Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Giudizio di rinvio e preclusione di questioni'

Ingrandisci immagine


Giudizio di rinvio e preclusione di questioni

(Univ.Firenze-Fondazione P.Calamandrei)


di

Gambineri Beatrice

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Giudizio di rinvio e preclusione di questioni»

Tipo Libro
Titolo Giudizio di rinvio e preclusione di questioni
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143502
Pagine XI-294
Data 2008
Collana Univ.Firenze-Fondazione P.Calamandrei

INDICE DI «Giudizio di rinvio e preclusione di questioni»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO IX




INDICE SOMMARIO


PARTE PRIMA

CAPITOLO I
STRUTTURA E FUNZIONE

1. Il rinvio come regola. Un'ipotesi da verificare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. La struttura del giudizio di rinvio. Opportunita di avviare un'analisi di diritto
`
comparato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 5
3. Il modello francese. Il giudizio di rinvio come rinnovazione del giudizio di ap-
pello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
4. Il modello tedesco. Il giudizio di rinvio come prosecuzione del giudizio di
Cassazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
5. L'esperienza italiana. Analisi di un'evoluzione. Primo passaggio: il codice di
procedura civile del 1865 riproduce il modello francese. La giurisprudenza e
la dottrina maggioritarie interpretano il giudizio di rinvio quale rinnovazione
dell'appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
5.1. La tesi di Chiovenda: sul presupposto dell'effetto sostitutivo dell'appello,
il giudizio di rinvio e inteso come fase rescissoria del giudizio di cassazione
` 40
5.2. La tesi di Provinciali. Muovendo dall'idea secondo cui all'emanazione
della sentenza d'appello segue la definitiva caducazione della prima sen-
tenza, il rinvio e inteso come fase processuale autonoma vuoi dall'ap-
`
pello, vuoi dalla Cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
5.3. La tesi di Pavanini. Sull'assunto dell'effetto sostitutivo dell'appello, il rin-
vio e collocato nell'ambito della cosiddetta terza istanza la cui apertura e
` `
segnata dalla proposizione del ricorso per Cassazione . . . . . . . . . . . . . . 48
6. Secondo passaggio: il codice di procedura civile del 1942 segna il distacco dal
modello francese adottando la regola di caducazione dell'intero processo a se-
guito dell'estinzione del giudizio di rinvio. Il rinvio acquista autonomia dal
giudizio di appello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
7. Terzo passaggio: il legislatore del '90 ammette la Cassazione a decidere il me-
rito della causa secondo il modello tedesco. Il giudizio di rinvio come fase re-
scissoria del giudizio di cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
7.1. La competenza: in base al disposto dell'art. 392 cod. proc. civ. la Corte di
cassazione come regola generale rinvia la causa ad un giudice di grado pari
a quello che ha emanato la sentenza cassata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
7.2. La regola di instaurazione del giudizio di rinvio tramite atto di riassun-
zione ne conferma la ricostruzione in chiave di fase rescissoria del giudizio
di cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
X INDICE SOMMARIO



7.3. Necessita di interpretare la regola secondo cui in sede di rinvio si appli-
`
cano le disposizioni stabilite per il procedimento davanti al giudice cui
la Corte ha rinviato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
8. La tesi che distingue rinvio prosecutorio e rinvio restitutorio. Critica. Indica-
zione di alcune ipotesi di rinvio sottratte alla regola di cui all'art. 393 cod.
proc. civ.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76



PARTE SECONDA

CAPITOLO II
I PRINCIPI

1. L'indagine relativa allo svolgimento del giudizio di rinvio come cartina di tor-
nasole dell'intero sistema delle impugnazioni civili. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
2. La tesi del rinvio come prosecuzione del giudizio di cassazione impone di por-
tare a chiarimento la natura e struttura di questo mezzo di impugnazione. In
Italia la Cassazione e un mezzo di impugnazione a carattere tendenzialmente
`
sostitutivo. In nota cenni sulla questione di rilevabilita o meno d'ufficio della
`
quaestio juris da parte del giudice dell'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
3. Lo studio del giudizio di rinvio deve essere intrapreso alla luce della comples-
siva disciplina di passaggio della causa da un grado di giudizio all'altro . . . . . . 114
4. Il principio di diritto espresso all'art. 384 cod. proc. civ. come principio rego-
latore dello snodo tra fase rescindente e fase rescissoria. Opportunita di av- `
viare un'indagine comparativa. In particolare, in Germania, il giudice del rin-
vio e vincolato alla « rechliche Beurteilung die der Aufhebung zugrunde gelegt
`
ist » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
5. Conclusione: il giudice del rinvio trae la misura dei propri poteri dalla sen-
tenza della Corte di cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153



CAPITOLO III
LA DISCIPLINA

1. L'oggetto del giudizio di rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
2. Il giudizio di rinvio e volto alla emanazione di una sentenza di merito. . . . . . .
` 170
3. Analisi del materiale cognitivo. Avuto riguardo alle questioni decise dal giu-
dice del merito la regola generale e che al giudice del rinvio sono rimesse solo
`
le questioni oggetto del ricorso e/o del controricorso presentati davanti alla
Corte di cassazione e con riferimento alle quali e stato disposto il rinvio. Il
`
problema della dichiarazione di assorbimento dei motivi di ricorso per cassa-
zione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
4. La pronuncia della Corte di cassazione come limite alla cognizione del giudice
del rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
4.1. Accoglimento del ricorso e cassazione della sentenza per nullita della sen- `
tenza o del procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
INDICE SOMMARIO XI



4.2. Accoglimento del ricorso e annullamento della sentenza per omessa, insuf-
ficiente o contraddittoria motivazione circa un fatto controverso e decisivo
per il giudizio, prospettato dalle parti o rilevabile d'ufficio . . . . . . . . . . 224
4.3. Accoglimento del ricorso per violazione o falsa applicazione delle norme
di diritto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
5. Il giudizio di rinvio come fase rescissoria del giudizio di cassazione si inserisce
nell'ambito del processo civile come serie cronologicamente ordinata di atti
avente come scopo finale la emanazione di un provvedimento di accertamento
della esistenza o non esistenza del diritto sostanziale controverso. Afferma-
zione della direttiva di progressiva diminuzione dell'area della lite. . . . . . . . . . 245
6. Nel giudizio di rinvio come regola generale non sono ammissibili i cd. nova.
Necessita di prevedere alcune eccezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 251
6.1. Lo jus superveniens . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
6.2. I fatti sopravvenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
6.3. Le questioni assorbite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
6.4. Il giuramento decisorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 268
6.5. I nuovi documenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 269
7. La chiusura del giudizio di rinvio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
8. L'estinzione del giudizio di rinvio. Cenni. La sopravvivenza del principio di
diritto enunciato dalla Corte a seguito dell'accoglimento del ricorso per viola-
zione o falsa applicazione delle norme di diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 276

Indice analitico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291

COMMENTI DEI LETTORI A «Giudizio di rinvio e preclusione di questioni»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Giudizio di rinvio e preclusione di questioni»

ALTRI LIBRI DI «Gambineri Beatrice»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Giudizio di rinvio e preclusione di questioni»