Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Comunicazioni e notificazioni nel processo civile'

Ingrandisci immagine


Comunicazioni e notificazioni nel processo civile

(Itinerari nel processo civile)


di

Di Marzio Mauro, Matteini Chiari Sergio

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Comunicazioni e notificazioni nel processo civile»

Tipo Libro
Titolo Comunicazioni e notificazioni nel processo civile
Autori
Editore

Giuffrè


EAN 9788814139635
Pagine C-1282
Data 2008
Collana Itinerari nel processo civile

INDICE DI «Comunicazioni e notificazioni nel processo civile»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO


Prefazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . VII




Parte I
COMUNICAZIONI E NOTIFICAZIONI
IN GENERALE



TITOLO VI
DEGLI ATTI PROCESSUALI


CAPO I
DELLE FORME DEGLI ATTI PROCESSUALI



Sezione IV
Delle comunicazioni e delle noti'cazioni

Art. 136
Comunicazioni
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
1. Onere della parte di prendere visione dell'originale dell'atto comunicato. . . . 7
2. Perfezionamento della comunicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
3. Parte dotata di più difensori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4. Comunicazioni eseguite per il tramite dell'uf'ciale giudiziario . . . . . . . . . . 7
5. Prevalenza della copia consegnata ai 'ni del decorso del termine per
l'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
6. Ammissibilità di forme di comunicazione equipollenti. . . . . . . . . . . . . . . 8
6.1. Raggiungimento dello scopo nonostante l'inosservanza delle forme . . . 9
6.2. Indispensabilità della prova dell'avvenuta comunicazione . . . . . . . . . 9
6.3. È equipollente la dichiarazione di presa visione . . . . . . . . . . . . . . . 10
6.4. È equipollente l'attestazione di « fatto avviso » accompagnato da ricevuta. 10
6.5. È equipollente la sottoscrizione da parte del difensore della certi'cazione
di deposito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
6.6. È equipollente la dichiarazione di rinuncia alla noti'cazione . . . . . . . 11
6.7. È equipollente il rilascio di copia autentica del provvedimento da
comunicare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 11
X Indice sommario

6.8. È equipollente la comunicazione di un atto effettuata mediante comuni-
cazione di un atto successivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 12
6.9. Non è equipollente la comunicazione a mezzo fax . . . . . . . . . . . . . 12
6.10. Non è equipollente l'af'ssione di un avviso nei locali della cancelleria . 12
6.11. Non è equipollente l'annotazione « comunicato » in calce all'atto . . . . 13
6.12. Non è equipollente, ove non prevista dalla legge, la lettura dell'atto in
udienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
6.13. Non è equipollente l'annotazione sul registro del cancelliere, quantunque
sottoscritto ad altri 'ni dal difensore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
6.14. Non è equipollente la pubblicazione su quotidiani . . . . . . . . . . . . . 14
6.15. Non è equipollente l'invio di copia dell'atto ad opera del curatore
fallimentare. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 14
6.16. Non è equipollente la comunicazione effettuata direttamente dal difen-
sore a mezzo fax o posta elettronica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
6.17. Non è equipollente la notizia dell'atto comunque ottenuta . . . . . . . . 15
7. Trasferimento del difensore e rilievo delle risultanze dell'albo professionale . . 15
8. Nullità della comunicazione a « collega di studio » . . . . . . . . . . . . . . . . 15
9. Non è incostituzionale il decorso, pur in assenza di comunicazione, del termine
« lungo » per impugnare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
10. Mancata comunicazione del rinvio dell'udienza. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
11. Rilievo della mancata comunicazione in appello ed esclusione della rimessione al
primo giudice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16

Art. 137
Noti'cazioni
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
A) GENERALITÀ:
1. Formalismo della noti'cazione e rilevanza della conoscenza acquisita aliunde . 27
2. Inesistenza e nullità della noti'cazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 27
B) L'ISTANZA DI NOTIFICAZIONE:
3. Legittimazione a presentare istanza di noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . 28
4. Istanza di noti'cazione « su richiesta di chi in atti » . . . . . . . . . . . . . . . . 30
5. Delegabilità a terzi della consegna dell'atto da noti'care all'uf'ciale giudiziario. 31
6. Omessa indicazione della persona ad istanza della quale la noti'cazione è
eseguita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
7. Difensore di più parti ed istanza di noti'ca per una sola di esse. . . . . . . . . 33
8. Rilievo della richiesta scritta del noti'cante all'uf'ciale giudiziario ad effettuare
la noti'cazione di persona fuori dal Comune dalla sede dell'uf'cio . . . . . . . 33
C) L'UFFICIALE NOTIFICANTE:
9. Potestà noti'catoria dell'uf'ciale giudiziario del luogo in cui deve essere
eseguita la noti'cazione e di quello addetto all'autorità giudiziaria competente a
conoscere della causa. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
10. Competenza alternativa degli uf'ciali giudiziari addetti a più uf'ci giudiziari e
temporanea paralisi di uno di essi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
11. Noti'cazione eseguita da uf'ciale giudiziario territorialmente incompetente . . 36
12. Poteri dell'aiutante uf'ciale giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
13. Sciopero degli uf'ciali giudiziari e noti'cazione effettuata da messo di
conciliazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
Indice sommario XI


