Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'La disciplina penale del risparmio'

Ingrandisci immagine


La disciplina penale del risparmio

(Diritto e procedura penale oggi)

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «La disciplina penale del risparmio»

Tipo Libro
Titolo La disciplina penale del risparmio
A cura di Giunta F., Micheletti D.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814138218
Pagine IX-300
Data 2008
Collana Diritto e procedura penale oggi

INDICE DI «La disciplina penale del risparmio»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE
CAPITOLO I
INNOVAZIONI E RICADUTE DELLA LEGGE 28 DICEMBRE 2005, N. 262
IN MATERIA DI 'FALSO IN BILANCIO'
di Fausto Giunta
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 1
2. La previsione di un nuovo soggetto attivo: il dirigente preposto alla
redazione dei documenti contabili societari . . . . . . . . . . . . . . . . . . 2
2.1. La problematica rilevanza della nuova 'gura nelle società non
quotate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2.2. La condotta tipica del nuovo soggetto attivo del reato e i veicoli
informativi atti a contenere falsità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 4
2.3. Responsabilità autonoma e responsabilità concorrente del dirigente
preposto alla redazione dei documenti contabili societari . . . . . . 6
3. L'integrazione dell'evento tipico previsto dall'art. 2622 c.c.: il danno
patrimoniale alla società . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 7
4. Il (modesto) incremento del massimo edittale per l'ipotesi di reato prevista
dall'art. 2621 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 8
5. La nuova circostanza del 'grave nocumento ai risparmiatori' . . . . . . . 9
6. La rilevanza amministrativa delle falsità inferiori alle soglie numeriche . . 10

CAPITOLO II
LA RESPONSABILITÀ PENALE DEL DIRIGENTE CONTABILE
di Dario Micheletti
1. La nuova 'gura del « dirigente preposto alla redazione dei documenti
contabili societari » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 13
2. La disciplina sanzionatoria del c.d. dirigente contabile . . . . . . . . . . . 16
3. L'ambito di operatività della disciplina penale riguardante il dirigente
contabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 16
3.1. L'interpretazione restrittiva del dirigente contabile quale elemento
normativo della fattispecie incriminatrice . . . . . . . . . . . . . . . 18
3.2. L'interpretazione estensiva del dirigente contabile quale elemento
descrittivo della fattispecie incriminatrice . . . . . . . . . . . . . . . 20
4. Il dirigente contabile 'di fatto' ex art. 2639 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . 22
5. La responsabilità del dirigente contabile per il delitto di false comunica-
zioni sociali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 22
6. Le norme penali modi'cate dall'art. 15 l. 262/2005 . . . . . . . . . . . . . 26
VI Indice

CAPITOLO III
IL NUOVO DELITTO DI OMESSA COMUNICAZIONE
DEL CONFLITTO DI INTERESSI
di Massimiliano Annetta
1. Rilievi preliminari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 29
2. La struttura della nuova fattispecie incriminatrice . . . . . . . . . . . . . . 30
2.1. La condotta tipica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 32
2.2. Il presupposto della condotta: il con'itto di interessi . . . . . . . . 33
2.3. Il pregiudizio alla società o a terzi: condizione obiettiva di punibilità
o elemento costitutivo del reato' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 36
2.4. La prova del nesso causale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
3. L'elemento soggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 38
4. La responsabilità amministrativa della persona giuridica . . . . . . . . . . 39
5. L'ultimo ritocco normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 39

