Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM'

Ingrandisci immagine


I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM


di

Diana Antonio G.

 

Disponibile dopo il 24/08 causa chiusura estiva di editori e distributori
In promozione
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM»

Tipo Libro
Titolo I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM
Autore
Editore

CEDAM


EAN 9788813292188
Pagine XVIII-702
Data ottobre 2009

INDICE DI «I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE-SOMMARIO



Elenco delle principali abbreviazioni ..................................................... pag. xxvii


Introduzione

LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE

1. Prime considerazioni ..................................................................... pag. 1
2. La ricostruzione dell'iter di approvazione della l. n. 69/2009 .... ╗ 2
2.1. In particolare lo scopo della Riforma e il regime transitorio ╗ 3
3. Il quadro di riferimento generale in sintesi .................................. ╗ 6
3.1. Le modifiche al Libro primo del codice di rito civile ....... ╗ 11
3.2. Le modifiche al Libro secondo del codice di rito civile .... ╗ 13
3.3. Le modifiche al Libro terzo del codice di rito civile ......... ╗ 15
3.4. Le modifiche al Libro quarto del codice di rito civile ...... ╗ 15
3.5. Le modifiche alle disposizioni di attuazione del codice di
procedura civile .................................................................... ╗ 16
4. Entrata in vigore ............................................................................ ╗ 16


Sezione Prima
PROVVEDIMENTI GIURISDIZIONALI IN SENSO PROPRIO
O DI MERITO DEL GIUDICE CIVILE

Capitolo Primo

SENTENZE

1. In generale ...................................................................................... pag. 23
2. Nozione di sentenza: definitiva e non definitiva (ovvero parziale) ╗ 28
2.1. Vari ambiti della pronunzia ................................................. ╗ 29
3. Il c.d. regime delle invalidita della sentenza ................................ ╗
` 30
4. Errori materiali: la correzione ....................................................... ╗ 31
5. La sentenza di merito .................................................................... ╗ 32
5.1. La sentenza di condanna ..................................................... ╗ 33
VIII indice-sommario

5.2. La sentenza di accertamento e la sentenza costitutiva ....... pag. 34
5.3. La condanna generica .......................................................... ╗ 36
5.4. La provvisionale ................................................................... ╗ 37
5.5. Il c.d. giudizio di fatto nella sentenza di merito ................ ╗ 41
5.6. Il giudizio di diritto e il giudizio conclusivo ...................... ╗ 42
5.7. La provvisoria esecuzione della sentenza ............................ ╗ 44
5.8. L'art. 614-bis ........................................................................ ╗ 46
5.9. La condanna in forma specifica e la pronuncia della san-
zione per l'inadempimento relativo. Altri aspetti ............... ╗ 48
5.10. Sono sottoponibili ad impugnazione le sentenze rese in ma-
teria di opposizione all'esecuzione ...................................... ╗ 50
5.11. Sospensione per opposizione all'esecuzione ....................... ╗ 50
5.12. Quale il giudice dell'opposizione agli atti' ......................... ╗ 52
6. La sentenza di rito ......................................................................... ╗ 52
7. La sentenza di rigetto .................................................................... ╗ 53
8. La sentenza di cassazione .............................................................. ╗ 53
9. La sentenza di giurisdizione volontaria ........................................ ╗ 54


