Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi'

Ingrandisci immagine


Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi

(Univ.Milano-Fac. Giur.-Ist. dir. penale)


di

Gatta G. Luigi

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi»

Tipo Libro
Titolo Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814140846
Pagine XXVI-976
Data 2008
Collana Univ.Milano-Fac. Giur.-Ist. dir. penale

INDICE DI «Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE-SOMMARIO VII




INDICE-SOMMARIO


Elenco delle abbreviazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XIX
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . XXI




PARTE PRIMA
L'INQUADRAMENTO DELLA SUCCESSIONE DI NORME
''INTEGRATRICI''

SEZIONE PRIMA
INTEGRAZIONE (REALE O APPARENTE)
DELLA FATTISPECIE LEGALE ASTRATTA

CAPITOLO I
NORME REALMENTE INTEGRATRICI
E NORME SOLO APPARENTEMENTE INTEGRATRICI

1. Concetto di integrazione e rapporto di integrazione normativa . . . . . . . . . . . . . . 6
2. L'integrazione normativa come problema di diritto penale. Sua rilevanza in tema
di riserva di legge, errore di diritto e successione di leggi . . . . . . . . . . . . . . . . . 9
3. (Segue): necessita, imposta dal diritto positivo, di distinguere norme realmente
`
integratrici da norme che sono tali solo apparentemente. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 10
4. Possibili modelli di (apparente o reale) integrazione della legge penale . . . . . . . . 17
4.1. Gli elementi normativi della fattispecie penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 20
4.1.1. L'origine della categoria come critica al Tatbestand belinghiano,
nel contesto del problematico rapporto tra fatto tipico e antigiuri-
dicita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 21
4.1.2. L'individuazione degli elementi normativi quali elementi che con-
corrono alla descrizione del fatto tipico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 26
4.1.3. Distinzione degli elementi normativi dagli elementi descrittivi (o
fattuali) e problema della loro imprecisione . . . . . . . . . . . . . . . . . 30
4.1.4. Il rapporto tra gli elementi normativi e le norme da questi richia-
mate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
4.1.4.1. Autonomia concettuale e funzionale degli elementi nor-
mativi dalle norme richiamate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
4.1.4.2. (Segue): gli elementi normativi come concetti che esprimono
una qualifica da attribuirsi in base a norme giuridiche o ex-
tragiuridiche. Le norme richiamate come criteri di attribu-
VIII INDICE-SOMMARIO



zione, nel caso concreto, della qualifica espressa dagli ele-
menti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
4.1.4.3. Critica della c.d. tesi riduzionistica e conferma dell'e-
sclusione delle norme richiamate dagli elementi norma-
tivi dal piano della descrizione della fattispecie legale . . . 58
4.1.4.4. Autentica ragion d'essere degli elementi normativi e loro
funzione nell'ambito delle tecniche di formulazione delle
norme penali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
4.2. Le c.d. norme penali in bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
4.2.1. Premessa: l'equivoca metafora delle c.d. norme (o leggi) penali in
bianco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
4.2.2. (Segue): opportunita di una ri-definizione (stipulativa) dell'espres-
`
sione 'norme penali in bianco' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
4.2.3. Le 'norme penali in bianco' (nozione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 70
4.2.4. Distinzione delle 'norme penali in bianco' dagli elementi norma-
tivi (rectius: dalle norme penali redatte con l'impiego di elementi
normativi) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
4.3. Le definizioni legali (o norme definitorie) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
4.3.1. Nozione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
4.3.2. Distinzione delle definizioni legali dalle 'norme penali in bianco' e
dagli elementi normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 85
5. Riepilogo. Individuazione delle norme realmente integratrici: le norme che 'riem-
piono' il precetto delle 'norme penali in bianco' e le norme definitorie. Le
norme richiamate dagli elementi normativi come norme solo apparentemente in-
tegratrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92


CAPITOLO II
L'OGGETTO DELL'INTEGRAZIONE NORMATIVA:
LA FATTISPECIE LEGALE ASTRATTA

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
1. La fattispecie legale astratta come strumento di selezione dei fatti penalmente rile-
vanti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 96
2. La rilevanza penale del fatto concreto come conseguenza della sua conformita alla `
fattispecie legale astratta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
3. Funzione selettiva della fattispecie legale astratta e ruolo del bene giuridico . . . . . 103


