Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica'

Ingrandisci immagine


Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica

(Ist. di studi giuridici internazionali)

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica»

Tipo Libro
Titolo Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica
A cura di Della Fina V.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143496
Pagine XIV-308
Data 2008
Collana Ist. di studi giuridici internazionali

INDICE DI «Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX




VALERIA CIAFFARDINI, L'attività normativa della FAO in materia di biotecnologie

1. Le biotecnologie e il mandato della FAO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
2. L'Intesa internazionale sulle risorse fitogenetiche . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3. Le risoluzioni interpretative e le implicazioni delle nuove biotecnologie
sull'Intesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4. Dalla Convenzione sulla diversità biologica al nuovo Trattato internazionale
sulle risorse fitogenetiche per l'alimentazione e l'agricoltura . . . . . . . . . . 12
5. La sovranità sulle risorse genetiche e il divieto di brevettabilità nel nuovo
Trattato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
6. (Segue): la ripartizione dei benefici e i diritti degli agricoltori . . . . . . . . . 20
7. Il Codice di condotta sulle biotecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
8. La Commissione del Codex Alimentarius e la Task Force intergovernativa ad hoc
sugli alimenti derivati dalle biotecnologie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 28
9. I Principi e le Linee guida adottati dalla Task Force . . . . . . . . . . . . . . 32
10. L'etichettatura dei cibi contenenti OGM . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
11. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39


VALENTINA DELLA FINA, Il regime giuridico dei movimenti transfrontalieri di organismi
viventi modificati

1. La Convenzione sulla diversità biologica e il Protocollo di Cartagena . . . . . 43
2. Il Protocollo di Cartagena e gli altri accordi internazionali . . . . . . . . . . . 49
3. La disciplina sulla biosicurezza e gli accordi sul commercio internazionale . . 52
4. (Segue): l'Accordo sugli ostacoli tecnici agli scambi . . . . . . . . . . . . . . . 58
5. Il Protocollo di Cartagena: finalità e ambito di applicazione . . . . . . . . . . 60
6. Gli 'organismi viventi modificati' secondo il Protocollo di Cartagena . . . . . 64
7. Il regime giuridico sulla biosicurezza e il principio di precauzione . . . . . . . 68
8. La procedura relativa al previo consenso informato . . . . . . . . . . . . . . . 73
9. Lo scambio di informazioni per la prevenzione dei rischi. . . . . . . . . . . . 76
10. La valutazione e la gestione dei rischi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
VI INDICE



11. L'obbligo di documentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
12. Considerazioni finali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86


SERGIO MARCHISIO, Riflessioni sull'attuazione in Italia della direttiva 98/44/CE

1. Gli obiettivi originari della direttiva sulla protezione giuridica delle invenzioni
biotecnologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
2. Le difficoltà emerse nel corso dei lavori preparatori ed i ritardi nella fase
d'attuazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
3. L'adeguamento tardivo dell'ordinamento italiano: la Legge n. 78 del 2006 . . 96
4. Le ambiguità della direttiva comunitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
5. La clausola sul rispetto dei trattati internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . 101
6. La brevettabilità del materiale biologico secondo la direttiva . . . . . . . . . 108
7. La portata più restrittiva della legislazione italiana . . . . . . . . . . . . . . . 111
8. Le soluzioni accolte nelle legislazioni francese, tedesca e svizzera . . . . . . . 115
9. Le esclusioni dalla brevettabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
10. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125


SANDRO MIDDEI, L'applicabilità delle eccezioni ambientali nel commercio internazio-
nale di prodotti geneticamente modificati

1. Le 'eccezioni ambientali' alla libertà di commercio internazionale . . . . . . 127
2. Il commercio internazionale dei prodotti transgenici . . . . . . . . . . . . . . 131
3. La valutazione del rischio per le biotecnologie avanzate . . . . . . . . . . . . 134
4. Le biotecnologie avanzate e la disciplina OMC . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
5. La prassi dei panels in materia di eccezioni ambientali fondate sui processi
produttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
6. L'ambito di applicazione delle eccezioni alla libertà di commercio fondate sui
non related PPMs . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
7. L'Accordo sulle misure sanitarie e fitosanitarie e gli organismi geneticamente
modificati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
8. L'Accordo sugli ostacoli tecnici agli scambi e l'etichettatura degli OGM . . . 155
9. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162


