Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Tu sei qui: LibriTrustIl trust in Italia
Copertina di 'Il trust in Italia'

Ingrandisci immagine


Il trust in Italia

(Il diritto privato oggi)


di

Santoro Laura

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Il trust in Italia»

Tipo Libro
Titolo Il trust in Italia
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814149207
Pagine XXIII-734
Data giugno 2009
Collana Il diritto privato oggi

INDICE DI «Il trust in Italia»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Prefazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . V
Elenco delle principali abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XXI




Parte Prima

CAPITOLO PRIMO
IL TRUST NELLA CONVENZIONE DELL'AJA
RELATIVA ALLA LEGGE SUI TRUST ED AL LORO
RICONOSCIMENTO

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
1. La Convezione dell'Aja del 1° luglio 1985 . . . . . . . . . . . . . . . 7
1.1. I lavori preparatori alla Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . . 7
1.2. La rati'ca in Italia della Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . 10
2. Le premesse della Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
2.1. Gli scopi della Convenzione dell'Aja. . . . . . . . . . . . . . . . 12
3. Il campo di applicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.1. Gli articoli 1 e 2. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.1.1. Il carattere internazionalprivatistico della Convenzio-
ne. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.1.2. L'oggetto della Convenzione . . . . . . . . . . . . . . . 15
3.1.3. Le caratteristiche del trust oggetto della Conven-
zione: la separazione patrimoniale . . . . . . . . . . . . 22
3.1.4. continua: l'intestazione dei beni al nominativo del
trustee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.1.5. continua: i poteri di amministrazione e gestione in
capo al trustee. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
3.1.6. Con'uenza delle funzioni di disponente, trustee e
bene'ciario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3.1.7. Il trust amorfo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
3.2. Art. 3: limite di applicazione della Convenzione ai trust
volontari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3.3. Art. 4: esclusione delle questioni preliminari relative alla
validità degli atti traslativi dei beni in trust . . . . . . . . . . . 43
X INDICE SOMMARIO




3.4. Art. 5: il requisito attinente alla legge regolatrice del trust . . 45
4. La legge applicabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.1. Art. 6: il principio della libertà di scelta della legge
regolatrice. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.1.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
4.1.2. Autonomia privata e scelta della legge regolatrice . . 48
4.1.3. L'interpretazione dell'art. 3, par. 3, della Conven-
zione di Roma sulla legge applicabile alle obbliga-
zioni contrattuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.1.4. La tesi in favore della legittimità del trust interno . 55
4.2. Art. 7: il criterio del collegamento più stretto . . . . . . . . . . 60
4.3. Art. 8: contenuto minimo della legge regolatrice del trust . . 62
4.4. Art. 9: il fenomeno del dépeçage . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4.5. Art. 10: la possibilità di modi'cazione della legge regolatrice
del trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
5. Il riconoscimento del trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
5.1. Art. 11: gli effetti minimi connessi al riconoscimento . . . . . 68
5.1.1. Ambiguità dell'art. 11 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
5.1.2. Compatibilità del trust con l'ordinamento giuridico
italiano: il principio della unità del patrimonio ex art.
2740 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
5.1.3. Esempi di patrimoni separati . . . . . . . . . . . . . . . 73
5.1.4. Esempi di patrimoni autonomi . . . . . . . . . . . . . . 75
5.1.5. Esempi di patrimoni di destinazione . . . . . . . . . . 76
5.1.6. Attuale consistenza del principio di indivisibilità del
patrimonio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
5.1.7. La segregazione dei beni in trust e l'art. 11 della
Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
5.2. Art. 12: la trascrizione dell'atto costitutivo di trust. . . . . . . 85
5.2.1. La funzione della pubblicità dell'atto costitutivo di
trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
5.2.2. Il signi'cato del termine registrazione contenuto
nell'art. 12 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
5.2.3. Individuazione dell'atto soggetto a trascrizione . . . 89
5.2.4. Compatibilità del trust con l'ordinamento giuridico
italiano: il principio della tipicità delle vicende della
trascrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
5.2.5. continua: il principio di tipicità della trascrizione . . 91
5.2.6. Possibile superamento del principio di tipicità della
trascrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
5.2.7. Il dibattito della dottrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
5.3. Art. 13: il limite al riconoscimento del trust nelle fattispecie
puramente interne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
INDICE SOMMARIO XI




