Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Diritto commerciale europeo'

Ingrandisci immagine


Diritto commerciale europeo


di

Santa Maria Alberto

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Diritto commerciale europeo»

Tipo Libro
Titolo Diritto commerciale europeo
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814143014
Pagine XVII-738
Data 2008

INDICE DI «Diritto commerciale europeo»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE-SOMMARIO


Prefazione alla Terza Edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XI
Prefazione alla Seconda Edizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XV




INTRODUZIONE

1. Considerazioni preliminari in merito all'origine internazionale dell'U-
nione Europea ed al rapporto fra diritto comunitario e diritti nazionali . . 1
2. Il diritto materiale comunitario. Le ragioni del titolo: ''Diritto commer-
ciale europeo'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7


CAPITOLO I
DIRITTO DI STABILIMENTO
E LIBERA PRESTAZIONE DEI SERVIZI DELLE SOCIETA `
Il reciproco riconoscimento delle societa beneficiarie
`

1. Considerazioni introduttive: il Trattato di Roma ed il diritto internazio-
nale privato delle societa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 13
2. La Convenzione di Bruxelles del 29 febbraio 1968 sul reciproco ricono-
scimento delle societa e persone giuridiche nella CEE . . . . . . . . . . . . . .
` 23
3. Considerazioni generali sul ''riconoscimento'' delle societa estere. Note `
storiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
4. La duplice accezione dell'espressione ''riconoscimento'' di una societa . . ` 42
5. Il valore delle clausole contenute nei trattati di stabilimento e in quelli
di amicizia, commercio e navigazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
6. Il trattamento delle societa straniere nella Comunita: l'art. 12 e gli artt.
` `
43 e s., 49 e s. e 56 e s. CE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
7. Il principio della diretta applicabilita delle norme del Trattato sullo sta-
`
bilimento ed i servizi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
8. La nozione di liberta di stabilimento delle societa nell'Unione Europea . .
` ` 64
9. L'oggetto del diritto di stabilimento delle societa . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 68
10. Il diritto internazionale privato della societa e le norme sullo stabili-
`
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
VI INDICE-SOMMARIO




11. Rilievi critici sulla sentenza nel caso Daily Mail . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
12. La giurisprudenza sulle fusioni transfrontaliere e suo impatto sul trasferi-
mento della sede sociale nell'Unione Europea. La direttiva 2005/56 . . . . 86
13. L'applicazione dei principi sopra enunciati in taluni casi pratici . . . . . . . 95
14. Il trattamento ''nazionale'': portata e limiti nella giurisprudenza comuni-
taria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
15. L'incidenza degli artt. 43 s. CE: a) in generale, sulla disciplina italiana di
diritto internazionale privato sulle societa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 105
16. Segue: b) sulle norme di applicazione necessaria della legge italiana nell'i-
potesi di succursali in Italia di societa costituite all'estero, nella Comu-
`
nita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 112
17. Segue: c) sull'applicazione a societa straniere, ''comunitarie'', del d.lgs.
`
231/2001 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
18. Segue: d) sulle norme imperative della legge italiana relative ai gruppi
multinazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 128
19. Segue: e) in relazione alla disciplina delle societa con azioni quotate . . . .
` 141
20. I criteri di giurisdizione relativi alle societa nel Regolamento sulla com-
`
petenza giurisdizionale e sul riconoscimento delle sentenze straniere . . . . 147
21. Il regolamento CE n. 1346/2000 in materia di insolvenza. . . . . . . . . . . . 154