Capitolo Secondo

ORDINANZE

1. Le ordinanze nel processo di cognizione ..................................... pag. 57
1.1. Le ordinanze nel processo di esecuzione forzata ............... ╗ 59
1.1.1. Esecuzione forzata di obblighi di fare o di non fare: i
presupposti ............................................................... ╗ 59
1.1.2. Limiti ........................................................................ ╗ 60
1.1.3. Inammissibile l'esecuzione in forma specifica del-
l'ordine di reintegrazione del lavoratore nel posto
di lavoro .................................................................... ╗ 61
1.1.4. Provvedimento cautelare ed esecuzione in forma
specifica .................................................................... ╗ 62
1.1.5. Esecuzione del giudicato e compatibilita con i poteri `
amministrativi ........................................................... ╗ 63
1.1.6. Esecuzione forzata di obblighi di fare ed autorizza-
zioni amministrative ................................................. ╗ 63
1.1.7. Obblighi di non fare e ricorso al giudice dell'esecu-
zione .......................................................................... ╗ 64
1.1.8. Gli obblighi di pati .................................................. ╗ 65
1.1.9. L'attuazione del diritto di visita .............................. ╗ 66
1.1.10. Titolo esecutivo necessario: la sentenza di condanna ╗ 66
1.1.11. Precetto ..................................................................... ╗ 68
1.1.12. La fase d'inizio dell'esecuzione ................................ ╗ 69
1.1.13. Il decreto del giudice dell'esecuzione per risolvere le
difficolta sorte nel corso dell'esecuzione ................. ╗
` 70
1.1.14. Rimborso delle spese e provvedimento del giudice
dell'esecuzione .......................................................... ╗ 71
indice-sommario IX

1.2. Le ordinanze nei procedimenti sommari ............................ pag. 72
1.3. Le Ordinanze nei procedimenti e nei provvedimenti caute-
lari ......................................................................................... ╗ 74
1.4. Le Ordinanze nei procedimenti in camera di consiglio ..... ╗ 76
2. Forma dell'Ordinanza .................................................................... ╗ 76
3. Il suo contenuto ............................................................................. ╗ 78
4. La comunicazione e la notificazione ............................................. ╗ 79
5. La stabilita e l'efficacia delle ordinanze ........................................ ╗
` 80
6. Le ordinanze di condanna al rilascio ............................................ ╗ 81
7. I provvedimenti interinali: l'ordinanza di condanna al pagamento
di somme non contestate ............................................................... ╗ 84
7.1. L'ordinanza-ingiunzione ....................................................... ╗ 85
8. L'ordinanza successiva alla chiusura dell'istruzione ..................... ╗ 86


Capitolo Terzo

DECRETI

1. Differenza con la sentenza e l'ordinanza ...................................... pag. 89
2. Elementi costitutivi. Motivazione: esclusione ............................... ╗ 90
3. Il decreto: mezzo idoneo per i provvedimenti di ordine giurisdi-
zionale resi non in contraddittorio ............................................... ╗ 91
3.1. Il decreto mezzo idoneo per i provvedimenti processuali di
natura strettamente ordinatoria ........................................... ╗ 92
4. L'adozione di un provvedimento in veste di decreto in luogo di
quella prescritta di ordinanza o di sentenza. Effetti .................... ╗ 93
5. Forma della pronuncia del decreto .............................................. ╗ 94
6. L'efficacia del decreto ................................................................... ╗ 95
7. Revocabilita, reclamabilita o opponibilita del decreto. Impugna-
` ` `
bilita ex art. 323 c.p.c.: esclusione (salvo l'eccezione ex art. 656
`
c.p.c.) .............................................................................................. ╗ 96
8. La disciplina recata ex artt. 741-742-bis c.p.c. ............................ ╗ 97


Sezione Seconda

L'ESAME NEL DETTAGLIO


Capitolo Quarto

`
L'ATTIVITA GIURISDIZIONALE E IL PRINCIPIO DISPOSITIVO

1. L'ambito funzionale e quello strutturale ...................................... pag. 103
2. L'azione del Pubblico Ministero ................................................... ╗ 105
3. L'iniziativa d'ufficio del giudice .................................................... ╗ 106
X indice-sommario

Capitolo Quinto

FORMA DEI PROVVEDIMENTI

1. Valutazioni sulla materia provvedi mentale .................................. pag. 109
2. Le tipologie .................................................................................... ╗ 112
3. Regolamento dello scopo e forma adeguata del provvedimento ╗ 114
4. Prevalenza della sostanza sulla forma ........................................... ╗ 115
5. I provvedimenti del collegio ......................................................... ╗ 116


