Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione'

Ingrandisci immagine


Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione»

Tipo Libro
Titolo Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione
A cura di Cendon P.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814147951
Pagine XXXVII-1200
Data 2009

INDICE DI «Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO

Presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII
Gli autori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XI
Abbreviazioni delle principali riviste. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XXXI




Capo IX ' DEL MANDATO

Sezione I ' Disposizioni generali

Art. 1703. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1. La nozione di mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
2. Il mandato come « contratto ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3. Il mandato come « tipo contrattuale » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
4. Gli elementi che individuano il tipo contrattuale del mandato e la loro
funzione sul piano pratico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
5. Primo elemento tipizzante: l'obbligazione del mandatario e la sua fonte
contrattuale. Distinzione con la gestione di affari altrui. Prestazioni di
cortesia. Le c.d. « autorizzazioni a gestire » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
6. Oggetto dell'obbligazione del mandatario: prestazione di « fare » consi-
stente nel compimento di « atti giuridici leciti ». . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
7. Signi'cato dell'agire « per conto » e dell'agire « in nome » . . . . . . . . . . . 23
8. Agire « per conto » e mandato nell'interesse del mandatario o di terzo . . . 25
9. Le parti del mandato e i soggetti coinvolti nel procedimento gestorio . . . . 26
10. Mandato con una parte soggettivamente complessa. Pluralità di mandanti e
pluralità di mandatari. Mandato collettivo. Mandato congiuntivo e mandato
disgiuntivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
11. Capacità giuridica nel mandato. Capacità giuridica del mandante nel man-
dato senza rappresentanza e in quello con rappresentanza. Capacità giuri-
dica del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
12. Capacità d'agire nel mandato. Capacità del mandante nel mandato senza
rappresentanza e mandato con rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
13. Le trattative per la conclusione del contratto di mandato. Responsabilità
precontrattuale. La fattispecie dell'art. 1718, 4° co., c.c. . . . . . . . . . . . . . 35
14. La formazione del contratto di mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
15. La conclusione del contratto di mandato ai sensi dell'art. 1326 c.c.. . . . . . 37
16. L'accordo nel mandato gratuito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
17. Mandato espresso e mandato tacito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
18. Il silenzio. Diversità rispetto al mandato tacito . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
19. Applicabilità al contratto di mandato dell'art. 1327 c.c. . . . . . . . . . . . . . 44
20. Applicabilità al mandato dell'art. 1333 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
21. Ri'uto della proposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47


XIII
Indice sommario


22. La formazione del contratto di mandato e le regole « speciali » dell'art. 1716,
1° co., c.c. e dell'art. 1718, 4° co., c.c. Osservazioni preliminari e rinvio . . . 48
23. Mandato apparente. Pro'li generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
24. La causa del contratto di mandato. I problemi ad essa relativi . . . . . . . . 50
25. Ri'essi dell'onerosità o gratuità del mandato sul requisito della causa . . . 54
26. Il requisito dell'oggetto nel contratto di mandato in generale . . . . . . . . . 55
27. Il « fare » particolarmente quali'cato del mandatario quale oggetto del
mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
28. Mandato generale e mandato speciale. Le nozioni . . . . . . . . . . . . . . . . 59
29. Il mandato ad alienare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
30. Il mandato a donare. Oggetto del mandato a donare. Pro'li di nullità.
Mandato post mortem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
31. Mandato a transigere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
32. Gli « atti giuridici » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
33. Requisiti dell'oggetto del mandato: possibile, lecito, determinato o
determinabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
34. La forma del mandato. Il problema nel mandato con rappresentanza . . . . 73
35. La forma del mandato senza rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
36. La forma nel mandato senza rappresentanza ad acquistare beni immobili . 81
37. La forma della rati'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
38. Conseguenze della nullità del mandato per difetto di forma . . . . . . . . . . 86
39. Mandato e forma ad probationem . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
40. La prescrizione nel mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
41. Mandato, interposizione di persona e negozio 'duciario . . . . . . . . . . . . 90
42. La funzione selettiva della nozione di mandato per decidere sull'applica-
zione della sua disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
43. L'associazione temporanea di imprese quale contratto di mandato collegato
a un contratto di appalto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
44. Il contratto di viaggio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
45. I contratti del mercato 'nanziario e la loro riconduzione al mandato . . . . 101
46. Mandato e contratto di lavoro subordinato e parasubordinazione . . . . . . 105
47. Mandato e 'contratti di lavoro'. Differenze col contratto d'opera (lavoro
autonomo). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 106
48. Mandato e appalto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
49. Mandato e mediazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
50. Mandato e agenzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
51. Mandato e contratto estimatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
52. Mandato e associazione in partecipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
53. Mandato e contratto di pubblicità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
54. Mandato e contratto di distribuzione cinematogra'ca. . . . . . . . . . . . . . 118
55. Mandato e factoring . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
56. Mandato e fattore di campagna. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122

