Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L' accertamento incidentale ex lege. Profili'

Ingrandisci immagine


L' accertamento incidentale ex lege. Profili

(Univ.Bergamo-Fac. di giurisprudenza)


di

Locatelli Francesca

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L' accertamento incidentale ex lege. Profili»

Tipo Libro
Titolo L' accertamento incidentale ex lege. Profili
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814141140
Pagine XII-248
Data 2008
Collana Univ.Bergamo-Fac. di giurisprudenza

INDICE DI «L' accertamento incidentale ex lege. Profili»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

DICE




PREMESSA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


CAPITOLO I
BREVI CENNI CIRCA L'AMBITO DI APPLICAZIONE DELL'ACCERTAMENTO INCIDEN-
TALE E PROBLEMATICHE CONNESSE

1. Accertamento incidentale, pregiudizialità e rapporti con il tema del giudicato . . . . . . . . . 3
2. L'origine del termine 'pregiudizialità' segnala l'accidentato iter di emersione dell'i-
stituto dell'accertamento incidentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3. Imprecisione lessicale del Codice di rito in punto di pregiudizialità e necessità di tene-
re distinte le diverse figure, onde delimitare correttamente l'ambito di operatività
dell'accertamento incidentale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
3.1. Questioni pregiudiziali di merito e pregiudizialità interna. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17
3.2. Questioni pregiudiziali di rito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 21
3.3. Questioni preliminari di merito. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 23
3.4. Segue. Precisazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
4. Le questioni pregiudiziali di merito come reale campo d'operatività dell'accertamento
incidentale ex lege. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 31

CAPITOLO II
GENESI STORICA DELL'ISTITUTO E CENNI COMPARATISTICI

1. Regime decisorio delle questioni pregiudiziali e ragionamento del giudice: schema sil-
logistico e teorie revisioniste. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 35
2. Punti, questioni e cause pregiudiziali.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
3. Modelli teorici di concorrenza/esclusione tra quaestio e actio pregiudiziale . . . . . . . . . . 42
4. Diritto romano: formulae praeiudiciales ed exceptio praeiudicii.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
5. Diritto tedesco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 50
6. Diritto francese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
7. Diritto statunitense (collateral estoppel sulle questioni). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 67
8. Osservazioni conclusive sulle esperienze straniere. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77

CAPITOLO III
BREVI CENNI CIRCA LE PRINCIPALI FIGURE DI ACCERTAMENTO INCIDENTALE EX
LEGE E DISTINZIONE RISPETTO A CASI SOLO APPARENTEMENTE RICONDUCIBILI
ALL'ISTITUTO

SEZIONE I
Le figure di accertamento incidentale ex lege tradizionali
1.1. Le questioni di stato. Introduzione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
1.2. Segue. Pregiudiziali di stato e cognizione incidentale costitutiva. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
VI INDICE



1.3. Segue. Accertamento ex lege in virtù di un principio generale ex sistema o di singole
disposizioni speciali' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
1.4. Segue. Il principio alla luce delle recenti modifiche legislative. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
1.4.1. Segue. Modifiche in ambito penale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
1.4.2. Segue. Modifiche nella disciplina dell'arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
2.1. Questione di falso civile documentale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 98
2.2. Segue. L'oggetto del processo civile di falso: come attività di accertamento mero. . . . . . . 100
2.3. Segue. L'oggetto del processo civile di falso come attività di accertamento costitutivo . . . 102
2.4. Segue. Conclusioni sulla natura dell'oggetto del processo di falso . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
2.5. Segue.La questione di falso come questione di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 104
3. La questione dell'esistenza del controcredito opposto in compensazione: un caso.dubbio . 108
4. Brevi cenni circa le innovazioni in punto di accertamento incidentale nell'arbitrato ai
sensi del nuovo art. 819 c.p.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
SEZIONE II
Fattispecie solo apparentemente riconducibili all'accertamento incidentale ex lege
1.1. Accertamento pregiudiziale sull'interpretazione, validità ed efficacia di clausole di
contratti o accordi collettivi. Gli artt. 64 D. Lgs. 30 marzo 2001, n. 165 e 420 bis c.p.c. 122
1.2. Segue. La pregiudiziale sull'interpretazione, validità ed efficacia di clausole di contrat-
ti o accordi collettivi non integra una questione pregiudiziale di merito. . . . . . . . . . . . . 127
2.1. Questioni soggette alla giurisdizione di un giudice diverso da quello civile ordinario:
questione relativa alla legittimità della ritenuta d'acconto ai fini IRPEF . . . . . . . . . . . . 133
2.2. Segue. Questioni relative alla demanialità delle acque . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
3. Obbligazioni rateali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
4. Prosecuzione dell'indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 144

