Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554'

Ingrandisci immagine


L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554

(Il codice civile. Commentario)


di

Mignone Gianni

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554»

Tipo Libro
Titolo L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554
Autore
Editore

Giuffrè


EAN 9788814123665
Pagine XVII-756
Data 2008
Collana Il codice civile. Commentario

INDICE DI «L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE




Art. 2549 (Nozione)


CAPITOLO I: INTRODUZIONE

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 3
2. Cenno storico. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 6
3. Impostazione di un discorso comparatistico . . . . . . . . . . . . . . . . 16
4. Sintesi esplicativa del volume . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 17


CAPITOLO II: LA NOZIONE DEL CONTRATTO E LA SUA FASE FORMATIVA


1. La nozione: associazione all'impresa e all'affare; partecipazione in
senso stretto e partecipazione sociale; aspetti caratterizzanti del con-
tratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 19
2. Un contratto con causa di 'nanziamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . 34
3. Inquadramento nelle usuali partizioni dei contratti (onerosita, bilatera- `
lita, aleatorieta, carattere 'di durata', intuitus personae). . . . . . . . .
` ` 48
4. Le parti del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 53
5. La capacita richiesta per la stipulazione. La competenza a decidere di
`
stipulare il contratto nell'ipotesi in cui il soggetto sia una societa . . . ` 59
6. Signi'cato del termine 'affare' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 65
7. Associazione in partecipazione senza impresa. Necessaria presenza
dello scopo di lucro' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 68
8. Perfezionamento del contratto, forma, prova, durata . . . . . . . . . . . 74
9. Paragone col contratto di lavoro subordinato (rinvio). Paragone col
mutuo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 76
10. L'associazione in partecipazione e alcune 'gure introdotte con la ri-
XII INDICE




forma delle societa di capitali: a) strumenti 'nanziari ex art.
` 2346, 6o
comma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 88
11. (Segue:) b) azioni 'correlate' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 100
12. (Segue:) c) patrimoni destinati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 105


CAPITOLO III: ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE E SOCIETA
v


Sezione prima: associazione in partecipazione e societa palesi:
`
1. Presentazione del tema; precisazioni preliminari su alcuni punti quali-
'canti: A) tipi sociali con cui effettuare il paragone; B) separazione del
discorso per societa palesi e occulte; C) necessita di reperire elementi
` `
utili in sede quali'catoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 122
2. (Segue:) D) Finanziamento e collaborazione; prestazione d'opera come
conferimento e come collaborazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 127
3. (Segue:) E) Signi'cato di 'collaborazione'; F) riferimento alla societa `
come contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 132
4. I criteri correnti di distinzione fra associazione in partecipazione e
societa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 139
5. Scarsa utilita, ai 'ni del procedimento di quali'cazione, degli elementi
`
discretivi 'soggettivita giuridica', 'autonomia patrimoniale', 'parteci-
`
pazione agli utili d'esercizio anziche di bilancio' . . . . . . . . . . . . .
´ 145
6. L'elemento 'esercizio in comune' dell'attivita sociale nelle de'nizioni
`
della dottrina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 153
7. I limiti della teoria dell'esercizio in comune come 'attivita funzionaliz-
`
zata' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 159
8. Necessaria infruttuosita della ricerca di una de'nizione di 'esercizio in
`
comune' valida per tutte le societa. Ricerca di una nozione piu limitata,
` `
utile ai nostri 'ni. Gli 'aspetti non gestor'' dell'esercizio in comune .
´ 168
9. L'esercizio in comune nelle societa di persone: a) al livello del socio
`
amministratore di societa semplice e in nome collettivo e del socio
`
accomandatario (e amministratore) di societa in accomandita semplice;
`
b) al livello del socio non amministratore . . . . . . . . . . . . . . . . . . 177
10. (Segue:) c) L'esercizio in comune al livello del socio accomandante di
societa in accomandita semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 183
11. Quali'cazione dell'associazione in partecipazione rispetto alla societa `
in nome collettivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 190
12. Quali'cazione dell'associazione in partecipazione rispetto alla societa `
in accomandita semplice . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 198
13. La controversa questione della 'natura' ('di scambio' oppure 'asso-
ciativa') del contratto di associazione in partecipazione . . . . . . . . . 205

