Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Europa e linguaggi giuridici'

Ingrandisci immagine


Europa e linguaggi giuridici

(Le lingue del diritto)


di

Pozzo Barbara, Timoteo Marina


Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Europa e linguaggi giuridici»

Tipo Libro
Titolo Europa e linguaggi giuridici
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814141232
Pagine XXX-432
Data 2008
Collana Le lingue del diritto

INDICE DI «Europa e linguaggi giuridici»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE VII



INDICE




pag.
MARINA TIMOTEO, BARBARA POZZO
Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . V


MARINA TIMOTEO, BARBARA POZZO
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIII




LE LINGUE DELL'EUROPA

Paolo Lepore
NOTE MINIME SU ALCUNI CARATTERI
DELLA LINGUA DEL DIRITTO ROMANO

1. Osservazioni introduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2.1. L'eta arcaica: lo stato di sostanziale sovrapposizione tra il
`
sistema della religione e quello del diritto; il sacerdote
quale primo, esclusivo esperto e interprete del diritto a
Roma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
2.2. Il responsum: strumento di esternazione della volonta ponti- `
ficale; suoi caratteri principali: la dimensione casistica e la
forma orale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
2.3. L'oralita quale carattere precipuo e diffuso nello svolgi-
`
mento degli atti giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
3.1. Elementi connotanti la formulazione e la comunicazione
orale delle leges XII tabularum: la prosa ritmica, l'impiego
di formule mnemoniche, l'uso di formulazioni generalizzate
e astratte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
3.2. Il tradursi dell'idea di laicita introdotta dalla codificazione
`
decemvirale nel fenomeno di « laicizzazione » della giuri-
sprudenza: i momenti iniziali del processo di sottrazione
del ius ai penetralia pontificum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.3. L'impiego di formulazioni astratte e generalizzanti nelle le-
ges XII tabularum: espressione anticipatrice di una tendenza
venutasi a delineare solo a partire dal II secolo a.C. . . . . . . 20
4.1. L'affinarsi e lo specializzarsi del lessico giuridico . . . . . . . . 22
VIII INDICE



pag.
4.2. L'elaborazione di articolate forme stilistiche, anche in rap-
porto al diffondersi della forma scritta . . . . . . . . . . . . . . . 24

Annamaria Monti
TRA LATINO E VOLGARE:
IL LINGUAGGIO GIURIDICO
`
IN ETA MEDIOEVALE E MODERNA
1. Premessa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31
2. La lingua del diritto dei popoli barbari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39
3. La lingua dei notai, dei documenti e del processo . . . . . . . . . . . . 44
4. La lingua dell'Universita e del diritto comune. . . .
` . . . . . . . . . . . 51
5. La parola ai giuristi dotti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6. La lingua delle leggi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
6.1. I diritti particolari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
6.2. La legislazione principesca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
7. Riflessioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78

Angela Carpi
IL FRANCESE GIURIDICO
1. Ruolo del latino e sviluppo linguistico-giuridico delle origini . . . . 83
2. Dalle coutumes alla rivoluzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
3. Rivoluzione, fonti del diritto, evoluzione linguistica . . . . . . . . . . . 91
4. Origini e stile del linguaggio giuridico francese moderno . . . . . . . 99
5. La ''francofonia'': la circolazione del modello giuridico francese . . 116

Valentina Jacometti
IL LINGUAGGIO GIURIDICO TEDESCO
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
2. Dagli albori al XIII secolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
2.1. Le origini del linguaggio giuridico tedesco tra oralita e `
scrittura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
2.1.1. Il ruolo del latino: le compilazioni romano-barbari-
che e i documenti scritti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
2.1.2. Il linguaggio giuridico tedesco medioevale: la co-
municazione giuridica orale . . . . . . . . . . . . . . . . . 129
2.1.3. I primi documenti in lingua volgare . . . . . . . . . . . 132
3. Dal XIII secolo alla Recezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
3.1. L'affermazione del tedesco anche come lingua scritta . . . . . 134
3.1.1. Il passaggio dal latino al tedesco nei documenti
scritti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
INDICE IX



pag.
3.1.2. I Rechtsbucher . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
¨ 137
4. Dalla Recezione del diritto romano alla fine del XVIII secolo. . . . 139
4.1. La recezione e la riaffermazione del latino nel linguaggio
giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
4.1.1. L'ampliamento della letteratura giuridica . . . . . . . . 143
4.1.2. L'influenza del latino sul linguaggio giuridico tede-
sco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144
4.2. L'evoluzione del linguaggio giuridico nei secoli XVII e
XVIII . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
4.2.1. Il linguaggio giuridico del XVII secolo tra patriotti-
smo linguistico e influenze barocche . . . . . . . . . . . 147
4.2.2. L'illuminismo e la scuola del diritto naturale: l'af-
fermazione del tedesco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 149
5. Le grandi codificazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
5.1. I codici giusnaturalistici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 151
5.1.1. Il Codex Maximilianeus Bavaricus Civilis. . . . . . . . 152
5.1.2. L'Allgemeines Landrecht prussiano . . . . . . . . . . . . 153
5.1.3. L'Allgemeines Burgerliches Gesetzbuch austriaco . .
¨ 154
5.2. L'evoluzione del linguaggio giuridico nel XIX secolo . . . . . 155
5.3. Il BGB. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 158
5.3.1. Dalla Scuola storica alla Pandettistica . . . . . . . . . . 158
5.3.2. Il BGB, la sua lingua e il suo stile. . . . . . . . . . . . . 159
5.3.3. La circolazione del modello tedesco . . . . . . . . . . . 163
6. Il linguaggio giuridico tedesco moderno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 164
6.1. L'evoluzione del tedesco giuridico nel XX secolo . . . . . . . . 164
6.2. Le caratteristiche del linguaggio giuridico tedesco contem-
poraneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
7. Altre esperienze di lingua tedesca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
7.1. L'esperienza svizzera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
7.2. L'esperienza austriaca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 174
7.3. L'Alto Adige . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
Riferimenti bibliografici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179


