Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Commentario alle riforme del processo civile'

Ingrandisci immagine


Commentario alle riforme del processo civile - [volume 3.2] Arbitrato. Entrata in vigore delle nuove discipline sul giudizio di Cassazione e sull'arbitrato

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Commentario alle riforme del processo civile»

Tipo Libro
Titolo Commentario alle riforme del processo civile - [volume 3.2] Arbitrato. Entrata in vigore delle nuove discipline sul giudizio di Cassazione e sull'arbitrato
A cura di Briguglio A., Capponi B.
Editore

CEDAM


EAN 9788813298791
Pagine XVI-656
Data ottobre 2009

INDICE DI «Commentario alle riforme del processo civile»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO(*)




TOMO SECONDO
ARBITRATO


Art. 806 (Controversie arbitrabili) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 463

Commento di ALESSANDRO MOTTO
1. Uno sguardo d'insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 463
2. L'espresso divieto di legge in ordine alla soluzione arbitrale di liti su
diritti disponibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 464
3. La disponibilità del diritto quale condizione di compromettibilità . . . » 472
4. Considerazioni generali sul concetto di disponibilità . . . . . . . . . . . » 474
5. La dottrina sui limiti oggettivi alla compromettibilità. Critica . . . . . » 477
6. Il concetto di diritto disponibile rilevante per la determinazione delle
controversie arbitrabili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 480
7. La convenzione arbitrale per le controversie di lavoro . . . . . . . . . . » 491


Art. 807 (Compromesso) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 500

Commento di ANDREA ATTERITANO
1. La forma del compromesso e il principio del forum prorogatum . . . . » 500
2. Le determinabilità dell'oggetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 503
3. Capacità e potere di compromettere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 504

Art. 808 (Clausola compromissoria) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 507

Commento di ANDREA ATTERITANO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 507
2. Clausola compromissoria e contratto principale . . . . . . . . . . . . . » 508
3. La forma della clausola compromissoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 510


(*) Ove non altrimenti segnalato, nel presente sommario nonché nel seguito del volume
l'indicazione degli articoli si riferisce al Codice di procedura civile.
VI INDICE SOMMARIO


4. Il principio di autonomia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 513
5. Il potere di stipulare la clausola compromissoria . . . . . . . . . . . . . » 515

Art. 808-bis (Convenzione di arbitrato in materia non contrattuale) » 516

Commento di ALESSANDRO MOTTO
1. Uno sguardo d'insieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 516
2. La funzione del requisito della determinatezza del rapporto . . . . . . » 518
3. Individuazione dei rapporti giuridici sostanziali . . . . . . . . . . . . . » 520
3.1. Segue: (A) rapporti autodeterminati . . . . . . . . . . . . . . . . . » 522
3.2. Segue: (B) rapporti eterodeterminati . . . . . . . . . . . . . . . . . » 524
4. Fattispecie concrete di applicazione della convenzione arbitrale per
controversie future non contrattuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 532
5. La capacità richiesta per la stipula della convenzione . . . . . . . . . . » 541
6. Forma della convenzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 544


Art. 808-ter (Arbitrato irrituale) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 545

Commento di GABRIELLA TOTA
1. Premessa. L'art. 808-ter e la «natura» dell'arbitrato irrituale . . . . . . » 545
2. Il favor della riforma per l'arbitrato rituale . . . . . . . . . . . . . . . . » 548
3. Segue: la «riserva di deroga» di cui al c. 1 dell'articolo in commento e
la disciplina applicabile al procedimento per arbitrato libero . . . . . . » 550
4. Impugnazione del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 554
5. Arbitrato libero e giurisdizione: regime dell'eccezione di compromesso
e tutela cautelare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 560
6. Ancora due questioni: ammissibilità di un arbitrato irrituale «di diritto
comune» in materia societaria e rapporti tra arbitrato irrituale e Con-
venzione di New York del 1958 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 564


Art. 808-quater (Interpretazione della convenzione d'arbitrato) . » 568

Commento di ANDREA ATTERITANO
1. L'impatto della norma sulla giurisprudenza pregressa . . . . . . . . . . » 568
2. Il contenuto della norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 570
3. Art. 808-ter e 808-quater: questioni di politica legislativa . . . . . . . » 572


Art. 808-quinquies (Efficacia della convenzione d'arbitrato) . . . » 574

Commento di ELENA D'ALESSANDRO
1. Ratio della disposizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 574
2. Le ipotesi in cui il processo arbitrale è suscettibile di chiudersi senza
un lodo di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 576
INDICE SOMMARIO VII