SEZIONE SECONDA
ABOLITIO CRIMINIS

CAPITOLO I
LA DISCIPLINA DELLA SUCCESSIONE DI LEGGI PENALI

1. L'efficacia della legge penale nel tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 115
2. Disciplina positiva (art. 2 c.p.) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
2.1. Irretroattivita della legge penale sfavorevole all'agente . . . . . . . . . . . . . . .
` 117
INDICE-SOMMARIO IX



2.2. Retroattivita della legge penale favorevole all'agente . .
` . . . . . . . . . . . . . . . 121
3. Possibili oggetti della « successione di leggi penali » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.1. (Segue): la fattispecie legale astratta. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 134
3.2. (Segue): la disciplina della fattispecie legale astratta . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
3.3. (Segue): la fattispecie legale astratta e la sua disciplina . . . . . . . . . . . . . . . 141



CAPITOLO II
L'ABOLITIO CRIMINIS COME CONSEGUENZA
DI UNA MODIFICA STRUTTURALE
DELLA FATTISPECIE LEGALE ASTRATTA

1. L'abolitio criminis come scelta politico-criminale che si esprime attraverso una
modifica della fattispecie legale astratta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 143
2. Possibili forme di manifestazione dell'abolitio criminis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
2.1. Abolizione integrale di una figura di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
2.2. Abolizione parziale di una figura di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
3. Il criterio di accertamento dell'abolitio criminis: il confronto strutturale tra le fat-
tispecie legali astratte in successione temporale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
3.1. (Segue): il carattere strutturale del confronto tra le fattispecie legali: veri-
fica della loro omogeneita o eterogeneita alla luce del rapporto di specia-
` `
lita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 155
4. Le ipotesi di problematica individuazione del confine tra abolitio criminis e suc-
cessione di norme modificative della disciplina come banco di prova del criterio
del confronto strutturale tra le fattispecie legali astratte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 162
4.1. Abrogazione di una norma incriminatrice e contestuale introduzione di
un'altra norma incriminatrice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
4.2. Introduzione (c.d. per innesto) o soppressione di una figura di reato, che
incide in senso restrittivo o estensivo sull'area di applicabilita di altre fi- `
gure di reato preesistenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167



CAPITOLO III
L'ABOLITIO CRIMINIS FONDATA SU CRITERI DIVERSI
DAL CONFRONTO STRUTTURALE TRA LE FATTISPECIE
LEGALI ASTRATTE: CRITICA

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
2. Il criterio della 'continuita del tipo di illecito'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 179
2.1. L'originaria versione della 'continuita del tipo di illecito' nella giurispru-
`
denza del Bundesgerichtshof: il bene giuridico come unico criterio per stabi-
lire la 'continuita' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 181
2.2. Critica unanime della dottrina tedesca alla concezione giurisprudenziale
della 'continuita del tipo di illecito'. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 186
2.2.1. (Segue): il rapporto di specialita come criterio per il confronto tra
`
le fattispecie legali astratte in successione temporale . . . . . . . . . . . 195
2.3. Il criterio della 'continuita del tipo di illecito' in Italia . . . . . . . . . . . . . . .
` 202
X INDICE-SOMMARIO



2.3.1. (Segue): la giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 204
2.3.2. (Segue): la dottrina. Tesi di M. Romano: critica . . . . . . . . . . . . . . 207
2.3.3. (Segue): la ritenuta necessita di integrare con 'apporti valutativi' il
`
criterio del confronto strutturale tra le fattispecie legali astratte:
critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
3. Il criterio del 'fatto concreto' (''prima punibile, dopo punibile, quindi punibile'') . 217
3.1. Le risalenti origini del criterio del 'fatto concreto' nell'ordinamento tede-
sco . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
3.2. L'unanime critica al criterio del 'fatto concreto' da parte della dottrina te-
desca contemporanea . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 219
3.3. Il criterio del 'fatto concreto' nell'ordinamento italiano . . . . . . . . . . . . . . . 226
3.3.1. (Segue): tesi di Pagliaro: critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
3.3.2. (Segue): ulteriori tesi: critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230



SEZIONE TERZA
ABOLITIO CRIMINIS E SUCCESSIONE
DI NORME ''INTEGRATRICI''


CAPITOLO I
LA MODIFICA DELLE SOLE NORME REALMENTE
`
INTEGRATRICI PUO COMPORTARE ABOLITIO CRIMINIS

Parte prima
Il problema oggetto dell'indagine
1. La successione di norme ''integratrici'' della legge penale: inquadramento del
problema e precisazioni terminologiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 236
2. (Segue): abolitio criminis e successione di norme ''integratrici'' . . . . . . . . . . . . . . 244