5.3.1. Il contenuto dell'art. 13. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
5.3.2. Interpretazione dell'art. 13 come norma di chiusura. 102
5.3.3. Le differenti posizioni interpretative della dottrina . 103
5.3.4. L'interpretazione degli artt. 5 e 6 della Convenzione. 104
5.3.5. Conciliazione delle opposte tesi . . . . . . . . . . . . . 106
5.4. Art. 14: l'applicazione della legge più favorevole . . . . . . . . 108
6. Disposizioni generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
6.1. Gli artt. 15 e 16 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
6.1.1. L'applicazione delle norme imperative del foro . . . 109
6.1.2. Le norme di applicazione necessaria . . . . . . . . . . 110
6.1.3. Gli artt. 17-25: cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112


CAPITOLO SECONDO
COMPATIBILITÀ DEL TRUST CON I PRINCIPI
DELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
2. Il trust ed il divieto dei patti successori . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
2.1. Il contenuto e la ratio del divieto dei patti successori . . . . . 120
2.2. La proposta di legge n. 1512 sulla riforma dell'art. 458 c.c. . 123
2.3. Riconducibilità del trust al patto successorio vietato. . . . . . 125
3. Il trust ed il divieto del patto commissorio . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.1. La portata del divieto del patto commissorio . . . . . . . . . . 128
3.2. Il recente indirizzo giurisprudenziale sulla portata del divieto
in esame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
3.3. Compatibilità del trust con il divieto del patto commissorio. 131
3.4. Il trust ed il principio della par condicio creditorum . . . . . . 131
4. Il trust ed il principio di assolutezza della proprietà . . . . . . . . . 135
4.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
4.1.1. Ammissibilità della proprietà temporanea . . . . . . . 136
4.1.2. Le ragioni a sostegno e contro l'ammissibilità della
proprietà temporanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
4.1.3. Esatta individuazione della nozione di proprietà tem-
poranea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
4.1.4. Proprietà 'duciaria e numero chiuso dei diritti reali. 147
4.1.5. Distinzione tra numero chiuso e tipicità . . . . . . . . 147
4.1.6. Le ragioni a sostegno del principio di tipicità dei
diritti reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
4.1.7. continua: l'art. 1322 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
4.1.8. continua: l'art. 42 Cost. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
XII INDICE SOMMARIO




4.1.9. continua: ragioni di ordine sistematico . . . . . . . . . 157
4.1.10. continua: l'esigenza di tutela dei terzi . . . . . . . . . 158

CAPITOLO TERZO
LA FIDUCIA NEL CODICE CIVILE ITALIANO

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
1. Trust e disposizione 'duciaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
1.1. La portata dell'art. 627 c.c.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
1.2. L'art. 829 del Codice civile del 1865 e l'art. 809 del Codice
Albertino . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
1.3. L'interpretazione dell'art. 627 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
1.4. Irriducibilità del trust alla disposizione 'duciaria. . . . . . . . 170
2. Le società 'duciarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
2.1. Le società 'duciarie nel codice civile . . . . . . . . . . . . . . . 171
2.2. Le società 'duciarie nella legislazione speciale . . . . . . . . . 173
2.3. Le società 'duciarie nella l. 2 gennaio 1991, n. 1 . . . . . . . 176
2.4. Il d.lgs. 23 luglio 1996, n. 415 ed il d.lgs. 24 febbraio 1998, n.
58 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
2.5. Le società 'duciarie nei progetti di legge di riforma. . . . . . 180
2.6. Assimilazione della intestazione 'duciaria al mandato se-
condo la tesi prevalente della dottrina. . . . . . . . . . . . . . . 184
2.7. Il contratto 'duciario tipo secondo l'Asso'duciaria . . . . . . 187
2.8. La distinzione tra attività di amministrazione e attività di
gestione esplicate dalle società 'duciarie . . . . . . . . . . . . . 189

