Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari'

Ingrandisci immagine


Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari - [volume 3]

(Trattato della responsabilitą contrattuale)

 

Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari»

Tipo Libro
Titolo Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari - [volume 3]
Editore

CEDAM


EAN 9788813297053
Data maggio 2009
Collana Trattato della responsabilitą contrattuale

INDICE DI «Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO




INTRODUZIONE
LE RAGIONI DI UNA TRATTAZIONE AUTONOMA
Maria Rosaria Marella

. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1


SEZIONE PRIMA
Forme e funzioni del risarcimento

CAPITOLO PRIMO
IL SISTEMA ITALIANO IN MATERIA DI RISARCIMENTO
DEL DANNO CONTRATTUALE
Claudio Scognamiglio

1. Premessa sul concetto giuridico di danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 9
2. Le origini romanistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 11
3. Le varie concezioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14
4. La critica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 23
5. Conclusioni nel quadro della funzione riparatoria del risarcimento . . . . . . » 25


CAPITOLO SECONDO
IL RISARCIMENTO PER EQUIVALENTE
E IL PRINCIPIO DELLA RIPARAZIONE INTEGRALE
Maria Rosaria Marella

1. Il principio della riparazione integrale dei danni nel sistema del codice civile . Pag. 29
2. Le funzioni del principio della riparazione integrale dei danni nel diritto giu-
risprudenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 33
3. La certezza del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 35
VI INDICE SOMMARIO



4. Il criterio della causalitą in ambito contrattuale. a) La natura del nesso causa-
le tra causalitą materiale e causalitą giuridica; b) il criterio delle conseguenze
immediate e dirette . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 37
5. Il concorso di colpa del creditore e il danno evitabile . . . . . . . . . . . . . . » 43
6. La prevedibilitą del danno. a) L'ambito di applicazione; b) il significato e la
funzione del criterio di prevedibilitą; c) le applicazioni giurisprudenziali; d)
la nozione di inadempimento doloso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 46
7. La nozione di danno come perdita subita e mancato guadagno . . . . . . . . » 52
8. La misura del danno. a) L'aspettativa di profitto e la lesione dell'affidamento;
b) il rapporto tra le diverse misure del danno contrattuale; c) la misura del
danno e la teoria dell'inadempimento efficiente . . . . . . . . . . . . . . . . . » 56
9. Il danno da lesione dell'aspettativa. a) Le diverse misure dell'aspettativa di
profitto; b) misura dell'aspettativa e scelta della regola di tutela . . . . . . . . » 65
10. Danni da lesione dell'affidamento. a) Le diverse articolazioni del concetto di
affidamento; b) profili di rilevanza dell'affidamento; c) (Segue) il caso delle
promesse gratuite; d) (Segue) il valore dell'affidamento e dell'indennizzo nel-
lapromessa del fatto del terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 72
11. I danni c.d. restitutori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 85
12. Il danno non patrimoniale da inadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 91
12.1. Un primo tentativo di classificazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 94
12.2. La casistica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 96
12.3. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 108


CAPITOLO TERZO
LA FORFETIZZAZIONE LEGALE
DEL DANNO CONTRATTUALE
Gianroberto Villa

1. La determinazione forfetaria del risarcimento. Modalitą di intervento della
forfetizzazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 111
2. Limiti all'ammissibilitą della forfetizzazione in funzione limitativa della re-
sponsabilitą . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 114
3. Forfetizzazione in funzione limitativa della responsabilitą e danno alla perso-
na . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 117
4. Determinazione forfetaria non riducibile e funzione sanzionatoria . . . . . . » 119
5. Forfetizzazione e costo del processo. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . » 122
INDICE SOMMARIO VII

CAPITOLO QUARTO
IL PRINCIPIO DI PRECAUZIONE
FUNZIONE PREVENTIVA e PUNITIVA DEL RISARCIMENTO
Elisa Boeri e Patrizia Petrelli

PARTE PRIMA
La funzione di prevenzione

1. L'origine del principio di precauzione e la sua introduzione negli ordinamenti
giuridici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 125
2. I presupposti di applicazione del principio: il rischio . . . . . . . . . . . . . . . » 130
3. I presupposti di applicazione del principio: l'incertezza scientifica. Prime con-
clusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 139
4. Il recepimento del principio di precauzione nei testi costituzionali . . . . . . . » 143
5. Il principio di precauzione nella legislazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
6. Le applicazioni giurisprudenziali del principio di precauzione . . . . . . . . . » 149
7. La portata precettiva del principio di precauzione. Prospettive . . . . . . . . . » 155