CAPITOLO II
`
L'ARMONIZZAZIONE DEL DIRITTO DELLE SOCIETA
NEL DIRITTO COMUNITARIO

1. Diritto internazionale privato e uniformita: due tecniche a confronto . . .
` 163
2. Considerazioni generali in merito all'armonizzazione del diritto delle so-
cieta nell'Unione Europea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 170
3. La base giuridica delle direttive in materia di societa . . . . . . . . . . . . . . .
` 178
4. Il valore delle direttive di armonizzazione: il tema della diretta applicabi-
lita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 182
5. Le direttive in materia di societa nella dinamica comunitaria: spunti in-
`
terpretativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
6. L'opera di codificazione della materia attualmente in corso da parte
della Commissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
7. Le direttive che incidono sulla disciplina generale del diritto delle so-
cieta degli Stati membri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 210
8. Le fusioni di societa soggette a leggi di differenti Stati membri . . . . . . .
` 222
9. Il progetto di direttiva sui gruppi di imprese e la settima direttiva sul bi-
lancio consolidato di gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 228
10. L'undicesima direttiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
11. Lo statuto della societa per azioni europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 236
12. Il regolamento sul Gruppo europeo di interesse economico (GEIE) . . . . 242
INDICE-SOMMARIO VII




CAPITOLO III
LA LIBERA CIRCOLAZIONE DEI CAPITALI
NELL'ECONOMIA APERTA
L'''eurosistema'' monetario

1. L'evoluzione delle relazioni economico-finanziarie nel nuovo assetto del
mondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
2. L'euro e la libera circolazione dei capitali e dei pagamenti . . . . . . . . . . . 257
3. La complessa disciplina dei capitali e dei pagamenti contenuta nel Trat-
tato di Roma, nella sua formulazione originaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
4. Il conflitto fra processo di integrazione economica e politica economico-
monetaria degli Stati membri: il Rapporto Werner e la risoluzione del 22
marzo 1971 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 270
5. Dal ''serpente monetario europeo'' al Sistema Monetario Europeo,
''SME''. Il rilancio dell'integrazione finanziaria: le successive comunica-
zioni della Commissione al Consiglio sino al Rapporto (Delors) sull'U-
nione economica e monetaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
6. L'Unione economica e monetaria ed il Trattato di Maastricht. . . . . . . . . 278
7. Le criticita del sistema ''rigido'' europeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 289
8. Note critiche sul doppio regime: gravi effetti distorsivi nell'intero eurosi-
stema. Il caso del Regno Unito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
9. Gli effetti dell'euro sui contratti di durata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296
10. I soggetti privati di fronte alla realizzazione della completa liberalizza-
zione dei movimenti di capitali e dei pagamenti nell'Unione Europea . . . 305
11. Liberta fondamentali ed esercizio dei ''poteri speciali'': i termini del pro-
`
blema . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310
12. Le basi giuridiche del contrasto fra Commissione e Stati membri in rela-
zione alla c.d. ''golden share'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 311
13. Segue: i limiti consentiti all'intervento degli Stati nazionali e dei loro enti
pubblici nella materia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 318
14. La saga degli interventi della Commissione sulla disciplina italiana dei
poteri speciali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 321
15. L'esercizio ''proporzionale'' del controllo in una recente giurisprudenza
della Corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324


CAPITOLO IV
IL RUOLO DELL'UNIONE EUROPEA
NELL'ORGANIZZAZIONE DELL'ECONOMIA
INTERNAZIONALE

1. Considerazioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 333
2. La cooperazione economica internazionale: dal GATT 1947 alla WTO . . 345
3. Rapporti della WTO con altre organizzazioni internazionali a carattere
economico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
VIII INDICE-SOMMARIO