Art. 1704. Mandato con rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
1. Mandato con rappresentanza. La fattispecie normativa e gli effetti . . . . . 127
2. Gestione e rappresentanza. Mandato e procura. Un dif'cile rapporto. . . . 130
3. Criteri di orientamento nella scelta del mandato con rappresentanza . . . . 134
4. Mandato con rappresentanza e oggetto dell'attività gestoria. . . . . . . . . . 135
5. Forma del mandato con rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
6. Ampiezza del mandato con rappresentanza. La capacità rappresentativa
dei lavoratori delle organizzazioni sindacali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 141


XIV
Indice sommario


7. Disciplina e pro'li effettuali del mandato con rappresentanza. Rapporto
interno e rapporto esterno. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
8. La posizione giuridica del mandante verso il mandatario e verso il terzo . . 147
9. La posizione giuridica del mandatario con rappresentanza . . . . . . . . . . 153
10. La posizione giuridica del terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
11. La spendita del nome del mandante da parte del mandatario quale ele-
mento essenziale per la produzione degli effetti del mandato con rappre-
sentanza. Modalità della contemplatio domini. La prova della contemplatio
domini . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
12. Mandato con rappresentanza e simulazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162

Art. 1705. Mandato senza rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
1. La fattispecie normativa del mandato senza rappresentanza: il mandatario
agisce in nome proprio, ma per conto del mandante. . . . . . . . . . . . . . . 168
2. Irrilevanza per la concretizzazione della fattispecie normativa del mandato
senza rappresentanza della conoscenza del mandato da parte del terzo . . 172
3. Il « mandato senza rappresentanza » e l'interposizione di persona reale o
'ttizia. Mandato e 'ducia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
4. Pro'li di ef'cacia. La posizione del mandatario nel mandato senza rappre-
sentanza (art. 1705, 1° co., c.c.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
5. Il contenuto della posizione giuridica del mandatario senza rappresen-
tanza. Posizioni giuridiche attive e passive in generale . . . . . . . . . . . . . 182
6. Il mandato (senza rappresentanza) a riscuotere un credito . . . . . . . . . . 184
7. La legittimazione attiva e passiva del mandatario per le c.d. « azioni con-
trattuali » nei confronti del terzo derivanti dall'attività gestoria. . . . . . . . 188
8. La legittimazione attiva e passiva per le azioni inerenti rapporti di loca-
zione, per contratti conclusi dal mandatario senza rappresentanza . . . . . 194
9. Responsabilità del consorzio mandatario e responsabilità concorrente dei
singoli consorziati (art. 2615, 2° co., c.c.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
10. Il potere del mandante di sostituirsi al mandatario nell'esercizio dei diritti
di credito contro il terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
11. Il contenuto del diritto del mandante di sostituirsi al mandatario. Il pro-
blema della legittimazione alle azioni contrattuali . . . . . . . . . . . . . . . . 202
12. La legittimazione attiva e passiva per le azioni inerenti rapporti di locazione
'nanziaria (leasing). Applicazione dell'art. 1705, 2° co., c.c. . . . . . . . . . . 203
13. Effetti dell'esercizio del mandante della pretesa creditoria verso il terzo in
sostituzione del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
14. Il pregiudizio dei diritti attribuiti al mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . 208

Art. 1706. Acquisti del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
1. Gli acquisti del mandatario senza rappresentanza e con rappresentanza e
conseguente posizione giuridica del mandante . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
2. Acquisto del mandatario di beni mobili. Fattispecie normativa e conse-
guenze giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
3. Le teorie per giusti'care la legittimazione del mandante alle azioni petitorie
e possessorie sulle cose mobili acquistate dal mandatario . . . . . . . . . . . 215
4. La tesi prevalente. Teoria del c.d. doppio trasferimento automatico. Conci-
liazione fra le varie teorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
5. Mandato ad acquistare cose di specie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
6. Mandato ad acquistare cose di genere o una massa di cose . . . . . . . . . . 222


XV
Indice sommario


7. Posizione giuridica del mandatario prima della realizzazione dell'effetto
traslativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
8. Azione di rivendica del mandante e diritti dei terzi possessori di buona fede. 225
9. Acquisto del mandatario, per conto del mandante, di beni immobili o beni
mobili iscritti nei pubblici registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
10. Le tesi sulla natura dell'atto di trasferimento e i suoi risvolti pratici per
l'integrazione degli effetti del contratto di mandato . . . . . . . . . . . . . . . 229
11. La teoria dominante per la quali'cazione dell'atto di trasferimento dei beni
dal mandatario al mandante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
12. Il mandato ' senza rappresentanza ' ad alienare. . . . . . . . . . . . . . . . . 232

Art. 1707. Creditori del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
1. Il con'itto di interessi fra mandante e creditori del mandatario nella fatti-
specie normativa dell'art. 1707 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
2. Esecuzione ordinaria. Mandato ad acquistare beni mobili e crediti . . . . . 242
3. Esecuzione ordinaria. Mandato ad acquistare beni immobili o mobili iscritti
nei pubblici registri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
4. Il fondamento giuridico dei criteri normativi di soluzione del con'itto fra
mandante e creditori del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
5. Mandante e fallimento del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244
6. Mandato ad acquistare strumenti 'nanziari e la disciplina speciale . . . . . 246