ILJA RICHARD PAVONE, Aspetti giuridico-internazionali dell'ingegneria genetica

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
2. I primi atti internazionali adottati in materia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 170
3. Principi e regole degli aspetti predittivi: test genetici e discriminazioni . . . . 174
3.1. La Convenzione sulla biomedicina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
INDICE VII



3.2. Il Protocollo addizionale alla Convenzione sulla biomedicina relativo ai
test genetici a fini medici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
3.3. La Dichiarazione dell'UNESCO sui dati genetici . . . . . . . . . . . . . 182
4. Norme sugli aspetti terapeutici: la terapia genica . . . . . . . . . . . . . . . . 184
5. Principi e regole degli aspetti manipolativi: la clonazione umana . . . . . . . 185
5.1. Il Protocollo addizionale alla Convenzione sulla biomedicina relativo alla
proibizione della clonazione di esseri umani . . . . . . . . . . . . . . . . 187
5.2. La Dichiarazione delle Nazioni Unite sulla clonazione umana . . . . . . 188
5.3. L'Unione europea e la clonazione umana . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
5.4. Clonazione riproduttiva umana e diritto internazionale consuetudinario. 196
5.5. Quali opzioni per una governance futura della clonazione umana' . . . 197
6. Aspetti commerciali: il corpo umano tra non-commerciabilità e brevettabilità. 199
7. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202


FABIO RASPADORI, La direttiva 2001/18/CE sugli organismi geneticamente modificati

1. Le prime regolamentazioni dell'ingegneria genetica: Unione europea e Stati
Uniti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
2. Gli atti comunitari nel settore dell'ingegneria genetica . . . . . . . . . . . . . 209
3. La base giuridica della direttiva 2001/18/CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
4. La direttiva 2001/18/CE: struttura e obblighi generali . . . . . . . . . . . . . . 217
5. La tracciabilità e l'etichettatura di organismi geneticamente modificati . . . . 220
6. Il principio di precauzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
7. La valutazione del rischio ambientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
8. Le procedure di autorizzazione: l'emissione deliberata e l'immissione in com-
mercio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 231
9. La gestione degli impieghi autorizzati all'immissione in commercio . . . . . . 234
10. La clausola di salvaguardia e la procedura di comitato . . . . . . . . . . . . . 236
11. Il regime della coesistenza negli ordinamenti nazionali . . . . . . . . . . . . . 241
12. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 244


GIULIANO SALBERINI, La Convenzione di Monaco sul brevetto europeo

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
2. Il brevetto internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
3. Il brevetto europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
4. L'Organizzazione europea dei brevetti: la concessione del brevetto europeo . 256
5. Il brevetto comunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
6. La brevettabilità delle invenzioni biotecnologiche nel diritto comunitario . . . 263
7. Cenni sulla disciplina dei brevetti in Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
8. La disciplina sostanziale del brevetto europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . 267
9. Le invenzioni brevettabili: il confine tra scoperta ed invenzione . . . . . . . . 269
VIII INDICE



10. Il regime delle eccezioni alla brevettabilità e le invenzioni biotecnologiche: le
condizioni di liceità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
11. Il divieto di brevettare razze vegetali ed animali . . . . . . . . . . . . . . . . 279
12. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 283


MARIANGELA MIELE, Valutazione dei benefici e dei rischi legati all'utilizzo di microrga-
nismi geneticamente modificati ed organismi geneticamente modificati

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
2. Gli organismi geneticamente modificati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
2.1. Le piante transgeniche e la loro produzione . . . . . . . . . . . . . . . . 287
2.2. Le piante transgeniche in commercio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 290
3. La valutazione del rischio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 293
4. I rischi e i benefici delle piante transgeniche . . . . . . . . . . . . . . . . . . 297

Glossario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 301
Siti internet rilevanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 307

COMMENTI DEI LETTORI A «Discipline giuridiche dell'ingegneria genetica»

Non ci sono commenti per questo volume.