3. Segue: ambito di applicazione dell'art. 808-quinquies . . . . . . . . . . Pag. 578
4. Individuazione del momento in cui cessa l'efficacia della convenzione
d'arbitrato quando il processo arbitrale si conclude con una pronuncia
di merito. Rapporti tra l'art. 808-quinquies e l'art. 830, c. 2 . . . . . . » 580


Art. 809 (Numero degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 581

Commento di ANDREA ATTERITANO
1. La disparità numerica nel tribunale arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . » 581
2. Le modalità di nomina degli arbitri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 582
3. L'arbitrato irrituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 583


Art. 810 (Nomina degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 585

Commento di LAURA BERGAMINI
1.Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 585
2.Atto di nomina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 587
3.Procedimento di nomina: natura e derogabilità . . . . . . . . . . . . . . » 590
4.Segue: presupposti per l'adozione del provvedimento . . . . . . . . . . » 593
5.Segue: procedimento e provvedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 596


Art. 811 Sostituzione di arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 599
Nota redazionale


Art. 812 (Incapacità di essere arbitro) . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 600

Commento di SERGIO MARULLO DI CONDOJANNI
1. I problemi sorti nel vigore della vecchia disciplina . . . . . . . . . . . . » 600
2. La novità legislativa: uniformità di disciplina tra la capacità ad essere
arbitro e la generale capacità contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . » 602
3. Effetti dell'incapacità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 602


Art. 813 (Accettazione degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 604

Commento di SERGIO MARULLO DI CONDOJANNI
1. Le novità introdotte dalla riforma: accettazione attraverso sottoscrizio-
ne del verbale della prima riunione; natura privatistica dell'incarico
svolto dagli arbitri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 604
2. Sottoscrizione del verbale e forma del contratto di arbitrato . . . . . . » 604
3. Segue: sottoscrizione del verbale e conclusione del contratto di arbitrato » 605
4. Il c. 2: il dibattito sulla natura pubblica o privata del procedimento ar-
bitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 607
VIII INDICE SOMMARIO


5. Segue: posizione della giurisprudenza: la sentenza delle Sezioni Unite
n. 527/2000. Scelta del legislatore in favore della natura privatistica
dell'arbitrato e tipicità del contratto di arbitrato . . . . . . . . . . . . . Pag. 608


Art. 813-bis (Decadenza degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 610
Nota redazionale


Art. 813-ter (Responsabilità degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . » 611

Commento di ROBERTO VACCARELLA
1. L'omissione o il ritardo in atti dovuti: la necessità della previa dichia-
razione di decadenza dell'arbitro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 612
2. La rinuncia all'incarico senza giustificato motivo . . . . . . . . . . . . » 614
3. Segue: distinzione tra le cause di rinuncia sopravvenute e quelle prece-
denti rispetto all'accettazione dell'incarico . . . . . . . . . . . . . . . . . » 615
4. Le singole ipotesi di rinuncia: il mancato versamento delle spese pre-
vedibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 617
5. Segue: la mancata concessione della proroga del termine per la pro-
nuncia del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 618
6. Segue: il mancato rispetto delle disposizioni impartite dagli arbitri . » 619
7. Segue: la formulazione tardiva di domande nuove . . . . . . . . . . . » 620
8. Segue: il mutamento soggettivo dei protagonisti della procedura arbi-
trale a) con riferimento agli arbitri; b) con riferimento ai difensori
delle parti; c) con riferimento alle parti: la successione nella procedu-
ra, a titolo universale e a titolo particolare; d) con riferimento alle
parti: l'intervento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 620
9. L'omissione o l'impedimento della pronuncia del lodo nei termini di
cui agli artt. 820 e 826 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 623
10. Segue: la dichiarazione di estinzione del procedimento ai sensi del c. 4
dell'art. 821 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 625
11. La correzione del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 627
12. Sulle singole ipotesi di inadempimento: la mancata partecipazione al-
la conferenza personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 628
13. Segue: la mancata redazione della bozza del lodo da parte dell'arbitro
a ciò incaricato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 630
14. Segue: la mancata pronuncia di un lodo completo di tutti gli elementi
di cui all'art. 823 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 632
15. Applicabilità, per quanto di ragione, della disciplina sulla responsabi-
lità civile dei magistrati. Analogie e differenze . . . . . . . . . . . . . . » 633
16. La responsabilità dell'arbitro al bivio tra la responsabilità del giudice e
quella di tipo professionale; lettura sistematica del c. 2 dell'art. 813-ter » 636
17. Segue: l'attività di interpretazione di norme di diritto e di valutazione
del fatto e delle prove . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 639
18. Segue: l'affermazione e la negazione di un fatto la cui inesistenza o
esistenza risulti incontrastabilmente esclusa o affermata dagli atti del
procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 646
INDICE SOMMARIO IX