PARTE SECONDA
La funzione punitiva

1. I danni punitivi nell'ordinamento statunitense . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 157
2. (Segue) applicazione e limiti dei danni punitivi alla responsabilitą contrattua-
le . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 165
3. Prospettive di estensione dei danni punitivi nell'ordinamento italiano . . . . . » 172


CAPITOLO QUINTO
LA RIPARAZIONE IN NATURA O IN FORMA SPECIFICA
Maria Rosaria Marella

1. La riparazione dei danni in forma specifica. Una premessa . . . . . . . . . . . Pag. 175
2. (Segue) l'alternativa fra risarcimento per equivalente e risarcimento in forma
specifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
3. Il risarcimento in forma specifica come tecnica alternativa di quantificazione
dei danni. Il suo significato nel quadro della tutela contro l'inadempimento . » 180
4. Il problema dell'applicabilitą dell'art. 2058 c.c. al danno contrattuale. Il rap-
porto con l'esecuzione in forma specifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 184
5. Il rapporto problematico con l'azione di esatto adempimento . . . . . . . . . . » 191
6. (Segue) verso un principio generale di tutela specifica in ambito contrattuale' . » 195
VIII INDICE SOMMARIO



SEZIONE SECONDA
I tipi di danno

CAPITOLO SESTO
IL DANNO PATRIMONIALE. DANNI AI BENI,
PERDITE E MANCATI GUADAGNI
Claudio Scognamiglio

1. Premessa metodologica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 203
2. La stima del danno nelle sue componenti di danno emergente e lucro cessan-
te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 205
3. Aspetti specifici in caso di inadempimento del preliminare e nel quadro dei
rapporti tra rimedio risarcitorio e risolutorio nella vendita immobiliare e nel
leasing traslativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 208
4. La determinazione del danno risarcibile in rapporto ai legittimati al risarci-
mento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 212
5. Il regime probatorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 213
6. Il danno subito dal creditore in materia di obbligazioni pecuniarie . . . . . . . » 216


CAPITOLO SETTIMO
LE PERDITE DI CHANCES
Claudio Scognamiglio

1. La nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 219
2. La perdita di chance del lavoratore da demansionamento . . . . . . . . . . . . » 223
3. Perdita di chance e danno in re ipsa. Il problema dell'onere probatorio . . . . » 226
4. La perdita di chance nei rapporti fra privati e Pubblica Amministrazione . . . » 231
5. La perdita di chance nella responsabilitą professionale . . . . . . . . . . . . . . » 234
6. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 235


CAPITOLO OTTAVO
IL DANNO ALLA PERSONA
Tommaso Arrigo

1. Introduzione. I riferimenti normativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 237
2. Il danno biologico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 240
3. Il « nuovo » danno non patrimoniale comprendente il danno biologico . . . . » 245
INDICE SOMMARIO IX

CAPITOLO NONO
IL DANNO NON PATRIMONIALE DA INADEMPIMENTO
Giovanna Savorani

1. Il danno non patrimoniale: evoluzione sociale, interpretativa e normativa . . Pag. 251
1.1. Dal « nuovo contratto » alle « nuove frontiere » non patrimoniali del ri-
sarcimento da inadempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 253
1.2. Oscillazioni interpretative: un complesso itinerario fra tort e contract . . » 255
1.3. Linee evolutive internazionali ed europee . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 261
2. Il risarcimento del danno non patrimoniale da inadempimento secondo Cass.,
Sez. Un. civ., 11 novembre 2008, n. 26972 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 263
2.1. Rapporto di lavoro e violazioni da demansionamento e mobbing . . . . . » 266
2.2. Rapporto sanitario e rapporto scolastico: l'inadempimento del contratto
da « contatto sociale » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 271
3. Pacchetti turistici e danno da vacanza rovinata . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 276
4. Prestazione di servizi, inadempimento e danni c.d. « bagatellari » . . . . . . . » 279
5. Vincolo contrattuale e promesse contenute nella comunicazione commercia-
le . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 285
6. Prova dell'an e problema del quantum: cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 288
7. Regolazione del mercato e rimedi alternativi a tutela dell'utente di servizi . . » 289


CAPITOLO DECIMO
LE INDENNITĄ ALLA PROPRIETĄ
(artt. 843, comma 2o; 912, comma 2o; 924; 925; 938; 1032; 1127 c.c.)
Francesco Alcaro

