Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo'

Ingrandisci immagine


Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo

(Raccol. stu. Parlam. ricor. LX ann. cost)


di

Dickmann Renzo

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo»

Tipo Libro
Titolo Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo
Autore
A cura di Staiano S.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814141645
Pagine XIX-638
Data 2008
Collana Raccol. stu. Parlam. ricor. LX ann. cost

INDICE DI «Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Notizie sugli Autori ed i Curatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIII
Premessa, di SANDRO STAIANO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XV




INTRODUZIONE

CAPITOLO I
LE RAGIONI DI UNO STUDIO
SULLE FUNZIONI PARLAMENTARI NON LEGISLATIVE
Renzo Dickmann

1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. Il confronto tra maggioranza ed opposizioni nelle sedi previste dalla Co-
stituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
3. Le forme della dialettica tra maggioranza ed opposizioni nelle sedi previ-
ste dai regolamenti parlamentari e dalla legge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
4. Il rapporto tra Parlamento e Governo nella dimensione comunitaria e in-
ternazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
5. Quali conclusioni e quali prospettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16



PARTE PRIMA
PARLAMENTO E FORMA DI GOVERNO:
IL CONFRONTO TRA MAGGIORANZA ED OPPOSIZIONI
NELLE SEDI PREVISTE DALLA COSTITUZIONE

CAPITOLO II
L'ADOZIONE E LA MODIFICA
DEI REGOLAMENTI PARLAMENTARI
Roberto Cerreto

1. La natura dei regolamenti parlamentari e la ratio dell'articolo 64, primo
comma, della Costituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 25
2. L'interpretazione del quorum costituzionale nella prassi del Parlamento
repubblicano . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
VI Indice

3. La procedura di revisione regolamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3.2. L'evoluzione della procedura di revisione alla Camera dei deputati:
il periodo 1948-1971 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
3.3. La procedura di revisione nel nuovo regolamento del 1971 . . . . . . 47
3.4. L'ostruzionismo regolamentare e la nascita della ''procedura dei
principi'' nel 1981 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
3.5. La rottura della ''maggioranza regolamentare'' sulla limitazione del
voto segreto e la riforma dell'art. 16 RC . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
4. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61


CAPITOLO III
INSTAURAZIONE E VERIFICA
DEL RAPPORTO DI FIDUCIA TRA CAMERE E GOVERNO
Giuseppe Renna
1. Introduzione. Cenni sulla nozione di fiducia e sui principi essenziali del
rapporto fiduciario come delineato dall'articolo 94 della Costituzione ... 65
2. I procedimenti fiduciari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 72
3. Instaurazione del rapporto di fiducia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 75
4. La mozione di fiducia. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 86
5. La verifica del rapporto fiduciario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 94
6. La mozione di sfiducia al governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 97
7. La mozione di sfiducia al singolo ministro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 109
8. La questione di fiducia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ... 121


CAPITOLO IV
PARAMETRI NORMATIVI E DIALETTICA PARLAMENTARE
`
NELLE DECISIONI IN MATERIA D'IMMUNITA
Marco Cerase
1. Un pro memoria diacronico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
2. Il campo si allarga . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
3. Le deliberazioni in materia d'insindacabilita ` . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
4. Le autorizzazioni agli arresti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5. Equivoci in tema d'intercettazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
5.1. Le intercettazioni cd. indirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
5.2. Le fughe di notizie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
6. Il problema dei tabulati telefonici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155


CAPITOLO V
LA VERIFICA DEI POTERI NELLA DIALETTICA POLITICA
TRA MAGGIORANZA E OPPOSIZIONE
Alberto Mencarelli
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
Indice VII



2. Il condizionamento del sistema elettorale sul funzionamento della verifi-
ca dei poteri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
3. L'irriducibile contrasto tra dimensione politica del contenzioso elettorale
e tutela dei diritti individuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4. Doverosita costituzionale dei procedimenti di verifica dei poteri e stru-
`
menti della dialettica politica tra maggioranza e opposizione: una difficile
convivenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178