CAPITOLO QUARTO
IL TRUST E GLI ISTITUTI SIMILARI O ANALOGHI
DEL DIRITTO ITALIANO

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
2. Il negozio 'duciario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
2.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 200
2.2. La costruzione tradizionale del negozio 'duciario . . . . . . . 201
2.2.1. La 'ducia romanistica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
2.2.2. La 'ducia germanistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
2.3. Negozio 'duciario e negozio indiretto. . . . . . . . . . . . . . . 206
2.4. Negozio 'duciario e simulazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
2.5. Negozio 'duciario e interposizione reale di persona . . . . . . 211
2.6. La causa 'duciae. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
2.7. Fiducia statica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
2.8. Fiducia legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
INDICE SOMMARIO XIII




2.9. continua: i diversi signi'cati dell'espressione ''ducia legale' . 223
2.10. continua: critica della dottrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
2.11. Assimilazione del negozio 'duciario al trust . . . . . . . . . . 225
3. Altri istituti similari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
3.1. Trust e mandato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
3.1.1. Ef'cacia reale o meramente obbligatoria . . . . . . . . 228
3.1.2. Possibili elementi di vicinanza . . . . . . . . . . . . . . 231
3.1.3. Le principali differenze fra il trust ed il mandato . . 232
3.1.4. continua: il diverso contenuto dell'incarico gestorio . 234
3.1.5. L'effetto segregativo nel trust e nel mandato . . . . . 236
3.2. Trust e uf'cio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
3.2.1. La 'gura dell'uf'cio di diritto privato . . . . . . . . . 239
3.2.2. La connotazione funzionale quale elemento comune. 242
3.3. Trust e contratto a favore di terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
3.3.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
3.3.2. Ammissibilità del contratto a favore di terzo con
effetti reali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
3.3.3. Raffronto con il trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
3.4. Trust e fondazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
3.4.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
3.4.2. I tentativi di avvicinamento del trust alla fondazione. 249
3.5. Trust e fondo patrimoniale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
3.5.1. Le possibili analogie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 255
3.5.2. Le differenze sostanziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
3.6. Trust e successioni mortis causa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
3.6.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
3.6.2. Trust ed istituzione a titolo universale, o particolare,
gravata da modus e legato, o sublegato, che esauri-
scono l'intero valore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
3.7. Trustee ed esecutore testamentario . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
3.7.1. Gli elementi comuni e le differenze . . . . . . . . . . . 263
3.8. Trust e sostituzione fedecommissaria . . . . . . . . . . . . . . . 266
3.8.1. Gli elementi comuni e le differenze . . . . . . . . . . . 266
3.9. Trust e mandato nelle vicende mortis causa . . . . . . . . . . . 272
3.9.1. Il mandato mortis causa, post mortem e post mortem
exequendum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 272
3.9.2. Raffronto tra il mandato post mortem exequendum ed
il mandato transmorte con il trust . . . . . . . . . . . . 275
3.10. Trust e atti di destinazione per la realizzazione di interessi
meritevoli di tutela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
3.10.1. L'art. 2645-ter c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
3.10.2. Raffronto tra gli atti di destinazione per la realizza-
zione di interessi meritevoli di tutela ed il trust . . . 282
XIV INDICE SOMMARIO