1. Inquadramento della problematica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 291
2. L'art. 843 c.c. Accesso al fondo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 292
2.1. Il problema della responsabilitą da atto lecito . . . . . . . . . . . . . . . . » 293
3. L'art. 912, comma 2o, c.c. (Delle acque). Conciliazione di opposti interessi . . » 296
4. L'art. 924 e art. 925 c.c. Sciami di api. Animali mansuefatti . . . . . . . . . . . » 297
5. L'art. 938 c.c. Occupazione di porzione di fondo attiguo . . . . . . . . . . . . » 298
5.1. L'indennitą-risarcimento nella occupazione acquisitiva/usurpativa a fa-
vore della P.A.: cenni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 302
6. L'art. 1032 c.c. Servitł coattive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 303
7. Art. 1127 c.c. Costruzione sopra l'ultimo piano dell'edificio (Sopraeleva-
zione) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 306
7.1. Rilievi conclusivi sulla natura dell'indennitą . . . . . . . . . . . . . . . . . » 309
X INDICE SOMMARIO



SEZIONE TERZA
La selezione dei danni risarcibili

CAPITOLO UNDICESIMO
LA REGOLA DELLA C.D. CAUSALITĄ GIURIDICA
LE CONSEGUENZE IMMEDIATE E DIRETTE E I DANNI PREVEDIBILI
Alessandra Pinori

1. Il principio della riparazione integrale dei danni nel quadro delle diverse re-
gole di valutazione del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 313
2. La rilevanza operativa del principio nella casistica giurisprudenziale . . . . . » 318
3. Il problema della causalitą: causalitą di fatto e causalitą giuridica . . . . . . . » 322
4. Il criterio limite delle conseguenze immediate e dirette . . . . . . . . . . . . . » 328
5. Gli impieghi giurisprudenziali della teoria della regolaritą causale. Casistica
in tema di risarcimento del danno contrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 331
6. Usi impropri dei criteri della causalitą giuridica sul terreno del danno contrat-
tuale: A) con riguardo alla valutazione dell'imputabilitą al creditore dell'im-
possibilitą di adempiere; B) ai fini dell'individuazione del rapporto di causa-
litą di fatto; C) ai fini del giudizio sulla prevedibilitą del danno ex art. 1225 c.c. » 334
7. Il criterio della prevedibilitą nell'ambito delle diverse tecniche di selezione
del danno risarcibile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 344
8. L'oggetto del giudizio. Le conseguenze dannose prevedibili. Casistica . . . . » 352
9. La prova della prevedibilitą del danno. Il caso Enasarco . . . . . . . . . . . . » 356
10. Il momento della valutazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 361


CAPITOLO DODICESIMO
HADLEY V. BAXENDALE
LA PREVEDIBILITĄ DELL'ART. 74 CISG
Franco Ferrari

1. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 365
2. La prevedibilitą in base all'art. 74 CISG . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 370
3. La prevedibilitą da Roma a New York . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 378
4. L'origine civilistica di Hadley v. Baxendale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 383
5. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 389


CAPITOLO TREDICESIMO
LA COMPENSATIO LUCRI CUM DAMNO
Marco Capecchi

1. Ammissibilitą e fondamento giuridico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 396
2. Conclusioni e prospettive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 406
INDICE SOMMARIO XI

CAPITOLO QUATTORDICESIMO
CONCORSO DEL FATTO COLPOSO DEL CREDITORE
Carlo Rossello

1. Distinzione fra concorso di colpa del danneggiato (primo comma art. 1227) e ir-
risarcibilitą dei danni evitabili con l'ordinaria diligenza (secondo comma art. 1227) Pag. 409
2. Il concorso di colpa del danneggiato. Principi generali . . . . . . . . . . . . . » 411
3. Casistica in materia di concorso di colpa del danneggiato . . . . . . . . . . . » 412
4. Il concorso di colpa del danneggiato incapace . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 413
5. Provocazione del danneggiato e sua legittima difesa . . . . . . . . . . . . . . . » 414
6. Applicabilitą dell'art. 1227, comma 1o, c.c. al diritto di risarcimento fatto va-
lere iure proprio dai congiunti della vittima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 415
7. Il criterio di irrisarcibilitą dei « danni evitabili ». Collocazione sistematica . » 415
8. Natura del comportamento esigibile da parte del danneggiato: semplicemen-
te non aggravare oppure mitigare il danno provocato dall'altra parte' . . . . » 419
9. Casistica applicativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 421
10. Il ricorso al mercato per la ricerca di una prestazione sostitutiva rispetto a
quella non adempiuta dal debitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 422
11. In particolare: l'onere del lavoratore subordinato di reperire una collocazio-
ne alternativa nel caso di scioglimento ante tempus del rapporto di lavoro . . » 424
12. Regime processuale dell'eccezione di evitabilitą del danno . . . . . . . . . . . » 426