3.1. a) con le Nazioni Unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
3.2. Segue: b) con il Fondo Monetario Internazionale: il c.d. ''monetary
dumping'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 353
3.3. Segue: c) con il G7 Finanziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
3.4. Segue: d) con l'International Labour Organization (''ILO''). . . . . . . 362
3.5. L'Unione Europea e il ''social dumping'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
4. Il processo di globalizzazione: l'ampliarsi della forbice fra paesi industria-
lizzati e paesi in via di sviluppo (PVS). Le difficolta del Doha Round . . . . .
` 371
5. Il sistema DSB (Dispute Settlement Body) di risoluzione delle controversie
internazionali nell'ambito della WTO in rapporto al precedente sistema . . . 374
6. Le innovazioni istituzionali e procedurali introdotte con l'Atto Finale
dell'Uruguay Round . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
7. I principi giuridici affermatisi attraverso la prassi giurisprudenziale DSB/
WTO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 379
8. La tutela degli interessi privati nel sistema della WTO . . . . . . . . . . . . . 384
9. Il ruolo del soggetto privato, impresa interessata o associazione, come
amicus curiae e la tutela processuale contenuta negli accordi allegati . . . . 390
10. La WTO e l'Unione Europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 394
11. Le debolezze ''esterne'' della Commissione europea e la Cina. . . . . . . . . 396
12. Gli strumenti di difesa del commercio: a) le misure di salvaguardia in
generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
13. Segue: le misure di salvaguardia nei riguardi della Repubblica popolare
di Cina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 409
14. Segue: b) ''Dumping'' e ''sovvenzioni'' come strumento di distorsione del
commercio internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
15. La nuova disciplina internazionale del dumping e delle sovvenzioni e l'at-
tuazione nell'UE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 413
16. La natura giuridica del dumping: i requisiti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 416
17. L'elusione dei dazi anti-dumping: il problema delle c.d. fabbriche cacciavite. 420
18. L'''interesse della Comunita'' come elemento estraneo alla fattispecie.
`
Considerazioni critiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 425
19. L'attuazione della disciplina convenzionale sul dumping e sulle sovven-
zioni: negli Stati Uniti d'America . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 439
20. Segue: nell'ordinamento cinese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 442
21. Dumping e concorrenza nell'UE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447


CAPITOLO V
LE IMPRESE MULTINAZIONALI
DI FRONTE ALLA GLOBALIZZAZIONE

1. Premessa metodologica. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 453
2. Un chiarimento definitorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
INDICE-SOMMARIO IX




3. Imprese multinazionali e diritto internazionale in ''a changing world'' . . . 461
4. Le imprese multinazionali e l'Unione Europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
5. Elementi caratterizzanti il fenomeno in generale: l'ampia ''facolta di `
scelta'' e le conseguenti distorsioni di base della concorrenza . . . . . . . . . 480
6. I vantaggi legalmente acquisiti dalle imprese multinazionali in alcune
esemplificazioni della prassi quotidiana . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487
7. La delocalizzazione della produzione come effetto della globalizzazione. . 487
8. L'incidenza della globalizzazione sui mercati finanziari. . . . . . . . . . . . . . 491
9. I comportamenti illegittimi delle imprese multinazionali. . . . . . . . . . . . . 496
10. Le aree a rischio: il problema del valore ''normale'' dei ''transfer prices''
e delle ''royalties'' nei rapporti infragruppo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 497
11. La cooperazione internazionale contro la corruzione, l'inquinamento, il ri-
ciclaggio, i reati finanziari ed il finanziamento internazionale del terrorismo 501
12. Segue: la funzione delle banche nel controllo delle operazioni a rischio . . 506
13. Segue: la cooperazione internazionale sulla vigilanza di gruppi bancari e
il Concordato di Basilea: i diversi livelli di controllo . . . . . . . . . . . . . . . 508
14. Le regole sulla vigilanza consolidata delle operazioni bancarie nei rap-
porti fra ordinamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 514
15. Segue: dalle regole di Basilea II alla disciplina attuale nell'Unione Europea 518
16. L'indagine su attivita ''sospette'' nel contesto appena indicato . . . . . . . .
` 520
17. La nozione universale di ''SAR'' (''obbligo di segnalazione di un'attivita `
sospetta'') . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
18. La prevalenza degli obblighi informativi relativi a Suspicious Activities su
ogni altra disposizione legislativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528
19. I c.d. ''codici di condotta'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 533
20. L'impegno ''sociale'' e le imprese multinazionali. Conseguenze nei rap-
porti con lo Stato di origine e con gli Stati terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 536
21. L'attivita delle imprese multinazionali in una prospettiva regionale. Li-
`
miti di efficacia di una disciplina comunitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539
22. L'Unione Europea e la ''Responsabilita Sociale delle Imprese'' . . . . . . . .
` 544
23. L'azione comunitaria a favore delle piccole e medie imprese . . . . . . . . . 549
24. Limiti legali all'attivita delle imprese multinazionali non comunitarie nel-
`
l'Unione Europea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 555
25. L'applicazione delle regole di concorrenza alle imprese non comunitarie . 559
26. La disciplina del dumping e delle sovvenzioni nei confronti delle imprese
multinazionali non comunitarie (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561