CAPITOLO QUINTO
I SUGGERIMENTI DELLA DOTTRINA CIRCA I POSSIBILI IMPIEGHI
DEL TRUST NELL'ORDINAMENTO GIURIDICO ITALIANO

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 287
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
2. Il trust e l'af'damento di somme ad un notaio . . . . . . . . . . . . . 289
3. Utilizzo del trust nelle operazioni di commercio internazionale . . 293
4. Impieghi del trust in ambito societario . . . . . . . . . . . . . . . . . . 298
4.1. Impieghi del trust in favore dell'imprenditore. . . . . . . . . . 298
4.2. Impieghi del trust a servizio della società. . . . . . . . . . . . . 302
4.3. Impieghi del trust in favore del socio . . . . . . . . . . . . . . . 303
5. Il trust e l'attività di cartolarizzazione dei crediti . . . . . . . . . . . 307
6. Impiego del trust nelle operazioni di deposito bancario . . . . . . . 309
7. Utilizzo del trust nel settore delle garanzie mobiliari . . . . . . . . . 311
8. Impiego del trust per 'nalità di liberalità indirette . . . . . . . . . . 315
9. Impiego del trust in ambito familiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317


CAPITOLO SESTO
LA LEGISLAZIONE ITALIANA IN MATERIA DI TRUST

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
1. I progetti di legge recanti riferimenti al trust . . . . . . . . . . . . . . 325
1.1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
1.2. L'impiego del trust per la soluzione del problema del con'itto
di interessi nell'esercizio delle cariche di governo . . . . . . . 327
1.2.1. Il modello nord-americano: public disclosure e quali-
'ed trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 328
1.2.2. Il quali'ed trust: il blind trust ed il diversi'ed trust . 331
1.2.3. Il ricorso al trust per la soluzione del problema del
con'itto di interessi nelle proposte di legge italiane. 334
1.2.4. continua: i disegni di legge sul con'itto di interessi
presentati in Parlamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
1.2.5. continua: il disegno di legge n. 1707/D, approvato in
via de'nitiva dalla Camera dei Deputati il 13 luglio
2004, recante 'Norme in materia di risoluzione dei
con'itti di interesse' (l. 20 luglio 2004, n. 215) . . . 338
1.2.6. continua: le proposte di legge dirette all'abrogazione
della l. n. 215/2004 (in particolare, d.d.l. n.
1318/1318-A; d.d.l. n. 1394) . . . . . . . . . . . . . . . 340
1.3. La proposta di legge sulla riforma delle società 'duciarie e
disciplina del trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
1.4. Le proposte di legge recanti 'Disciplina del trust'. . . . . . . 350
INDICE SOMMARIO XV




1.4.1.Il d.d.l. n. 5194-ter . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
1.4.2.Il d.d.l. n. 6547 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
1.4.3.I d.d.l. nn. 1234 e 489, recanti l'istituzione del trust di
diritto italiano in applicazione dell'art. 6 della Con-
venzione dell'Aja . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
1.5. Le proposte di legge in materia di trust a favore di soggetti
portatori di handicap. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
1.5.1. Il d.d.l. n. 5494 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
1.5.2. Il d.d.l. n. 2733 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
1.5.3. La l. 9 gennaio 2004, n. 6 recante 'Introduzione nel
libro primo, titolo XII, del codice civile del capo I
relativo all'istituzione dell'amministratore di soste-
gno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
1.5.4. Il d.d.l. n. 1471, recante 'Disciplina dei trust istituiti
in favore di persone portatrici di handicap' . . . . . . 362
1.5.5. Il d.d.l. n. 6320, recante 'Disposizioni sull'af'da-
mento 'duciario' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
1.6. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368