CAPITOLO IV
MODI E TEMPI RELATIVI ALL'EMERSIONE DELL'ACCERTAMENTO INCIDENTALE EX
LEGE NEL PROCESSO CIVILE

1. Assenza di un regime specifico per i tempi e i modi di emersione dell'accertamento
incidentale ex lege. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
2. Se la previsione di un accertamento incidentale ex lege sia sufficiente a fare sorgere in
modo automatico la necessità di decisione con effetto di giudicato o se occorra
un'iniziativa ufficiosa del giudice (cioè se vi sia un meccanismo suppletivo a fronte
della mancata proposizione della relativa domanda di parte) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3. Dovere del giudice di pronunciarsi non solo in presenza della domanda, ma anche di
altre fattispecie eccezionali, strutturalmente diverse dalla domanda . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.1. L'eccezione riconvenzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 156
3.2.1. Pregiudizialità logica.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
3.2.2. Segue. La questione di nullità del rapporto contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4.1. Emersione della causa pregiudiziale incidentale e regime delle preclusioni nel proces-
so civile di cognizione di primo grado. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
4.2. Segue. Con specifico riferimento all'accertamento incidentale ex lege . . . . . . . . . . . . . . . 181
INDICE VII


CAPITOLO V
IL PROBLEMA DELL'ESTENSIONE DEL GIUDICATO ALLE QUESTIONI

1. Determinazione dei limiti oggettivi del giudicato nella prospettiva statica
dell'individuazione della domanda e dell'identificazione dell'azione . . . . . . . . . . . . . . . 185
2. Determinazione dei limiti oggettivi del giudicato nella prospettiva dinamica della deci-
sione della controversia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
2.1. La dottrina maggioritaria tradizionalmente limita il giudicato solo alla parte dispositiva
della sentenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 191
2.2. La posizione della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
3. Perché è preferibile aderire all'impostazione tradizionale in punto di rapporto tra giudi-
cato e questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195

CAPITOLO VI
CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE

1. Insufficienza della disciplina di cui all'art. 34 c.p.c. e suo reale ambito di applicazio-
ne, entro il cui alveo l'istituto dell'accertamento incidentale ex lege deve essere
ricondotto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
2. I possibili modelli decisori delle questioni pregiudiziali: lo schema del sillogisma qua-
le direttiva entro cui ricondurre il paradigma della concorrenza tra quaestio ed actio e
le esperienze degli altri ordinamenti che hanno influenzato il modello italiano. . . . . . . 207
3.1. Le ipotesi riconosciute di accertamento incidentale ex lege: l'interesse sopraindividua-
le come criterio unificante ed in grado di giustificare l'estensione ex lege del giudicato 212
3.2. Le ipotesi che solo in apparenza sono riconducibili all'accertamento incidentale ex lege. 218
4.1. Non è sufficiente la mera emersione della questione per l'estensione del giudicato,
occorrendo l'iniziativa ufficiosa del giudice atta a suscitare il contraddittorio sul pun-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
4.2. L'eccezione riconvenzionale e la pregiudizialità logica sono da ricondurre nell'alveo
dell'art. 34 c.p.c. e non esiste un'estensione del giudicato ex sistema al di fuori dei
confini dell'accertamento incidentale come tracciati dalla menzionata norma . . . . . . . . 224
4.3. Il limite cronologico per l'emersione dell'accertamento incidentale ex lege è costituito
dalle preclusioni di cui all'art. 183 c.p.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225



BIBLIOGRAFIA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 229
GIURISPRUDENZA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
INDICE ANALITICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243

COMMENTI DEI LETTORI A «L' accertamento incidentale ex lege. Profili»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L' accertamento incidentale ex lege. Profili»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L' accertamento incidentale ex lege. Profili»