Capitolo Sesto

IL CONTENUTO DELLA SENTENZA

1. Contenuto e forma ........................................................................ pag. 119
2. I vari elementi relativi al contenuto .............................................. ╗ 120
2.1. Il contenuto della sentenza dopo la novellazione del 2009 ╗ 122
2.2. Le modifiche legislative al contenuto della sentenza: lo
scopo ..................................................................................... ╗ 123
3. La sentenza di rigetto della querela di falso ................................ ╗ 125


Capitolo Settimo

SENTENZA: LA PUBBLICAZIONE. LA NOTIFICAZIONE

1. Valutazioni di ordine generale ...................................................... pag. 127
2. La pubblicazione ............................................................................ ╗ 129
3. La comunicazione .......................................................................... ╗ 130
4. La notificazione .............................................................................. ╗ 131
4.1. La novellazione della materia relativa al modo di notifica-
zione della sentenza .............................................................. ╗ 131
4.2. La pubblicita della sentenza secondo la novellata disposi-
`
zione di cui all'art. 120 c.p.c. .............................................. ╗ 133
5. Termine e sua rilevanza ................................................................. ╗ 134


Capitolo Ottavo

EFFETTI COSTITUTIVI DELLA SENTENZA

1. In generale ...................................................................................... pag. 135
2. Forme di tutela costitutiva ............................................................ ╗ 138
3. Provvedimenti costitutivi, modificativi oppure estintivi dei rap-
porti giuridici ................................................................................. ╗ 139
4. Mezzi rimediali ............................................................................... ╗ 140
5. Il giudicato ..................................................................................... ╗ 142
indice-sommario XI

Capitolo Nono
ORDINANZA: COMUNICAZIONE E NOTIFICAZIONE

1. Prime valutazioni ........................................................................... pag. 145
2. La comunicazione dell'ordinanza .................................................. ╗ 146
3. La notificazione dell'ordinanza ..................................................... ╗ 148
4. L'ordinanza e la sua revocabilita .................................................. ╗
` 149


Capitolo Decimo

FORMA E CONTENUTO DEL DECRETO

1. Considerazioni introduttive ........................................................... pag. 151
2. La motivazione del decreto ........................................................... ╗ 152
3. La sottoscrizione del decreto ........................................................ ╗ 154
4. L'efficacia del decreto ................................................................... ╗ 155


Capitolo Undicesimo

IL SEQUESTRO GIUDIZIARIO

1. Presupposti necessari perche il provvedimento sia accordato .... pag.
┤ 157
2. Periculum in mora .......................................................................... ╗ 159
3. Fumus boni iuris ............................................................................ ╗ 160
4. Il sequestro giudiziario delle prove ............................................... ╗ 161


Capitolo Dodicesimo

IL SEQUESTRO CONSERVATIVO

1. Il periculum in mora ...................................................................... pag. 163
2. Fumus boni iuris ............................................................................ ╗ 164
3. Oggetto del provvedimento .......................................................... ╗ 165
4. Effetti .............................................................................................. ╗ 166
5. Con riferimento all'azione penale ................................................. ╗ 167


Capitolo Tredicesimo

EFFICACIA DEL PROVVEDIMENTO DI SEQUESTRO

1. La funzione del termine ................................................................ pag. 171
2. Il giorno iniziale della decorrenza ................................................. ╗ 172
3. I modi attraverso i quali pervenire alla dichiarazione di ineffi-
cacia ........................................................................................... ╗ 173
XII indice-sommario

Capitolo Quattordicesimo

LA REVOCA DEL SEQUESTRO

1. La revoca e la sua natura .............................................................. pag. 175
2. Il provvedimento di revoca ........................................................... ╗ 176


Capitolo Quindicesimo

I PROCEDIMENTI DI DENUNCIA DI NUOVA OPERA
E DI DANNO TEMUTO

1. La disciplina speciale ..................................................................... pag. 177
2. Stadio cautelare .............................................................................. ╗ 181
3. Stadio di merito ............................................................................. ╗ 182
4. Competenza per territorio ............................................................. ╗ 183
5. Natura della denuncia ................................................................... ╗ 183