CAPITOLO SETTIMO
LA GIURISPRUDENZA ITALIANA IN MATERIA DI TRUST

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
2. Le pronunce giurisprudenziali in materia di trust anteriori alla
rati'ca della Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 378
2.1. Cass. Roma, 21 febbraio 1899, in riforma di Corte d'App.
Cagliari, 12. maggio 1898 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
2.2. Corte d'App. Napoli, 22 aprile 1908 - Cass. Napoli, 29 marzo
1909 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
2.3. Trib. Oristano, 15 marzo 1956 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384
2.4. Trib. Casale Monferrato, Velletri, 13 aprile 1984 . . . . . . . . 388
3. Le pronunce giurisprudenziali in materia di trust successive alla
rati'ca della Convenzione dell'Aja . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
3.1. Le pronunce giurisprudenziali concernenti ipotesi di trusts
che presentano obiettivi elementi di internazionalità al di
fuori della legge regolatrice scelta. . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
3.1.1. Trib. Lucca, 23 settembre 1997 . . . . . . . . . . . . . 392
3.1.2. Corte d'App. Firenze, 9 agosto 2001 . . . . . . . . . . 395
3.1.3. Corte d'App. Milano, 6 febbraio 1998 . . . . . . . . . 396
3.1.4. a) Trib. Milano, 20 ottobre 2002; b) Corte d'App.
Milano, 20 luglio 2004 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
XVI INDICE SOMMARIO




3.2. Le pronunce giurisprudenziali concernenti fattispecie di trust
interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
3.2.1. Le pronunce contrarie all'ammissibilità del trust
interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
3.2.1.1. Trib. Santa Maria Capua Vetere, 14 luglio
1999 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
3.2.1.2. Trib. Firenze, 6 giugno 2002 . . . . . . . . . 404
3.2.1.3. Trib. Belluno, 25 settembre 2002 . . . . . . 408
3.2.1.4. Trib. Velletri, 29 giugno 2005 (revoca ord.
Trib. Velletri, 7 marzo 2005) . . . . . . . . . 415
3.2.2. Le pronunce dichiaratamente favorevoli all'ammissi-
bilità del trust interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
3.2.2.1. Trib. Bologna, 18 aprile 2000 . . . . . . . . . 418
3.2.2.2. Trib. Pisa, 22 dicembre 2001 . . . . . . . . . 421
3.2.2.3. Trib. Bologna, 16 giugno 2003 . . . . . . . . 424
3.2.2.4. Trib. Bologna, 1° ottobre 2003 . . . . . . . 427
3.2.2.5. Trib. Trento, sez. dist. di Cavalese, 20 luglio
2004 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 434
3.2.2.6. Trib. Brescia, 12 ottobre 2004 . . . . . . . . 437
3.2.2.7. Trib. Venezia, 4 gennaio 2005 . . . . . . . . 439
3.2.2.8. a) Trib. Trieste, 23 settembre 2005; b) Trib.
Trieste, 7 aprile 2006; c) Trib. Trieste, 19
settembre 2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
3.2.2.9. Trib. Firenze, 30 giugno-2 luglio 2005 . . . 444
3.2.2.10. Trib. Genova, 14 marzo 2006 . . . . . . . . 446
3.2.2.11. Trib. Saluzzo, 9 novembre 2006 . . . . . . . 447
3.2.2.12. Trib. Reggio Emilia, 14 maggio 2007 . . . . 448
3.2.3. Le pronunce implicitamente favorevoli all'ammissibi-
lità del trust interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
3.2.3.1. Trib. Milano, 27 dicembre 1996 . . . . . . . 451
3.2.3.2. Trib. Genova, 24 marzo 1997 . . . . . . . . . 453
3.2.3.3. Pret. Roma, 13 aprile 1999 . . . . . . . . . . 457
3.2.3.4. Trib. Roma, 8 luglio 1999 . . . . . . . . . . . 459
3.2.3.5. Trib. Bologna, 3 dicembre 2003 . . . . . . . 461
3.2.3.6. Trib. Napoli, 1°-21 ottobre 2003. . . . . . . 462
3.2.3.7. Corte d'App. Napoli, 27 maggio 2004 (con-
ferma Trib. Napoli 1°-21 ottobre 2003) . . 465
3.2.3.8. Trib. Parma, 21 ottobre 2003 . . . . . . . . . 467
3.2.3.9. Trib. Roma, 12 marzo 2003 . . . . . . . . . . 469
3.2.3.10. a) Trib. Roma, sez. fall., 4 aprile 2003; b)
Trib. Roma, sez. fall., 11 marzo 2004 . . . . 471
3.2.3.11. Trib. Verona, 8 gennaio 2003 . . . . . . . . . 472
INDICE SOMMARIO XVII




