Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale'

Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale

(Ist. di studi giuridici internazionali)

 

Normalmente disponibile in 30/31 giorni lavorativi
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale»

Tipo Libro
Titolo Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale
A cura di Ferrajolo O.
Editore

Giuffrè


EAN 9788814136702
Pagine XII-222
Data 2008
Collana Ist. di studi giuridici internazionali

INDICE DI «Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE


Presentazione, di SERGIO MARCHISIO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . IX




I.
LO STATUTO DI ROMA ALLA PROVA DELL'APPLICAZIONE

ORNELLA FERRAJOLO, La Corte penale internazionale tra indipendenza e cooperazione

1. La Corte penale internazionale ai suoi esordi . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. Lo Statuto di Roma come trattato « law-making » . . . . . . . . . . . . . . . . 8
3. Il problema della base sociale dello Statuto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 15
4. Alcune (prevedibili) delusioni alla luce della prassi iniziale . . . . . . . . . . . 22
5. Verso un'amministrazione efficace e imparziale della giustizia penale interna-
zionale' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 30



VITTORIO FANCHIOTTI, Il procedimento davanti alla Corte penale internazionale: law on the
books e law in action

1. Caratteristiche della prima fase di operativita della Corte penale internazio-
`
nale sotto il profilo processuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 37
2. L'impianto normativo della Corte penale internazionale . . . . . . . . . . . . 40
3. Le prime indagini: verso una messa a fuoco della fisionomia dei soggetti del
procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 48
4. La partecipazione delle vittime alla fase della « situation » . . . . . . . . . . . 51
5. Il passaggio al « case » e la struttura della disclosure . . . . . . . . . . . . . . 55



GIORGIO BOSCO, L'attuazione dello Statuto della Corte penale internazionale nei lavori del-
l'International Law Association

1. Il Comitato dell'I.L.A. sulla Corte penale internazionale . . . . . . . . . . . . 59
2. Cenni sull'attuazione dello Statuto della Corte penale internazionale in Italia. 61
3. Il Rapporto sull'attuazione dello Statuto presentato alla Conferenza mondiale
dell'I.L.A. del 2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 63
VI INDICE




II.
ASPETTI DI GIURISDIZIONE E FUNZIONAMENTO
DELLA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
ALLA LUCE DELLA PRASSI INIZIALE

GABRIELE DELLA MORTE, La complementarita della Corte penale internazionale alla prova
`
dei fenomeni extra o quasi giudiziali: il caso delle amnistie e delle commissioni di ve-
rita e riconciliazione
`

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 69
2. Inidoneita della normativa in tema di imprescrittibilita a risolvere la questione
` `
della legittimita delle amnistie nel quadro della CPI. . . . . . . . . . . . . . .
` 71
3. I diversi soggetti legittimati a valutare l'eccepibilita di un provvedimento di
`
amnistia: a) i Giudici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 74
4. (Segue): b) il Procuratore. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 77
5. (Segue): c) il Consiglio di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 81
6. La Corte penale internazionale, ex parte pacis o ex parte iustitiae' . . . . . . . 86

DAVID DONAT CATTIN, Accettazione della competenza ad hoc e funzione preventiva dell'in-
tervento della Corte penale internazionale: la situazione della Costa d'Avorio

1. La giurisdizione della Corte penale internazionale (rinvio) . . . . . . . . . . . 89
2. L'accettazione della competenza ad hoc ex art. 12, par. 3, Statuto di Roma, e
Rule 44, Regolamento di procedura e prova . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 90
3. L'accettazione della competenza da parte della Costa d'Avorio . . . . . . . . 93
4. Il principio di non-impunita nella prassi del Consiglio di sicurezza e degli ac-
`
cordi di pace sulla situazione in Costa d'Avorio . . . . . . . . . . . . . . . . . 97
5. Analisi della situazione in Costa d'Avorio da parte del Procuratore della CPI:
valutazione dell'effetto deterrente e dei criteri di complementarita e gravita
` `
per la selezione di casi concreti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 102
6. Conclusione: necessita di massimizzare l'impatto dell'intervento della Corte. .
` 107