CAPITOLO VI
L'INCHIESTA PARLAMENTARE:
ESERCIZIO DEI POTERI ED ORGANIZZAZIONE
Francesco Comparone

1. Premessa metodologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
2. Esercizio dei poteri e modalita di svolgimento dell'inchiesta . . . . . . . . . .
` 186
2.1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
2.2. Durata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
2.3. Titolarita del potere d'inchiesta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 192
2.4. Poteri: mezzi di prova e mezzi di ricerca della prova . . . . . . . . . . . 195
2.5. Limitazioni: il segreto, il principio di leale collaborazione, il diritto
alla difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
2.6. Le novita introdotte nella XV legislatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 204
3. Profili organizzativi dell'inchiesta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
3.1. Il regolamento interno della commissione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
3.2. Comitati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
3.3. Pubblicita delle sedute . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 210
3.4. Atti e documenti formati o acquisiti dalla commissione . . . . . . . . . 211
3.5. Relazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
3.6. Sede, segreteria e dotazione finanziaria della commissione . . . . . . . 218
4. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 221



PARTE SECONDA
LE FORME DELLA DIALETTICA TRA MAGGIORANZA
ED OPPOSIZIONE NELLE SEDI PREVISTE
DAI REGOLAMENTI PARLAMENTARI E DALLA LEGGE


CAPITOLO VII
IL GOVERNO NELLA PROGRAMMAZIONE
DEI LAVORI PARLAMENTARI
Maria Pia Carla Tripaldi

1. La programmazione dei lavori parlamentari come procedura ''necessa-
ria'', funzionale all'adozione di qualunque deliberazione parlamentare:
gli strumenti della programmazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
VIII Indice

2. Il Governo nella programmazione dei lavori: da ''convitato di pietra'' a
soggetto partecipante di diritto alle riunioni della Conferenza dei presi-
denti di gruppo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 233
3. (Segue). I poteri del Governo in sede di definizione del programma e
del calendario dei lavori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
4. I limiti dei poteri del Governo nella programmazione dei lavori tuttora
persistenti nel regolamento della Camera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
5. L'inserimento dei disegni di legge di conversione dei decreti-legge nel
calendario e la questione della loro non contingentabilita . . . . . . . . . . . .
` 249
6. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254

CAPITOLO VIII
GLI ATTI DI INDIRIZZO E DI SINDACATO ISPETTIVO
Marco Caputo - Alessandro Goracci - Giovanni Smurra
1. L'attivita di indirizzo e di ispezione delle Camere: profili introduttivi . . .
` 261
2. Le interrogazioni e le interpellanze nei regolamenti e nella prassi . . . . . . 263
3. Gli atti di indirizzo nella procedura parlamentare e nella prassi . . . . . . . 270
4. Fondamento costituzionale degli atti di indirizzo e di sindacato ispettivo . 280
5. Il giudizio di ammissibilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 284
5.1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 284
5.2. La circolare del 1996 sulla funzione ispettiva . . . . . . . . . . . . . . . . 290
6. Le conseguenze giuridiche del giudizio di ammissibilita e l'insindacabilita
` `
parlamentare: il caso di un'interrogazione inammissibile e insindacabile . . 298
7. Alcune considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 310

CAPITOLO IX
IL CONTROLLO PARLAMENTARE SUGLI ATTI NORMATIVI
DEL GOVERNO: SPUNTI RICOSTRUTTIVI
Cristiano Aliberti
1. Il ruolo preminente dell'Esecutivo e la crescita dei suoi poteri normativi . 313
2. Il parere parlamentare sugli atti normativi dell'Esecutivo . . . . . . . . . . . . 319
3. La natura del parere parlamentare: co-normazione o atto di controllo (e
indirizzo)' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 327
4. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334

CAPITOLO X
IL CONTROLLO PARLAMENTARE
SUGLI ATTI NON NORMATIVI DEL GOVERNO
E L'ESAME DI DOCUMENTI TRASMESSI AL PARLAMENTO
`
DAL GOVERNO E DA ALTRE AUTORITA:
PROFILI EVOLUTIVI
Domenico Siclari
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
Indice IX