Parte seconda
Soluzione del problema sulla base del confronto strutturale
tra le fattispecie legali astratte e della distinzione
tra norme realmente integratrici e norme apparentemente integratrici
3. Necessita di fondare l'abolitio criminis su una modifica strutturale della fattispe-
`
cie legale astratta e conseguente rilievo della distinzione tra norme realmente in-
tegratrici e norme apparentemente integratrici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
4. Soluzione del problema: solo la successione di norme realmente integratrici si ri-
percuote sulla struttura (o fisionomia) della fattispecie legale astratta e, attra-
verso di essa, sulle scelte politico-criminali e sul giudizio di disvalore espresso
dal legislatore nella configurazione del reato, potendo cos' comportare abolitio `
criminis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247

A) Successione di norme realmente integratrici
5. Abolitio criminis come possibile conseguenza della modifica di norme che 'riem-
piono', in tutto o in parte, il precetto delle c.d. norme penali in bianco . . . . . . . . 249
INDICE-SOMMARIO XI



6. Abolitio criminis come possibile conseguenza della modifica di norme definitorie . 264

B) Successione di norme apparentemente integratrici
7. La modifica di norme richiamate da elementi normativi non puo comportare abo- `
litio criminis perche non incide sulla struttura della fattispecie legale astratta e,
´
pertanto, sulle scelte politico-criminali e sul giudizio di disvalore espresso dal le-
gislatore nella configurazione del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 273
7.1. (Segue): modifica di norme penali richiamate da elementi normativi . . . . . . 282
7.2. (Segue): modifica di norme extrapenali richiamate da elementi normativi . . 286
7.3. (Segue): modifica di norme extragiuridiche richiamate da elementi norma-
tivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 292
7.4. (Segue): modifica di norme richiamate da elementi normativi presenti nel
testo di una norma definitoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 296

Parte terza
Conferme della soluzione proposta
8. Conferme della soluzione proposta sulla base del sistema e della ratio della disci-
plina dell'art. 2, co. 2 c.p . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
8.1. a) Conferma sulla base di esigenze di coerenza intrasistematica con la di-
sciplina dell'errore sulla legge extrapenale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 305
8.2. b) Conferma sulla base di esigenze di coerenza intrasistematica con il prin-
cipio della riserva di legge in materia penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 314
8.3. c) Conferma sulla base del fondamento costituzionale del principio di re-
troattivita della legge abolitrice del reato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 319



CAPITOLO II
LE ALTRE SOLUZIONI DEL PROBLEMA: ESAME E CRITICA

Premessa: soluzioni che ammettono l'abolitio criminis come conseguenza della modi-
fica di norme richiamate da elementi normativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 325
1. PRIMA SOLUZIONE: l'abolitio criminis come conseguenza della modifica di norme
richiamate da elementi normativi che faccia venir meno il ''disvalore astratto del
tipo di fatto'' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 330
1.1. (Segue): le diverse argomentazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 337
2. SECONDA SOLUZIONE: l'abolitio criminis come conseguenza della modifica di
norme richiamate da elementi normativi che faccia venir meno la rilevanza pe-
nale del ''fatto concreto''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 359
2.1. (Segue): le diverse argomentazioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 364
2.1.1. L'interpretazione del concetto di « fatto » nell'art. 2, co. 2 c.p.
come ''fatto concreto''. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 365
2.1.2. L'abolitio criminis come esito imposto dal fondamento costituzio-
nale del principio di retroattivita della lex mitior e, in particolare,
`
dai principi di uguaglianza, offensivita e finalismo rieducativo
`
della pena . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 377
XII INDICE-SOMMARIO



3. TERZA SOLUZIONE: l'abolitio criminis come conseguenza dell'inquadramento delle
norme richiamate dagli elementi normativi come norme integratrici della legge
penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 384