MICHELA MIRAGLIA, I diritti della difesa nel procedimento davanti alla Corte penale interna-
zionale: la disclosure nel « caso Lubanga »

1. La disclosure in vista della confirmation hearing: cenni generali . . . . . . . . 111
2. (Segue): il contesto normativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 116
3. Il « caso Lubanga »: le principali decisioni in materia di disclosure adottate
dalla Camera predibattimentale I . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 119

RAFFAELE CADIN, La prassi del Consiglio di sicurezza in materia di deferral: ultra innovativa
o ultra vires'

1. Potere di deferral del Consiglio di sicurezza e autonomia della Corte penale
internazionale: due facce della stessa medaglia . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
2. La prassi « innovativa » del Consiglio di sicurezza: la fase legislativa . . . . . . 131
INDICE VII




3. (Segue): la fase autoreferenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 133
4. La natura ultra vires della prassi esaminata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 136
5. Sul suo presunto carattere innovativo che cela la pretesa degli Stati Uniti di
tornare a un « tribunale permanente ad hoc » sottordinato al Consiglio di si-
curezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 142
6. Una riflessione finale: la risoluzione 1593 (2005) sulla crisi in Darfur quale
prototipo (mal riuscito) di un referral selettivo a carattere sanzionatorio' . . . 144

ANDREA CRESCENZI, Gli Stati Uniti e gli accordi di esenzione dalla giurisdizione della Corte
penale internazionale

1. Gli Stati Uniti e la Corte penale internazionale: cause dell'ostracismo . . . . . 147
2. Atti dell'Amministrazione statunitense volti a boicottare l'azione della Corte . 152
3. Struttura e prassi degli accordi di esenzione dalla giurisdizione della Corte . . 157
4. L'art. 98 dello Statuto della Corte come fondamento degli accordi di esen-
zione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 161
5. L'Unione europea e gli accordi ex art. 98. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 165
6. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 168

ALESSANDRA MIGNOLLI, L'accordo di cooperazione tra l'Unione europea e la Corte penale in-
ternazionale

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 171
2. Il sostegno dell'Unione europea alla creazione e all'effettivita della Corte pe-
`
nale internazionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 172
3. L'Unione europea e l'obiettivo dell'universalita dello Statuto di Roma . . . .
` 173
4. Il sostegno alla Corte nelle sedi istituzionali internazionali: Unione europea c.
Stati Uniti d'America . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 175
5. L'accordo UE-CPI del 2006 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 179
6. Osservazioni conclusive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 183

LUCA MICHELETTA, Vae victis! Giustizia di Brenno e repressione dei crimini di guerra

1. L'amnistia dei crimini di guerra come antidoto al diritto del piu forte . . . . .
` 187
2. Le trasformazioni politiche della guerra e le novita delle paci di Parigi al ter-
`
mine del primo conflitto mondiale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 192
3. Le illusioni prima della seconda guerra mondiale, i drammi della guerra e i Tri-
bunali di Norimberga e Tokio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
4. Teoria e realta della repressione dei crimini di guerra nell'ultimo cinquanten-
`
nio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 205

FABIO MARCELLI, La Corte penale internazionale di fronte al caso iracheno: ragioni e impli-
cazioni di un'occasione mancata

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 211
2. Il caso iracheno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 212
VIII INDICE




3. Ostacoli all'intervento della Corte penale internazionale nel caso iracheno . . 215
a) la questione della mancata disciplina dell'aggressione come crimine giudi-
cabile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 215
b) la questione della mancata ratifica da parte statunitense del Trattato isti-
tutivo della Corte penale internazionale e dell'attiva politica di boicottag-
gio promossa dall'Amministrazione Bush contro di essa . . . . . . . . . . 216
c) l'atteggiamento di connivenza del Consiglio di sicurezza . . . . . . . . . . 217
4. La denuncia presentata alla Corte sulle violazioni da parte del Regno Unito e
la risposta del Procuratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 218
5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 222

COMMENTI DEI LETTORI A «Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Corte penale internazionale. Aspetti di giurisdizione e funzionamento nella prassi iniziale»