Art. 1708. Contenuto del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
1. Il signi'cato dell'espressione « contenuto del mandato ». Applicabilità
della norma anche al mandato con rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . 252
2. La determinazione del contenuto del mandato fra volontà delle parti, istru-
zioni del mandante e integrazione della legge. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
3. Mandato generale e mandato speciale. Limiti al potere di scelta . . . . . . . 255
4. Limiti al potere di scelta fra mandato generale e mandato speciale. Il
problema del mandato generale sostanziale e del mandato generale alle liti. 258
5. I casi giurisprudenziali relativi ad atti sostanziali ricompresi nel contenuto
del mandato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 262
6. I casi giurisprudenziali relativi ad atti processuali « ricompresi » nel conte-
nuto del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
7. I casi giurisprudenziali relativi ad atti processuali « non ricompresi » nel
contenuto del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
8. Atti eccedenti l'ordinaria amministrazione nel mandato generale . . . . . . 269

Art. 1709. Presunzione di onerosità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
1. Dai precedenti storici alla presunzione di onerosità del mandato. Il man-
dato è causalmente indifferente all'onerosità o alla gratuità . . . . . . . . . . 275
2. La presunzione di onerosità. Onerosità come elemento naturale del man-
dato. Onere della prova della gratuità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276
3. Il mandato come contratto a prestazioni corrispettive e individuazione del
sinallagma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 279
4. La determinazione convenzionale del corrispettivo a favore del mandatario.
Determinatezza, determinabilità, determinazione da parte del terzo arbi-
tratore. Le forme del corrispettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283


XVI
Indice sommario


5. Mancata previsione di un corrispettivo, ma non esclusione dell'onerosità.
Validità e non nullità del contratto di mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6. Mancata previsione del corrispettivo. Operatività della norma suppletiva
dell'art. 1709 c.c. Fonti per la determinazione del corrispettivo . . . . . . . . 286
7. Il richiamo alle tariffe, agli usi (normativi) e all'equità . . . . . . . . . . . . . 288
8. Presunzione di onerosità e irrevocabilità del mandato. Esclusione. . . . . . 289
9. Diritto del mandatario al compenso e buon 'ne dell'affare, oggetto del
mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
10. Conseguenze giuridiche della mancata previsione di un corrispettivo. Gra-
tuità e onere della prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
11. Il pro'lo causale del mandato gratuito e il suo rapporto col tipo della
donazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 294


§ 1. Delle obbligazioni del mandatario

Art. 1710. Diligenza del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297
1. Il sistema normativo delle obbligazioni delle parti del contratto di mandato
(artt. 1710-1721 c.c.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 303
2. Il valore pratico della classi'cazione delle obbligazioni delle parti del
mandato e degli oneri di cooperazione del mandante . . . . . . . . . . . . . . 307
3. Le obbligazioni del mandatario: principali ed accessorie . . . . . . . . . . . . 308
4. L'inadempimento del mandatario e i mezzi di tutela dell'interesse credito-
rio del mandante. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
5. I mezzi generali e speciali di tutela dell'interesse creditorio del mandante di
fronte all'inadempimento del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
6. Differenze sul piano operativo per la risoluzione del contratto per inadem-
pimento e del recesso del mandante dal rapporto di mandato. . . . . . . . . 312
7. La diligenza del mandatario nell'esecuzione del mandato. Diligenza nelle
obbligazioni di fare e superamento della distinzione fra obbligazioni di
mezzi e obbligazioni di risultato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 315
8. Mandato e diligenza del buon padre di famiglia richiamato dall'art. 1710 c.c.
Dovere di diligenza ed atti preparatori e strumentali . . . . . . . . . . . . . . 318
9. La diligenza nell'adempimento nel mandato gratuito . . . . . . . . . . . . . . 323
10. Mandato e diligenza inerente ad attività professionali . . . . . . . . . . . . . 325
11. Mandato nell'arbitrato irrituale e diligenza degli arbitri . . . . . . . . . . . . 327
12. La diligenza nel mandato ad eseguire la compravendita di veicoli . . . . . . 327
13. La banca e l'intermediario 'nanziario quali mandatari del cliente man-
dante. Il mandato come archetipo delle operazioni bancarie e 'nanziarie.
La conseguente con'gurazione della diligenza della banca e dell'interme-
diario 'nanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 329
14. Diligenza nel mandato per l'acquisto di prodotti 'nanziari, per operazioni
di borsa e di gestione di titoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 332
15. Diligenza della banca quale mandataria in occasione del pagamento di
assegno bancario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 336
16. Diligenza della banca mandataria in occasione dell'emissione o del paga-
mento di assegni circolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 341
17. Obbligo di informazione del mandatario (art. 1710, 2° co., c.c.) . . . . . . . . 342
18. Obbligo di informazione e responsabilità della banca mandataria per il c.d.
« venerdì nero della lira » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346