CAPITOLO IV
LA RIFORMULAZIONE DEL RICORSO ABUSIVO AL CREDITO
di Dario Micheletti
1. L'evoluzione della fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 41
2. Bene giuridico tutelato e ambito di applicazione dell'originario art. 218
l. fall. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 45
3. La controversa 'sionomia della nuova fattispecie di « ricorso abusivo al
credito » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 49
4. Le vincolanti ricadute strutturali del nuovo regime sanzionatorio . . . . . 52
5. Le modi'che concernenti i soggetti attivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.1. I liquidatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 55
5.2. Gli amministratori e i direttori generali . . . . . . . . . . . . . . . . 57
5.3. I rapporti tra il nuovo art. 218 l. fall. e la bancarotta fraudolenta
societaria di cui all'art. 223, n. 2, l. fall. . . . . . . . . . . . . . . . . 59
6. L'elemento oggettivo, con particolare riferimento al presupposto dello
« stato di insolvenza » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 61
6.1. L'ambientazione negoziale dell'illecito . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
6.2. La condotta tipica di dissimulazione: un enigma inin'uente. . . . . 64
7. Il rapporto con altre 'gure di reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
8. La diversa rilevanza penale del 'ricorso abusivo al credito' rispetto alla
'concessione del credito rovinoso' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68

CAPITOLO V
IL 'RITORNO' DEL REATO DI MENDACIO BANCARIO
di Costanza Bernasconi
1. La riproposizione della fattispecie di mendacio bancario . . . . . . . . . . 71
2. L'oggetto della tutela . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 73
3. Il soggetto attivo del reato. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
4. Le materialità del fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
Indice VII



5. L'elemento soggettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
6. La perfezione e il tentativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 80
7. I rapporti con altre fattispecie limitrofe . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 82

CAPITOLO VI
LA NUOVA FATTISPECIE DI FALSO IN PROSPETTO
di Fausto Giunta
1. Il ritorno del falso in prospetto nel testo unico 'nanziario . . . . . . . . . 87
2. Il bene giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 89
3. Il soggetto attivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
4. La condotta tipica e il requisito dell'idoneità . . . . . . . . . . . . . . . . . 91
5. Il requisito dell'idoneità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 93
6. I veicoli informativi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 94
7. Il dolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 97

CAPITOLO VII
LA RIFORMA DELLA DISCIPLINA PENALE DELLA REVISIONE CONTABILE
di Gianfranco Martiello
1. Considerazioni preliminari. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 99
2. Il falso nell'attività di revisione: l'oggetto della tutela . . . . . . . . . . . . 104
2.1. L'ambito soggettivo di applicazione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 108
2.2. La condotta incriminata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 114
2.3. L'elemento psicologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
2.4. Le aggravanti speciali e la clausola di estensione della responsabili-
tà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 118
3. La nuova 'gura di corruzione dei revisori. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 123
4. Problematiche intersezioni applicative tra fattispecie. . . . . . . . . . . . . 129
5. Il trattamento sanzionatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 131

CAPITOLO VIII
L'OMISSIONE DELLE COMUNICAZIONI PRESCRITTE DALL'ART. 124-BIS TUF
di Caterina Paonessa
1. Il nuovo art. 192-bis Tuf. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 137
2. I con'ni operativi dell'illecito amministrativo . . . . . . . . . . . . . . . . . 141
3. I destinatari degli obblighi informativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 145
4. L'omissione delle informazioni sull'adesione ai codici di comportamento. 150
5. La pubblicizzazione delle regole di condotta nel settore dell'attività
d'impresa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 152
6. Il meccanismo sanzionatorio e la clausola di riserva . . . . . . . . . . . . . 158

CAPITOLO IX
L'OMESSA COMUNICAZIONE DEGLI INCARICHI SOCIETARI
di Dario Guidi
1. Cenni introduttivi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
VIII Indice

2. La nuova disciplina del limite al cumulo di incarichi di cui all'art. 148-bis
Tuf . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 163
3. Obblighi di informazione e limite massimo di incarichi simultanei nel
nuovo regolamento Consob . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 166
4. La clausola di salvezza degli obblighi di comunicazione previsti dal novel-
lato art. 2400, comma 4, c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168

CAPITOLO X
UNA NUOVA IPOTESI DI ABUSIVISMO FINANZIARIO
di Dario Guidi
1. La nuova fattispecie di esercizio di attività 'nanziaria in assenza di iscri-
zione nell'elenco speciale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 173
2. Struttura del reato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 176
3. La nozione di « attività 'nanziarie » rilevante ai sensi degli artt. 106 e 107
Tub. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 178
4. Poteri e compiti di vigilanza della Banca d'Italia . . . . . . . . . . . . . . . 181