Capitolo Sedicesimo

CONTRAVVENZIONE AL DIVIETO DEL GIUDICE

1. La natura cognitiva dei provvedimenti ......................................... pag. 185
2. Legittimazione attiva e passiva ...................................................... ╗ 187
3. La competenza del giudice ............................................................ ╗ 187
4. Modalita di attuazione del provvedimento .................................. ╗
` 188


Capitolo Diciassettesimo

PROCEDIMENTO DI ISTRUZIONE PREVENTIVA:
L'ASSUNZIONE DI TESTIMONI

1. Primi richiami ................................................................................ pag. 191
2. L'oggetto dell'istruzione preventiva .............................................. ╗ 192
3. La consulenza tecnica preventiva disposta dal giudice su richiesta
di parte ........................................................................................... ╗ 193


Capitolo Diciottesimo

ISTRUZIONE PREVENTIVA E REQUISITI

1. I provvedimenti di istruzione preventiva ...................................... pag. 197
2. I requisiti ........................................................................................ ╗ 199
indice-sommario XIII

Capitolo Diciannovesimo

ISTANZA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI
DI ISTRUZIONE PREVENTIVA

1. Giudice fornito di competenza: istanza proposta ante causam ... pag. 201
1.1. Istanza proposta nel corso di causa .................................... ╗ 204
1.2. Istanza per l'istruzione preventiva proposta in seguito al
giudizio ................................................................................. ╗ 205
1.3. Istanza proposta in caso di eccezionale urgenza ................ ╗ 206
1.4. L'ipotesi di compromissione in arbitri delle liti e l'incompe-
tenza ad emettere provvedimenti cautelari del collegio arbi-
trale ....................................................................................... ╗ 208
1.5. Ipotesi residuali .................................................................... ╗ 209
2. Deroga alla regola in materia di competenza ............................... ╗ 210
3. Definizione del contenuto del ricorso. L'esame condotto dal giu-
dice ................................................................................................. ╗ 211


Capitolo Ventesimo

L'ORDINE DI COMPARIZIONE

1. Fissazione dell'udienza con decreto .............................................. pag. 213
2. La notificazione .............................................................................. ╗ 214


Capitolo Ventunesimo
`
L'AMMISSIBILITA DEL MEZZO DI PROVA

1. L'assunzione della decisione da parte del giudice: l'esame del pe-
riculum ............................................................................................ pag. 217
1.1. Giudizio di ammissibilita e di rilevanza. L'assunzione delle
`
sommarie informazioni ......................................................... ╗ 218
2. L'impugnabilita del provvedimento .............................................. ╗
` 219


Capitolo Ventiduesimo

L'ACCERTAMENTO TECNICO E L'ISPEZIONE GIUDIZIALE

1. L'accertamento tecnico preventivo: i requisiti necessari della rela-
tiva istanza ...................................................................................... pag. 221
2. Le conseguenze sul piano dell'interruzione della prescrizione ... ╗ 222
3. Oggetto ........................................................................................... ╗ 223
4. Le spese necessarie ........................................................................ ╗ 225
XIV indice-sommario

Capitolo Ventitreesimo
I PROVVEDIMENTI IN CASO DI ECCEZIONALE URGENZA

1. Procedimento per decreto ............................................................. pag. 227
2. Rimedi previsti dalla norma a tutela della parte assente ............. ╗ 228

Capitolo Ventiquattresimo
PROVE PREVENTIVE: ASSUNZIONE ED EFFICACIA

1. Efficacia delle prove preventive .................................................... pag. 231
2. La prova preventiva ed il suo accesso nel giudizio di merito ..... ╗ 232
3. Istruzione preventiva in corso di causa: il giudice provvede me-
diante ordinanza ............................................................................ ╗ 234

Capitolo Venticinquesimo
I PROVVEDIMENTI D'URGENZA

1. Il contenuto .................................................................................... pag. 237
2. La modifica, la revoca ed il reclamo ............................................ ╗ 238
3. Competenza e procedimento ........................................................ ╗ 239
4. Attuazione ed esecuzione .............................................................. ╗ 241