XVII
Indice sommario


Art. 1711. Limiti del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 351
1. La ragione giusti'catrice dell'art. 1711, 1° co., c.c. Dif'coltà della costru-
zione della nozione di eccesso di mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 354
2. Rilevanza della distinzione fra mandato speci'co e mandato generico.
Ruolo delle clausole generali di correttezza e di buona fede. Sintesi dei
criteri per veri'care l'eccesso di mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 358
3. L'eccesso di mandato nella giurisprudenza. Arbitrato irrituale ed altri casi. 362
4. La disciplina dell'eccesso di mandato. La legittimazione del mandatario
all'esercizio dei diritti derivanti dall'atto gestorio, in caso di eccesso di
mandato. Operatività della disciplina dell'art. 1711 c.c. solo nei rapporti fra
mandante e mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
5. La rati'ca dell'atto eccedente i limiti del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . 369
6. Inapplicabilità dell'art. 1711 c.c. fuori dell'ipotesi quali'cabile come ec-
cesso di mandato. Eccesso di mandato ed abuso di mandato . . . . . . . . . 372
7. Eccesso di mandato ed eccesso di procura. Rapporti fra fenomeni diversi: da
un lato eccesso e abuso di mandato, dall'altro abuso di rappresentanza . . 375
8. Eccesso di mandato e gestione di affari altrui . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
9. Deviazioni consentite dal mandato (art. 1711, 2° co., c.c.). . . . . . . . . . . . 377

Art. 1712. Comunicazione dell'eseguito mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
1. L'obbligazione del mandatario di comunicazione senza ritardo dell'esecu-
zione del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 385
2. Il mancato adempimento dell'obbligazione di comunicazione dell'eseguito
mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 388
3. La reazione del mandante al comportamento del mandatario. La c.d. appro-
vazione tacita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 390
4. Il rapporto fra l'art. 1712, 2º co., c.c. e l'art. 1333, 2º co., c.c. . . . . . . . . . . 395

Art. 1713. Obbligo di rendiconto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 397
1. Le obbligazioni del mandatario di rendiconto e di rimettere al mandante il
risultato della gestione. Presupposti delle obbligazione di rendiconto. . . . 400
2. L'obbligazione di rendiconto. La comunicazione del mandatario che so-
stanzia la sua prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 401
3. Il « creditore » ed il « debitore » dell'obbligazione di rendiconto . . . . . . . 406
4. Il tempo e il luogo dell'adempimento dell'obbligazione del mandatario di
rendiconto al mandante. Provvedimento di urgenza. . . . . . . . . . . . . . . 408
5. Reazione del mandante alla comunicazione del rendiconto . . . . . . . . . . 410
6. Dispensa preventiva dall'obbligazione di rendiconto . . . . . . . . . . . . . . 411
7. L'obbligazione del mandatario di rimettere al mandante il risultato della
gestione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
8. La prescrizione delle obbligazioni dell'art. 1713 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . 416

Art. 1714. Interessi sulle somme riscosse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 417
1. Le obbligazioni del mandatario relative alle somme riscosse in esecuzione
del mandato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
2. L'obbligazione di consegna al mandante delle somme riscosse in esecu-
zione dell'incarico. Conseguenze del suo inadempimento ai sensi dell'art.
1714 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419


XVIII
Indice sommario


3. L'obbligazione di impiego delle somme riscosse in esecuzione dell'incarico.
Conseguenze del suo inadempimento ai sensi dell'art. 1714 c.c. . . . . . . . 421
4. Regime giuridico delle altre somme nelle mani del mandante. . . . . . . . . 423

Art. 1715. Responsabilità per le obbligazioni dei terzi . . . . . . . . . . . . . . 425
1. Mandato senza rappresentanza e i problemi conseguenti all'inadempi-
mento del terzo. La legittimazione alle azioni contro il terzo inadempien-
te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 427
2. L'inadempimento del terzo nei rapporti fra mandante e mandatario . . . . 429
3. Apposito patto dello « star del credere » di deroga all'esonero da responsa-
bilità del mandatario per le obbligazioni assunte dai terzi . . . . . . . . . . . 430
4. La conoscenza o conoscibilità dell'insolvenza del terzo quale causa di
deroga all'esonero da responsabilità del mandatario per le obbligazioni
assunte dai terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432

Art. 1716. Pluralità di mandatari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435
1. Pluralità di mandatari. Unità e pluralità di contratti di mandato . . . . . . . 437
2. La formazione dell'unico contratto di mandato con una pluralità di manda-
tari. L'accettazione di tutti i mandatari « salvo patto contrario » . . . . . . . 439
3. Mandato congiuntivo e mandato disgiuntivo. Quali'cazione della concreta
fattispecie contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 440
4. Il mandato disgiuntivo: natura dell'obbligazione assunta dai mandatari ed
effetti giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
5. Gli effetti giuridici nel mandato congiuntivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 445