CAPITOLO XI
LE MODIFICHE DI CARATTERE SANZIONATORIO
di Costanza Bernasconi
Sezione I
GLI INTERVENTI SULLE PENE PRINCIPALI
1. Il raddoppio delle pene principali di talune fattispecie contenute nella
legislazione extra codicem (art. 39, comma 1) . . . . . . . . . . . . . . . . . 185
2. Il restyling della cornice edittale delle fattispecie codicistiche (art. 39,
comma 2) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 186
3. L'aumento delle sanzioni amministrative (art. 39, comma 3) . . . . . . . . 188
4. L'inasprimento sanzionatorio in relazione alla nuova disciplina in materia
di assicurazioni (art. 39, comma 4) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189
5. Il raddoppio delle sanzioni pecuniarie previste dall'art. 25-ter d.lgs. 231 del
2001 (art. 39, comma 5) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 189

Sezione II
IL REGIME DELLE SANZIONI ACCESSORIE
1. Le vicende della delega al Governo per l'introduzione di nuove sanzioni
accessorie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
2. I principi e i criteri direttivi per l'attuazione della delega . . . . . . . . . . 194
3. La tipologia delle sanzioni accessorie: a) la sospensione e la decadenza dalle
cariche o dagli uf'ci direttivi; b) l'interdizione dalle cariche; c) la pubblicità
della sanzione pecuniaria e accessoria; d) la con'sca. . . . . . . . . . . . . 194
4. La competenza per l'applicazione delle sanzioni accessorie . . . . . . . . . 198
Indice IX



CAPITOLO XII
IL DELITTO DI ILLECITE OBBLIGAZIONI DEGLI ESPONENTI BANCARI
di Carlo Bergamasco
1. La nuova formulazione dell'art. 136 Tub. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 199
2. Il bene giuridico tutelato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 202
2.1. L'intervento della Corte costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . . 203
2.2. I recenti mutamenti di prospettiva nell'approccio al problema
dell'offensività . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 206
3. L'individuazione dei soggetti attivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 208
4. Gli atti sottoposti al divieto condizionato e la procedura autorizzatoria. . 210

CAPITOLO XIII
LE INNOVAZIONI CONCERNENTI GLI ILLECITI AMMINISTRATIVI
DEL TESTO UNICO FINANZIARIO
di Valeria Attili e Daniele Guerri
1. Le sanzioni amministrative pecuniarie in tema di disciplina degli interme-
diari e dei mercati e in materia di offerta al pubblico di sottoscrizione e di
vendita (artt. 190 e 191): i rapporti con la l. 24 novembre 1981, n. 689 . 215
2. Gli illeciti amministrativi in tema di disciplina degli intermediari e dei
mercati (art. 190): premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
2.1. I destinatari delle sanzioni amministrative pecuniarie. . . . . . . . . 220
2.2. Le condotte sanzionate dall'art. 190 . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222
3. Gli illeciti in materia di offerta al pubblico di sottoscrizione e vendita (art.
191). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 230
4. La disciplina punitiva dell'ammissione alle negoziazioni . . . . . . . . . . . 233
4.1. L'ambito di applicazione della norma . . . . . . . . . . . . . . . . . 234
4.2. Le violazioni sanzionate . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 237
4.3. Le sanzioni. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 243
5. Gli illeciti concernenti l'informazione societaria . . . . . . . . . . . . . . . 244
5.1. I soggetti e gli obblighi informativi sanzionati . . . . . . . . . . . . . 246
5.2. Le sanzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 254

APPENDICE
Codice civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 257
D.lgs. 1 settembre 1993, n. 385. ' Testo unico delle leggi in materia bancaria
e creditizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 266
D.lgs. 24 febbraio 1998, n. 58. ' Testo unico delle disposizioni in materia di
intermediazione 'nanziaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 274
Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 299

COMMENTI DEI LETTORI A «La disciplina penale del risparmio»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «La disciplina penale del risparmio»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «La disciplina penale del risparmio»