Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite'

Ingrandisci immagine


I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite

(Univ.Roma-Biblioteca di diritto intern.)


di

Cadin Raffaele

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite»

Tipo Libro
Titolo I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814140884
Pagine XXI-594
Data 2008
Collana Univ.Roma-Biblioteca di diritto intern.

INDICE DI «I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . vii
Abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xv
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . xix


Parte I
LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA
E LA SUA LOGICA

Capitolo I
PROFILI INTRODUTTIVI

1. Posizione del problema e piano dell'indagine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. L'affermazione di un sistema di sicurezza collettiva nella Carta delle
Nazioni Unite come reazione alla concezione contrattualista della sicu-
rezza propria del Patto della Societa delle Nazioni . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 24


Capitolo II
LA PRASSI DEL CONSIGLIO DI SICUREZZA SUI PRESUPPOSTI
DELLA SUA AZIONE EX CAP. VII

Sezione I
Aggressione e violazione della pace
1. Invasione nord-coerana della Corea del Sud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 43
2. Sconfinamenti del Sudafrica nei Paesi limitrofi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
3. Invasione argentina delle Falkland-Malvinas . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56
4. Bombardamento israeliano del Quartier generale dell'OLP a Tunisi . . 58
5. Guerra Iran-Iraq. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6. Invasione irachena del Kuwait . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
7. Analisi comparata della prassi presentata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
x indice

Sezione II
Minaccia alla pace
8. Conflitti internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 79
9. Conflitti interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
A) Guerra civile nel Congo e dominio riservato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
B) Fine della guerra fredda e dissoluzione della Jugoslavia. . . . . . . . . . 91
C) Conflitto e pacificazione in Liberia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
D) Guerra civile in Angola e sanzioni imposte ad entita non statali . .
` 97
10. Emergenze umanitarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 101
A) Crisi somala: l'affermarsi di un nuovo criterio . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
B) Bosnia-Erzegovina: il rapporto dinamico tra pace ed assistenza
umanitaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
C) Repressione irachena dei curdi e ripercussioni internazionali . . . . . 115
D) Il precedente della secessione della minoranza bianca in Rodesia del
Sud . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
E) Il precedente della politica dell'apartheid in Sudafrica . . . . . . . . . . . 121
F) Crisi umanitaria e genocidio in Ruanda. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 124
G) Crimini di guerra e crimini contro l'umanita nell'ex Jugoslavia: `
responsabilita individuale e logica della sicurezza collettiva nel con-
`
flitto bosniaco. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
H) Crisi del principio pax est servanda nella questione del Kossovo . . 150
I) Timor Est: l'ultima spiaggia della sicurezza collettiva . . . . . . . . . . . . 170
11. Principio di legittimita democratica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 176
A) Restaurazione dell'ordine democratico ad Haiti . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
B) La prassi successiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 187
12. Terrorismo internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
A) Caso Lockerbie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
B) Sudan e fallito attentato terroristico al Presidente egiziano Mouba-
rak . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
C) Regime afgano dei Talebani e Osama bin Laden. . . . . . . . . . . . . . . . 211
13. Altri fattori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
A) Pericolosita sociale del contesto geo-politico nella crisi albanese . .
` 217
B) Pericolosita sociale delle armi di distruzione di massa e condotte
`
passate del regime iracheno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
Considerazioni conclusive: esclusione della nozione giuridica di minaccia alla
pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
indice xi

Parte II
LA TEORIA PRATICA

Capitolo III
`
LA FONTE DELLA LEGITTIMITA DELL'AZIONE DEL CONSIGLIO
DI SICUREZZA EX CAPITOLO VII DELLA CARTA DELL'ONU:
L'ACCERTAMENTO ESPLICITO DI UNA SITUAZIONE SPECIFICA
`
DI GRAVE PERICOLOSITA SOCIALE

Sezione I
I presupposti procedurali e strutturali.
La conditio sine qua non dell'accertamento esplicito
e specifico di una aggressione, violazione della pace
o minaccia alla pace
1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
2. L'accertamento ex art. 39 deve avvenire in maniera esplicita nelle riso-
luzioni che prevedono l'adozione di misure coercitive (il ''nucleo duro''
del sistema di sicurezza collettiva). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
3. L'accertamento deve essere specifico e non puo riguardare fenomeni `
patologici delle relazioni internazionali nella loro configurazione
astratta (''minacce globali alla pace'') . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
A) Confutazione della configurazione del fenomeno astratto del terro-
rismo quale minaccia alla pace contenuta nella ris. n. 1373 (2001) 278
B) Non accoglimento della teorizzazione sull'azione preventiva del
Consiglio di sicurezza contro le nuove ''minacce globali alla
pace'' risultante dai Rapporti sulla riforma dell'ONU. . . . . . . . . . . . 285
C) Critica del potere di decretazione d'urgenza del Consiglio di sicu-
rezza emergente dalla ris. n. 1540 (2004) sulla non proliferazione
delle armi di distruzione di massa verso attori non statali . . . . . . . . 293
D) L'inquadramento de lege ferenda dell'azione preventiva del Consi-
glio di sicurezza contro le ''minacce globali alla pace'' nell'ambito
di ''Dichiarazioni di principi sulla sicurezza collettiva'' fondate sulla
sua competenza generale in materia di mantenimento della pace . . 305

Sezione II
I presupposti oggettivi.
Una situazione specifica di grave pericolosita sociale
`
quale minimo comune denominatore dell'azione
del Consiglio di sicurezza
4. Aspetti introduttivi: assenza nella Carta dell'ONU delle definizioni dei
presupposti oggettivi e ruolo preminente da attribuire alla prassi del-
l'Organizzazione nella ricostruzione delle rispettive nozioni . . . . . . . . . . 312
5. Minaccia alla pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 320
xii indice

