Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L' accettazione tardiva'

Ingrandisci immagine


L' accettazione tardiva

(Univ.Roma-Fac.economia e commercio)


di

Rizzi Antonio

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L' accettazione tardiva»

Tipo Libro
Titolo L' accettazione tardiva
Autore
Editore

Giuffrč


EAN 9788814140303
Pagine X-444
Data 2008
Collana Univ.Roma-Fac.economia e commercio

INDICE DI «L' accettazione tardiva»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

Indice 441




INDICE


pag.
Presentazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII
Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1


CAPITOLO I
LE DISCIPLINE DELL'ACCETTAZIONE TARDIVA

1. I dati normativi e il problema ricostruttivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2. Tardivita e carattere recettizio dell'accettazione. . . . . . . . . . . . . . . .
` 27
3. Analitica e dinamica degli interessi procedimentali . . . . . . . . . . . . . 46
4. Funzione dell'analisi degli interessi procedimentali . . . . . . . . . . . . . . 58
5. (Segue). Valore euristico della analisi degli interessi procedimentali in
chiave metaordinamentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
6. Rilevanza della tardivita in alcuni modelli disciplinari . . . . . . . . . . .
` 67
7. Le soluzioni del diritto uniforme sulla vendita internazionale di cose
mobili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 78
8. (Segue). Le soluzioni di soft-law . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90


CAPITOLO II
`
LE CAUSE DELLA TARDIVITA

Sezione I
Il problema di diritto positivo
1. La tardivita dell'accettazione tra diritto interno e diritto uniforme . . .
` 99
2. L'art. 21 CVIM quale norma di diritto uniforme operante nel diritto
interno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 103
3. Coesistenza e antagonismo di modelli disciplinari differenziati . . . . . . 119
4. La tardivita nel rapporto con il diritto uniforme . . . . . . . . . . . . . . .
` 121

Sezione II
Diritto uniforme e diritto interno
1. Le « fonti a produzione non nazionale » e il diritto interno: gli orizzonti
problematici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
442 L'accettazione tardiva

pag.
2. Eterogenesi ed identita formale del diritto uniforme . . . . . . . . . . . . .
` 134
3. La specialita del diritto uniforme nella dottrina internazionalistica . . .
` 140
4. (Segue): e nella giurisprudenza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 146
5. Le opinioni critiche e la loro insufficienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 148
6. La specialita: il paradigma classico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 150
7. La specialita in un ordinamento aperto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 154
8. I plessi normativi e la loro separazione assiologica . . . . . . . . . . . . . . 163
9. Profili critici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
10. Pluralismo prospettico e logica della mobilita . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 172
11. Autonomia del diritto uniforme e carattere sistematico dell'ordina-
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
12. Prospettive di un mutato rapporto tra diritto interno e diritto uni-
forme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181


Sezione III
La tardivita dell'accettazione nell'ordinamento aperto
`

1. Minima nota metodologica su diritto uniforme e lacuna . . . . . . . . . . . 184
2. La parita formale delle parti e il procedimento di formazione del con-
`
tratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
3. (Segue). Atti procedimentali non recettizi e l'esigenza della parita . . . . ` 205
4. Formazione del contratto e correzione patrimoniale di esiti procedi-
mentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
5. Buona fede e tutele nel procedimento di formazione del contratto . . . . 222
6. Interessi e tecniche di protezione nella conclusione del contratto . . . . . 229
7. Alla ricerca di una disciplina dell'accettazione tardiva tempestivamente
spedita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 235
8. La « lacuna indotta » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 238
9. Natura procedimentale della lacuna . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
10. L'art. 21 CIGS quale termine dell'analogia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 252
11. La disciplina dell'accettazione tardiva tempestivamente spedita . . . . . . 259



CAPITOLO III
ANALISI STRUTTURALE DEL PROCEDIMENTO


Sezione I
Gli atti

1. Elementi strutturali e loro rilievo . . . . . . . . . ................ 267
2. L'accettazione e la conformita . . . . . . . . . . .
` ................ 275
3. (Segue). Carattere semantico della conformita . ` ................ 292
4. (Segue). Carattere subordinato della figura dell'« accettazione tar-
diva » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . ................ 303
Indice 443

pag.
5. Profili critici sull'« avviso di ritenere efficace » l'accettazione tardiva:
natura procedimentale . . . . . . . . . . ................ ...... 305
6. (Segue). Rilevanza . . . . . . . . . . . . . ................ ...... 311
7. (Segue). Contenuto . . . . . . . . . . . . ................ ...... 320


Sezione II
Il tempo nel procedimento di formazione del contratto
1. Pluralita ed eterogeneita delle dimensioni del procedimento di forma-
` `
zione. Profilo morfologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 324
2. La dimensione temporale nel procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 339
3. (Segue). Tempo ordinale e tempo numerale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 345
4. (Segue). Il tempo quale modalita esistenziale dell'atto procedimentale .
` 349
5. (Segue). Il tempo quale tecnica di modulazione dell'effetto procedimen-
tale. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 355
6. Il tempo strumento tecnico della formazione dell'accordo. . . . . . . . . . 358
7. Autonomia della dimensione temporale. L'accettazione mediante la
produzione in giudizio della proposta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 366
8. (Segue). Il contratto concluso mediante scambio di messaggi di posta
elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 372
9. Bilateralita e tempo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 378


Sezione III
Gli effetti dell'« avviso di ritenere efficace l'accettazione tardiva »
1. La decorrenza degli effetti dell'« avviso di ritenere efficace l'accetta-
zione tardiva » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 381
2. Natura della simultaneita procedimentale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 393
3. L'effetto dell'« avviso di ritenere efficace la accettazione tardiva » . . . . 398
4. Il carattere recettizio dell'« avviso ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 404
5. La revocabilita dell'« avviso ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 409
6. Il termine per l'« avviso » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 410


Sezione IV
Posizione sistematica delle figure di accettazione tardiva
1. Delimitazione della figura dell'accettazione tardiva . . . . . . . . . . . . . . 414
2. Il limite « inferiore »: l'accettazione « tempestivamente spedita » . . . . . 416
3. (Segue). Il limite superiore: l'« accettazione » non piu riferibile alla
`
trattativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 419
4. Il problema dell'estensione della disciplina dell'accettazione tardiva
alla proposta ferma e all'opzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 423
5. L'applicazione analogica della accettazione tardiva nel caso di difetto
di forma richiesta per l'accettazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 435

COMMENTI DEI LETTORI A «L' accettazione tardiva»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L' accettazione tardiva»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L' accettazione tardiva»