Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Strumenti per la formazione della prova penale'

Ingrandisci immagine


Strumenti per la formazione della prova penale

(Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.)


di

Aprile Ercole, Silvestri Pietro

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Strumenti per la formazione della prova penale»

Tipo Libro
Titolo Strumenti per la formazione della prova penale
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814149788
Pagine XIV-524
Data settembre 2009
Collana Teoria pratica dir. III: dir. proc. pen.

INDICE DI «Strumenti per la formazione della prova penale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . vii



Sezione prima
PROVA PENALE E GIUSTO PROCESSO
(Pietro Silvestri)

Capitolo I
DALLA RIFORMA DELL'ART. 111 DELLA COSTITUZIONE
ALLA LEGGE N. 63/2001
1.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
1.2. La modifica all'art. 111 della Costituzione: il principio del con-
traddittorio nelle sue diverse accezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
1.3. La portata relativa del principio del contraddittorio e le sue
deroghe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
1.4. (Segue) la deroga al contraddittorio per consenso dell'imputato 18
1.5. `
(Segue) ''per accertata impossibilita di natura oggettiva''. . . . . . 24
1.6. (Segue) per effetto di provata condotta illecita . . . . . . . . . . . . . . . 25
1.7. I principi generali e le linee direttive della legge 1º marzo 2001
n. 63 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
1.8. La disciplina in materia di connessione e collegamento fra pro-
cedimenti, riunione e separazione fra processi . . . . . . . . . . . . . . . 34
1.9. La riduzione dell'area del diritto al silenzio e la conseguente
assunzione della veste processuale di testimone . . . . . . . . . . . . . . 40


Capitolo II
LE FIGURE SOGGETTIVE DELLA LEGGE N. 63/2001
2.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
x indice sommario


2.1.1. La valutazione della connessione/collegamento probato-
rio quale presupposto dell'art. 197 c.p.p. . . . . . . . . . . . . . . 46
2.2. I soggetti di cui agli artt. 12 lett. a) e 197 lett. a) c.p.p. . . . . . . 52
2.3. `
(Segue) l'applicabilita a tali soggetti dell'art. 64 c.p.p. . . . . . . . . 61
2.4. (Segue) le regole di audizione e lo status di testimone assistito 68
2.5. I soggetti di cui agli artt. 12 lett. c) e 371 comma 2 lett. b) c.p.p. 80
2.6. (Segue) l'avviso di cui all'art. 64 comma 3 lett. c) c.p.p. . . . . . 84
2.7. (Segue) le dichiarazioni su fatti che concernono la responsabi-
`
lita altrui. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
2.8. (Segue) le regole di audizione e lo status di testimone assistito 103
2.9. (Segue) i soggetti imputati o indagati in reato connesso ai sensi
dell'art. 12 lett. c) c.p.p. o per un reato collegato ai sensi del-
l'art. 371 comma 2 lett. b) c.p.p., che non abbiano definito la
propria posizione processuale e che non abbiano reso dichiara-
`
zioni sulla responsabilita altrui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
2.10. Considerazioni ricapitolative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112


Capitolo III
LA FORMAZIONE DELLA PROVA IN DIBATTIMENTO
3.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
3.2. La formazione della prova per le dichiarazioni provenienti da
soggetti che assumono la veste di testimoni . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
3.3. Le contestazioni dibattimentali al testimone . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
3.3.1. Gli atti utilizzabili per le contestazioni . . . . . . . . . . . . . . . 122
3.4. (Segue) le contestazioni in caso di silenzio del dichiarante e
`
l'utilizzabilita delle precedenti dichiarazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.4.1. (Segue) il testimone che non ricorda o che nega di aver
reso determinate dichiarazioni nel corso delle indagini
preliminari: casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.5. (Segue) il rifiuto del teste a rispondere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
3.6. (Segue) la lettura con acquisizione per provata condotta illecita 144
3.7. (Segue) le dichiarazioni rese in udienza preliminare ex art. 422
c.p.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.8. (Segue) l'acquisizione per accordo delle parti. . . . . . . . . . . . . . . . 158
3.8.1. Le conseguenze della violazione dell'art. 500 c.p.p. . . . . 163
3.9. La testimonianza indiretta della polizia giudiziaria . . . . . . . . . . . 166
indice sommario xi


3.10. La formazione della prova per le dichiarazioni provenienti dalle
parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
3.11. La formazione della prova per le dichiarazioni provenienti dai
soggetti riconducibili all'art. 210 c.p.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189


Capitolo IV
CONTRADDITTORIO
E CIRCOLAZIONE PROBATORIA
4.1. Il sistema delle letture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 201
4.2. Principio del contraddittorio e la lettura degli atti contenuti nel
fascicolo del dibattimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
4.2.1. (Segue) la lettura dei verbali di dichiarazioni . . . . . . . . . . 209
4.2.2. (Segue) la lettura della relazione peritale . . . . . . . . . . . . . . 211
4.2.3. (Segue) principio del contraddittorio, mutamento del giu-
dice e lettura degli atti precedentemente compiuti . . . . . . 213
4.3. Contraddittorio e dichiarazioni dei prossimi congiunti. . . . . . . . . 230
4.4. La lettura di atti per sopravvenuta impossibilita di ripetizione: `
`
la imprevedibilita dell'evento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
`
4.4.1. (Segue) la sopravvenuta impossibilita di ripetizione: le
condizioni di salute del teste e l'amnesia . . . . . . . . . . . . . 239
`
4.4.2. (Segue) l'irreperibilita del teste e i rapporti fra art. 512 e
526 comma 1-bis c.p.p.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
4.4.3. (Segue) l'accertamento della irreperibilita del teste e l'o-`
nere probatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
4.5. Contraddittorio e teste residente all'estero. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
4.6. La circolazione probatoria tra processi: la disciplina previgente
alla legge 63/2001. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
4.6.1. (Segue) i verbali acquisibili. Casistica . . . . . . . . . . . . . . . . 263
4.6.2. (Segue) le modifiche apportate dalla legge 63/2001 . . . . . 266
4.6.3 (Segue) il diritto all'esame delle persone le cui dichiara-
zioni sono state acquisite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 271