14. Noti'cazione effettuata da messo di conciliazione non autorizzato o
incompetente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
15. Noti'cazione effettuata da messo speciale dell'uf'cio 'nanziario . . . . . . . . 39
16. Noti'cazione eseguita a mezzo di « Commissariato di P.S. » . . . . . . . . . . . 40
17. Noti'cazione eseguita a mezzo uf'ciale di P.G . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
18. Noti'cazione eseguita a mezzo di « responsabile uf'cio personale ». . . . . . . 40
19. Noti'cazione affetta da errore nell'identi'cazione dell'uf'ciale giudiziario
noti'cante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 40
20. Noti'cazione eseguita mediante consegna diretta dall'atto dal noti'cante al
noti'cato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
21. Noti'cazione eseguita direttamente dalla parte nel processo tributario . . . . . 41
D) L'ESECUZIONE DELLA NOTIFICAZIONE:
22. Rilevanza della consegna dell'atto all'uf'ciale giudiziario e prova certa della
relativa data . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 42
23. Noti'cazione di copia non autentica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 44
24. Mancata certi'cazione della conformità della copia noti'cata all'originale . . . 44
25. Insuf'ciente o errata indicazione delle generalità del noti'cando . . . . . . . . 44
26. Nozione di « incertezza assoluta sulla persona del destinatario ». . . . . . . . . 45
27. Mancata indicazione, nella relata, del luogo in cui la noti'cazione è stata
eseguita. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
28. Illeggibilità della sottoscrizione dell'uf'ciale giudiziario . . . . . . . . . . . . . . 46
29. Difformità tra la relata in calce all'atto restituito al noti'cante e quella in calce
all'atto consegnato al noti'cando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 46
30. Correzioni apportate dall'uf'ciale giudiziario alla relata . . . . . . . . . . . . . . 48
31. Incompletezza o erroneità della copia noti'cata . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
32. Noti'cazione eseguita presso la cancelleria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 51
33. Morte del procuratore domiciliatario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
34. Noti'ca a condominio a mani di « impiegato dipendente addetto alla ricezione
atti » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
E) PLURALITÀ DI NOTIFICANDI:
35. Pluralità di noti'candi e consegna di una sola copia o di copie in numero
insuf'ciente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 52
36. Pluralità di noti'candi e consegna di copie in pari numero. . . . . . . . . . . . 54
37. Noti'cando in proprio e nella qualità di rappresentante di uno o più terzi . . 55
38. Noti'cando in proprio e nella qualità di erede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
F) ASPETTI DELLA RINNOVAZIONE DELLA NOTIFICAZIONE:
39. Perfezionamento della noti'cazione in caso di rinnovazione della medesima . . 55
40. Effetti della rinnovazione immotivata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 56

Art. 138
Noti'cazione in mani proprie
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 57
1. Applicabilità della disciplina alla noti'cazione nei confronti dell'imprenditore
individuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 58
2. Con'gurabilità della noti'cazione a mani proprie delle persone giuridiche . . . 59
3. Rilevanza del luogo in cui la noti'cazione a mani proprie è eseguita . . . . . . 59
4. Non equiparabilità alla noti'cazione a mani proprie della noti'cazione « a una
persona di famiglia » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
XII Indice sommario

5. Non equiparabilità alla noti'cazione a mani proprie della noti'cazione a mezzo
del servizio postale effettuata mediante consegna del plico al destinatario . . . 60
6. Effetti della noti'cazione al procuratore costituito quando la legge prescrive la
noti'cazione alla parte personalmente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 60
7. Utilizzabilità nei confronti del procuratore costituito della noti'cazione a mani
proprie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
8. Ri'uto del destinatario e 'nzione di noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
9. Ri'uto del destinatario, 'nzione di noti'cazione e rilievo del caso fortuito. . . 62
10. Rilievo del ri'uto del solo destinatario o domiciliatario ai 'ni della 'nzione di
noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 62
11. Applicabilità della 'nzione di noti'cazione nei confronti del domiciliatario . . 63
12. Applicabilità della 'nzione di noti'cazione in caso di ri'uto dell'atto da parte
del curatore fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
13. Applicabilità della 'nzione di noti'cazione in caso di ri'uto dell'atto da parte
dell'amministratore di condominio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
14. Noti'cazione di cartella esattoriale concernente sanzioni pecuniarie per viola-
zione del codice della strada . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 64
15. Momento perfezionativo della noti'cazione per il noti'cante. . . . . . . . . . . 64

Art. 139
Noti'cazione nella residenza, nella dimora o nel domicilio
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 66
A) FATTI CONSTATATI E DICHIARAZIONI RACCOLTE DALL'UFFICIALE GIUDIZIARIO:
1. Limiti dell'ef'cacia 'defacente della relata di noti'ca . . . . . . . . . . . . . . . 72
2. Presunzione di veridicità delle circostanze dichiarate all'uf'ciale giudiziario . . 72
3. Ammissibilità di ogni mezzo di prova contro le circostanze dichiarate all'uf'ciale
giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
B) COMUNI E LUOGHI PRESSO I QUALI LA LA NOTIFICAZIONE PUÒ ESSERE EFFETTUATA:
4. Tassatività dell'ordine preferenziale dei Comuni (di residenza, di dimora, di
domicilio) indicati dalla norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 72
5. Non tassatività, nell'ambito del Comune, dei luoghi (casa di abitazione, uf'cio,
luogo di esercizio dell'industria o commercio) indicati dalla norma . . . . . . . 73
6. Rilievo del temporaneo allontanamento dal luogo di residenza: ricovero ospe-
daliero e detenzione in carcere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
7. Rilievo della residenza dichiarata in contratto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
8. Rilievo del domicilio speciale ex art. 47 cod. civ.. . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
9. Nozione di ignoranza della residenza ai 'ni della ricerca nei Comuni di dimora
e domicilio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
10. Invalidità della noti'cazione eseguita in un Comune diverso da quelli indicati
dall'art. 139 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 75
11. Invalidità della noti'cazione qualora la consegna avvenga in luoghi diversi da
quelli indicati dall'art. 139 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
12. Mancata indicazione, nella relata, del luogo di effettuazione della noti'ca . . . 77
13. Difformità tra residenza anagra'ca e residenza effettiva . . . . . . . . . . . . . . 78
14. Incensurabilità dell'accertamento, da parte del giudice di merito, della resi-
denza, domicilio o dimora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
C) QUESTIONI GENERALI SUL CONSEGNATARIO:
15. Ef'cacia probatoria delle dichiarazioni rese dal consegnatario familiare ovvero
addetto alla casa, all'uf'cio o all'azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
Indice sommario XIII