19. Il passaggio in giudicato della sentenza che accoglie l'impugnazio-
ne del lodo come condizione per l'esercizio dell'azione di responsabi-
lità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 648
20. Impugnazione del lodo per violazione delle regole di diritto . . . . . » 650
21. Impugnazione del lodo e legittimazione all'azione di responsabili-
tà . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 651


Art. 814 (Diritti degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 653

Commento di SERGIO MARULLO DI CONDOJANNI
1. Reclamabilità dell'ordinanza presidenziale e potere di sospensione
degli effetti da parte del giudice d'appello . . . . . . . . . . . . . . . . » 653


Art. 815 (Ricusazione degli arbitri) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 655

Commento di LAURA BERGAMINI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 656
2. I motivi di ricusazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 657
3. Presupposti e istanza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 664
4. Il procedimento ed il provvedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 668
5. La derogabilità dell'istituto e applicabilità all'arbitrato irrituale . . . . » 674


Art. 816 (Sede dell'arbitrato) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 680

Commento di GABRIELLA TOTA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 680
2. L'abolizione dell'obbligo di fissazione della sede arbitrale in limine
litis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 682
3. Determinazione ex lege della sede e individuazione della nazionalità
dell'arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 683
4. Sede legale e luogo, eventualmente diverso, di compimento degli atti
del processo arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 687


Art. 816-bis (Svolgimento del procedimento) . . . . . . . . . . . . . . » 689

Commento di GABRIELLA TOTA
1.Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 689
2.La libertà delle forme nel processo arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . » 690
3.La lingua dell'arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 692
4.Il contraddittorio . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . » 695
5.Il patrocinio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . . . . » 701
6.La delega al presidente del collegio arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . » 704
7. Il regime formale dei provvedimenti degli arbitri . . . . . . . . . . . . . » 706
X INDICE SOMMARIO


Art. 816-ter (Istruzione probatoria) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 710

Commento di GABRIELLA TOTA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 710
2. La delega dell'istruttoria o di singoli atti di istruzione ad uno degli ar-
bitri (cenni alla questione dell'ammissibilità della delega all'autorità
giudiziaria e della rogatoria internazionale) . . . . . . . . . . . . . . . . » 712
3. La prova testimoniale. L'ordine di comparizione emesso dal presidente
del tribunale e la sospensione del termine per la pronuncia del lodo . » 715
4. La consulenza tecnica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 720
5. La richiesta di informazioni alla p.a. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 726


Art. 816-quater (Pluralità di parti) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 728

Commento di GABRIELE LIPARI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 728
2. L'arbitrato con pluralità di parti e la clausola binaria: storia di una
convivenza possibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 732
3. La portata precettiva dell'art. 816-quater . . . . . . . . . . . . . . . . . » 744
4. I meccanismi di nomina previsti al c. 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 749
5. Pluralità di parti e pluralità di litisconsorzi: il c. 2: il litisconsorzio fa-
coltativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 756
6. Segue: il c. 3: il litisconsorzio necessario . . . . . . . . . . . . . . . . . » 761


Art. 816-quinquies (Intervento di terzi e successione nel diritto
controverso) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 768

Commento di GABRIELE LIPARI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 768
2. La vexata quaestio delle «complicazioni soggettive»: l'evoluzione della dot-
trina circa il problema dell'intervento dei terzi al procedimento innanzi
agli arbitri. Cenni all'evoluzione legislativa: l'arbitrato societario . . . » 772
3. Il c. 1: il problema dell'ambito di applicazione soggettivo; l'intervento
volontario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 777
4. Segue: la chiamata in arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 784
5. Il c. 2: l'intervento adesivo dipendente e quello del litisconsorte preter-
messo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 788
6. Il c. 3: la successione particolare nel procedimento arbitrale . . . . . . » 790


Art. 816-sexies (Morte, estinzione o perdita di capacità della parte) » 800

Commento di ENRICO BERNINI
1. Breve rassegna degli orientamenti antecedenti alla riforma relativa-
mente all'art. 820, c. 3 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 800
INDICE SOMMARIO XI