Art. 1717. Sostituto del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
1. Il fenomeno della sostituzione nel mandato e le ipotesi possibili. Sostituto e
ausiliario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
2. Ammissibilità, legittimità o liceità, in via di principio, della sostituzione del
mandatario nell'esecuzione del mandato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 452
3. Differenze fra la sostituzione nel mandato e le altre ipotesi in cui il mandato
non è curato direttamente dal mandatario. Collaborazione degli ausiliari . 454
4. Sostituzione e submandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 456
5. Sostituzione del mandatario (art. 1717 c.c.) e mandato a favore di terzo (art.
1411 c.c.). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
6. Il trattamento giuridico della sostituzione. Il rapporto fra mandante e
mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 459
7. Il rapporto fra mandante e sostituto. L'azione diretta . . . . . . . . . . . . . . 462
8. Il rapporto fra mandatario e sostituto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 466
9. Ipotesi speciali di sostituzione. Il rapporto di conto corrente, art. 1856 c.c. . 467
10. Ipotesi speciali di sostituzione. Il trasporto su strada . . . . . . . . . . . . . . 469

Art. 1718. Custodia delle cose e tutela dei diritti del mandante . . . . . . . . 471
1. L'obbligazione accessoria di salvaguardia dell'interesse del mandante.
Contenuto generico e contenuto speci'co . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 472
2. L'obbligazione accessoria del mandatario di custodia delle cose . . . . . . . 473
3. L'obbligazione accessoria del mandatario di tutela dei diritti del mandante
in relazione alle cose custodite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 474


XIX
Indice sommario


4. L'obbligazione strumentale del mandatario di informazione del man-
dante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 477
5. Obbligazioni di custodia delle cose e tutela del diritto del mandante durante
la fase delle trattative. Natura della responsabilità. . . . . . . . . . . . . . . . 477


§ 2. Delle obbligazioni del mandante

Art. 1719. Mezzi necessari per l'esecuzione del mandato . . . . . . . . . . . . 479
1. Obbligazioni e oneri del mandante. Il quadro di insieme. Applicabilità della
norma anche al mandato con rappresentanza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 481
2. La somministrazione al mandatario dei mezzi necessari per l'esecuzione
del mandato. Natura della posizione del mandante . . . . . . . . . . . . . . . 483
3. Adempimento degli oneri e delle obbligazioni di somministrare. Contenuto
della prestazione e tempo dell'adempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 485
4. Il patto contrario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 488
5. Conseguenze dell'inadempimento delle prestazioni a carico del mandante. 488

Art. 1720. Spese e compenso del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 491
1. Obbligazioni del mandante di rimborsare le spese anticipate, di pagare il
compenso al mandatario, di indennizzarlo dei danni subiti a causa dell'inca-
rico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 494
2. Obbligazione del mandante di rimborsare le anticipazioni effettuate dal
mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
3. La natura del credito del mandatario, come credito di valuta e ri'essi sulla
competenza per territorio dell'azione giudiziale . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
4. Obbligazione del mandante di rimborsare gli interessi legali sulle anticipa-
zioni effettuate dal mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
5. Obbligazione del mandante di pagare il compenso, se il mandato è oneroso. 502
6. Obbligazione del mandante di indennizzo delle perdite subite dal manda-
tario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 505
7. Differenze fra la responsabilità contrattuale del mandante per inadempi-
mento delle obbligazioni ai sensi dell'art. 1720 c.c. e sua responsabilità
extracontrattuale ai sensi dell'art. 2049 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509

Art. 1721. Diritto del mandatario sui crediti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 515
1. Garanzia e autotutela del mandatario. Il diritto di prededuzione e il privi-
legio mobiliare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 516
2. Il diritto di prededuzione del mandatario sui crediti pecuniari derivanti
dagli affari conclusi. La posizione giuridica verso il mandante e verso i
creditori di questo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 517
3. La disciplina del diritto di prededuzione del mandatario sui crediti . . . . . 519
4. Il privilegio mobiliare a favore del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . 521


§ 3. Dell'estinzione del mandato

Art. 1722. Cause di estinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 523
1. Le « cause di estinzione » del mandato dell'art. 1722 c.c. in una normativa