Sezione seconda: associazione in partecipazione e societa occulta:
`
14. Il problema della ricostruibilita della societa occulta come associazione
` `
in partecipazione. Il suo (quasi totale) superamento a seguito della
riforma della legge fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 217
INDICE XIII




15. Principio di tipicita delle societa, societa atipiche, clausole atipiche . .
` ` ` 224
16. La societa occulta alla luce del principio di tipicita . . . . . . . . . . . .
` ` 234




Art. 2550 (Pluralita di associazioni)
`


CAPITOLO I: IL DIVIETO DI ASSUNZIONE DI NUOVI ASSOCIATI


1. La regola dell'art. 2550, cod. civ. Conseguenze della violazione del
divieto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 245
2. Il diverso problema della cedibilita del contratto. Altre modi'cazioni
`
soggettive del rapporto (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 249


CAPITOLO II: GLI STRUMENTI FINANZIARI INCORPORANTI LA POSIZIONE DI ASSOCIATO
IN PARTECIPAZIONE


1. La vicenda dei certi'cati di associazione in partecipazione: il manife-
starsi del fenomeno e il ruolo economico-giuridico dei certi'cati. Tipo-
logie e meccanismi di emissione. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 253
2. (Segue:) Problemi di ammissibilita quali titoli atipici e problemi intrin-
`
seci dei certi'cati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 261
3. (Segue:) Il caso della societa immobiliare 'Sole Ruju' (Astrua Testori e
`
Monti c. Compagnia Italiana Investimenti Alternativi) . . . . . . . . . . 270
4. (Segue:) Gli articoli 11 e 12 della legge n. 77 del 1983. Le nozioni di
valore mobiliare e di sollecitazione al pubblico risparmio . . . . . . . . 277
5. (Segue:) I certi'cati di partecipazione alla luce della normativa intro-
dotta nel 1983. Il deterrente 'scale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 285
6. (Segue:) Gli 'orientamenti' della Consob (1984) sul prospetto infor-
mativo di operazioni riguardanti titoli di associazione in partecipazione.
Lo schema di prospetto (1989) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 291
7. (Segue:) I certi'cati di fronte alla legge n. 1/1991 e ai decreti legislativi
n. 415/1996, n. 58/1998 e n. 213/1998. . . . . . . . . . . . . . . . . . . 295
8. Bilancio poco felice della passata esperienza dei certi'cati. Il deciso
incremento delle prospettive future risultante dalla Riforma delle so-
cieta di capitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 304
9. I 'valori mobiliari' di associazione in partecipazione nel quadro dei
diversi strumenti del mercato: a) in particolare, rispetto alle azioni di
risparmio (con un cenno alle azioni di partecipazione cooperativa); b)
rispetto alle obbligazioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 312
10. Il problema della sovrapposizione funzionale fra strumenti 'nanziari e
quello di un'arti'ciosa differenziazione del prodotto nel mercato 'nan-
ziario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 323
XIV INDICE




Art. 2551 (Diritti ed obbligazioni dei terzi)


CAPITOLO UNICO . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 331



Art. 2552 (Diritti dell'associante e dell'associato)


CAPITOLO I: LA GESTIONE DELL'IMPRESA O DELL'AFFARE INTERESSATI DA UN
CONTRATTO DI ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE


1. Introduzione al tema; diversi signi'cati di 'gestire'; inesistenza di un
autonomo 'obbligo di iniziare o di proseguire l'attivita di impresa (o
`
l'affare)'; inammissibilita (di regola) della previsione di un compenso
`
all'associante per la sua attivita gestoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 338
2. I poteri di gestione attribuibili all'associato: la posizione della giuri-
sprudenza e le opinioni 'classiche' della dottrina . . . . . . . . . . . . . 345
3. (Segue:) Le posizioni della dottrina recente . . . . . . . . . . . . . . . . . 360
4. (Segue:) Nostre conclusioni: il divieto di gestione per l'associato e parte `
del divieto di 'esercizio in comune' e, come questo, discende dal
principio di tipicita delle societa. Individuazione di una ristrettissima
` `
cerchia di atti interni ed esterni il cui compimento puo ritenersi con-
`
sentito all'associato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 370
5. (Segue:) Limitata ammissibilita di poteri autorizzativi in capo all'asso-
`
ciato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 376
6. Il controllo dell'associato sull'impresa o sullo svolgimento dell'affare.
Perche nella previsione non puo farsi rientrare il riconoscimento di
´ `
poteri consultivi o autorizzativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 383
7. (Segue:) Diritti di controllo in assenza di previsione espressa' . . . . . 391
8. Obblighi connessi alla gestione: sul presunto 'obbligo di 'nanzia-
mento' dell'impresa (o affare) da parte dell'associante; 'obbligo' di non
mutamento radicale delle condizioni di rischio; obbligo di investire
l'apporto nell'impresa o affare; altri 'obblighi'. I parametri generali
della diligenza e della buona fede nell'esecuzione del contratto . . . . . 394


CAPITOLO II: L'APPORTO DELL'ASSOCIATO


1. L'effettuazione dell'apporto e la sua essenzialita. La necessaria deter-
`
minatezza dell'apporto; l'oggetto dell'apporto e il titolo in base al quale
viene versato: esclusione dell'apporto 'in godimento'; il valore dell'ap-
porto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 407
2. Apporto e conferimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 418
3. L'apporto avente ad oggetto una prestazione d'opera . . . . . . . . . . . 423
4. (Segue:) Norme giuslavoristiche speci'che per l'associato d'opera . . . 437
5. La restituzione dell'apporto (Rinvio). . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 443
INDICE XV




Art. 2553 (Divisione degli utili e delle perdite)



CAPITOLO I: LA RIPARTIZIONE DI UTILI E PERDITE FRA LE PARTI


1. L'obbligo dell'associante di versare gli utili. La nozione di 'utile'
esclude la possibilita di pattuire una remunerazione 'ssa . . . . . . . .
` 447
2. Problemi che si pongono in assenza di previsioni contrattuali espresse
circa: a) il momento di maturazione degli utili e b) le quote di riparti-
zione degli stessi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 450
3. (Segue:) c) la delimitazione dell'utile nel tempo; d) il tipo di utile
spettante all'associato (utile dell'affare; utile 'di gestione' nell'associa-
zione all'impresa). La particolare previsione di una partecipazione 'ai
ricavi'. Attribuzione e non 'divisione' dell'utile . . . . . . . . . . . . . . 454
4. La partecipazione dell'associato alle perdite; argomenti a sostegno della
non essenzialita di tale partecipazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 464
5. (Segue:) L'opinione per cui la partecipazione alle perdite dell'associato
non puo mancare; l'argomentazione basata sul divieto di patto leonino;
`
la motivazione accolta: l'associato deve rispondere in qualche misura
delle perdite per la salvaguardia della 'sionomia contrattuale. . . . . . 469
6. Inammissibilita dell'ipotesi che l'associato risponda delle perdite oltre il
`
valore dell'apporto. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 479
7. Cenno sulla contabilizzazione dell'associazione in partecipazione. Il
computo delle perdite dell'associato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 482
8. Il rendiconto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 487



CAPITOLO II: USI E ABUSI DELL'ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE


1. Alcuni casi concreti in tema di quali'cazione di un rapporto come
associazione in partecipazione o societa (« Lavoriamo, dopo quello che
`
guadagniamo facciamo tanto per ciascuno ») . . . . . . . . . . . . . . . 497
2. Criteri distintivi fra rapporto di lavoro subordinato e associazione in
partecipazione con 'apporto d'opera' (« Doveva chiedere il permesso
all'A. e al C. per far festa nei giorni di domenica »). . . . . . . . . . . . 515
3. (Segue:) La competenza giudiziaria nelle controversie riguardanti un'as-
sociazione in partecipazione con apporto d'opera . . . . . . . . . . . . . 538
4. Associazione in partecipazione per l'esercizio di una farmacia . . . . . 540
5. La gestione di una rivendita di giornali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 547
6. Associazione in partecipazione e contratti di distribuzione dei carbu-
ranti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 548
7. Associante 'nanziatore dell'associato' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 550
8. I cosiddetti 'consorzi di collocamento' di azioni. . . . . . . . . . . . . . 553
9. Associazione in partecipazione e joint venture . . . . . . . . . . . . . . . 555
10. Altre ipotesi. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 556
XVI INDICE




CAPITOLO III: SCIOGLIMENTO DEL CONTRATTO


1. Introduzione: scelta della disciplina applicabile. Scioglimento per mu-
tuo consenso (speci'cazioni) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 559
2. Risoluzione per inadempimento. Speci'cazione sul danno da inadem-
pimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 561
3. Cessazione dell'attivita oggetto dell'impresa o dell'affare. La risolu-
`
zione per impossibilita sopravvenuta: l'ipotesi della gestione 'antieco-
`
nomica' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 566
4. Il possibile recesso da un'associazione in partecipazione a tempo inde-
terminato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 571
5. Fallimento dell'associante (con cenno sul fallimento dell'associato) . . 574
6. Cause connesse a mutamenti soggettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 579
7. Inapplicabilita della rescissione e della risoluzione per eccessiva onero-
`
sita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 586
8. Effetti dello scioglimento. L'obbligo di restituzione dell'apporto . . . . 586

CAPITOLO IV: GLI OMOLOGHI DELL'ASSOCIAZIONE IN PARTECIPAZIONE NEGLI ALTRI
ORDINAMENTI


1. La societe en participation francese: inquadramento generale . . . . . .
´ ´ 591
2. (Segue:) Aspetti di disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 599
3. (Segue:) Applicazioni concrete del contratto. Societe en participation e
´ ´
societa di fatto. Osservazioni conclusive. . . . . . . . . . . . . . . . . . .
` 611
4. La cuenta en participacion spagnola: esame obiettivo della disciplina;
´
ricostruzione del contratto come societa da parte della dottrina . . . .
` 622
5. (Segue:) Osservazioni. Analogie e differenze inaspettate fra le soluzioni
proposte, in tema di gestione, dai sostenitori del carattere societario
ovvero non-societario della cuenta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 635
6. (Segue:) Pro'li particolari della disciplina del contratto . . . . . . . . . 647
7. La stille Gesellschaft tedesca: introduzione; sguardo alla disciplina . . 656
8. (Segue:) L'interpretazione del contratto secondo la dottrina. . . . . . . 664
9. (Segue:) Stille Gesellschaft tipica e atipica . . . . . . . . . . . . . . . . . 671
10. Omologhi in altri ordinamenti. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 678



Art. 2554 (Partecipazione agli utili e alle perdite)

CAPITOLO UNICO


1. Introduzione. Le due fattispecie dell'art. 2554, cod. civ . . . . . . . . . 683
2. La cointeressenza agli utili (o 'cointeressenza impropria') . . . . . . . 685
3. La cointeressenza 'propria' . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 693
4. Gli 'utili' nei contratti di cointeressenza. Lo scioglimento dei contratti
stessi (Rinvio). L'astensione dalla gestione . . . . . . . . . . . . . . . . . 698
5. Il rapporto con le partecipazioni agli utili attribuite ai lavoratori . . . . 699
INDICE XVII




INDICI
Indice delle fonti normative . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 707
Indice della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 717
Indice degli autori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 721
Indice analitico-alfabetico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . 729

COMMENTI DEI LETTORI A «L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554»

ALTRI LIBRI DI «Mignone Gianni»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «L' associazione in partecipazione. Artt. 2549-2554»