CAPITOLO VI
LA DISCIPLINA DELLA CONCORRENZA
FRA TEORIA GENERALE E ATTUAZIONI CONCRETE

1. Le peculiarita delle regole di concorrenza in generale . . . . . . . . . . . . . .
` 563
X INDICE-SOMMARIO




2. La tutela degli interessi nel diritto europeo della concorrenza. . . . . . . . . 568
3. La disciplina della concorrenza come parte essenziale della realizzazione
comunitaria. La base normativa delle regole europee. Limiti della pre-
sente indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 571
4. Segue: suoi obiettivi e finalita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 576
5. Il mercato ''rilevante'' e l'importanza dell'analisi economica . . . . . . . . . . 582
6. Il ruolo della Commissione nel sistema comunitario della concorrenza. . . 589
7. Segue: i profili di cumulo di funzioni da parte della Commissione nel
procedimento amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 596
8. L'immediata e diretta applicabilita della decisione della Commissione . . .
` 599
9. Impresa pubblica e concorrenza: la trasparenza delle relazioni finanziarie
tra gli Stati membri e le imprese pubbliche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 601
10. Rilievi critici sull'applicazione estensiva fatta dalla Commissione dell'art.
87 CE con particolare riguardo al regime di aiuti . . . . . . . . . . . . . . . . . 606
11. Segue: L'aiuto per atto legislativo nell'ordinamento statunitense. Nuove
ipotesi di soluzione nel diritto comunitario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 617
12. Segue: Ordine di recupero e diritti di difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 622
13. Il sindacato delle Corti comunitarie sulle decisioni della Commissione. . . 627
14. Ambito di applicazione delle disposizioni comunitarie sulla concorrenza . 631
15. L'efficacia diretta delle regole europee sulla concorrenza e la compe-
tenza ad applicarle delle autorita degli Stati membri . . . . . . . . . . . . . . .
` 645
16. Segue: rapporti fra regole comunitarie e regole nazionali . . . . . . . . . . . . 658
17. Segue: L'applicazione del principio di sussidiarieta con riguardo allo
`
''sportello unico'' e l'esame multistati delle concentrazioni . . . . . . . . . . . 664
18. Il risarcimento del danno per violazione delle norme antitrust . . . . . . . . 670
18.1. Le azioni di risarcimento promosse dall'impresa concorrente . . . . . 672
18.2. L'azione risarcitoria a tutela del consumatore . . . . . . . . . . . . . . . . 677
18.3. La nuova azione collettiva risarcitoria: la c.d. class action italiana . . 684
18.4. Segue: la competenza giurisdizionale del giudice italiano in rela-
zione all'azione collettiva risarcitoria ed il diritto comunitario . . . . 698
18.5. La determinazione del danno antitrust. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 704


Indice degli atti vincolanti delle istituzioni comunitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . 709

Indice delle sentenze delle corti comunitarie e delle conclusioni degli Avvocati
generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 719

Indice degli autori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 731

COMMENTI DEI LETTORI A «Diritto commerciale europeo»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Diritto commerciale europeo»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Diritto commerciale europeo»