16. Nozione di « ricerca » del destinatario da parte dell'uf'ciale giudiziario . . . . 81
17. Insussistenza di un obbligo dell'uf'ciale giudiziario di attestare il mancato
rinvenimento del destinatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
18. Effetti del ri'uto dell'atto da parte delle persone indicate dall'art. 139 cod. proc.
civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82
19. Rilievo dell'indicazione delle generalità e qualità del consegnatario . . . . . . . 82
20. Rilievo della capacità del consegnatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
21. Noti'cazione a mani di « persona di 'ducia » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
22. Noti'cazione a mani di persona « addetta ai servizi » . . . . . . . . . . . . . . . 83
23. Noti'cazione a persona « addetta al ritiro ». . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 83
24. Nullità della noti'cazione a mani di persona non di famiglia, né addetta alla
casa, all'uf'cio o all'azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
25. Consegna a persona in con'itto di interessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 84
D) LA NOTIFICAZIONE AL FAMILIARE:
26. Noti'cazione a mani di persona di famiglia del noti'cando . . . . . . . . . . . 84
27. Nozione di « familiare » e non necessità della convivenza. . . . . . . . . . . . . 85
28. Esclusione di un obbligo dell'uf'ciale giudiziario di svolgere ricerche in ordine
al rapporto di convivenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 86
29. Noti'cazione al familiare presso l'uf'cio o il luogo di esercizio dell'industria o
del commercio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 87
30. Esclusione dell'obbligo dell'ulteriore avviso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
31. Insussistenza del rapporto di parentela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
32. Mancata indicazione dell'identità del familiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
33. Mancata speci'cazione del rapporto di parentela . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
34. Errore nell'identi'cazione del familiare consegnatario . . . . . . . . . . . . . . . 88
35. Rilevanza dell'incapacità naturale del noti'cando, essendo capace il familiare . 89
36. Noti'cazione a mani di familiare presso l'abitazione non del noti'cando, ma del
consegnatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
37. Noti'cazione a mani di persona coabitante ma non parente né addetta alla casa. 89
38. Consegna a persona in con'itto di interessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
E) LA NOTIFICAZIONE ALL'« ADDETTO »:
39. Noti'cazione a mani di persona « addetta alla casa, all'uf'cio o all'azienda » . 90
40. Insussistenza di un obbligo dell'uf'ciale giudiziario di effettuare veri'che in
ordine al rapporto di dipendenza dichiarato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
41. Nozione di « uf'cio » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 92
42. Noti'cazione a mani di « coadiuvante » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
43. Noti'cazione a mani di persona « incaricata a ricevere » gli atti . . . . . . . . . 93
F) LA NOTIFICAZIONE AL PORTIERE:
44. Noti'cazione a mani del portiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
45. Ammissibilità della noti'cazione a mani del portiere soltanto in caso di mancato
rinvenimento delle altre persone indicate dalla norma . . . . . . . . . . . . . . . 94
46. Portiere quali'catosi quale « addetto » alla ricezione dell'atto . . . . . . . . . . 95
47. Noti'cazione a mani di portiere in con'itto di interessi. . . . . . . . . . . . . . 95
48. Prova dell'assenza di portiere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 95
49. Rilievo dell'invio della raccomandata nella noti'cazione a mani del portiere . . 96
G) NOTIFICAZIONE AL VICINO DI CASA:
50. Rilievo della raccomandata da inviarsi al noti'cando . . . . . . . . . . . . . . . 96
H) LA NOTIFICAZIONE AL DOMICILIATARIO:
51. Applicabilità al domiciliatario della disciplina dell'art. 139 cod. proc. civ. . . . 96
XIV Indice sommario

I) LA NOTIFICAZIONE EX ART. 139 COD. PROC. CIV. AL DIFENSORE:
52. La noti'cazione presso il procuratore domiciliatario può effettuarsi a mani del
collega di studio, o all'addetto allo studio, ovvero all'incaricato di ricevere gli
atti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
53. Correzioni nella relata in calce alla copia consegnata al procuratore
domiciliatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
L) IL MOMENTO PERFEZIONATIVO DELLA NOTIFICA:
54. Perfezionamento della noti'ca per il noti'cante con la consegna all'uf'ciale
giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
M) SULLA APPLICABILITÀ DELL'ART. 139 COD. PROC. CIV. AGLI ATTI STRAGIUDIZIALI:
55. La disposizione non si applica agli atti stragiudiziali . . . . . . . . . . . . . . . . 100

Art. 140
Irreperibilità o ri'uto di ricevere la copia
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
A) LE CIRCOSTANZE CHE RENDONO LEGITTIMO IL RICORSO ALLA NOTIFICAZIONE EX ART. 140
COD. PROC. CIV.:
1. Presupposti di applicazione della norma. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105
2. In particolare, il ri'uto delle persone indicate dall'art. 139 cod. proc. civ. rende
legittima l'applicazione dell'art. 140 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . 107
3. Non è necessario che il noti'cando sia ricercato in tutti i Comuni e luoghi
indicati dall'art. 139 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
4. L'uf'ciale giudiziario non è tenuto ad effettuare ricerche per appurare l'even-
tuale trasferimento del noti'cando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
5. La noti'cazione ex art. 140 cod. proc. civ. non è legittima in presenza di
elementi, conosciuti o conoscibili con diligenza normale, che evidenziano il
trasferimento del destinatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
6. Il rapporto tra gli artt. 140 e 143 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 109
B) LA RELATA DI NOTIFICAZIONE:
7. È necessaria l'espressa attestazione, nella relata, dell'impossibilità di consegna
dell'atto nei luoghi, alle persone e alle condizioni prescritte dagli artt. 138 e 139
cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
8. Ef'cacia probatoria della relata di noti'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 112
9. Contrasto tra le relate in calce all'originale restituito al noti'cante ed alla copia
consegnata al noti'cato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 113
C) IL MOMENTO PERFEZIONATIVO DELLA NOTIFICAZIONE:
10. La noti'cazione ex art. 140 cod. proc. civ. si perfeziona al momento dell'esple-
tamento delle tre formalità normativamente previste. . . . . . . . . . . . . . . . 113
11. Rilievo dell'orario ai 'ni del perfezionamento della noti'cazione . . . . . . . . 115
D) IL RILIEVO DELLE TRE FORMALITÀ:
12. Essenzialità di ciascuna delle tre formalità e natura dell'invalidità dipendente
dalla relativa omissione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
13. Esecuzione delle formalità in un unico contesto temporale . . . . . . . . . . . . 117
14. È consentito l'impiego di un timbro per descrivere l'espletamento delle
formalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
15. Non è suf'ciente l'attestazione di effettuazione degli « avvisi di legge ». . . . . 117
16. La tardiva esecuzione di una formalità è causa di nullità . . . . . . . . . . . . . 117
17. Nullità per inosservanza di una o più formalità e sanatoria per il raggiungimento
dello scopo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 117
Indice sommario XV