2. Il nuovo art. 816-sexies; introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 803
3. Presupposti di applicazione della disposizione . . . . . . . . . . . . . . » 804
4. Il nuovo art. 43, c. 3, l.f. e la possibilità di applicare all'arbitrato l'isti-
tuto dell'interruzione in caso di fallimento di una delle parti . . . . . . » 805
5. Il nuovo art. 83-bis l.f. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 808
6. Gli effetti: l'assunzione da parte degli arbitri delle misure idonee a ga-
rantire l'applicazione del contraddittorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 810
7. Segue: il potere di sospensione del procedimento . . . . . . . . . . . . » 812
8. Segue: la facoltà di rinuncia all'incarico . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 814


Art. 816-septies (Anticipazione delle spese) . . . . . . . . . . . . . . . » 815

Commento di SERGIO MARULLO DI CONDOJANNI
1. Il problema dell'anticipazione di spese e onorari: posizioni della dottri-
na nel vigore della disciplina previgente . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 815
2. »
Spese 816
e onorari: differenze di disciplina; l'inadempimento delle parti


Art. 817 (Eccezione d'incompetenza) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 817

Commento di PIERA PELLEGRINELLI
1. Il potere degli arbitri di decidere della loro competenza . . . . . . . . » 817
2. L'estensione del potere degli arbitri . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 821
3. L'inesistenza, l'invalidità o l'inefficacia della convenzione d'arbitrato . » 821
4. Le conclusioni che esorbitano dai limiti della convenzione d'arbitrato . » 824
5. Raffronto con la disciplina dell'arbitrato internazionale . . . . . . . . . » 826


Art. 817-bis (Compensazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 828

Commento di MARIACARLA GIORGETTI
1. La nuova disciplina di cui all'art. 817-bis . . . . . . . . . . . . . . . . . » 828
2. Non vi è eccesso di delega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 829
3. La cognizione incidentale degli arbitri e l'efficacia di giudicato quanto
all'eccezione di compensazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 830
4. La mera conoscenza del controcredito opposto in compensazione. Li-
miti e presupposti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 832
5. Art. 817-bis e varie figure di compensazione . . . . . . . . . . . . . . . » 833
6. I rapporti tra l'art. 817-bis e l'art. 35 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 835


Art. 818 (Provvedimenti cautelari) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 838

Commento di ULISSE COREA
1. Ragioni e limiti del divieto. Effettiva portata della «deroga» . . . . . . » 838
XII INDICE SOMMARIO


2. Il potere degli arbitri di emettere misure cautelari e di «attuazione»
cautelare. Il caso della sospensione nell'arbitrato societario . . . . . . Pag. 846
3. Rapporti tra poteri cautelari del giudice e degli arbitri . . . . . . . . . » 851
4. L'art. 818 e l'arbitrato irrituale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 856


Art. 819 (Questioni pregiudiziali di merito) . . . . . . . . . . . . . . » 858

Commento di MARIA ANGELA ZUMPANO
1. La materia disciplinata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 858
2. La cognizione incidentale come regola . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 859
3. Il cumulo oggettivo fra pregiudiziale e dipendente . . . . . . . . . . . . » 861


Art. 819-bis (Sospensione del procedimento arbitrale) . . . . . . . . » 863

Commento di MARIA ANGELA ZUMPANO
1. Sospensione per pregiudizialità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 863
2. Le singole fattispecie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 864
3. Il provvedimento di sospensione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 868
4. La ripresa o l'estinzione del processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 870


Art. 819-ter (Rapporti tra arbitri e autorità giudiziaria) . . . . . . . » 873

Commento di BRUNO CAPPONI
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 873
2. La disciplina della litispendenza, continenza, connessione. Decisione
sulla competenza e regolamento di competenza . . . . . . . . . . . . . » 877
3. L'eccezione di incompetenza dinanzi al giudice . . . . . . . . . . . . . » 883
4. La proposizione di domanda giudiziale avente ad oggetto l'inefficacia
o l'invalidità della convenzione arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 885
5. Non si applica l'art. 295 nel rapporto tra giudice ed arbitro . . . . . . » 887


Art. 820 (Termine per la decisione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 888