Capitolo Ventiseiesimo
DOMANDA DI REINTEGRAZIONE
E DI MANUTENZIONE DEL POSSESSO

1. La competenza del giudice ............................................................ pag. 243
2. Reclamo avverso l'ordinanza ......................................................... ╗ 246

Capitolo Ventisettesimo
DOMANDE DI PROVVEDIMENTO POSSESSORIO
NEL CORSO DI GIUDIZIO PETITORIO

1. L'istanza ......................................................................................... pag. 249
2. I provvedimenti temporanei indispensabili del giudice ............... ╗ 251

Capitolo Ventottesimo
DIVIETO DI PROPORRE GIUDIZIO PETITORIO

1. Le condizioni di operativita .......................................................... pag.
` 255
2. Limiti .............................................................................................. ╗ 256
indice-sommario XV

Capitolo Ventinovesimo

I PROVVEDIMENTI DEL COLLEGIO: LA FORMA

1. Le varie categorie di provvedimento di assunzione collegiale .... pag. 259
2. La forma e la natura dei provvedimenti collegiali ....................... ╗ 261
2.1. Forma dei provvedimenti del collegio dopo la Riforma del
2009 ...................................................................................... ╗ 261
3. Le sentenze e le ordinanze del Collegio ....................................... ╗ 262
4. Diverse tipologie di sentenze. Definitive e non definitive ........... ╗ 263
5. Pronunce sul terreno della giurisdizione e della competenza ..... ╗ 266
6. Questioni pregiudiziali afferenti al processo ................................ ╗ 267
7. Le questioni preliminari relative al merito ................................... ╗ 268
8. Relazione intercorrente tra sentenza definitiva e quella non defi-
nitiva ............................................................................................... ╗ 270
9. Sospensione consensuale del giudizio di prime cure ................... ╗ 271


Capitolo Trentesimo

L'ORDINANZA COLLEGIALE: IL CONTENUTO,
LA DISCIPLINA

1. L'ordinanza con cui e disposta la rimessione in istruttoria ......... pag.
` 275
2. L'atto della notificazione dell'ordinanza ....................................... ╗ 276
3. Rimessione in istruttoria e prosecuzione della causa ................... ╗ 277


Sezione Terza
RIFORMA DELLA DISCIPLINA
DEI PROVVEDIMENTI CAUTELARI

Capitolo Trentunesimo

ELEMENTI INTRODUTTIVI

1. La situazione previgente la riforma .............................................. pag. 281
2. L'assetto odierno ............................................................................ ╗ 282
2.1. Il provvedimento di accoglimento dopo la Riforma del 2009 ╗ 283


Capitolo Trentaduesimo

LA COMPETENZA DEL GIUDICE

1. Competenza per le domande cautelari proposte ante causam .... pag. 285
2. La competenza cautelare in pendenza di lite ............................... ╗ 287
XVI indice-sommario

Capitolo Trentatreesimo
FORMA DELLA DOMANDA
E PROVVEDIMENTO NEGATIVO

1. La competenza in caso di clausola compromissoria, di compro-
messo o di pendenza del giudizio arbitrale .................................. pag. 289
2. La forma della domanda cautelare ............................................... ╗ 290
3. Il provvedimento negativo ............................................................. ╗ 291
3.1. Le modifiche apportate dalla Riforma del 2009 alla disci-
plina del provvedimento negativo ....................................... ╗ 292

Capitolo Trentaquattresimo
REVOCA E MODIFICA DEL PROVVEDIMENTO CAUTELARE.
L'INEFFICACIA

1. Inefficacia del provvedimento cautelare ....................................... pag. 295
2. Revoca e modifica del provvedimento cautelare .......................... ╗ 296
3. L'imposizione della cauzione ........................................................ ╗ 298

Capitolo Trentacinquesimo
ATTUAZIONE E RECLAMO

1. L'attuazione del provvedimento cautelare .................................... pag. 301
2. Il reclamo ....................................................................................... ╗ 303

