Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento'

Ingrandisci immagine


La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento

(Quaderni di giurisprudenza commerciale)


di

Falcone Giovanni

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento»

Tipo Libro
Titolo La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814144295
Pagine XX-198
Data 2009
Collana Quaderni di giurisprudenza commerciale

INDICE DI «La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Prefazione (di Sido Bonfatti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIII
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIX




CAPITOLO PRIMO
SALVAGUARDIA, RISANAMENTO E
LIQUIDAZIONE DELLE IMPRESE DI ASSICURAZIONE
1. Le misure di salvaguardia, risanamento e liquidazione delle imprese di
assicurazione nel 'codice delle assicurazioni private' (d.lgs. 7 settembre
2005, n. 209). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.1. Aspetti generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
1.2. Il 'codice delle assicurazioni private' e la disciplina della crisi
delle imprese di assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2. La direttiva 2001/17 in materia di risanamento e liquidazione delle
imprese di assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3. La 'crisi' della impresa di assicurazione. Individuazione della nozione
'rilevante'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
4. La solvibilità dell'impresa assicurativa come oggetto dell'attività di
vigilanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
5. (Segue): il perseguimento dell'interesse pubblico alla solvibilità dell'im-
presa assicurativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
5.1. L'interesse pubblico alla solvibilità dell'impresa nello svolgi-
mento 'siologico della sua attività: dalla 'vigilanza 'nanziaria'
alla 'vigilanza prudenziale' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
5.2. L'interesse pubblico alla solvibilità dell'impresa in presenza di
elementi 'patologici' nello svolgimento della sua attività: i rimedi
amministrativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 47
6. Programma e struttura dell'esposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48

CAPITOLO SECONDO
LA SALVAGUARDIA DELLA SOLVIBILITÀ
ATTRAVERSO L'ESERCIZIO DEI POTERI DI VIGILANZA
1. Aspetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
2. Il sistema dei controlli interni come strumento di salvaguardia della
solvibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
X INDICE



2.1. (Segue): il controllo di conformità come strumento di preven-
zione delle cc.dd. 'crisi di legalità' . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
3. I 'poteri di intervento' dell'ISVAP . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
4. Gli obblighi di informativa nei confronti dell'ISVAP . . . . . . . . . . . 66
4.1. (Segue): possibilità ed opportunità di un 'diritto preconcor-
suale': cenni di diritto comparato . . . . . . . . . . . . . . . . . . 71
4.2. (Segue): l'ambito oggettivo di applicazione dell'art. 190 co. 3 del
'codice delle assicurazioni private' . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

CAPITOLO TERZO
LE MISURE DI 'SALVAGUARDIA'
1. Aspetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
1.1. La violazione delle norme sulle riserve tecniche o sulle attività a
copertura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
1.1.1. (Segue): il divieto di atti di disposizione . . . . . . . . . . 88
1.1.2. (Segue): il vincolo sui singoli attivi iscritti nel registro a
copertura delle riserve tecniche . . . . . . . . . . . . . . . 91
1.1.3. (Segue): il divieto di assumere nuovi affari . . . . . . . . 96
1.1.4. (Segue): la nomina di un commissario per il compimento
di singoli atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
1.2. La violazione delle norme sul margine di solvibilità o sulla quota
di garanzia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
1.3. Le misure di intervento a tutela della 'solvibilità prospettica'. . 104
1.4. La revoca 'parziale' dell'autorizzazione . . . . . . . . . . . . . . . 111
1.5. Le misure di salvaguardia della solvibilità nell'ambito della 'vi-
gilanza supplementare' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
1.5.1. In particolare: a) le misure in caso di situazione di
'solvibilità corretta' negativa . . . . . . . . . . . . . . . . 114
1.5.2. (Segue): b) le misure adottatte a seguito della veri'ca di
solvibilità dell'impresa controllante . . . . . . . . . . . . . 117
1.6. Misure di salvaguardia adottate nei confronti di imprese con sede
legale in altri Stati membri e in Stati terzi . . . . . . . . . . . . . 118

CAPITOLO QUARTO
LE MISURE DI 'RISANAMENTO'
1. Aspetti generali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
1.1. La natura delle misure di risanamento . . . . . . . . . . . . . . . . 124
1.2. Le disposizioni comuni alle misure di risanamento . . . . . . . . 125
1.2.1. (Segue): il principio di esclusività . . . . . . . . . . . . . . 127
1.2.2. (Segue): la inapplicabilità dell'art. 2409 c.c. . . . . . . . 130
1.2.3. (Segue): l'applicabilità delle misure di risanamento alle
sedi secondarie in Italia di imprese di assicurazione
extracomunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
INDICE XI



2. Il 'commissario per il compimento di singoli atti'. . . . . . . . . . . . . 136
3. La gestione provvisoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
4. L'amministrazione straordinaria. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.1. Natura e funzioni dell'amministrazione straordinaria delle im-
prese di assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
4.2. I presupposti soggettivi della amministrazione straordinaria delle
imprese di assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
4.3. I presupposti 'oggettivi' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.3.1. Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
4.3.2. Le 'gravi irregolarità nell'amministrazione'. . . . . . . . 153
4.3.3. Le 'gravi violazioni delle disposizioni legislative o statu-
tarie che regolano l'attività dell'impresa' . . . . . . . . . 154
4.3.4. La previsione di 'gravi perdite patrimoniali' . . . . . . . 155
4.3.5. La 'istanza motivata' degli organi amministrativi o del-
l'assemblea straordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
4.3.6. I presupposti speci'ci previsti per l'amministrazione
straordinaria della capogruppo . . . . . . . . . . . . . . . 159
4.4. Il procedimento per l'adozione del provvedimento che dispone
l'amministrazione straordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
4.5. Gli effetti del decreto ministeriale . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
4.5.1. Effetti nei confronti degli esponenti aziendali. . . . . . . 163
4.5.2. Effetti nei confronti dell'assemblea . . . . . . . . . . . . . 164
4.5.3. Effetti nei confronti dei soci . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4.6. La decorrenza degli effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168
4.7. La durata della amministrazione straordinaria . . . . . . . . . . . 169
4.8. Gli organi della procedura: la nomina degli organi straordinari . 170
4.9. La chiusura della procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
4.10. Poteri e funzionamento degli organi straordinari. . . . . . . . . . 175
4.10.1. I commissari straordinari: ambito di autonomia, fun-
zioni e natura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
4.10.1.1. L'insediamento dei commissari straordi-
nari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
4.10.2. Il comitato di sorveglianza: attribuzioni e funziona-
mento. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
4.10.3. Il ruolo dell'ISVAP e la responsabilità degli organi della
procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
4.10.4. La chiusura della procedura di amministrazione straor-
dinaria. Il ruolo degli 'organi' della procedura . . . . . 187
4.10.4.1. Il ruolo dell'ISVAP . . . . . . . . . . . . . . . 188
4.10.4.2. Il ruolo dei commissari straordinari e del
comitato di sorveglianza . . . . . . . . . . . . 189

CAPITOLO QUINTO
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE. . . . . . . . . . 191
Bibliogra'a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195

COMMENTI DEI LETTORI A «La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento»

ALTRI LIBRI DI «Falcone Giovanni»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «La disciplina delle crisi delle imprese assicurative. Le procedure di salvaguardia della solvibilità e di risanamento»