XX
Indice sommario


costruita intorno all'obbligazione del mandatario di compiere atti giuridici
per conto del mandante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 527
2. Il contratto di mandato: fase di programmazione e fase di attuazione.
Incidenza delle cause di estinzione nella fase di attuazione . . . . . . . . . . 530
3. L'operatività delle « cause di estinzione » e i relativi limiti conseguenti al
compimento dell'atto gestorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 532
4. Gli effetti dello scioglimento del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 533
5. Cause speciali e cause generali di scioglimento del mandato. Il problema
della tassatività delle cause di estinzione del mandato: tassative quelle
speciali, non tassative quelle generali. Derogabilità delle cause tassative . 536
6. Risoluzione del contratto di mandato. Mutuo dissenso. Risoluzione per
inadempimento. Risoluzione per impossibilità sopravvenuta della presta-
zione. Risoluzione per eccessiva onerosità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539
7. La scadenza del termine 'nale di ef'cacia (art. 1722, n. 1, c.c.) . . . . . . . . 542
8. Scadenza del termine 'nale nell'arbitrato irrituale. Scadenza del mandato
dei probiviri nelle società cooperative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 546
9. Il compimento dell'affare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 550
10. La revoca del mandato e la sua ef'cacia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 552
11. La revoca quale atto recettizio. Destinatario, contenuto e forma della
revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 557
12. Rinuncia del mandatario (art. 1722, n. 3, c.c.). Rinvio all'art. 1727 c.c. . . . . 559
13. Morte, interdizione e inabilitazione del mandante o del mandatario. Fon-
damento giuridico, deroghe convenzionali e legali . . . . . . . . . . . . . . . . 560
14. Il problema del mandato post mortem. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565
15. Atti relativi all'esercizio dell'impresa e irrilevanza della morte o della
incapacità sopravvenuta. L'incorporazione di società commerciali . . . . . . 567
16. Ipotesi di non applicabilità dell'art. 1722 c.c. Irrilevanza della scomparsa,
della dichiarazione di assenza, dell'incapacità naturale. Persona giuridica e
cessazione o sostituzione del legale rappresentante . . . . . . . . . . . . . . . 570
17. Il fallimento del mandante e del mandatario e l'estinzione del contratto di
mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 571

Art. 1723. Revocabilità del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 573
1. Le ipotesi di irrevocabilità del mandato nell'art. 1723 c.c. Due fattispecie
con differenti conseguenze giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 579
2. Conseguenze della violazione della irrevocabilità convenzionale. Risarci-
mento del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 581
3. La « giusta causa ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 583
4. Mandato in rem propriam conferito anche nell'interesse del mandatario o di
un terzo. Con'gurazione della fattispecie normativa . . . . . . . . . . . . . . 584
5. Problemi di quali'cazione del mandato all'incasso nell'interesse anche del
mandatario. Mandato in rem propriam e cessione del credito. Una confu-
sione da evitare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 590
6. Mandato conferito anche nell'interesse di terzo. Diversità col mandato a
favore di terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 597
7. La disciplina del mandato nell'interesse del mandatario o del terzo (art.
1723, 2° co., c.c.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 600
8. Il problema della revoca del mandato e della procura nel mandato con
rappresentanza in rem propriam . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 604
9. Mandato in rem propriam e fallimento. Le procedure concorsuali apertesi
prima e dopo il 16 luglio 2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614


XXI
Indice sommario


Art. 1724. Revoca tacita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 619
1. Il con'itto fra mandante e mandatario in caso di nomina di un nuovo
mandatario o di compimento dell'affare da parte del mandante. Comporta-
menti « taciti » e « comunicazione » espressa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 620
2. La produzione dell'effetto estintivo del mandato: comunicazione o semplice
conoscenza da parte del mandatario delle due ipotesi di revoca. Irrilevanza
del silenzio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623
3. La revoca tacita e il mandato nell'interesse del mandatario o di un terzo
(mandato in rem propriam) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 626

Art. 1725. Revoca del mandato oneroso. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 629
1. I limiti all'esercizio della revoca nel mandato oneroso e l'interesse protetto
del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 632
2. Casi di applicabilità e casi di inapplicabilità dell'art. 1725 c.c. . . . . . . . . . 633
3. Il comportamento del mandante in violazione dei limiti dell'art. 1725 c.c. e le
sue conseguenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
4. Debito di valuta e debito di valore del « risarcimento del danno » ai sensi
dell'art. 1725 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637
5. La clausola che preveda il compenso del mandatario per il recesso prima
del termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 638
6. I limiti della revoca nel mandato a tempo determinato o per un determinato
affare. Il problema della giusta causa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 638
7. I limiti della revoca nel mandato a tempo indeterminato. Il problema del
preavviso e della giusta causa del suo mancato rispetto . . . . . . . . . . . . 639

Art. 1726. Revoca del mandato collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 643
1. Il mandato collettivo e la sua revoca. Differenza con la risoluzione . . . . . 645
2. Le 'gure di mandato collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 647
3. La disciplina della revoca del mandato collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . 650
4. Mandato collettivo e revoca per giusta causa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 651
5. Mandato collettivo e morte o incapacità sopravvenuta di uno o alcuni
mandanti. Mandato collettivo e fallimento del mandante prima del d.lg. 9
gennaio 2006, n. 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 654

Art. 1727. Rinunzia del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 657
1. Rinuncia del mandatario. I presupposti del risarcimento del mandante in
caso di illecita rinuncia del mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 658
2. La giusta causa per il lecito esercizio della facoltà di rinuncia del
mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 660
3. Mandato a tempo indeterminato ed il congruo preavviso come esonero da
responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 663
4. Il risarcimento del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 664

Art. 1728. Morte o incapacità del mandante o del mandatario . . . . . . . . . 667
1. Ultrattività del mandato pure estinto per morte o incapacità sopravvenuta
delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 670
2. La morte o l'incapacità sopravvenuta del mandante. I presupposti di fatto
della fattispecie normativa dell'art. 1728, 1º co., c.c. . . . . . . . . . . . . . . . 672