3.2.3.12.
Trib. Milano, 29 ottobre 2002 . . . . . . . . 475
3.2.3.13.
Trib. Firenze, 23 ottobre 2002 . . . . . . . . 478
3.2.3.14.
Trib. Perugia, 16 aprile 2002 . . . . . . . . . 481
3.2.3.15.
Trib. Perugia, 26 giugno 2001 . . . . . . . . 482
3.2.3.16.
G.I.P. Trib. Alessandria, 5 aprile 2000 -
Trib. Alessandria, 2 maggio 2000 . . . . . . 483
3.2.3.17. Trib. Chieti, 10 marzo 2000 . . . . . . . . . . 485
3.2.3.18. Trib. Firenze, 7 luglio 2004 . . . . . . . . . . 486
3.2.3.19. a) G.I.P. Trib. Torino, 19 gennaio 2004; b)
G.I.P. Trib. Grosseto, 6 febbraio 2004, c)
Trib. Torino, 9 febbraio 2004, d) Cass., VI
sez. pen., 18 dicembre 2004 . . . . . . . . . . 486
3.2.3.20. a) Trib. Trento, 25 gennaio 2006; b) Trib.
Trento, 7 aprile 2005; c) Trib. Bressanone,
16 agosto 2006; d) Trib. Rovereto, 28 otto-
bre 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
3.2.3.21. Trib. Napoli, 16 giugno 2005 . . . . . . . . . 492
3.2.3.22. Trib. Parma, 3 marzo 2005 . . . . . . . . . . 493
3.2.3.23. Trib. Modena, 11 agosto 2005 . . . . . . . . 494
3.2.3.24. a) Trib. Milano, 8 marzo 2005; b) Trib.
Pordenone, 20 dicembre 2005; c) Trib.
Milano, 7 giugno 2006; d) Trib. Genova, 1°
aprile 2008 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494
3.2.3.25. Trib. Prato, 12 luglio 2006. . . . . . . . . . . 496
3.2.3.26. Trib. Bologna, 20 marzo 2006 . . . . . . . . 496
3.2.3.27. Trib. Siena, 16 gennaio 2007 . . . . . . . . . 498
3.2.3.28. Trib. Milano, 10 luglio 2007. . . . . . . . . . 498
4. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500


CAPITOLO OTTAVO
CENNI IN MERITO AL TRATTAMENTO TRIBUTARIO DEL TRUST

Guida bibliogra'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
1. I pro'li di rilevanza 'scale del trust . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
1.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 507
1.2. L'imposizione diretta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508
1.2.1. Individuazione del bene'ciario quale soggetto pas-
sivo d'imposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508
1.2.2. Individuazione del trustee quale soggetto passivo
d'imposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 510
1.2.3. Le posizioni della dottrina più recente . . . . . . . . . 510
XVIII INDICE SOMMARIO




1.2.4. Individuazione del trust quale soggetto passivo
d'imposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
1.3. L'imposizione indiretta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
1.3.1. La riconduzione della fattispecie entro lo schema
delle liberalità indirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518
1.3.2. La tesi contraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521
1.3.3. La differente valutazione dell'atto istitutivo e del-
l'atto dispositivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
1.4. La giurisprudenza in materia 'scale . . . . . . . . . . . . . . . . 526
1.4.1. Comm. trib. prov. Treviso, 29 marzo 2001 . . . . . . 527
1.4.2. Comm. trib. reg. Venezia, 23 gennaio 2003 . . . . . . 528
1.4.3. Comm. trib. prov. Lodi, 5 novembre 2001 . . . . . . 529
1.4.4. a) Cass., sez. trib., 6 giugno 2002; b) Comm. trib.
prov. Pisa, 12 febbraio 1997; c) Comm. trib. reg.
Lombardia, sez. dist. di Brescia, 22 maggio 2007;
d) Trib. Brescia, 11 gennaio 2006 . . . . . . . . . . . . 530
1.5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 531


