Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009'

Ingrandisci immagine


Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009

(Le nuove leggi penali)


di

Parodi Cesare

 

Disponibilità immediata
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009»

Tipo Libro
Titolo Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814150500
Pagine IX-296
Data ottobre 2009
Collana Le nuove leggi penali

INDICE DI «Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE

Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


1.
I LINEAMENTI DEL DECRETO ED IL FENOMENO STALKING
1.1. Le ragioni dell'urgenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.2. I lineamenti dell'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
1.3. Stalking: l'inquadramento pregiuridico del fenomeno . . . . . . . . . . . 16
1.4. (segue) l'affermazione nel mondo anglosassone e le esperienze estere . . 18
1.5. I progetti di legge pregressi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
1.6. I protagonisti del rapporto: lo stalker . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
1.6.1. (segue) la classi'cazione dei molestatori. . . . . . . . . . . . . . . 26
1.7. La vittima dello stalking . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
1.8. (segue) vittime ed 'help profession' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
1.9. La valutazione medico-legale del danno derivato dallo stalking . . . . . 33
1.10. Le prospettive: un fenomeno conosciuto e non metabolizzato . . . . . . 39
1.11. I consigli per la 'difesa' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41


2.
LA NUOVA DISCIPLINA DEGLI ATTI PERSECUTORI
Art. 7
2.1. Premessa: la collocazione della norma nell'impianto codicistico . . . . . 46
2.2. La descrizione della condotta: premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
2.2.1. (segue) in particolare: la condotta di minaccia . . . . . . . . . . . 50
2.2.2. (segue) in particolare: la contravvenzione di cui all'art. 660 c.p.. 53
2.2.3. (segue) il delitto di violenza privata. . . . . . . . . . . . . . . . . 57
2.3. L'evento del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 59
2.4. Consumazione del reato ed arresto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
2.4.1. (segue) consumazione del reato e diritto transitorio. . . . . . . . 65
2.5. L'elemento soggettivo del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
2.6. I rapporti con altre fattispecie: premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
2.6.1. (segue) in particolare: il delitto di maltrattamenti . . . . . . . . . 70
2.7. Le ipotesi aggravate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
2.7.1. (segue) in particolare: la connessione con altri reati. . . . . . . . 77
2.8. La procedibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
2.9. I pro'li civilistici: stalking e danno esistenziale . . . . . . . . . . . . . . . 82
2.9.1. Il danno esistenziale nel sistema giuridico. . . . . . . . . . . . . . 88
VIII INDICE



2.9.2. La ricaduta della decisione delle Sezioni Unite in tema di stalking. 91
2.9.3. (segue) la prova del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
2.9.4. (segue) la quanti'cazione del danno . . . . . . . . . . . . . . . . 99


3.
LA DISCIPLINA DELL'AMMONIMENTO
Art. 8
3.1. L'istituto dell'ammonimento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
3.2. I presupposti dell'ammonimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
3.3. La procedura di ammonimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
3.4. L'incidenza dell'ammonimento sul reato di cui all'art. 612-bis c.p.: il
sindacato sul provvedimento di ammonimento . . . . . . . . . . . . . . . 118
3.5. Ammonimento, circostanze aggravanti e reati procedibili di uf'cio . . . 121


4.
I NUOVI STRUMENTI DI TUTELA IN TEMA DI VIOLENZA SESSUALE
Artt. 1, 2, 3
4.1. Le nuove aggravanti del delitto di lesioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
4.1.1. (segue) in particolare: omicidio ed atti persecutori . . . . . . . . 130
4.2. La nuove indicazioni in tema di arresto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131
4.2.1. (segue) le valutazioni della p.g. all'atto dell'arresto e l'attenuante
della minore gravità della violenza . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
4.3. Le nuove indicazioni in tema di misure cautelari. . . . . . . . . . . . . . 140
4.4. Le modi'che apportate dalla riforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4.5. Le modi'che in tema di bene'ci penitenziari . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.6. La procedura di concessione dei bene'ci . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
4.7. I presupposti attuali per la concessione dei bene'ci . . . . . . . . . . . . 156
4.8. L'art. 4-bis e la sospensione dell'esecuzione . . . . . . . . . . . . . . . . . 162


5.
NUOVI STRUMENTI PROCEDURALI DI TUTELA PER LO STALKING
E LA VIOLENZA SESSUALE
Art. 9
5.1. Il divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla persona offesa: i
presupposti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
5.1.1. (segue) la scelta della misura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
5.1.2. (segue) il raffronto con la misura di cui all'art. 282-bis c.p.p . . 176
5.1.3. La comunicazione dei provvedimenti di divieto . . . . . . . . . . 183
5.2. I precedenti rispetto alla nuove misure: gli arresti domiciliari con
limitazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
5.3. L'assunzione della persona offesa con le forme dell'incidente probatorio. 191
5.3.1. (segue) la richiesta e le modalità dell'incidente probatorio . . . . 196
5.4. Lo svolgimento dell'incidente probatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
5.4.1. (segue) l'udienza e la valutazione dell'atto . . . . . . . . . . . . . 204
5.5. Le modi'che in sede dibattimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
INDICE IX



6.
L'ASSISTENZA ALLE VITTIME DEI REATI
Artt. 4, 10, 11, 12, 12-bis, 12-ter
6.1. L'ammissione al gratuito patrocinio per le vittime di violenza sessuale . 209
6.1.1. (segue) condizioni e procedura per l'ammissione . . . . . . . . . 214
6.2. Le informazioni sui centri antiviolenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
6.2.1. (segue) l'istituzione dei centri antiviolenza . . . . . . . . . . . . . 219
6.3. Il numero verde a favore delle vittime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
6.4. Le modi'che dalla disciplina dell'ordine di protezione . . . . . . . . . . 222
6.4.1. (segue) la richiesta e l'applicazione dell'ordine di protezione . . 227
6.4.2. (segue) la tutela cautelare in sede civile: le indicazioni
giurisprudenziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230


7.
LE INDICAZIONI IN TEMA DI SICUREZZA PUBBLICA
Artt. 6, 6-bis, 12, 12-bis, 12-ter
7.1. Il piano di controllo del territorio: le disposizioni 'nanziarie . . . . . . . 235
7.2. Il reclutamento di uf'ciali in servizio permanente dell'Arma dei
carabinieri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
7.3. Il ruolo dei comuni rispetto all'obiettivo 'sicurezza' . . . . . . . . . . . 241
7.3.1. La videosorveglianza da parte dei Comuni: le 'nalità istituzio-
nali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
7.3.2. (segue) le indicazioni sull'utilizzo della videosorveglianza . . . . 251
7.3.3. (segue) gli obblighi di comunicazione al Garante . . . . . . . . 255
7.3.4. (segue) le indicazioni speci'che per gli enti pubblici . . . . . . . 257
7.3.5. (segue) la conservazione dei dati personali . . . . . . . . . . . . 261
7.4. L'intervento sul d.lgs. n. 109/2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
7.5. Le indicazioni in tema di assicurazione obbligatoria . . . . . . . . . . . . 270



APPENDICE
1. Decreto-legge 23 febbraio 2009, n. 11 convertito con modi'cazioni, in
legge 23 aprile 2009, n. 38. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
2. Provvedimenti della Questura di Torino in tema di ammonimento . . . 283



Bibliogra'a essenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
Indice delle sentenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293

COMMENTI DEI LETTORI A «Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009»

ALTRI LIBRI DI «Parodi Cesare»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Stalking e tutela penale. Le novità introdotte nel sistema giuridico dalla L.38/2009»