PARTE SECONDA
IL BANCO DI PROVA DELLA CASISTICA

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 399


SEZIONE PRIMA
SUCCESSIONE DI NORME APPARENTEMENTE
INTEGRATRICI

CAPITOLO I
SUCCESSIONE DI NORME PENALI RICHIAMATE
DA ELEMENTI NORMATIVI

Parte prima
Norme penali richiamate dagli elementi normativi
« reato », « delitto » e « contravvenzione »
Caso 1. Abolizione del reato oggetto di falsa incolpazione nella calunnia . . . . . . . . . . 403
Caso 2. Abolizione del reato simulato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 431
Caso 3. Abolizione del reato oggetto di omessa denuncia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 436
Caso 4. Abolizione del delitto oggetto di omissione di referto . . . . . . . . . . . . . . . . . 444
Caso 5. Abolizione del reato presupposto del favoreggiamento personale o reale . . . . 447
Caso 6. Abolizione del reato posto a fondamento dello stato di arresto o detenzione
nel delitto di evasione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 458
Caso 7. Abolizione del reato oggetto di istigazione a delinquere o apologia di delitto . 461
Caso 8. Abolizione del delitto-scopo nell'associazione per delinquere . . . . . . . . . . . . 466
Caso 9. Abolizione del reato-scopo nel delitto di violenza o minaccia per costringere
a commettere un reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 480
Caso 10. Abolizione del delitto presupposto della ricettazione o del riciclaggio . . . . . 483
Caso 11. Abolizione del reato nella flagranza del quale taluno ha rifiutato di prestare
la propria opera . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 493
Caso 12. Abolizione del reato e configurabilita delle circostanze aggravanti del nesso
`
teleologico o conseguenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 495

Parte seconda
Norme penali richiamate dagli elementi normativi
« pena », « pena accessoria » e « misura di sicurezza »
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 500
Caso 13. Abolizione di una pena accessoria (ovvero del reato dalla cui commissione
questa e conseguita) e configurabilita del delitto di inosservanza di pene accesso-
` `
rie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 501
INDICE-SOMMARIO XIII



CAPITOLO II
SUCCESSIONE DI NORME EXTRAPENALI
RICHIAMATE DA ELEMENTI NORMATIVI

Parte prima
Norme del diritto civile
I) Norme del diritto privato
Caso 14. Modifica della disciplina della proprieta richiamata, nei delitti contro il pa-
`
trimonio, dall'elemento normativo cosa « altrui ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 509
Caso 15. Modifica delle « prescrizioni della legge civile sull'acquisto della proprieta `
di cose trovate » o della disciplina della proprieta del « tesoro » e configurabilita
` `
del delitto di appropriazione di cose smarrite e del tesoro . . . . . . . . . . . . . . . . . 518

II) Norme del diritto di famiglia
Caso 16. Modifica della disciplina degli « effetti civili » del matrimonio e configurabi-
lita del delitto di bigamia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 520
Caso 17. Modifica della disciplina della filiazione e configurabilita del delitto di alte-
`
razione di stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 522
Caso 18. Modifica degli obblighi di assistenza inerenti la potesta dei genitori o la `
qualita di coniuge e configurabilita del delitto di violazione degli obblighi di assi-
` `
stenza famigliare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 525

III) Norme del diritto commerciale e fallimentare
Caso 19. Modifica della disciplina delle « altre comunicazioni sociali previste dalla
legge » e configurabilita dei reati di false comunicazioni sociali. . . . . . . . . . . . . .
` 527
Caso 20. Modifica della disciplina dei libri e delle scritture contabili e configurabilita `
dei delitti di bancarotta documentale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 529
Caso 21. Modifica della disciplina del fallimento dei soci illimitatamente responsabili
e configurabilita della bancarotta propria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 533

IV) Norme di fonte contrattuale
Caso 22. Novazione sopravvenuta di un contratto e configurabilita dei delitti di ina-
`
dempimento e frode nelle pubbliche forniture . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 539

Parte seconda
Norme del diritto amministrativo
I) Norme attributive di qualificazioni pubblicistiche penalmente rilevanti
A) Qualificazioni relative al soggetto attivo
Caso 23. Modifica delle norme attributive delle qualifiche di pubblico ufficiale o di
incaricato di un pubblico servizio e configurabilita del delitto di peculato . . . . . .
` 542
Caso 24. (Segue): dei delitti di concussione e corruzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 557
Caso 25. (Segue): dei delitti di abuso, rifiuto e omissione di atti d'ufficio . . . . . . . . . 562
Caso 26. (Segue): dei delitti di falso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 564

B) Qualificazioni relative al soggetto passivo
Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 565
XIV INDICE-SOMMARIO



Caso 27. Modifica delle norme attributive della qualifica di « ente pubblico » e confi-
gurabilita del delitto di truffa aggravata ex art. 640, co. 2 n. 1 c.p. . . . . . . . . . . .
` 567

