Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea'

Ingrandisci immagine


I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea

(Univ.Roma-Biblioteca di diritto intern.)


di

Curti Gialdino Carlo

 

Disponibilità immediata
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea»

Tipo Libro
Titolo I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814136788
Pagine XXI-258
Data 2008
Collana Univ.Roma-Biblioteca di diritto intern.

INDICE DI «I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

VII




INDICE




Abbreviazioni ed acronimi ..................................................................................................... XI

Premessa e piano del lavoro ....................................................................................................... XV


CAPITOLO I
I MOTIVI DI RICORSO NELLE AZIONI DAVANTI AL GIUDICE DELL'UNIONE
EUROPEA


1. Considerazioni introduttive. I dati normativi. Enumerazione dei motivi di
ricorso nel giudizio di annullamento previsto nei trattati CE, EURATOM
ed UE ........................................................................................................................... 1
2. La limitazione dei motivi invocabili nel ricorso di annullamento ....................... 4
3. I motivi di ricorso nei rimedi giurisdizionali diversi dal giudizio di annulla-
mento: l'eccezione di illegittimità, il rinvio pregiudiziale per l'accertamento di
validità, l'azione di annullamento relativa ai diritti di proprietà intellettuale, il
giudizio per carenza, l'impugnazione delle decisioni giudiziarie ........................ 9



CAPITOLO II
IL SISTEMA DEI VIZI DELL'ATTO. PROFILI GENERALI



1. Il modello di riferimento dei vizi dell'atto. Influenze nazionali e specificità
comunitaria .................................................................................................................. 15
2. La tassatività dei motivi di ricorso ........................................................................... 20
3. Precisazioni classificatorie ......................................................................................... 22
3.1 Sovrapposizione tra vizi e ragioni della loro quadripartizione ............... 22
3.2 Assenza di formalismo da parte del giudice comunitario ....................... 25
3.3 Interferenze tra i vizi dell'atto ..................................................................... 29
3.4 Inesistenza di una gerarchia tra i vizi ......................................................... 33
VIII INDICE



CAPITOLO III
LA NULLITÀ ' INESISTENZA DELL'ATTO


1. Considerazioni introduttive. Il silenzio dei trattati istitutivi, il contributo della
dottrina .................................................................................................................... 35
2. Le precisazioni della giurisprudenza ....................................................................... 37
3. La gravità dello stato viziato dell'atto e le sue conseguenze giuridiche: il di-
verso approccio del Tribunale e della Corte .......................................................... 43
4. La rilevabilità di ufficio e le conseguenze dell'inesistenza ................................... 46



CAPITOLO IV
L'INCOMPETENZA


1. Considerazioni introduttive. Il principio delle competenze di attribuzione ..... 49
2. Il carattere di ordine pubblico e la rilevabilità di ufficio ...................................... 51
3. La nozione di incompetenza e le sue differenti figure patologiche: incompe-
tenza assoluta e relativa ............................................................................................. 54
3.1 Incompetenza esterna o assoluta: invasione di competenze esclusive
degli Stati membri; invasione di competenze della Comunità da parte
di atti dell'Unione ........................................................................................... 59
3.2 Incompetenza interna o relativa: invasione di competenze del
Consiglio dell'Unione da parte della Commissione europea, e vicever-
sa; delega di poteri ......................................................................................... 66
3.3 Incompetenza ratione temporis ........................................................................ 74
3.4 Incompetenza ratione loci ................................................................................ 79



CAPITOLO V
LA VIOLAZIONE DI FORME SOSTANZIALI


1. Considerazioni introduttive. La nozione di violazione di forme ........................ 81
2. Il carattere di ordine pubblico e la rilevabilità di ufficio ...................................... 83
3. Il carattere 'sostanziale' della violazione di forme. Esclusione dei vizi pura-
mente formali .............................................................................................................. 85
4. Vizi di forma e merito della controversia ............................................................... 93
5. Le figure sintomatiche di violazione di forme sostanziali .................................... 94
5.1 L'incidenza sul procedimento di formazione degli atti ............................ 94
3.2 a. La violazione delle regole di procedura contenute nei
regolamenti interni delle istituzioni .............................................. 95
3.3 b. La mancata adozione di atti endoprocedimentali ...................... 100
5.2 La compressione delle garanzie giuridiche dei soggetti comunitari ....... 104
5.3 Il difetto di motivazione degli atti obbligatori ........................................... 109
3.2 a. L'estensione della motivazione ..................................................... 113
3.3 b. L'errata indicazione della base giuridica ....................................... 122
3.2 c. Violazione dell'obbligo di motivazione ed errore manifesto di
valutazione ........................................................................................ 128
INDICE IX