E) IL DEPOSITO DELL'ATTO PRESSO LA CASA COMUNALE:
18. Invalidità della noti'cazione in mancanza della formalità . . . . . . . . . . . . . 118
19. Il deposito deve essere riferibile all'atto noti'cato . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
20. Deposito effettuato presso una frazione di Comune . . . . . . . . . . . . . . . . 118
21. Non è richiesta l'indicazione nominativa dell'incaricato del Comune che ha
ricevuto il deposito dell'atto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119
F) L'AFFISSIONE:
22. Rilievo dell'omissione della formalità dell'af'ssione . . . . . . . . . . . . . . . . 119
23. Af'ssione al portone dell'edi'cio anziché alla porta dell'unità immobiliare. . . 120
24. Mancato rinvenimento, da parte del noti'cando, dell'avviso af'sso . . . . . . . 121
G) L'AVVISO A MEZZO DI RACCOMANDATA:
25. È necessaria la produzione, con la copia noti'cata dell'atto, dell'avviso di
ricevimento della raccomandata. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 121
26. Erronea indicazione della data di udienza nella raccomandata ex art. 140 cod.
proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
27. La formalità dell'invio della raccomandata non può essere desunta dal solo
numero della medesima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
28. Contrasto nella data di invio della raccomandata risultante dalla relata e dalla
ricevuta di spedizione del piego . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 125
29. La formalità della raccomandata in caso di pluralità di noti'cazioni ex art. 140
cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
30. Rilievo del con'itto di interessi tra noti'cando e consegnatario della
raccomandata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
31. In mancanza dell'invio della raccomandata la noti'cazione ex art. 140 cod. proc.
civ. è nulla . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
H) PERSONE GIURIDICHE E CONDOMINIO:
32. Applicabilità della norma alle persone giuridiche . . . . . . . . . . . . . . . . . 126
33. Noti'ca ex art. 140 cod. proc. civ. nei confronti del condominio . . . . . . . . 127
I) IL MOMENTO PERFEZIONATIVO DELLA NOTIFICA PER IL NOTIFICANTE:
34. Perfezionamento della noti'ca per il noti'cante con la consegna all'uf'ciale
giudiziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127

Art. 141
Noti'cazione presso il domiciliatario
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 130
1. Volontà di conferire l'incarico al domiciliatario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
2. Indispensabilità dell'indicazione della persona del domiciliatario . . . . . . . . 132
3. Occorre l'accettazione dell'incarico da parte del domiciliatario' . . . . . . . . . 132
4. Legittimazione dell'apparente domiciliatario a contestare detta qualità . . . . . 133
5. Esclusività della noti'cazione al domiciliatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
6. Elezione di domicilio e noti'cazione effettuata altrove . . . . . . . . . . . . . . 133
7. Ri'uto dell'atto da parte del domiciliatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
8. Ri'uto dell'atto da parte delle altre persone indicate dall'art. 139 cod. proc. civ.. 134
9. Ri'essi della nullità della procura sulla contestuale elezione di domicilio . . . . 134
10. Procuratore domiciliatario limitatamente ad un grado di giudizio e noti'ca
dell'impugnazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 135
11. Trasferimento del domiciliatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
12. Trasferimento del procuratore alle liti domiciliatario . . . . . . . . . . . . . . . 136
XVI Indice sommario

13. Elezione di domicilio presso lo studio del procuratore domiciliatario senza
indicazione dell'indirizzo. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
14. Signi'cato dell'espressione « sede indicata nella elezione di domicilio ». . . . . 137
15. Morte del procuratore domiciliatario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 138
16. Morte del procuratore domiciliatario in presenza di altro procuratore . . . . . 138
17. Morte del procuratore domiciliatario e noti'ca ad altro avvocato dello studio . 138
18. Morte del domiciliatario, elezione di domicilio presso lo studio professionale e
presso lo studio del singolo professionista. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 139
19. Morte del domiciliatario e disciplina delle noti'che alle persone giuridiche . . 139
20. Cancellazione del procuratore domiciliatario dall'albo. . . . . . . . . . . . . . . 140
21. Nomina di un nuovo procuratore domiciliatario e noti'cazione eseguita presso
il procuratore domiciliatario sostituito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 140
22. Noti'cazione al domiciliatario dell'atto di riassunzione . . . . . . . . . . . . . . 140
23. Noti'cazione al domiciliatario dell'ordinanza ammissiva del giuramento . . . . 140
24. Noti'cazione presso il domiciliatario dell'impugnazione del lodo arbitrale . . . 141
25. Elezione di domicilio presso la cancelleria e noti'ca a mani del segretario o altro
funzionario. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
26. Elezione di domicilio contenuta nel contratto di locazione . . . . . . . . . . . . 142
27. Applicabilità alla noti'cazione al domiciliatario delle disposizioni in tema di
noti'cazione presso residenza, dimora o domicilio . . . . . . . . . . . . . . . . . 143

