'articolo 13 del D.L. 78/2009: contrasto agli arbitraggi 'scali
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
11.3. Considerazioni 'nali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409

Indice bibliogra'co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
Indice della prassi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 415

COMMENTI DEI LETTORI A «Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina»

ALTRI LIBRI DI «Tasca Gaetano, Vietti Michele»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Società off-shore e paradisi legali. Regole e disciplina»