Sezione Quarta
I PROVVEDIMENTI DI MERITO INTERLOCUTORI:
PROVVEDIMENTI CON EFFICACIA PROVVISORIA.
I PROVVEDIMENTI D'URGENZA

Capitolo Trentaseiesimo
ASPETTI GENERALI

1. In generale ...................................................................................... pag. 307
2. La funzione cautelare .................................................................... ╗ 308
3. La nozione ...................................................................................... ╗ 310
4. I provvedimenti interlocutori in particolare ................................. ╗ 311

Capitolo Trentasettesimo
IL PROVVEDIMENTO DI URGENZA

1. La funzione di urgenza .................................................................. pag. 313
indice-sommario XVII

2. Il provvedimento di urgenza: inquadramento normativo ............ pag. 314
3. L'articolazione di natura cautelare del provvedimento di urgenza ╗ 316
4. Le caratteristiche: strumentalita prima delle innovazioni legisla-
`
tive .................................................................................................. ╗ 317
5. Provvisorieta prima delle innovazioni legislative .......................... ╗
` 319
6. Strumentalita e provvisorieta dopo le innovazioni legislative ...... ╗
` ` 320
7. La condizione attuale sul tema dell'instaurazione del giudizio di
merito successivamente all'emissione del provvedimento d'ur-
genza ............................................................................................... ╗ 322


Capitolo Trentottesimo
`
COMPETENZA E ATTIVITA PROCEDIMENTALE

1. Competenza a pronunciare i provvedimenti di urgenza ............. pag. 327
2. Il ricorso introduttivo .................................................................... ╗ 328
3. L'attivita di ordine istruttorio del giudice della tutela d'urgenza
` ╗ 329


Capitolo Trentanovesimo
`
FORMA E CONTENUTO. MODIFICABILITA,
` E CADUCAZIONE
REVOCABILITA

1. Forma e contenuto del provvedimento d'urgenza ....................... pag. 335
2. Sentenza di merito e caducazione del provvedimento d'urgenza ╗ 338
3. Modificabilita e revocabilita del provvedimento d'urgenza ........ ╗
` ` 339


Capitolo Quarantesimo

RECLAMO ED ATTUAZIONE DEI PROVVEDIMENTI DI URGENZA

1. Il reclamo ....................................................................................... pag. 343
2. Il provvedimento d'urgenza e la sua attuazione .......................... ╗ 344


Sezione Quinta
I PROVVEDIMENTI DI RITO

Capitolo Quarantunesimo

INCIDENZA SUL PROCESSO E NON SUL MERITO

1. Generalita ....................................................................................... pag.
` 349
XVIII indice-sommario

Capitolo Quarantaduesimo

LE VARIE VOLIZIONI

1. Sentenza di rigetto della domanda ............................................... pag. 351
2. Sentenza che declina la giurisdizione o la competenza ............... ╗ 352
2.1. In particolare la sentenza in materia di giurisdizione ........ ╗ 355
2.2. In particolare la sentenza in materia di competenza .......... ╗ 357


Sezione Sesta
PROVVEDIMENTO GIUDIZIALE E AUSILIO INFORMATICO

Capitolo Quarantatreesimo
`
L'ATTIVITA PROFESSIONALE DEL GIUDICE

1. Generalita ....................................................................................... pag.
` 363
1.1. La notificazione del documento informatico ...................... ╗ 364
2. Le tre fasi nelle quali si concentra l'esercizio dell'attivita profes- `
sionale del giudice ......................................................................... ╗ 366
3. Gestione del ruolo e programmazione delle altre attivita ........... ╗ ` 368


Capitolo Quarantaquattresimo

L'INFORMATIZZAZIONE DEL SETTORE GIUSTIZIA:
`
IN PARTICOLARE L'ATTIVITA DEL GIUDICE

1. Informatizzazione, governo delle udienze e programmazione delle
altre attivita del giudice. Il tempo nella redazione dei provvedi-
`
menti: la riduzione con ricorso al supporto informatico ............. pag. 369
2. Il ricorso alla ricerca giuridica informatizzata .............................. ╗ 373
3. Il ricorso al mezzo informatico in tema di redazione della sentenza ╗ 375
4. L'esperienza sul campo ................................................................. ╗ 377