Parte Seconda
MATERIALI


ATTIVITÀ LEGISLATIVA
Disegni di legge concernenti il trust

1. 'Norme in materia di con'itto di interessi' (Atti della Camera nn.
1236, 3612, 4410, 4488) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 537
2. Disegno di legge n. 3236, approvato dal Senato il 27 febbraio 2001,
recante 'Norme in materia di con'itto di interessi'. . . . . . . . . . 547
3. Disegno di legge n. 1707-D, approvato in via de'nitiva dalla
Camera dei Deputati il 13 luglio 2004 (l. 20 luglio 2004, n. 215,
pubblicata in G.U. 18 agosto 2004, n. 193) recante 'Norme in
materia di risoluzione dei con'itti di interesse' . . . . . . . . . . . . 557
4. Disegno di legge n. 1318, presentato alla Camera il 7 luglio 2006,
recante 'Disposizioni in materia di incompatibilità e di con'itti di
interessi dei titolari delle cariche di Governo e istituzione dell'Au-
torità garante dell'etica pubblica e della prevenzione dei con'itti di
interesse' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565
5. Disegno di legge n. 1318-A, recante 'Norme in materia di con'itti
di interessi dei titolari di cariche di Governo. Delega al Governo
per l'emanazione di norme in materia di con'itti di interessi di
amministratori locali, dei presidenti di regione e dei membri delle
giunte regionali' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 573
INDICE SOMMARIO XIX




6. Disegno di legge n. 1394, presentato al Senato il 13 marzo 2007,
recante 'Norme in materia di con'itto di interessi'. . . . . . . . . . 603
7. Disegno di legge n. 5194, recante 'Riforma delle società 'duciarie
e disciplina del trust', nel testo anteriore allo stralcio deliberato
dalla Camera dei Deputati il 16 novembre 1999 . . . . . . . . . . . . 613
8. Disegno di legge n. 5194-ter, risultante dallo stralcio degli artt. 1 e
9 del d.d.l. 5194, recante 'Disciplina del trust' . . . . . . . . . . . . 621
9. Disegno di legge n. 6547, presentato alla Camera dei Deputati l'11
novembre 1999, recante 'Disciplina del trust' . . . . . . . . . . . . . 623
10. Disegno di legge n. 1234, presentato al Senato il 28 dicembre 2006,
recante 'Istituzione del trust di diritto italiano, in applicazione
dell'articolo 6 della Convenzione adottata a L'Aja il 1° luglio 1985,
rati'cata con legge 16 ottobre 1989, n. 364' . . . . . . . . . . . . . . 631
11. Disegno di legge n. 5494, presentato alla Camera dei Deputati il 4
dicembre 1998, recante 'Norme in materia di trust a favore di
soggetti portatori di handicap' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
12. Disegno di legge n. 2733, presentato alla Camera dei Deputati il 10
maggio 2002, recante 'Norme in materia di trust a favore di
soggetti portatori di handicap' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 639
13. Disegno di legge n. 1471, presentato alla Camera dei Deputati il 10
luglio 2008, recante 'Disciplina dei trust istituiti in favore di
persone portatrici di handicap'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
14. Disegno di legge n. 6320, presentato alla Camera dei Deputati il 1°
febbraio 2006, recante 'Disposizioni sull'af'damento 'duciario' . 657

Indice bibliogra'co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 667
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 729

COMMENTI DEI LETTORI A «Il trust in Italia»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Il trust in Italia»

ALTRI LIBRI DI «Santoro Laura»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Il trust in Italia»