Art. 142
Noti'cazione a persona non residente, né dimorante,
né domiciliata nella Repubblica
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 147
A) GENERALITÀ:
1. Ratio della disposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 150
B) CONDIZIONI DI APPLICABILITÀ DELLA DISPOSIZIONE DELL'ART. 142, PRIMO COMMA, COD.
PROC. CIV.:
2. L'indirizzo straniero deve essere noto al noti'cante . . . . . . . . . . . . . . . . 151
2.1. Non può presumersi che il cittadino emigrato in un paese straniero senza
avere ottemperato agli adempimenti di cui agli artt. 44 cod. civ. e 31 disp.
att. cod. civ. abbia abbandonato la propria residenza in Italia . . . . . . 151
3. Impossibilità di eseguire la noti'cazione alla stregua delle convenzioni interna-
zionali applicabili. L'onere di darne prova incombe sul noti'cante . . . . . . . 152
4. Mancata elezione di domicilio o mancata costituzione di un procuratore in
Italia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
C) NOTIFICA AI SENSI DEL PRIMO COMMA DELL'ART. 142 COD. PROC. CIV. FORMALITÀ:
5. Adempimenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
D) MOMENTO PERFEZIONATIVO DELLA NOTIFICA AI SENSI DELL'ART. 142 COD. PROC. CIV.:
6. Perfezionamento della noti'ca effettuata ai sensi dell'art. 142, primo comma,
cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
6.1. Perfezionamento della noti'ca effettuata ai sensi dell'art. 142, primo
comma, cod. proc. civ.. Fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 154
E) FORME DELLA NOTIFICAZIONE EX ART. 142 COD. PROC. CIV. ALLA STREGUA DELLE
CONVENZIONI INTERNAZIONALI:
7. Convenzioni internazionali abilitanti a noti'ca a mezzo posta. Le modalità di
consegna devono essere quelle proprie dei regolamenti interni del Paese di
destinazione. Limite dell'ordine pubblico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 155
Indice sommario XVII


8. Convenzione adottata a L'Aja il 15 novembre 1965. Noti'ca a persona residente
all'estero. Attestazione dell'autorità centrale dello Stato richiesto della noti'ca.
Onere di produzione in giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
8.1. Convenzione adottata a L'Aja il 15 novembre 1965. Noti'ca a mezzo
posta eseguita nei confronti di destinatario residente in un Paese oppo-
stosi alla trasmissione degli atti a mezzo del servizio postale. Inesistenza. 157
9. Convenzione tra Italia ed Austria stipulata il 30 giugno 1975. Non essenzialità
della traduzione dell'atto da noti'care . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 157
10. Noti'ca a cittadino italiano residente in Australia. Validità della noti'cazione a
norma dell'art. 142, primo e secondo comma (testo vigente prima della riforma
introdotta dalla legge n. 196 del 2003) cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . 158
11. Rapporti tra Italia e Svizzera anteriormente alla data (1 gennaio 1995) di entrata
in vigore, fra tali due Paesi, della Convenzione adottata a L'Aja il 15 novembre
1954 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
F) RAPPORTI CON ALTRE DISPOSIZIONI:
12. Il rapporto tra gli artt. 142 e 140 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
13. Il rapporto tra gli artt. 142 e 143 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 160
14. Il rapporto tra gli artt. 142 e 151 cod. proc. civ.. Inapplicabilità della
disposizione dell'art. 151 cod. proc. civ. in presenza di convenzioni
internazionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
G) PROCESSO E CONTENZIOSO TRIBUTARIO:
15. Mancanza di elezione di domicilio o di dichiarazione di residenza in Italia.
Noti'ca presso la Segreteria della Commissione tributaria . . . . . . . . . . . . 164
16. La noti'ca degli avvisi di accertamento tributari a persona non residente,
domiciliata o dimorante in Italia deve essere effettuata nelle forme di cui all'art.
60 del d.P.R. 29 settembre 1973 n. 600 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
H) FATTISPECIE PARTICOLARI:
17. Assicurazione per la r.c.a . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
I) QUESTIONI DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE:
18. Corte Costituzionale 2 febbraio 1978 n. 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
19. Corte Costituzionale 3 marzo 1994 n. 69 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
20. Corte Costituzionale 22 ottobre 1996 n. 358 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
21. Corte costituzionale 16 aprile 1999 n. 132 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
22. Corte Costituzionale 18 dicembre 2001 n. 47. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
22.1. Corte costituzionale 7 novembre 2007 n. 366 . . . . . . . . . . . . . . . . 167
L) EFFETTI DELLE DECISIONI DELLA CORTE COSTITUZIONALE:
23. Declaratorie di incostituzionalità. Applicabilità alle situazioni non esaurite alla
data di pubblicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 167
M) IMPUGNAZIONI.

Art. 143
Noti'cazione a persona di residenza,
dimora e domicilio sconosciuti
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
A) LE CIRCOSTANZE CHE RENDONO LEGITTIMO IL RICORSO ALLA NOTIFICAZIONE EX ART. 143
COD. PROC. CIV.:
1. Condizioni di applicabilità delle disposizioni dell'art. 143 cod. proc. civ..
Oggettiva impossibilità di conoscere i luoghi di noti'ca mediante l'impiego di
diligenza ordinaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
XVIII Indice sommario