Sezione Settima
GLI EFFETTI DEL PROVVEDIMENTO

Capitolo Quarantacinquesimo

LA DISTINZIONE TRA GIUDICATO SOSTANZIALE
E GIUDICATO FORMALE

1. Cosa giudicata ................................................................................ pag. 383
indice-sommario XIX

2. Giudicato in senso materiale ......................................................... pag. 386
3. Cosa giudicata in senso formale .................................................... ╗ 387


Capitolo Quarantaseiesimo

`
FUNZIONE DEL GIUDICATO E SUA RILEVABILITA D'UFFICIO

1. La funzione del giudicato sostanziale ........................................... pag. 389
2. Giudicato formale e giudicato sostanziale in particolare ............. ╗ 390
3. Eccezione di cosa giudicata ........................................................... ╗ 391
4. La rilevabilita d'ufficio .................................................................. ╗
` 392


Capitolo Quarantasettesimo

GIUDICATO INTERNO E GIUDICATO ESTERNO

1. Il giudicato interno ........................................................................ pag. 395
2. Il giudicato esterno ........................................................................ ╗ 396


Capitolo Quarantottesimo

QUALI PROVVEDIMENTI HANNO NATURA TALE
DA COSTITUIRE GIUDICATO'

1. Provvedimenti suscettibili di divenire giudicato .......................... pag. 397
1.A) Sentenze di primo grado (definitive e non definitive) ....... ╗ 398
1.B) Sentenze di appello .............................................................. ╗ 399
1.C) Sentenze della Corte di legittimita ...................................... ╗
` 399
1.D) Sentenze su istanza di revocazione ...................................... ╗ 400
1.E) Le sentenze determinative ................................................... ╗ 401
1.F) L'ordinanza di convalida di licenza o di sfratto ................. ╗ 402
1.G) Il decreto ingiuntivo ed il decreto penale ........................... ╗ 402


Capitolo Quarantanovesimo

ALTRI AMBITI: IN PARTICOLARE IL GIUDICATO IMPLICITO

1. Il giudicato implicito ..................................................................... pag. 405
2. Effetti costitutivi o esecutivi .......................................................... ╗ 406
3. Opposizione revocatoria: Sentenza di accoglimento e suoi effetti ╗ 409
XX indice-sommario

Sezione Ottava
IMPUGNAZIONI ED OPPOSIZIONE DI TERZO
ORDINARIA E REVOCATORIA


Capitolo Cinquantesimo

LE IMPUGNAZIONI

1. Il profilo concettuale delle impugnazioni: A) I vizi delle sentenze pag. 413
1.1. B) Rimedi avvero i vizi della sentenza ................................ ╗ 415
1.2. C) Extrapetizione, ultrapetizione, omessa pronuncia su una
o piu delle domande proposte ............................................ ╗
` 416
1.3. D) L'omissione della decisione ricadente su di una ecce-
zione sollevata ....................................................................... ╗ 417
1.4. E) Il profilo concettuale di impugnazione .......................... ╗ 418
2. Mezzi d'impugnazione delle sentenze ........................................... ╗ 419
2.1. Loro classificazione .............................................................. ╗ 422
3. La sentenza suscettibile di essere impugnata ............................... ╗ 425
4. Quale l'oggetto dell'impugnazione' .............................................. ╗ 430
5. Legittimazione ................................................................................ ╗ 431
6. Soccombenza .................................................................................. ╗ 433
7. Termini ........................................................................................... ╗ 436
7.1. Decadenza dall'impugnazione ................................................ ╗ 441
7.2. Sui nuovi termini di impugnazione della sentenza e riassun-
zione della causa ................................................................... ╗ 442
8. Il luogo dell'impugnazione ............................................................ ╗ 443
9. Acquiescenza .................................................................................. ╗ 445
10. Capo di sentenza ............................................................................ ╗ 446
11. Impugnazione incidentale .............................................................. ╗ 448
12. Il divieto di prove nuove in sede di appello ................................ ╗ 449