CAPITOLO QUINDICESIMO
LA MORA DEL CREDITORE
E IL DANNO DA MANCATA COOPERAZIONE
Elisabetta Corradi

1. Aspetti problematici in tema di mora del creditore . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 427
2. Comportamento del creditore ed attuazione del rapporto obbligatorio. La
cooperazione del creditore all'adempimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 430
3. Le componenti strutturali della mora del creditore . . . . . . . . . . . . . . . » 437
4. Interesse all'adempimento e tutela. La mora del creditore quale rimedio alla
ritardata esecuzione della prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 442


CAPITOLO SEDICESIMO
LA VALUTAZIONE EQUITATIVA DEL DANNO
Giovanna Visintini

1. La nozione e i presupposti del ricorso all'equitą nella valutazione del danno . Pag. 449
2. I limiti al potere discrezionale del giudice nell'equo apprezzamento dell'am-
montare del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 453
3. I settori in cui č pił frequente il ricorso all'equitą: il danno alla persona . . . » 456
XII INDICE SOMMARIO



4. (Segue) altri settori di ricorso all'equitą: lucro cessante e perdita di chances,
danni da demansionamento professionale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 459


SEZIONE QUARTA
La disciplina convenzionale e i limiti alla responsabilitą

CAPITOLO DICIASSETTESIMO
LE CLAUSOLE DI ESONERO E DI LIMITAZIONE
DELLA RESPONSABILITĄ
Grazia Ceccherini

1. L'origine storica della disposizione che commina la nullitą ai patti di irre-
sponsabilitą: la dottrina e giurisprudenza nella vigenza del codice civile del
1865 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 465
2. La codificazione del principio della nullitą dei patti di irresponsabilitą nel co-
dice del 1942. Brevi cenni sull'ordinamento francese e su quello tedesco . . » 468
3. Il fondamento dell'art. 1229, comma 1o, c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 471
4. La ratio del comma 2o dell'art. 1229 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 475
5. Le clausole di esonero e di limitazione della responsabilitą per il fatto degli
ausiliari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 479
6. Il contenuto dell'art. 1229 c.c.: le clausole di esonero e le clausole di limita-
zione della responsabilitą . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 483
7. Le clausole di esonero e le clausole sul rischio e sul fortuito nel trasporto ter-
restre di cose . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 485
8. Clausole di esonero della responsabilitą e clausole di manleva . . . . . . . . . » 487
9. Le clausole di limitazione della responsabilitą e quelle di determinazione del-
l'oggetto della prestazione. I formulari predisposti dalle Compagnie di assi-
curazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 489
10. (Segue) le clausole di limitazione della responsabilitą della banca nel servizio
delle cassette di sicurezza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 492
11. (Segue) clausole di limitazione ed onere della prova . . . . . . . . . . . . . . . » 496
12. L'art. 1229 c.c. tra limitazioni legali e limitazioni convenzionali della respon-
sabilitą . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 500
13. Clausole di esonero e di limitazione e contratti standard: il controllo delle
clausole contenute nelle condizioni generali di contratto. Dagli artt. 1341 e
1342 ai contratti del consumatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 507
14. Clausole di esonero e di limitazione e codice del consumo . . . . . . . . . . . » 512
15. Il dibattito sull'ammissibilitą e sulla rilevanza delle clausole di esonero e di li-
mitazione nella responsabilitą extracontrattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . » 519
16. Valutazione della legittimitą delle clausole e natura dell'interesse protetto. La
responsabilitą del produttore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 523
INDICE SOMMARIO XIII

CAPITOLO DICIOTTESIMO
CLAUSOLA PENALE E CAPARRA
Andrea Zoppini

1. Nozione di clausola penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 527
2. La funzione. Ammissibilitą del potere punitivo dei privati . . . . . . . . . . . » 529
3. Clausola penale ed inadempimento efficiente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 530
4. La struttura. La natura contrattuale della penale . . . . . . . . . . . . . . . . . » 531
5. L'oggetto della prestazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 532
6. Presupposti e richiesta della penale: ritardo ed inadempimento . . . . . . . . » 534
7. Limiti all'autonomia privata nella previsione della clausola penale, in partico-
lare nei contratti con i consumatori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 536
8. La riduzione della clausola penale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 538
9. L'estensione analogica del potere di riduzione del giudice . . . . . . . . . . . » 539
10. Fattispecie e disciplina della clausola penale nella riflessione dedicata al
« contenuto del contratto giusto » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 541
11. Nozione e disciplina della caparra confirmatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . » 544
12. La caparra penitenziale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 546