1.1. Nozione di « diligenza ordinaria » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
1.2. Buona fede del noti'cante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
2. Incombe sul noti'cante l'onere di dare la prova della oggettiva impossibilità di
conoscere i luoghi di noti'ca attraverso l'impiego di diligenza ordinaria . . . . 179
3. Necessità delle ricerche ed effetti della omessa menzione delle stesse . . . . . . 180
B) FORMALITÀ DELLA NOTIFICA E CONSEGUENZA DELLA LORO INOSSERVANZA:
4. Onere di effettuare le ricerche e di darne conto . . . . . . . . . . . . . . . . . . 181
4.1. Discordanza tra residenza anagra'ca e residenza effettiva . . . . . . . . . 181
5. Af'ssione dell'atto da noti'care all'albo della casa comunale . . . . . . . . . . . 182
6. Inesattezza delle informazioni acquisite: validità della noti'ca . . . . . . . . . . 182
7. Quando si veri'ca la nullità della noti'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 182
8. Ipotesi di inesistenza della noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 184
C) MOMENTO PERFEZIONATIVO DELLA NOTIFICAZIONE A NORMA DELL'ART. 143 COD. PROC.
CIV.:
9. Momento perfezionativo della noti'ca per il noti'cante. . . . . . . . . . . . . . 184
10. Momento perfezionativo della noti'ca per il destinatario . . . . . . . . . . . . . 185
D) RAPPORTI CON ALTRE DISPOSIZIONI:
11. Rapporti tra art. 143 e art. 140 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
12. Rapporti tra art. 143 e art. 142 cod. proc. civ.: rinvio . . . . . . . . . . . . . . . 188
13. Rapporti tra art. 143 e art. 145 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 188
14. Rapporto tra art. 143 e art. 151 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 193
15. Rapporto tra art. 143 e art. 10 r.d. 17 agosto 1907 n. 642 . . . . . . . . . . . . 193
E) PROCESSO TRIBUTARIO
F) IPOTESI PARTICOLARI:
16. Inapplicabilità della disposizione dell'art. 143 cod. proc. civ. per le violazioni del
Codice della strada . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
G) QUESTIONI DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE:
17. Corte costituzionale 2 febbraio 1978 n. 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
18. Corte costituzionale 3 marzo 1994 n. 69. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 194
19. Corte costituzionale 17 gennaio 2000 n. 15 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
20. Corte costituzionale 22 luglio 2005 n. 310 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
H) EFFETTI DELLE DECISIONI DELLA CORTE COSTITUZIONALE: RINVIO:
21. Declaratorie di incostituzionalità. Applicabilità alle situazioni non esaurite alla
data di pubblicazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 195
I) IMPUGNAZIONI:
22. Mutamento della situazione processuale nelle varie fasi del giudizio. Legittimità
di forme diverse di noti'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
L) RITO:
23. La violazione delle disposizioni dell'art. 143 cod. proc. civ. può essere eccepita
soltanto dal noti'cando . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
24. Litisconsorzio facoltativo: autonomia delle posizioni processuali . . . . . . . . . 196
25. Negligenza nell'accertamento del domicilio del convenuto: non con'gurabilità
del dolo revocatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
26. Inesistenza della sentenza pronunciata nei confronti di persona già deceduta al
momento della proposizione della domanda, pur nella ritualità della noti'ca
dell'atto di citazione ex art. 143 cod. proc. civ.. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 196
27. Noti'cazione dell'atto di citazione ex art. 143 cod. proc. civ.: irrilevanza della
cognizione in momento successivo del trasferimento della residenza del
convenuto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197
Indice sommario XIX


28. Persona residente all'estero. Integrazione del contraddittorio disposta ai sensi
dell'art. 331 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 197

Art. 144
Noti'cazione alle amministrazioni dello Stato
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
A) NOTIFICA DEGLI ATTI GIUDIZIALI ALLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO:
1. Noti'ca necessaria all'Avvocatura dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
2. È sanabile il vizio di noti'ca qualora l'amministrazione si costituisca . . . . . . 206
3. Esercizio, da parte dell'Avvocatura dello Stato, della facoltà di delega ad un
« procuratore legale » privato e validità della noti'ca presso quest'ultimo . . . 207
3.1. Inesistenza della noti'cazione eseguita presso un « procuratore legale »
privato, ove l'Avvocatura dello Stato abbia eletto domicilio . . . . . . . . 207
4. Noti'ca presso l'Avvocatura distrettuale anziché presso l'Avvocatura generale
dello Stato del ricorso per cassazione. Possibilità di corretta rinoti'ca . . . . . 207
4.1. Effetti della noti'ca del ricorso per cassazione eseguita, nei giudizi con
pluralità di parti, presso l'Avvocatura distrettuale anziché presso l'Avvo-
catura generale dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
4.2. Ricorso indirizzato a Ministero diverso da quello competente: ammissi-
bilità della rinnovazione in caso di tempestività della noti'ca originaria . 209
5. Il ricorso di opposizione avverso verbale di contestazione dell'infrazione
noti'cato, insieme al decreto di 'ssazione di udienza, dalla Cancelleria all'autore
della contestazione anziché al Ministero competente comporta l'invalidità della
sentenza e non l'inammissibilità del ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 209
B) DEROGHE ALLA REGOLA DI NOTIFICA PRESSO L'AVVOCATURA DELLO STATO (LEGGE N. 689
DEL 1981):
6. Nel caso di opposizione a sanzioni amministrative, il ricorso e il decreto di
'ssazione di udienza devono essere noti'cati, a cura della Cancelleria, presso
l'Autorità amministrativa (amministrazione dello Stato) che ha emesso il
provvedimento opposto e non presso l'Avvocatura dello Stato . . . . . . . . . . 209
6.1. La noti'ca della sentenza deve essere eseguita non presso l'Avvocatura
dello Stato, ma presso l'Autorità amministrativa costituitasi in giudizio
personalmente o tramite funzionario oppure rimasta contumace . . . . . 210
6.2. La noti'ca del ricorso per cassazione deve essere eseguita non presso
l'Avvocatura dello Stato, ma presso l'Autorità amministrativa (ammini-
strazione dello Stato) costituitasi in giudizio personalmente o tramite
funzionario oppure rimasta contumace . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
6.3. La noti'ca degli atti processuali deve essere eseguita direttamente e
personalmente presso il funzionario tramite il quale l'Autorità ammini-
strativa si sia costituita in giudizio. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
C) ADEMPIMENTI:
7. Nelle noti'cazioni alle amministrazioni dello Stato, l'orario da osservare è quello
previsto nell'art. 147 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
D) « VIZI » DELL'ATTO E CONSEGUENZE:
8. L'erronea indicazione, nell'atto noti'cato, del Ministro in carica con'gura una
mera irregolarità o, comunque, un'invalidità sanabile . . . . . . . . . . . . . . . 212
9. L'erronea indicazione, nell'atto noti'cato, dell'organo di rappresentanza del
Pubblico Ministero determina nullità sanabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
XX Indice sommario