XXII
Indice sommario


3. La morte o l'incapacità sopravvenuta del mandante. Le conseguenze giuri-
diche connesse ai presupposti di fatto della fattispecie normativa. « Conti-
nuare l'esecuzione del mandato ». Ef'cacia della norma fra mandante e
mandatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 674
4. Interpretazione della giurisprudenza dell'art. 1728, 1° co., c.c. . . . . . . . . 676
5. La morte o l'incapacità sopravvenuta del mandatario nell'art. 1728, 2° co.,
c.c. Obbligazioni degli eredi, del rappresentante o del curatore . . . . . . . . 678
6. Fallimento del mandante e del mandatario e applicazione dell'art. 1728
c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 680

Art. 1729. Mancata conoscenza della causa di estinzione . . . . . . . . . . . . 683
1. L'opponibilità al mandatario delle cause di estinzione. Interpretazione del-
l'espressione « gli atti che il mandatario ha compiuto ' sono validi » . . . . 685
2. Interpretazione dell'espressione « nei confronti del mandante e dei suoi
eredi ». Rilevanza dell'art. 1729 c.c. nei rapporti fra mandante (suoi eredi) e
mandatario. Esclusione del riferimento al terzo che ha contratto con il
mandatario. Applicabilità al mandato con rappresentanza e a quello senza
rappresentanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 686
3. Interpretazione dell'espressione « prima di conoscere ». La conoscenza
della causa di estinzione come presupposto di fatto per l'opponibilità al
mandatario dello scioglimento del mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689
4. La selezione delle cause di estinzione del mandato rilevanti per l'art. 1729
c.c. Rilevanza della « morte e l'incapacità sopravvenuta del mandante » . . 691
5. Irrilevanza della « revoca del mandato ». Dubbi sulla rilevanza della « ri-
nuncia al mandato ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 692
6. Il problema del fallimento del mandante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 694
7. Inapplicabilità dell'art. 1729 c.c. e dell'art. 1396 c.c. nel mandato con rap-
presentanza conferito al patronato da lavoratore poi deceduto . . . . . . . . 695

Art. 1730. Estinzione del mandato conferito a più mandatari . . . . . . . . . 697
1. L'incidenza di una causa di estinzione del mandato conferito a più manda-
tari. Il problema nel mandato disgiuntivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 698
2. Operatività delle cause di scioglimento nel « mandato congiuntivo » . . . . 700


Sezione II ' Della commissione

Art. 1731. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 703
1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 705
2. Disciplina applicabile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 706
3. Criteri distintivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 706

Art. 1732. Operazione a 'do . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 709
1. Nozione e disciplina applicabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 710

Art. 1733. Misura della provvigione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 713
1. Misura della provvigione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 714


XXIII
Indice sommario


Art. 1734. Revoca della commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 715
1. Revoca della commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 716

Art. 1735. Commissionario contraente in proprio . . . . . . . . . . . . . . . . . 717
1. L'entrata del commissionario nel contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 718

Art. 1736. Star del credere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 721
1. L'obbligazione del c.d. 'star del credere' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 722


Sezione III ' Della spedizione

Art. 1737. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 725
1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 727
2. Le c.d. operazioni accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 728
3. Disciplina applicabile. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 729
4. Contratto di spedizione e 'gure af'ni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 730

Art. 1738. Revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 733
1. Revoca del contratto di spedizione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 734
2. Modi di estinzione diversi dalla revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 735

Art. 1739. Obblighi dello spedizioniere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 737
1. L'obbligo di osservanza delle istruzioni impartite . . . . . . . . . . . . . . . . 738
2. L'obbligo di restituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 739

Art. 1740. Diritti dello spedizioniere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 741
1. La provvigione e la liquidazione a forfait. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 742
2. Diritto al rimborso delle spese anticipate ed ai compensi per prestazioni
accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 743

Art. 1741. Spedizioniere vettore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 745
1. Natura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 746
2. Il con'itto di interessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 747


Capo X ' DEL CONTRATTO DI AGENZIA

Art. 1742. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749
1. La disciplina del contratto di agenzia. Riferimenti normativi . . . . . . . . . 753
1.1. Il contributo della normativa lavoristica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 754
2. La direttiva comunitaria 86/653/CEE. Ambito oggettivo . . . . . . . . . . . . 761
2.1. Ambito soggettivo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 762
2.2. La nozione di agente commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 763
2.2.1. Gli obblighi dell'agente commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . 764
3. Gli obblighi del preponente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 765