CAPITOLO DICIANNOVESIMO
LA PREDETERMINAZIONE LEGALE DELL'IMPORTANZA
DELL'INADEMPIMENTO
Rosalba Alessi

1. I rimedi all'inadempimento contrattuale tra disciplina generale del contratto
e discipline « speciali »: per un diverso approccio al rapporto « regola »/
« eccezioni » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 547
2. Gli artt. 1525 e 1565 c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 550
3. La disciplina delle locazioni ad uso abitativo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 556
4. Predeterminazione legale dell'inadempimento « grave » e « sanatoria guida-
ta » nell'affitto di fondi rustici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 557
5. Discipline « speciali » e uso giurisprudenziale della valutazione ex art. 1455
c.c. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 562
6. Valutazione legale dell'inadempimento e autonomia privata . . . . . . . . . . » 566
7. Effetti dell'inadempimento contrattuale e governo, per via legale o giurispru-
denziale, del recupero del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 568
XIV INDICE SOMMARIO



SEZIONE QUINTA
La responsabilitą per fatto altrui

CAPITOLO VENTESIMO
LA RESPONSABILITĄ DEL DEBITORE PER FATTO DEGLI AUSILIARI
Giovanna Visintini

1. Il fondamento della responsabilitą per fatto degli ausiliari e i precedenti legi-
slativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 575
2. L'ambito di applicazione: estensione della regola a tutte le obbligazioni, ivi
compresi i c.d. obblighi di protezione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 582
3. La nozione di ausiliario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 585
4. (Segue) gli ausiliari indipendenti. Il sostituto nell'adempimento . . . . . . . . » 588
5. (Segue) la sostituzione nel mandato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 591
6. (Segue) il subcontraente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 594
7. Ausiliari e sostituti del professionista intellettuale e dell'artigiano . . . . . . . » 599
8. Gli ausiliari nell'assicurazione e nel settore bancario . . . . . . . . . . . . . . » 601
9. La responsabilitą degli enti ospedalieri per il fatto illecito del personale sani-
tario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 605
10. I fatti di cui il debitore deve rispondere . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 614
11. Patti che escludono o limitano la responsabilitą . . . . . . . . . . . . . . . . . » 623


SEZIONE SESTA
Inadempimento e ritardo

CAPITOLO VENTUNESIMO
LA RESPONSABILITĄ PER RITARDO E LA MORA DEL DEBITORE
Elisa Boeri

1. La nozione di mora e il dibattito relativo alla distinzione tra mora e ritardo . Pag. 627
2. I presupposti della mora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 631
2.1. (Segue) il principio in illiquidis non fit mora . . . . . . . . . . . . . . . . . » 633
2.2. (Segue) la rilevanza della colpa del debitore nel ritardo . . . . . . . . . . » 635
3. La costituzione in mora mediante intimazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 637
3.1. (Segue) la forma dell'intimazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 640
3.2. (Segue) la costituzione in mora mediante notifica di un atto giudiziario . » 643
3.3. I soggetti legittimati alla formazione dell'atto di costituzione in mora, in
particolare la costituzione in mora effettuata dal falsus procurator . . . . » 647
3.4. I soggetti legittimati passivi dell'intimazione . . . . . . . . . . . . . . . . » 651
4. Le ipotesi di mora ex re . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 656
4.1. (Segue) il debito derivante da fatto illecito . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 658
4.2. (Segue) la dichiarazione per iscritto di non volere eseguire l'obbligazio-
ne da parte del debitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 660
INDICE SOMMARIO XV