10. La dicitura generica « Avvocatura dello Stato » contenuta nella relata di noti'ca
di un atto eseguita nel distretto della Corte di Appello di Roma determina una
mera irregolarità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
E) NOTIFICA DI ATTI NON GIUDIZIALI:
11. Il precetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 213
F) NOTIFICA DEGLI ATTI GIUDIZIALI AD ENTI PUBBLICI DIVERSI DALLE AMMINISTRAZIONI DELLO
STATO:
12. Il principio di inapplicabilità delle norme sul Foro erariale . . . . . . . . . . . . 213
13. Fattispecie di inapplicabilità. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
a) Agenzia delle entrate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
b) Cassa di previdenza per le pensioni ai sanitari . . . . . . . . . . . . . . . 214
c) Agenzia dello Sviluppo per il Mezzogiorno (già Cassa per il
Mezzogiorno) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 214
d) Ente Nazionale Autonomo delle strade ' ANAS . . . . . . . . . . . . . . 214
e) Istituto Postelegrafonici. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
f) Agenzia per le Erogazioni in Agricoltura. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
g) Università degli studi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
14. Fattispecie di applicabilità delle norme sul Foro erariale . . . . . . . . . . . . . 215
a) Ente Poste Italiane . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
b) Uf'cio provinciale dell'Industria, del Commercio e dell'Artigianato '
UPICA . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
c) Attività Assistenziali Italiane e Internazionali ' AAII . . . . . . . . . . . . 216
15. La situazione dell'ente Ferrovie dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
a) ove l'Avvocatura dello Stato sia costituita ritualmente per l'Ente Ferrovie
dello Stato nel giudizio di primo grado, l'atto di appello ' anche dopo la
privatizzazione dell'Ente ' deve essere noti'cato presso la stessa
Avvocatura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 216
b) inesistenza della noti'ca di impugnazione effettuata presso l'Avvocatura
dello Stato non patrocinante nei precedenti gradi del giudizio . . . . . . 218
c) giudizio di rinvio e individuazione del giudice competente . . . . . . . . 218
G) « VIZI » E CONSEGUENZE DELLA NOTIFICA DEGLI ATTI GIUDIZIALI AD ENTI PUBBLICI DIVERSI
DALLE AMMINISTRAZIONI DELLO STATO:
16. Sanatoria dell'invalidità quando possa presumersi che il destinatario avrà
conoscenza dell'atto invalidamente noti'cato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
H) NOTIFICA DI ATTI GIUDIZIALI ALLE REGIONI:
17. Per le Regioni a statuto ordinario si applica il regime processuale proprio delle
amministrazioni dello Stato qualora la Regione abbia esercitato la facoltà di
avvalersi del patrocinio dell'Avvocatura dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . 219
18. Per la Regione Sardegna a statuto speciale la rappresentanza e difesa in giudizio
da parte dell'Avvocatura dello Stato è divenuta facoltativa . . . . . . . . . . . . 219
19. Per la Regione Valle d'Aosta a statuto speciale la rappresentanza e difesa in
giudizio compete all'Avvocatura dello Stato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 220
I) PROCESSO TRIBUTARIO:
20. A seguito dell'istituzione dell'Agenzia delle entrate, divenuta operativa dal 1°
gennaio 2001, nei giudizi introdotti anteriormente a tale data, nell'ambito dei quali
non sia stato chiesto il patrocinio dell'Avvocatura dello Stato, la noti'ca dell'im-
pugnazione deve essere effettuata nei confronti (o da parte) dell'Agenzia stessa. 221
21. Il ricorso per cassazione avverso sentenza della Commissione tributaria regio-
nale in un giudizio di appello introdotto successivamente all'1 gennaio 2001
Indice sommario XXI


deve essere proposto nei confronti dell'Agenzia 'scale centrale e non dell'Agen-
zia 'scale locale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 223
22. Decorrenza dei termini per proporre ricorso per cassazione avverso sentenze
della Commissione tributaria regionale in giudizi di appello introdotti anterior-
mente o successivamente all'1 gennaio 2001 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 224
23. Conseguenze della noti'ca del ricorso per cassazione avverso le decisioni in
grado di appello della Commissione tributaria regionale al Ministero delle
Finanze presso l'Avvocatura Generale dello Stato . . . . . . . . . . . . . . . . . 225
24. Non estensibilità della norma dell'art. 38 d.lgs. n. 546 del 1992 oltre i limiti
segnati dalla norma interpretativa dell'art. 21, primo comma, della legge n. 133
del 1999 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 226
25. L'ingiunzione 'scale noti'cata invalidamente è inidonea alla funzione di
precetto; è, invece, idonea alla funzione di atto interruttivo della prescrizione . 226
26. La noti'cazione del ricorso introduttivo eseguita ai sensi dell'art. 16, terzo
comma, d.lgs. 546/92 è inesistente qualora sulla copia dell'atto depositato
manchi la sottoscrizione del consegnatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
27. Mera irregolarità della noti'ca del ricorso nel giudizio di impugnazione del
silenzio-ri'uto effettuata in data successiva al 1° gennaio 2001 nei confronti
dell'uf'cio delle imposte dirette anziché della direzione regionale delle entrate. 227
L) QUESTIONI DI LEGITTIMITÀ COSTITUZIONALE:
28. Corte costituzionale 8 luglio 1967, n. 97. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
29. Corte costituzionale 1 luglio 1993 n. 295 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 227
M) IMPUGNAZIONI: RINVIO.