Commento di SILVIA IZZO
1. La razionalizzazione della disciplina dei termini per la pronuncia del
lodo: notazioni introduttive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 889
2. Il termine concordato e quello legale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 889
3. Le proroghe di applicazione necessaria . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 891
3.1. Le ipotesi di proroga sussidiarie . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 894
4. La sospensione del termine . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 896
5. Il termine per la pronuncia del lodo irrituale . . . . . . . . . . . . . . . » 897
INDICE SOMMARIO XIII

Art. 821 (Rilevanza del decorso del termine) . . . . . . . . . . . . . . Pag. 898

Commento di SILVIA IZZO
1. L'eccezione di decadenza per decorso del termine per la pronuncia del
lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 898
2. L'estinzione del procedimento arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 900
3. L'applicabilità dell'art. 821 all'arbitrato irrituale . . . . . . . . . . . . . » 902


Art. 822 (Norme per la deliberazione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 903

Commento di FABRIZIO MARONGIU BUONAIUTI
1. Arbitrato di diritto e arbitrato d'equità. Limiti alla scelta di quest'ulti-
mo tipo di arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 903
2. Arbitrato di diritto: individuazione delle norme applicabili nelle con-
troversie di carattere internazionale a seguito dell'abrogazione dell'art.
834 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 909
3. La disciplina recata in proposito dalle convenzioni internazionali rela-
tive all'arbitrato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 911
4. Applicazione della disciplina internazionalprivatistica in materia con-
trattuale: la convenzione di Roma del 1980 . . . . . . . . . . . . . . . . » 914
5. Le innovazioni contenute nella proposta di regolamento «Roma I»,
con particolare riferimento alla scelta di norme di carattere non sta-
tuale e la disciplina recata dal testo finale del regolamento . . . . . . . » 918
6. Disciplina di conflitto applicabile in relazione a controversie in materia
extracontrattuale. Il regolamento «Roma II» . . . . . . . . . . . . . . . » 924
7. Ruolo della disciplina recata in proposito dai regolamenti delle istitu-
zioni arbitrali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 928


Art. 823 (Deliberazione e requisiti del lodo) . . . . . . . . . . . . . . » 933

Commento di ELISA PICOZZA
1. La deliberazione del lodo arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 933
2. I requisiti del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 941
3. Il requisito dell'indicazione della sede dell'arbitrato . . . . . . . . . . . » 945


Art. 824 (Originali e copie del lodo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 955

Commento di ALESSANDRO FUSILLO
1. L'evoluzione degli adempimenti successivi alla sottoscrizione del lo-
do . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 955
2. Modalità e termine per la pubblicazione del lodo . . . . . . . . . . . . » 956
3. La conservazione dell'originale non consegnato . . . . . . . . . . . . . » 959
XIV INDICE SOMMARIO


Art. 824-bis (Efficacia del lodo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 960

Commento di ELENA D'ALESSANDRO
1. Breve premessa sul mutamento di funzione dell'exequatur dalla versio-
ne originaria del c.p.c. a quella attuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 960
2. Conseguenze dell'equiparazione dell'efficacia del lodo a quella della
sentenza: A) il lodo rituale produrrà efficacia di accertamento extra-
processuale dal momento in cui non sia più possibile proporre impu-
gnazione per nullità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 966
3. Segue: B) anche la modificazione giuridica richiesta agli arbitri si pro-
durrà nel momento in cui non sia più possibile proporre l'impugnazio-
ne per nullità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 972
4. Segue: C) il lodo condannatorio non più impugnabile integra gli estre-
mi dell'art. 2953 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 972
5. Riflessi dell'equiparazione sul piano dei limiti oggettivi di efficacia del
lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 973
6. Segue: ...sul piano dei limiti soggettivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 973
7. Segue: ...e sul piano dei limiti temporali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 976
8. Regime dell'eccezione di precedente lodo nell'ambito di un successivo
giudizio statale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 978


Art. 825 (Deposito del lodo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 983
Commento di MARIA VITALE
1. Efficacia esecutiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 983
2. Lodi suscettibili di deposito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 985
3. Procedimento: natura e competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 985
3.1. Ulteriori aspetti strutturali: contraddittorio, legittimazione e fun-
gibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 987
3.2. Le fasi: istanza e deposito, sindacato formale, decreto, recla-
mo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 991

Art. 826 (Correzione del lodo) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 994
Commento di MARIACARLA GIORGETTI
1. Il nuovo testo dell'art. 826: il procedimento di correzione del lodo ar-
bitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 994
2. I motivi di correzione del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1000
3. La nuova disciplina del lodo e la sua correzione . . . . . . . . . . . . . » 1003