4.3. (Segue) le obbligazioni portables . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 664
5. Gli effetti della mora . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 668
5.1. (Segue) l'interruzione della prescrizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 669
5.2. (Segue) gli effetti della mora sul rischio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 670
5.3. (Segue) la decorrenza degli interessi moratori . . . . . . . . . . . . . . . . » 675
6. L'offerta non formale e la purgazione della mora . . . . . . . . . . . . . . . . » 677
7. I ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali: la Direttiva CE « Rela-
tiva alla lotta contro i ritardi di pagamento nelle transazioni commerciali » . » 683
7.1. Il decreto di attuazione della Direttiva relativa alla lotta contro i ritardi
di pagamento nelle transazioni commerciali: la delimitazione dell'ambi-
to di applicazione del decreto sotto il profilo dell'oggetto del contratto . » 688
7.2. (Segue) l'applicabilitą della disciplina ai contratti di appalto di lavori
pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 692
7.3. L'ambito soggettivo di applicazione del decreto sui ritardi di pagamen-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 694
7.4. La disciplina dei termini di pagamento e degli interessi moratori . . . . » 696
8. I ritardi di pagamento della Pubblica Amministrazione . . . . . . . . . . . . . » 701
8.1. La costituzione in mora della Pubblica Amministrazione . . . . . . . . » 704


SEZIONE SETTIMA
Assicurazione, regime probatorioe ADR

CAPITOLO VENTIDUESIMO
IL CONTRATTO DI ASSICURAZIONE
DELLA RESPONSABILITĄ CIVILE
Rossella Cavallo Borgia

1. Responsabilitą civile e assicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 711
2. Il contratto di assicurazione della responsabilitą civile: (a) nozione . . . . . . » 714
3. (Segue) (b) natura ed effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 717
4. Gli aspetti oggettivi. Il rischio e la sua determinazione . . . . . . . . . . . . . » 721
5. (Segue) modificazione, mutamento e cessazione del rischio . . . . . . . . . . » 726
6. (Segue) interesse e valore nell'assicurazione di responsabilitą civile . . . . . . » 729
7. Gli aspetti soggettivi. La coassicurazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 733
8. (Segue) contraente, assicurato, terzo beneficiario . . . . . . . . . . . . . . . . . » 736
9. Sostituzione gestoria nell'assicurazione di responsabilitą civile . . . . . . . . » 739
10. Il « terzo » nell'assicurazione di responsabilitą civile . . . . . . . . . . . . . . » 743
11. Assicurazioni plurime . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 746
12. Forma e prova del contratto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 749
13. Interpretazione del contratto di assicurazione della responsabilitą civile . . . » 751
XVI INDICE SOMMARIO



CAPITOLO VENTITREESIMO
IL REGIME PROBATORIO
Paolo de' Capitani di Vimercate

1. Breve inquadramento del regime probatorio in materia di responsabilitą con-
trattuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 755
2. Richiesta di adempimento e richiesta di risoluzione e/o risarcimento del dan-
no: i contrasti interpretativi sulla ripartizione dell'onere probatorio . . . . . » 758
2.1. Gli orientamenti della giurisprudenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 760
3. La prova dell'impossibilitą ad adempiere e il rischio da cause ignote . . . . . » 766
4. La prova del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 769


CAPITOLO VENTIQUATTRESIMO
I MECCANISMI DI RISOLUZIONE ALTERNATIVA DELLE LITI
Sergio Chiarloni

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 773
2. La sostanziale irrilevanza statistica degli istituti di ADR sul complesso del
contenzioso civile in Europa e particolarmente in Italia . . . . . . . . . . . . . » 775
3. Cenni sul dibattito ideologico in materia di ADR . . . . . . . . . . . . . . . . » 777
4. Meccanismi di ADR e terziario avanzato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 780
5. I meccanismi italiani di ADR: mediazioni e conciliazioni . . . . . . . . . . . . » 781
6. I diversi tipi di conciliazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 782
6.1. La conciliazione giudiziale: da obbligatoria a facoltativa . . . . . . . . . » 783
6.1.1. Aspetti negativi dell'intervento legislativo: il ritorno al passato . » 784
6.1.2. Infondatezza degli argomenti contro la conciliazione giudiziale . » 786
6.2. La conciliazione giudiziale facoltativa extraprocessuale . . . . . . . . . . » 787
7. La conciliazione stragiudiziale in generale nei suoi rapporti con l'amministra-
zione della giustizia . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 788
8. La conciliazione stragiudiziale obbligatoria endo-processuale . . . . . . . . . » 790
9. La conciliazione stragiudiziale obbligatoria extra-processuale . . . . . . . . . » 791
10. La conciliazione stragiudiziale facoltativa extra-processuale (e specializzata) . » 794

Indice analitico . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 797

COMMENTI DEI LETTORI A «Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari»

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Il risarcimento del danno contrattuale. La responsabilitą per ritardo e per fatto degli ausiliari»