Art. 145
Noti'cazione alle persone giuridiche
Le questioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
A) LA SEDE DELLA PERSONA GIURIDICA:
1. Equiparazione, ai 'ni delle noti'cazioni a persone giuridiche, tra sede legale e
sede effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
2. Nozione di sede effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 239
3. Quando la sede legale coincide con quella effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . 240
4. Non coincidenza tra sede legale e sede effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
4.1. Non occorre esperire un previo tentativo di noti'cazione nella sede legale
prima di provvedervi in quella effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
4.2. Onere del noti'cante di provare ' in caso di contestazione ' che si
tratta della sede effettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 241
5. Nullità della noti'ca eseguita presso un uf'cio periferico o distaccato . . . . . 241
6. Il trasferimento della sede legale è opponibile solo se iscritto nel registro delle
società . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 242
B) NOTIFICAZIONE AD ENTI PUBBLICI:
7. La noti'ca all'I.N.P.S. va effettuata presso la sede centrale, salva espressa delega
per la ricezione al direttore della sede provinciale . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
`
7.1. E valida la noti'ca degli atti processuali effetuata presso l'uf'cio legale
dell'Istituto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
8. Luogo delle noti'cazioni di atti processuali nei confronti del disciolto E.N.P.A.S.. 244
C) LE ATTIVITÀ DELL'UFFICIALE GIUDIZIARIO:
9. Fede privilegiata delle attestazioni dell'Uf'ciale giudiziario . . . . . . . . . . . . 244
XXII Indice sommario

9.1. Spetta all'uf'ciale giudiziario individuare la persona 'sica che, in luogo
del rappresentante legale, sia incaricata di ricevere la noti'ca . . . . . . . 245
D) SOGGETTI ABILITATI A RICEVERE L'ATTO:
10. Legale rappresentante della persona giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
11. Equiparazione tra il legale rappresentante e la persona incaricata di ricevere le
noti'cazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
12. Quando la sede della persona giuridica coincide con il luogo di residenza del suo
legale rappresentante . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 246
13. Domicilio eletto da parte del legale rappresentante . . . . . . . . . . . . . . . . 247
14. Rappresentanza congiunta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 247
15. Il mutamento del legale rappresentante della società rileva solo se è stato iscritto
nel registro di cancelleria e pubblicato nel bollettino uf'ciale delle società . . . 247
16. Noti'ca alla società messa in liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
17. Società cancellata dal registro delle imprese. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
18. Società incorporata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 248
19. Nei casi di perdita della capacità processuale (fallimento, liquidazione coatta
amministrativa) della società, la noti'ca degli atti processuali deve essere
eseguita nel domicilio o nella residenza della persona 'sica che la rappresenta. 248
20. Fattispecie in tema di noti'ca al condominio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249
E) SOGGETTI DIVERSI DAL LEGALE RAPPRESENTANTE ABILITATI A RICEVERE L'ATTO:
21. Portiere dello stabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 250
22. Consegnatario legato alla persona giuridica da particolare rapporto . . . . . . . 250
23. Persona addetta alla sede della persona giuridica. . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
24. Presunzione della sussistenza in capo al consegnatario sulla qualità che lo
legittima. Onere della prova contraria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 251
25. Quando il consegnatario è dipendente dell'ente pubblico. . . . . . . . . . . . . 253
a) noti'ca al Comune . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
b) noti'cazioni eseguite, a norma dell'art. 82 del r.d. 22 gennaio 1934 n. 37,
presso la cancelleria dell'autorità giudiziaria davanti alla quale il processo
è in corso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254
F) NOTIFICHE A SOCIETÀ AVENTI PERSONALITÀ GIURIDICA:
26. In caso di noti'ca a persona che abbia dichiarato di essere « incaricata a
ricevere » le noti'cazioni per conto della società e sia addetta alla portineria
dell'intero stabile, deve escludersi la ricorrenza di una fattispecie di inesistenza
e ritenersi quella di nullità, sanabile ex tunc dalla costituzione della destinataria. 254
27. Fattispecie di noti'ca comportanti la nullità della stessa . . . . . . . . . . . . . 254
28. Mere irregolarità nella noti'ca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 256
G) NOTIFICHE A SOCIETÀ NON AVENTI PERSONALITÀ GIURIDICA, AD ASSOCIAZIONI NON
RICONOSCIUTE, A COMITATI:
29. Modalità della noti'cazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
30. Luogo della noti'cazione degli atti processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
31. Nella società di fatto ciascun socio può essere validamente destinatario delle
noti'cazioni di atti processuali concernenti la società . . . . . . . . . . . . . . . 258
H) RAPPORTI CON ALTRE DISPOSIZIONI:
32. Il rapporto tra gli artt. 145 e 140 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 259
33. Il rapporto tra gli artt. 145 e 141 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
34. Il rapporto tra gli artt. 145 e 143 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
35. Il rapporto tra gli artt. 145, 143 e 140 cod. proc. civ. . . . . . . . . . . . . . . . 262
Indice sommario XXIII


I) PROCESSO TRIBUTARIO:
36. Noti'cazione di atti processuali in genere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
37. Fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 263
38. Variazioni della sede . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
39. Società incorporate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 264
L) CONTENZIOSO TRIBUTARIO:
40. Sulla applicazione del regime generale delle nullità e delle sanatorie alle noti'che
degli avvisi tributari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
a) è applicabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
b) non è applicabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 265
41. Domicilio 'scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
42. Af'ssione all'albo comunale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
43. Variazioni della sede del destinatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
44. Noti'cazione a società . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .

COMMENTI DEI LETTORI A «Comunicazioni e notificazioni nel processo civile»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Comunicazioni e notificazioni nel processo civile»

ALTRI LIBRI DI «Di Marzio Mauro, Matteini Chiari Sergio»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Comunicazioni e notificazioni nel processo civile»