3.3 d. La convalida o regolarizzazione della motivazione .................... 131
5.4 La mancata autenticazione degli atti, il difetto di pubblicazione o
l'omessa notifica ............................................................................................. 134



CAPITOLO VI
LA VIOLAZIONE DEL TRATTATO O DI QUALSIASI REGOLA DI DIRITTO
RELATIVA ALLA SUA APPLICAZIONE


1. Considerazioni introduttive. Il cd. blocco della legalità comunitaria ................. 139
2. Il concetto di 'trattato'. Sua nozione in senso ampio ......................................... 143
3. La portata dell'espressione 'qualsiasi regola di diritto' relativa
all'applicazione del trattato '................................................................................... 145
3.1 Gli atti vincolanti delle istituzioni ................................................................ 145
3.2 I regolamenti interni delle istituzioni .......................................................... 147
3.3 Gli accordi interistituzionali e gli atti dei rappresentanti degli Stati
membri in sede di Consiglio ......................................................................... 148
3.4 La prassi delle istituzioni e le consuetudini costituzionali ....................... 149
3.5 I principi generali di diritto ........................................................................... 150
3.2 a. I diritti fondamentali e la relativa Carta ...................................... 152
3.6 Le regole del diritto internazionale .............................................................. 153
3.7 La giurisprudenza ........................................................................................... 156
3.8 Non ricomprensione delle regole e prassi nazionali ................................. 157
4. La gerarchia delle norme e la legalità comunitaria ................................................ 157
5. Il concetto di violazione della legalità comunitaria: errore di diritto, errore sui
fatti e discrezionalità .................................................................................................. 160



CAPITOLO VII
LO SVIAMENTO DI POTERE


1. Considerazioni introduttive. La nozione di sviamento di potere ....................... 171
2. Concezione soggettiva e concezione oggettiva dello sviamento ........................ 176
3. La ricerca delle finalità dell'atto e la conciliazione degli obiettivi ....................... 178
4. Le diverse figure sintomatiche dello sviamento di potere ................................... 180
5. Il vizio di sviamento del procedimento .................................................................. 181
5.1 Distinzione fra sviamento di procedura e violazione di forme so-
stanziali ............................................................................................................ 184
6. La prova dello sviamento .......................................................................................... 185
7. Concorso tra motivi leciti e motivi ingiustificati ................................................... 190
8. I limiti del sindacato giurisdizionale ........................................................................ 191
X INDICE



CAPITOLO VIII
IL TRATTAMENTO PROCESSUALE DEI VIZI

1. Esposizione sommaria dei motivi nel ricorso. Poteri del giudice comunitario 197
2. La sorte dei mezzi nuovi ........................................................................................... 204
3. La tecnica dell'assorbimento dei motivi di ricorso ................................................ 207
4. Il carattere inoperante di un motivo di ricorso ...................................................... 209
5. Rapporto tra motivi dedotti ed interesse ad agire ................................................. 210
5.1 Interesse ad agire e competenza vincolata dell'autore dell'atto vi-
ziato da difetto di forme ............................................................................... 216
6. La rilevabilità di ufficio dei motivi di ordine pubblico ......................................... 217
7. Rapporto fra motivi respinti dalla Corte e poteri del Tribunale in caso di so-
spensione del procedimento da parte di quest'ultimo .......................................... 223
8. Il principio tempus regit actum e l'esame dei motivi di ricorso ................................ 224


Indice della giurisprudenza ........................................................................................................... 229

Indice degli autori ......................................................................................................................... 251

Indice analitico ............................................................................................................................. 255

COMMENTI DEI LETTORI A «I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea»

ALTRI LIBRI DI «Curti Gialdino Carlo»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «I vizi dell'atto nel giudizio davanti alla Corte di giustizia dell'Unione Europea»