C) Qualificazioni relative all'oggetto materiale della condotta
Caso 28. Modifica delle norme attributive della qualifica di « ente pubblico » e confi-
gurabilita del delitto di contraffazione di pubblici sigilli . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 579
Caso 29. Modifica delle norme attributive della qualifica di « atto pubblico » e confi-
gurabilita dei delitti di falso in atto pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 584

D) Qualificazioni relative ad altri elementi del fatto
Caso 30. Modifica delle norme attributive delle qualifiche di pubblico ufficiale o di
pubblico impiegato che presta un pubblico servizio e configurabilita del delitto `
di millantato credito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 588

II) Norme che stabiliscono le competenze di un pubblico
ufficio o servizio ovvero i doveri di un pubblico ufficiale
o di un incaricato di un pubblico servizio
Caso 31. Modifica delle norme che stabiliscono le competenze o i doveri dell'ufficio
e configurabilita dei delitti di corruzione, istigazione alla corruzione, rifiuto o
`
omissione di atti di ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 591
Caso 32. Modifica delle norme di legge o di regolamento che individuano i doveri
d'ufficio e configurabilita del delitto di abuso d'ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 595

III) Norme che disciplinano l'esercizio di determinate professioni
Caso 33. Modifica delle norme che qualificano come abusivo l'esercizio di una pro-
fessione e configurabilita del delitto di abusivo esercizio di una professione. . . . .
` 610

IV) Norme relative al riconoscimento di titoli o di qualita
`
inerenti ad una professione o ad un pubblico ufficio
Caso 34. Modifica delle norme in materia di riconoscimento di titoli o qualita ine-`
renti ad una professione o ad un pubblico ufficio e configurabilita del delitto
`
(ora illecito amministrativo) di usurpazione di titoli o di onori. . . . . . . . . . . 622

V) Norme che disciplinano provvedimenti dell'autorita
`
Caso 35. Modifica della disciplina di autorizzazioni, permessi o licenze e configurabi-
lita dei reati commessi in assenza o in difformita dai provvedimenti stessi (in ma-
` `
teria di edilizia, ambiente, valuta, commercio, esercizio di mestieri, materie
esplodenti, patente di guida, autotrasporto di cose). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 624
Caso 36. Modifica della disciplina di provvedimenti della pubblica autorita e confi- `
gurabilita dei reati che ne puniscono l'inosservanza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 658

VI) Norme in materia di alimenti
Caso 37. Modifica di norme in materia di produzione o commercio di sostanze ali-
mentari e configurabilita dei reati che ne puniscono la violazione . . . . . . . . . . . .
` 677
INDICE-SOMMARIO XV



VII) Norme in materia di salute pubblica
Caso 38. Modifica di norme in materia di salute pubblica e configurabilita dei reati `
che ne puniscono la violazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 682

VIII) Norme in materia di caccia
Caso 39. Modifica delle norme che stabiliscono i confini di parchi, riserve naturali o
zone di ripopolamento e configurabilita del reato di esercizio della caccia al loro
`
interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 689

Parte terza
Norme del diritto tributario e doganale

I) Norme del diritto tributario
Caso 40. Abolizione di un tributo o di un obbligo di dichiarazione a fini fiscali e
configurabilita dei reati posti a tutela della riscossione o dell'accertamento dei
`
tributi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 695

II) Norme del diritto doganale
Caso 41. Abolizione di un diritto di confine e configurabilita dei reati di contrab-
`
bando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 714
Caso 42. Applicabilita della pena piu mite o depenalizzazione, quali conseguenze
` `
della diminuzione dell'importo di un diritto di confine, che ha costituito la base
per il calcolo della pena pecuniaria proporzionale prevista per il delitto di con-
trabbando. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 726
Caso 43. Abolizione di un divieto di importazione o esportazione di merci e configurabi-
lita del reato (ora illecito amministrativo) che ne punisce la violazione . . . . . . . . . . .
` 731

Parte quarta
Norme relative al corso legale della moneta e dei valori di bollo
Caso 44. Cessazione del corso legale di una moneta, in Italia o all'estero, e configurabi-
lita dei delitti di contraffazione e spendita di monete contraffatte . . . . . . . . . . . . .
` 736
Caso 45. Cessazione del corso legale di un valore di bollo e configurabilita dei delitti
`
di contraffazione e uso di valori di bollo contraffatti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 744

Parte quinta
Norme relative alla determinazione del limite di usurarieta degli interessi
`
Caso 46. Rilevazione di un tasso globale medio piu elevato e configurabilita del de-
` `
litto di usura antecedentemente commesso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 749