Capitolo V
LE MODIFICHE AL CODICE PENALE INTRODOTTE
DALLA LEGGE 63/2001 E LA DISCIPLINA TRANSITORIA
5.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
xii indice sommario


5.2 La nuova fattispecie di cui all'art. 377-bis c.p. . . . . . . . . . . . . . . 279
5.3. `
(Segue) la facolta di non rispondere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
5.4. La condotta illecita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
5.5. Rapporti con altri reati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286
5.6 La modifica dell'art. 384 c.p. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
5.7. La disciplina transitoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
5.8. (Segue) la rinnovazione in fase di indagini dell'esame dei sog-
getti indicati negli artt. 64 e 197-bis c.p.p. (art. 26 comma 2) . 292
5.9. (Segue) le dichiarazioni rese durante le indagini o l'udienza
`
preliminare e gia acquisite (art. 26 commi 3-4) . . . . . . . . . . . . . . 297
5.10. Disciplina transitoria e giudizio in cassazione (art. 26 comma 5) 302



Sezione seconda
PROVA PENALE E INDAGINI DIFENSIVE
(Ercole Aprile)

Capitolo VI
LE INDAGINI DIFENSIVE NEL SISTEMA DEL PROCESSO PENALE
6.1. Dal codice ''Rocco'' all'art. 38 delle disposizioni di attuazione
del codice ''Vassalli'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307
6.2. Inconvenienti e disagi nell'applicazione dell'art. 38 . . . . . . . . . . 313
6.3. Le modifiche dell'art. 38 introdotte dalla legge n. 332/95 . . . . . 318
6.4. Dal nuovo art. 111 Cost. alla legge n. 397/2000: i lavori prepa-
ratori e le linee guida della legge. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
6.5. Investigazioni difensive e tutela della privacy . . . . . . . . . . . . . . . 332
6.6. Il regime transitorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 335
6.7. Quale ruolo per il difensore che svolge le indagini' . . . . . . . . . . 336


Capitolo VII
`
I SOGGETTI, LE MODALITA E LE FORME
DELLE INDAGINI DIFENSIVE
7.1. I tempi ed i soggetti delle indagini difensive: il difensore.. . . . . 343
7.2. (Segue) il sostituto, l'investigatore privato ed il consulente tec-
nico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 349
7.3. `
L'attivita di investigazione preventiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
indice sommario xiii


7.4. La raccolta di elementi di prova a contenuto dichiarativo: il
colloquio, la ricezione di dichiarazioni, l'assunzione di informa-
zioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 363
7.5. `
(Segue) le formalita della raccolta di informazioni a contenuto
dichiarativo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 371
7.6. `
(Segue) e la relativa attivita di documentazione . . . . . . . . . . . . . . 386
7.7. (Segue) l'audizione da parte del pubblico ministero e l'inciden-
te probatorio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 396
7.8. Il potere di segretazione del pubblico ministero . . . . . . . . . . . . . . 405
7.9. La richiesta di documentazione alla pubblica amministrazione . 407
7.10. La raccolta di altri elementi di prova a seguito di accesso in
luoghi pubblici... . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
7.11. (Segue) e nel caso di accesso in luoghi privati o non aperti al
pubblico. Gli accertamenti tecnici irripetibili . . . . . . . . . . . . . . . . 418
7.12. La consulenza fuori dei casi di perizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 428
7.13. Le investigazioni difensive poste in essere nei confronti della
persona offesa minorenne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431


Capitolo VIII
LA UTILIZZAZIONE DEI RISULTATI
DELLE INDAGINI DIFENSIVE
8.1. `
La 'presentazione' all'autorita giudiziaria dei risultati delle in-
dagini difensive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
8.2. Il fascicolo del difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
8.3. La utilizzazione dei risultati delle indagini difensive: nella fase
delle indagini preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 449
8.4. (Segue) nell'incidente probatorio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
8.5. `
(Segue) dinanzi al tribunale della liberta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
8.6. (Segue) nell'udienza preliminare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 463
8.7. (Segue) e nel giudizio abbreviato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
8.8. `
L'attivita integrativa di indagine dopo il rinvio a giudizio . . . . . 478
8.9. La utilizzazione dei risultati delle indagini difensive nel giudi-
zio dibattimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
8.10. Altre garanzie processuali in favore della difesa . . . . . . . . . . . . . 490
xiv indice sommario


Capitolo IX
LE INDAGINI DIFENSIVE
E LE NORME INCRIMINATRICI COLLEGATE
9.1. La ratio delle modifiche al codice penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
9.2. Le false dichiarazioni al pubblico ministero . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
9.3. Le false dichiarazioni al difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
9.4. La rivelazione di segreti inerenti a un procedimento penale. . . . 510
9.5. Le norme di coordinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 514


Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 519

COMMENTI DEI LETTORI A «Strumenti per la formazione della prova penale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Strumenti per la formazione della prova penale»

ALTRI LIBRI DI «Aprile Ercole, Silvestri Pietro»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Strumenti per la formazione della prova penale»