2. Il controllo del Parlamento sulle nomine proposte dal Governo ai vertici
degli enti pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 342
3. L'esame di documenti trasmessi al Parlamento dal Governo e da altre
autorita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 351
4. In particolare, la funzione dell'esame parlamentare delle relazioni trasmesse
dalle autorita indipendenti nei casi di elaborazione da parte di queste di un
`
indirizzo politico di settore. Il caso dell'autorita di vigilanza bancaria . . . . .
` 358
5. Controllo della finanza pubblica e trasmissione al Parlamento di rela-
zioni ministeriali sull'utilizzo delle risorse finanziarie nella nuova proce-
dura di spending review . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 368
6. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372


CAPITOLO XI
IL CONTROLLO PARLAMENTARE
SUI SERVIZI DI INFORMAZIONE E SICUREZZA
E SUL SEGRETO DI STATO
Claudio Nardone

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 375
2. La disciplina legislativa del 1977 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 382
3. La prassi del controllo parlamentare nel trentennio 1978-2007 . . . . . . . . 387
3.1. Osservazioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
3.2. Composizione e continuita del Comitato parlamentare di controllo.
` 389
3.3. L'oggetto del controllo parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
3.4. Gli strumenti del controllo parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 395
4. La riforma del 2007 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
5. Le incognite della riforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410


CAPITOLO XII
IL CONTROLLO PARLAMENTARE SULLE FORZE ARMATE
NELL'ESPERIENZA DELLA XIV E DELLA XV LEGISLATURA
Claudio Antoniello

1. Le missioni internazionali. Le decisioni di politica militare . . . . . . . . . . . 417
1.1. Riflessioni sullo spunto di un caso esemplare . . . . . . . . . . . . . . . . 417
1.2. Decisione politica e controllo parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
2. Le regole di ingaggio adottate nelle missioni. Possibili forme di cono-
scenza e controllo da parte delle Camere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 424
3. L'informativa ex lege sulle missioni internazionali alle quali partecipa l'Italia 427
4. Il controllo parlamentare sugli armamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 429
4.1. L'impegno per la messa al bando delle bombe a grappolo . . . . . . . 429
4.2. Il parere parlamentare sui programmi di acquisizione di sistemi
d'arma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 432
4.3. Le comunicazioni del Governo sui sistemi d'arma . . . . . . . . . . . . . 436
X Indice

4.4. Tendenze e prospettive: dalla legge n. 185 del 1990 al mercato
unico della Difesa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 438
5. Il regime politico e giuridico della partecipazione delle Forze armate in
operazioni militari all'estero: alcune riflessioni conclusive . . . . . . . . . . . . 442



CAPITOLO XIII
LA VIGILANZA PARLAMENTARE
`
SULLA SOCIETA CONCESSIONARIA
DEL SERVIZIO PUBBLICO RADIOTELEVISIVO
Gabriele Malinconico

1. Peculiarita ed originalita della ''vigilanza'' parlamentare sui servizi radio-
` `
televisivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 447
2. L'evoluzione della normativa sulla ''Commissione RAI-TV'' . . . . . . . . . . 448
2.1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 448
2.2. La Corte costituzionale sulla tutela del pluralismo. Il ruolo del
Parlamento nelle scelte degli anni Settanta . . . . . . . . . . . . . . . . . . 451
2.3. Le emittenti private diventano ''nazionali'' e la Commissione si ri-
dimensiona . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 455
2.4. Gli anni Novanta e il Duemila: un nuovo ruolo per la Commis-
sione parlamentare' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
3. Alcune specificita rilevanti nelle funzioni e nell'attivita della Commis-
` `
sione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
3.1. La RAI come interlocutore della Commissione ''in luogo'' del Go-
verno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 462
3.2. Gli strumenti normativi ''regolatori'' della Commissione: in parti-
colare, l'indirizzo generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 471
3.3. I compiti ''amministrativi'' della Commissione . . . . . . . . . . . . . . . 479



CAPITOLO XIV
`
ATTI E ATTIVITA PARLAMENTARI
CON FUNZIONE CONOSCITIVA
Renzo Dickmann

1. Introduzione. Distinzione tra strumenti meramente conoscitivi e stru-
menti conoscitivi funzionali al dibattito politico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495
2. Atti di sindacato ispettivo (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 499
3. Audizioni, comunicazioni del Governo, indagini conoscitive . . . . . . . . . . 501
3.1. In generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501
3.2. Audizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 503
3.3. Comunicazioni del Governo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 506
3.4. Indagini conoscitive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 508
4. Inchieste parlamentari (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 511
Indice XI