XXIV
Indice sommario


4. La retribuzione spettante all'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 766
4.1. La nascita del diritto alle provvigioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 767
4.2. La esigibilità della provvigione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 768
4.3. L'estinzione del diritto dell'agente alla provvigione . . . . . . . . . . . . 769
5. La conclusione e la forma del contratto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 769
6. Contratto di agenzia a tempo determinato eseguito successivamente alla
scadenza del termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 769
7. Lo scioglimento del rapporto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 770
7.1. L'indennità di scioglimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 770
8. Il patto di non concorrenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 771
9. Il primo recepimento della direttiva 86/653/CEE. Il d.lg. 303/1991 . . . . . . 772
9.1. Il d.lg. 65/1999: ossia l'ulteriore applicazione della direttiva comuni-
taria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 773
10. Gli accordi economici collettivi (AEC) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 773
10.1. Inderogabilità ed ef'cacia degli accordi economici collettivi . . . . . . 774
10.2. Se gli AEC siano applicabili all'agente operante all'estero. . . . . . . . 776
11. L'art. 1742 c.c. e la de'nizione di contratto di agenzia. . . . . . . . . . . . . . 777
12. I soggetti del rapporto di agenzia: a) l'agente di commercio quale impren-
ditore commerciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 778
12.1. L'organizzazione imprenditoriale. Agente imprenditore normale ed
agente piccolo imprenditore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 779
12.1.1. Distinzione dell'agenzia dal rapporto di lavoro subordinato . . 780
12.1.2. Il carattere decisivo delle 'modalità di concreto svolgimento
del rapporto' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 784
12.1.3. La permanenza di un rischio economico in capo all'agente . . 785
12.1.4. L'oggetto della prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 787
12.2. La 'centralità' dell'attività promozionale nell'interesse del prepo-
nente. Differenze rispetto all'imparzialità del mediatore. . . . . . . . . 789
12.2.1. La promozione di affari quale elemento ricorrente anche nel
procacciamento di affari. Agente e procacciatore. . . . . . . . . 791
12.3. Attività promozionale ed attività propagandistica. Il caso dell'agente
propagandista . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 794
12.3.1. Il subagente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 796
12.4. b) Il preponente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 799
13. Gli elementi distintivi del contratto di agenzia. La promozione di affari.
Obbligazione di mezzi od obbligazione di risultato' . . . . . . . . . . . . . . . 800
13.1. Le prestazioni accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 804
13.2. Cooperazione materiale e cooperazione giuridica: la distinzione tra
agenzia, mandato e commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 806
14. La zona quale ambito di operatività dell'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . 810
14.1. La zona. Criteri di identi'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 811
14.2. Le modi'cazioni della zona secondo la previsione degli AEC . . . . . . 812
15. La stabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 813
15.1. Stabilità e continuità. Differenze . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 816
15.2. La stabilità quale sicuro elemento distintivo dell'agenzia da 'gure
af'ni: mediazione e procacciamento di affari. . . . . . . . . . . . . . . . 817
16. La diligenza nell'attività promozionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 818
17. La forma del contratto di agenzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 821
18. Il ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio. Normativa . . . . . . . 823
18.1. Agente operante all'estero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 825
19. L'agente abusivo e la nullità del contratto di agenzia . . . . . . . . . . . . . . 826


XXV
Indice sommario


19.1. Il mantenimento del diritto dell'agente alla provvigione e la presta-
zione di fatto ex art. 2126 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 829
19.2. Gli altri rimedi. In particolare: il ricorso all'art. 2041 c.c.. . . . . . . . . 830
19.3. Le sentenze della Corte di Giustizia 30 aprile 1998 (causa 215/1997) e
13 luglio 2000 (causa 456/1998) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 833
19.3.1. La sentenza della Corte di Giustizia 6 marzo 2003, n. 485 . . . 836
20. Pro'li processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 838
20.1. Controversie di lavoro e strumenti conciliativi . . . . . . . . . . . . . . . 840
20.2. Oggetto della controversia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 842
20.3. Competenza per territorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 842
20.4. La l. 11 febbraio 1992, n. 128 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843
20.5. La competenza per territorio nei rapporti di agenzia sottratti al nuovo
rito del lavoro. Il forum contractus. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 843
20.6. Il forum destinatae solutionis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 844
20.7. Rivalutazione monetaria ai sensi dell'art. 429, 3° co., c.p.c. dei crediti
per provvigioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 844

Art. 1743. Diritto di esclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 847
1. L'esclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 849
2. La violazione dell'esclusiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 851
3. L'esclusiva rispetto ai terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 853
4. L'esclusiva e la concorrenza. Potere del preponente di concludere affari
nella zona assegnata in esclusiva all'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 855
5. Inammissibilità di una concorrenza tra agente e preponente . . . . . . . . . 857
5.1. Il diverso orientamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 860

Art. 1744. Riscossioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 863
1. Le riscossioni ed il diritto dell'agente ad un compenso . . . . . . . . . . . . . 864
1.1. L'agente come procuratore all'incasso. Sconti e dilazioni . . . . . . . . 867
1.1.1. Compensazione ed appropriazione indebita. . . . . . . . . . . . 869

Art. 1745. Rappresentanza dell'agente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 871
1. La rappresentanza dell'agente ai sensi dell'art. 1745 c.c. La legittimazione
passiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 872
1.1. La legittimazione attiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 875
1.1.1. Se l'agente ha capacità di testimoniare nel giudizio tra p

COMMENTI DEI LETTORI A «Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Commentario al codice civile. Artt. 1703-1765: Mandato. Spedizione. Agenzia. Mediazione»