Raffaele Caterina, Piercarlo Rossi
L'ITALIANO GIURIDICO

1. L'italiano giuridico: questioni preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
2. La stratificazione dei modelli nel linguaggio giuridico contempo-
raneo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
3. L'italiano giuridico contemporaneo: linguaggio degli operatori del
diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
X INDICE



Letizia Casertano
IL LINGUAGGIO GIURIDICO RUSSO
pag.
1. La lingua come specchio di identita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 209
2. Il nuovo Stato e le sue basi giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
3. Lo studio e l'analisi del linguaggio giuridico russo. . . . . . . . . . . . 225
3.1. La polisemia delle parole nel linguaggio giuridico. . . . . . . . 228
3.2. L'uso dei sinonimi nel linguaggio giuridico russo . . . . . . . . 233
3.3. L'uso di arcaismi, etnografismi e dialettismi nel linguaggio
giuridico russo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
3.4. L'uso delle parole di origine straniera: i prestiti linguistici . . 242
4. La circolazione di modelli giuridici stranieri in Russia . . . . . . . . . 247
5. La progressiva definizione della nozione di proprieta nelle prime `
Costituzioni socialiste come paradigma dell'evoluzione del lin-
guaggio giuridico russo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257

Silvia Ferreri
IL LINGUAGGIO GIURIDICO INGLESE
1. Le premesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
2. Il ruolo delle corti regie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 260
3. L'esperienza scozzese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
4. La regola di stare decisis (il precedente giudiziale vincolante) . . . . 269
5. Il ruolo della corporazione degli avvocati e dei giudici. . . . . . . . . 270
6. Le colonie del Nord America . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 275
7. Aggiornamento del linguaggio giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 278
8. Il linguaggio del legislatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 282
9. Molteplicita di linguaggi giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` . . . 286
10. Il linguaggio dei contratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 288
11. Il linguaggio della letteratura giuridica. La dottrina . . . . . . . . . . . 292
12. I falsi amici. Termini assonanti e categorie giuridiche sfalsate . . . . 294


IL CONTESTO COMUNITARIO
E IL LEGISLATORE MULTILINGUE
Angelo Venchiarutti
IL MULTILINGUISMO COME VALORE EUROPEO
1. I rapporti tra lingua e diritto nell'Unione Europea . . . . . . . . . . . 303
2. Il multilinguismo nelle istituzioni comunitarie . . . . . . . . . . . . . . . 309
3. I servizi linguistici dell'Unione Europea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 317
4. Multilinguismo e sviluppo del mercato unico . . . . . . . . . . . . . . . 323
5. La tutela delle lingue minoritarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 334
INDICE XI



pag.
6. Tutela e promozione delle diversita linguistiche nell'Unione Euro-
`
pea. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 346
7. Considerazioni sulla rilevanza del multilinguismo . . . . . . . . . . . . 352

Piercarlo Rossi
L'IMPATTO DEL MULTILINGUISMO
SULL'ARMONIZZAZIONE DEL DIRITTO PRIVATO EUROPEO

1. L'armonizzazione del diritto privato nel contesto multilingue eu-
ropeo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 361
2. Multilinguismo giuridico e assetto istituzionale . . . . . . . . . . . . . . 365
3. Multilinguismo e politica linguistica del legislatore comunitario . . 370
4. Multilinguismo e interpretazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376

Barbara Pozzo
L'INTERPRETAZIONE DELLA CORTE
DEL LUSSEMBURGO DEL TESTO MULTILINGUE:
UNA RASSEGNA GIURISPUDENZIALE

1. Il Multilinguismo europeo e il ruolo della Corte di Giustizia delle
Comunita Europee. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 383
2. Interpretazione uniforme del diritto comunitario e il problema
delle divergenze nelle versioni linguistiche dei testi normativi: i
criteri interpretativi sviluppati dalla Corte. . . . . . . . . . . . . . . . . . 387
3. Metodi di riconciliazione tra versioni linguistiche divergenti e
principio di eguaglianza tra le lingue ufficiali: il contributo della
Corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399
3.1. La prima fase: gli anni '60 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 400
3.2. La seconda fase: il passaggio a sei lingue ufficiali (1973-
1981) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 402
3.3. La terza fase: da sei a nove lingue ufficiali (1981-1995) . . . . 404
3.3.1. L'interpretazione letterale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 405
3.3.2. L'interpretazione teleologica e sistematica . . . . . . . 407
3.3.3. Verso un criterio di interpretazione ''misto''' . . . . . 421
3.4. Dal 1995 al gioni nostri: da undici a ventitre lingue ufficiali` 423
3.4.1. Il criterio di interpretazione letterale . . . . . . . . . . . 425
3.4.2. Dal criterio letterale a quello teleologico . . . . . . . . 427
4. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431

COMMENTI DEI LETTORI A «Europa e linguaggi giuridici»

Voto medio degli utenti per «Europa e linguaggi giuridici»: 2 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelGiurista.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 9 settembre 2013 alle 21:46 ha scritto:

diversi autori che descrivono vari argomenti, sinceramente mi è sembrato molto ripetitivo e in alcuni pezzi poco chiaro.

ALTRI SUGGERIMENTI