5. Richiesta di elementi conoscitivi ad organi di rilevanza costituzionale e
ad enti pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 515
6. Conclusioni: un bilancio di sessanta anni di attivita conoscitive parla-`
mentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 518



PARTE TERZA
IL RAPPORTO TRA PARLAMENTO E GOVERNO
NELLA DIMENSIONE COMUNITARIA E INTERNAZIONALE


Sezione I
LA DIMENSIONE COMUNITARIA


CAPITOLO XV
IL PARLAMENTO NELLA FASE ASCENDENTE
DELLA FORMAZIONE DEL DIRITTO COMUNITARIO
Alfonso Vuolo

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
2. Gli albori della partecipazione del Parlamento alla fase ascendente . . . . . 531
3. La costituzione di organi parlamentari specializzati . . . . . . . . . . . . . . . . 536
4. Gli strumenti conoscitivi e ispettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 538
5. La legge n. 11 del 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 540
6. La riserva di esame parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 546
7. L'attivita di indirizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 549
8. La relazione annuale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 553
9. Gli influssi dell'ordinamento europeo sul circuito interno di formazione
dell'indirizzo politico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 554
10. Considerazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 559


CAPITOLO XVI
I RAPPORTI TRA PARLAMENTO E GOVERNO
NELL'ATTUAZIONE DELLE NORME COMUNITARIE
Bruno De Maria

1. Premessa e delimitazione del campo d'indagine. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 563
2. Pluralita dei modelli e vincoli costituzionali. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 568
3. Le previsioni delle leggi di sistema: dalla legge n. 86 del 1989 alla legge
n. 11 del 2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 576
4. La messa in opera del modello. La struttura legislativa dei rapporti tra
Parlamento e Governo nell'attuazione delle norme comunitarie . . . . . . . 583
5. Profili organizzativi dell'attivita parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 594
XII Indice

6. La natura e la struttura dei pareri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 597
7. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 606


Sezione II
DALLA DIMENSIONE COMUNITARIA
ALLA DIMENSIONE INTERNAZIONALE



CAPITOLO XVII
PARLAMENTO E GOVERNO
NELLA DIPLOMAZIA PARLAMENTARE
Renzo Dickmann

1. In generale. Delimitazione dell'ambito di utilizzo della locuzione ''diplo-
mazia parlamentare''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 611
2. Dagli incontri interparlamentari occasionali al consolidamento del mo-
dello dei gruppi di collaborazione parlamentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . 614
3. Gli osservatori parlamentari a vertici internazionali intergovernativi. . . . . 616
4. Le conferenze interparlamentari tematiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 618
5. Le dimensioni parlamentari stabilizzate di iniziative intergovernative . . . . 620
5.1. Le dimensioni parlamentari del Partenariato euromediterraneo. . . . 620
5.2. Il ''Dialogo 5+5'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 623
5.3. La dimensione parlamentare del Patto di stabilita per l'Europa `
sud-orientale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624
5.4. La cooperazione parlamentare nel quadro delle Iniziative quadrila-
terali ''Alta'' e ''Bassa'' e dell'Iniziativa centro europea (InCE) . . . . 625
5.5. La dimensione parlamentare dell'Iniziativa Adriatico-ionica (IAI) . . 626
5.6. Il Dialogo parlamentare euro-asiatico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 627
6. La partecipazione strutturata di parlamentari ad organismi europei ed
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 628
6.1. Le Convenzioni europee. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 628
6.2. La Conferenza degli organismi specializzati negli affari comunitari
ed europei dei parlamenti dell'Unione europea (COSAC) e le Con-
ferenze dei presidenti delle commissioni dei parlamenti europei . . . 629
6.3. L'Assemblea parlamentare del Consiglio d'Europa . . . . . . . . . . . . 631
6.4. L'Assemblea parlamentare della UEO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 632
6.5. L'Assemblea parlamentare della NATO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 633
6.6. L'Assemblea parlamentare dell'OSCE . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 634
6.7. L'Unione interparlamentare (UIP) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
7. In conclusione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 637

COMMENTI DEI LETTORI A «Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo»

ALTRI LIBRI DI «Dickmann Renzo»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Funzioni parlamentari non legislative e forma di governo»