Art. 828 (Impugnazione per nullità) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1007
Commento di MARIACARLA GIORGETTI
1. Impugnazione per nullità e nuova disciplina dei termini . . . . . . . . » 1007
2. I rapporti tra correzione e impugnazione per nullità . . . . . . . . . . » 1013
INDICE SOMMARIO XV

Art. 829 (Casi di nullità) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1015
Commento di SALVATORE BOCCAGNA
1. Premessa: l'individuazione dei «casi di nullità» del lodo tra «non interfe-
renza» giudiziaria e garanzia costituzionale del sindacato di legittimità » 1016
2. L'impugnazione per errores in procedendo: le modifiche al c. 1 . . . . » 1022
2.1. Il n. 1 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1023
2.2. Il n. 4 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1024
2.3. Il n. 5 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1026
2.4. Il n. 7 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1027
2.5. Il n. 8 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1029
2.6. Il n. 10 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1030
2.7. Il n. 11 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1030
2.8. Il n. 12 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1031
3. La sanatoria delle nullità verificatesi nel corso del procedimento . . . » 1032
4. L'impugnazione per errores in iudicando . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1033
5. L'impugnazione per contrasto con l'ordine pubblico . . . . . . . . . . » 1034

Art. 830 (Decisione sull'impugnazione per nullità) . . . . . . . . . . » 1038
Commento di MARIACARLA GIORGETTI
1. Il nuovo art. 830: la fase rescindente e la fase rescissoria del giudizio
d'impugnazione per nullità del lodo arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . » 1038
2. La sospensione dell'efficacia del lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1044
3. Il ricorso per cassazione avverso la sentenza della Corte d'appello . . » 1046


Art. 831 (Revocazione ed opposizione di terzo) . . . . . . . . . . . . » 1048

Commento di ELENA D'ALESSANDRO
1. Le modifiche apportate ai primi tre commi dell'art. 831 . . . . . . . . » 1048
2. Segue: precisazioni a proposito dell'opposizione di terzo avverso il lodo » 1051
3. Le modifiche apportate all'u.c. dell'art. 831 . . . . . . . . . . . . . . . . » 1052


Art. 832 (Rinvio a regolamenti arbitrali) . . . . . . . . . . . . . . . . » 1055

Commento di ELENA OCCHIPINTI
1. L'arbitrato amministrato: considerazioni generali . . . . . . . . . . . . » 1055
2. Le Istituzioni arbitrali: natura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1061
3. Segue: la struttura interna e le funzioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1065
4. Le funzioni della Camera arbitrale in particolare: la predisposizione
del regolamento di procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1067
5. Segue: il controllo prima facie della convenzione arbitrale . . . . . . . » 1073
6. Segue: l'amministrazione del procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . » 1075
7. Segue: nomina, ricusazione e sostituzione degli arbitri . . . . . . . . . » 1077
8. Segue: l'esame del progetto di lodo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1081
XVI INDICE SOMMARIO


9. La responsabilità dell'istituzione arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1082


Entrata in vigore delle nuove discipline sul Giudizio di cassazione e sull'Arbitrato

Art. 27 d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 (Disciplina transitoria) . . . » 1087
Art. 58 l. 18 giugno 2009, n. 69 (Disposizioni transitorie) . . . . . » 1087

Commento di CHIARA PETRILLO
1. Avvertenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1088
2. La disciplina transitoria dettata dall'art. 27 del d.lgs. n. 40 del 2006 a pro-
posito del giudizio di cassazione, nonché dell'impugnabilità delle senten-
ze del giudice di pace e dei provvedimenti emessi nell'ambito delle op-
posizioni a sanzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1088
3. L'art. 151 disp. att. c.p.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1089
4. La disciplina transitoria in materia di arbitrato . . . . . . . . . . . . . . » 1090
5. Segue: interpretazione costituzionalmente orientata del combinato dispo-
sto degli artt. 829, comma 3 e 27, comma 4, d.lgs. n. 40 del 2006 . » 1092
6. La disciplina transitoria concernente le modifiche apportate al giudizio
di cassazione dalla l. n. 69 del 2009 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1095
7. L'entrata in vigore delle disposizioni fiscali contenute nei nuovi artt.
13 e 73 d.p.r. n. 115 del 2002 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 1096

COMMENTI DEI LETTORI A «Commentario alle riforme del processo civile»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Commentario alle riforme del processo civile»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Commentario alle riforme del processo civile»