Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale'

Ingrandisci immagine


Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale

(Univ.Catania-Fac. giurisprudenza. NS)


di

Sicurella Rosaria

 

Disponibile in 5/6 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale»

Tipo Libro
Titolo Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143052
Pagine VII-490
Data luglio 2009
Collana Univ.Catania-Fac. giurisprudenza. NS

INDICE DI «Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


CAPITOLO II
IL PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA NELLO STATUTO
DELLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE.
LE OPZIONI DI FONDO

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
2. I criteri di imputazione soggettiva. La regola generale dell'art. 30 StCPI:
il criterio dell'intent and knowledge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
3. Segue: La consapevolezza delle conseguenze che ''will occur in the ordi-
nary course of the events''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
4. Segue: Le circostanze quale oggetto della conoscenza (knowledge) dell'a-
gente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
5. Segue: La clausola di riserva ''unless otherwise provided'': utile declina-
zione dell'elemento soggettivo del crimine o cavallo di Troia'. . . . . . . . . 196
6. La disciplina dell'errore. L'errore di fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205
7. Segue: L'errore di diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
8. Segue: L'errore sulla illiceita dell'ordine del superiore . . . . . . . . . . . . . .
` 223
9. Le altre cause di esclusione della colpevolezza. L'esclusione della capa-
cita di intendere e di volere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 231
10. Segue: La duress . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
11. Pene applicabili e criteri di commisurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248


Parte Seconda
'PROVE DI TENUTA' DEL PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA
`
NELLA DECLINAZIONE DELLA RESPONSABILITA PERSONALE
NEL SISTEMA DELLO STATUTO DI ROMA


CAPITOLO III
LA CLAUSOLA ''OTHERWISE PROVIDED''
E GLI SPECIFICI CRITERI DI IMPUTAZIONE SOGGETTIVA
DEI CRIMINI INTERNAZIONALI

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
2. Gli ''intentional crimes'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
2.1. ''With the intent'': dolus specialis, specific intent, dolo specifico . . . 267
2.2. ''Intentionally'', ''intentional'': dolo intenzionale, dolo diretto. . . . . 275
3. La ''knowledge'': conoscenza e rappresentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 277
4. I ''wilful crimes'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 280
5. I ''wanton crimes'' e l'avverbio ''treacherously'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 286


CAPITOLO IV
PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA E CONCORSO DI PERSONE

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
INDICE VII


2. Principio di colpevolezza e concorso di persone nello Statuto di Roma.
Profili generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 289
3. Elemento soggettivo e singole condotte di partecipazione . . . . . . . . . . . . 300
4. Segue: Il contributo alla realizzazione del crimine ''by a group of persons
acting with a common purpose'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 309
4.1. La dichiarazione di criminosita del gruppo o organizzazione e l'ap-
`
partenenza al gruppo criminale nello Statuto del Tribunale Mili-
tare Internazionale di Norimberga e nella CCL n. 10 . . . . . . . . . . 314
4.2. La costruzione giurisprudenziale della ''joint criminal enterprise'' . . 321
5. La disciplina dell'art. 25 § 3 (d) StCPI. Profili critici . . . . . . . . . . . . . . . 335


CAPITOLO V
PRINCIPIO DI COLPEVOLEZZA
`
E RESPONSABILITA DA COMANDO

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 347
2. La definizione della responsabilita da comando nella giurisprudenza dei
`
Tribunali ad hoc, tra responsabilita ''for crimes committed by others'' e
`
responsabilita ''for failure to act''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 352
3. L'inquadramento teorico della responsabilita da comando: reato com-
`
missivo mediante omissione o reato omissivo proprio' . . . . . . . . . . . . . . 362
4. I contenuti soggettivi della responsabilita da comando . . . . . . . . . . . . . .
` 379
5. Segue: ''Actual knowledge'', ''constructive knowledge'' e presunzioni di
conoscenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
6. La responsabilita colposa dei comandanti, ovvero il confine ultimo di
`
una responsabilita ''otherwise provided'' pienamente colpevole . . . . . . . .
` 397
7. La responsabilita dei superiori non militari: il criterio del ''conscious di-
`
sregard'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411


CAPITOLO VI
IL PERENNE CONFLITTO TRA EFFICIENZA E GARANZIA:
IL CASO EMBLEMATICO DELLA DISCIPLINA
DELL'ERRORE SUL PRECETTO

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
2. La disciplina dell'errore sul precetto: specificita del diritto penale inter-
`
nazionale e costanti garantistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 421
3. Segue: Quali margini di rilevanza della coscienza dell'illiceita nello Sta- `
tuto di Roma' Errore sul precetto ed errore sulla illiceita dell'ordine del `
superiore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
4. Segue: Proposte e limiti di una lettura correttiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . 441
5. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 446

Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453

Giurisprudenza internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487

COMMENTI DEI LETTORI A «Per una teoria della colpevolezza nel sistema dello statuto della Corte Penale Internazionale»

Non ci sono commenti per questo volume.

ALTRI LIBRI DI «Sicurella Rosaria»