Parte sesta
Norme del diritto militare
Caso 47. Modifica della disciplina del servizio militare obbligatorio e configurabilita `
dei c.d. reati di assenza dal servizio alle armi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 759
XVI INDICE-SOMMARIO



Parte settima
Norme cautelari
Caso 48. Modifica di norme cautelari rilevanti ai fini del giudizio di colpa e configu-
rabilita del reato colposo commesso per loro inosservanza . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 785

Parte ottava
Norme istitutive di posizioni di garanzia nei reati omissivi impropri
Caso 49. Modifica delle norme impositive dell'obbligo giuridico di impedire l'evento
e configurabilita dei reati omissivi impropri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 809

Parte nona
Norme del diritto processuale penale
Caso 50. Modifica delle norme che impongono il divieto di pubblicazione di atti
processuali e configurabilita della contravvenzione di pubblicazione arbitraria di
`
atti di un procedimento penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 813

Parte decima
Norme di fonte sovranazionale e di ordinamenti stranieri
Caso 51. Adesione di uno Stato all'Unione europea e configurabilita dei reati in mate-
`
ria di immigrazione commessi da o contro cittadini extracomunitari . . . . . . . . . . . 817
Caso 52. Modifica di convenzioni internazionali in materia di guerra e configurabilita `
del reato militare di offese contro persone protette da convenzioni internazionali. 835
Caso 53. Modifica delle norme di uno Stato estero e configurabilita del delitto di fa-
`
voreggiamento dell'ingresso illegale in altro Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 837


CAPITOLO III
SUCCESSIONE DI NORME EXTRAGIURIDICHE
RICHIAMATE DA ELEMENTI NORMATIVI

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 841
Caso 54. Modifica delle norme etico-sociali che individuano il comune sentimento
del pudore e configurabilita dei delitti di atti osceni e di pubblicazioni e spetta-
`
coli osceni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 850


SEZIONE SECONDA
SUCCESSIONE DI NORME REALMENTE INTEGRATRICI

CAPITOLO I
SUCCESSIONE DI NORME CHE 'RIEMPIONO'
IL PRECETTO DI 'NORME PENALI IN BIANCO'

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 869
Caso 55. Abolitio criminis dei reati in materia di stupefacenti come conseguenza della
successione nel tempo dei decreti ministeriali che provvedono all'aggiornamento
delle tabelle nelle quali sono raggruppate le sostanze stupefacenti. . . . . . . . . . . . . 870
INDICE-SOMMARIO XVII



Caso 56. Abolitio criminis dei reati in materia di tutela delle specie animali e vegetali
protette come conseguenza della modifica del regolamento comunitario che indi-
vidua le specie stesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 879
Caso 57. Abolitio criminis del reato di violazione delle prescrizioni relative alle co-
struzioni in zone sismiche come conseguenza della modifica dei decreti intermi-
nisteriali ai quali la legge penale rinvia per l'individuazione delle prescrizioni
stesse . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 886
Caso 58. Abolitio criminis dei reati in materia di produzione e vendita di sostanze
alimentari come conseguenza dell'innalzamento dei limiti di cariche microbiche
o residui antiparassitari stabiliti da ordinanze ministeriali. . . . . . . . . . . . . . . . . . 888
Caso 59. Abolitio criminis del reato di vendita di merci o offerta di servizi o presta-
zioni a prezzi superiori a quelli stabiliti, come conseguenza della modifica dei
provvedimenti dell'autorita amministrativa che stabiliscono i prezzi . . . . . . . . . . .
` 893


CAPITOLO II
SUCCESSIONE DI NORME DEFINITORIE

Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 901
Caso 60. Abolitio criminis dei reati che fanno riferimento al « minore » o alla persona
di « maggiore eta » come conseguenza della modifica della definizione legale del
`
concetto di « maggiore eta » (abbassamento da ventuno a diciotto anni del rela-
`
tivo limite) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 902
Caso 61. Abolitio criminis della bancarotta come conseguenza della modifica della
definizione legale di « piccolo imprenditore » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 910
Caso 62. Abolitio criminis dei reati in materia di omessa comunicazione societaria (alla
CONSOB) come conseguenza della modifica della definizione legale delle « societa » `
e degli « enti » destinatari degli obblighi di comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . 925

Elenco della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 929

Bibliografia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 953

COMMENTI DEI LETTORI A «Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi»

ALTRI LIBRI DI «Gatta G. Luigi»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Abolitio criminis e successione di norme «integratrici»: teoria e prassi»