A) La minaccia alla pace quale minimo comune denominatore dell'a-
zione del Consiglio di sicurezza ai sensi del Cap. VII . . . . . . . . . . . 320
B) I concetti di pace ''negativa'' e ''positiva'' e il loro discrimine co-
stituito dalla valenza decisiva o meno da dare alla sussistenza di un
conflitto armato o al pericolo di un suo inizio . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
C) Segue: Confutazione della tesi che fa dipendere da detto dualismo
l'equilibrio dei poteri nel sistema onusiano e conferma che il ruolo
del Consiglio di sicurezza, nell'ambito della concezione allargata di
pace, e strutturalmente limitato alle situazioni concrete di pericolo-
`
sita sociale e non ai fenomeni astratti che le hanno originate . . . . .
` 328
D) Critica delle teorie che tendono ad identificare la nozione di ''mi-
naccia alla pace'' alla violazione grave delle norme internazionali
che tutelano i valori essenziali della Comunita internazionale, in `
particolare di quelle a protezione dei diritti fondamentali dell'uomo 330
E) Segue: L'esemplificazione offerta dall'evoluzione del nascente sistema
africano di sicurezza collettiva nell'ambito dell'Unione Africana. . . . 344
F) Non accoglimento delle posizioni che auspicano, partendo da di-
versi presupposti, una interpretazione restrittiva della nozione di
minaccia alla pace mediante un collegamento al diritto internazio-
nale generale (''vecchio'' e ''nuovo'') . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 350
G) La gravita delle situazioni qualificate come una minaccia alla pace
`
quale elemento discriminante tra le ipotesi contemplate dai capitoli
VI e VII della Carta dell'ONU, con particolare riferimento al ''nu-
cleo duro'' del sistema di sicurezza collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 357
H) Segue: Il significato sostanziale dell'introduzione del criterio di gra-
vita: il riconoscimento del principio di precauzione . . . . . . . . . . . . .
` 361
I) La nozione essenzialmente politica di minaccia alla pace quale ''si-
tuazione specifica di grave pericolosita sociale'' . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 362
6. Violazione della pace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 369
7. Aggressione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372

Sezione III
La titolarita del potere di accertamento ex art. 39.
`
Il significato della competenza ''super esclusiva''
del Consiglio di sicurezza nell'ordinamento onusiano
e in quello internazionale
8. La titolarita del potere di accertamento ex art. 39: la valenza giuridica
`
della competenza esclusiva del Consiglio di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . 376
A) Segue: Sotto il profilo della non delegabilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 377
B) Segue: Sotto il profilo della non surrogabilita . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 382
C) La risoluzione Uniting for Peace e il parere del 2004 della Corte
internazionale di giustizia sulle conseguenze giuridiche della costru-
zione di un muro sul territorio palestinese occupato . . . . . . . . . . . . . . 385
9. Il Consiglio di sicurezza e la dialettica tra competenza principale nel
indice xiii

campo del mantenimento della pace e competenza esclusiva rispetto al
nucleo duro del sistema di sicurezza collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
A) I tre livelli di competenza del Consiglio di sicurezza: principale,
esclusiva e ''super esclusiva'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 392
B) La natura relativa ''rafforzata'' della competenza ''super esclusiva''
del Consiglio di sicurezza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 398
C) Segue: I rapporti tra la determinazione ex art. 39 e la Corte penale
internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404


Capitolo IV
`
I VIZI DI LEGITTIMITA DELL'AZIONE DEL
CONSIGLIO DI SICUREZZA E IL LORO SINDACATO

Sezione I
I limiti giuridici ai poteri del Consiglio di sicurezza
nel quadro del cap. VII della Carta, con particolare
riferimento all'accertamento ex art. 39
1. Il quadro generale di riferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 411
2. I limiti giuridici interni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
A) Esclusione dell'applicabilita del limite del dominio riservato. . . . . .
` 423
B) Riepilogo dei vincoli procedurali, strutturali ed obiettivi . . . . . . . . . 427
C) I limiti sostanziali: il rispetto dei fini e dei principi delle Nazioni
Unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
D) Segue: i diritti umani . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
E) Segue: il principio di buona fede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
3. I limiti giuridici esterni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
A) Il diritto internazionale costituisce un limite giuridico ai poteri del
Consiglio di sicurezza' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 470
B) Il rispetto dello jus cogens internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 476
4. I vizi di legittimita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 495

Sezione II
Il controllo di legittimita tra sindacato giurisdizionale
`
e meccanismi di contestazione sociale
5. Il sindacato giurisdizionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
A) Aspetti introduttivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 512
B) La necessita sistemica di un controllo giurisdizionale completo,
`
diffuso e a titolo incidentale degli atti consigliari . . . . . . . . . . . . . . . 519
C) La giurisprudenza internazionale e nazionale sui vizi di legittimita: `
un quadro sconfortante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 528
6. Il controllo sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 548
xiv indice

A) Il ruolo speciale dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza 548
B) Il ruolo speciale dei membri permanenti del Consiglio di sicurezza 549
C) La contestazione degli Stati membri dell'ONU . . . . . . . . . . . . . . . . . 555


Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561
Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 575

COMMENTI DEI LETTORI A «I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite»

ALTRI LIBRI DI «Cadin Raffaele»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «I presupposti dell'azione del Consiglio di sicurezza nelll'articolo 39 della Carta delle Nazioni Unite»