Capitolo Cinquantunesimo

B) L'OPPOSIZIONE DI TERZO ORDINARIA

1. Nozione .......................................................................................... pag. 451
2. La tutela dei diritti del terzo estraneo al giudizio in cui e stata resa `
la sentenza ...................................................................................... ╗ 452
3. Il diritto autonomo ........................................................................ ╗ 454
4. Il diritto incompatibile .................................................................. ╗ 457
5. Sentenza di status, di rettificazione degli atti dello stato civile e
l'opposizione di terzo .................................................................... ╗ 458
6. Opposizione di terzo ordinaria: facoltativita o necessarieta' ...... ╗
` ` 460
6.1. Rapporto con le opposizioni di cui agli artt. 615 e 619 del
codice di rito ........................................................................ ╗ 462
indice-sommario XXI

7. Ricorribilita del mezzo dell'opposizione di terzo ordinaria ......... pag.
` 463
8. Termini ........................................................................................... ╗ 466
9. La competenza ............................................................................... ╗ 466
10. Il rito .............................................................................................. ╗ 468
11. Gli atti introduttivi ........................................................................ ╗ 469
12. Procedimento ................................................................................. ╗ 471
13. Provvedimento di inammissibilita ................................................. ╗
` 472
14. Improcedibilita ............................................................................... ╗
` 474
15. Rigetto ............................................................................................ ╗ 476
16. Sentenza di accoglimento .............................................................. ╗ 477

Capitolo Cinquantaduesimo
L'OPPOSIZIONE DI TERZO REVOCATORIA

1. Nozione .......................................................................................... pag. 481
2. Creditori ......................................................................................... ╗ 481
3. Aventi causa ................................................................................... ╗ 483
4. Termine .......................................................................................... ╗ 485
5. Procedimento ................................................................................. ╗ 486
6. Tra dolo e collusione ..................................................................... ╗ 487
7. Provvedimenti di inammissibilita, improcedibilita e rigetto. In
` `
particolare l'inammissibilita ........................................................... ╗
` 490


Sezione Nona
PREDISPOSIZIONE DI PROVVEDIMENTO SFORNITO DI VIZI

Capitolo Cinquantatreesimo

MOTIVAZIONE E TECNICA DI REDAZIONE DELLA SENTENZA:
COME EVITARE DI INCORRERE IN VIZI DEL PROVVEDIMENTO

1. La sentenza tra processo ordinario e tributario ........................... pag. 495
2. Rapporto intercorrente tra decisione e motivazione .................... ╗ 496
3. Ratio e contenuto dell'obbligo di rendere motivazione della sen-
tenza ............................................................................................... ╗ 499
4. Motivazione ad abundantiam ......................................................... ╗ 501
5. Motivazione per relationem ........................................................... ╗ 502
6. Motivazione e consulenze tecniche ............................................... ╗ 504
7. Ordine ............................................................................................ ╗ 506
8. Quali i vizi della motivazione' ...................................................... ╗ 507
9. Dispositivo, sottoscrizione, data .................................................... ╗ 510
10. Spese del giudizio .......................................................................... ╗ 512
10.1. Condanna alle spese ............................................................. ╗ 514
10.2. La compensazione delle spese ............................................. ╗ 516
11. Art. 111 Cost. ................................................................................ ╗ 517
XXII indice-sommario

Capitolo Cinquantaquattresimo

TECNICA DI REDAZIONE DELL'ORDINANZA DI RIMESSIONE
ALLA CORTE COSTITUZIONALE

1. Legittimazione in tema di questione costituzionale sollevata ...... pag. 519
2. Questione e sua rilevanza .............................................................. ╗ 521
3. Requisiti dell'ordinanza di rimessione .......................................... ╗ 521
4. Thema decidendum ........................................................................ ╗ 523
5. Non manifesta infondatezza della q.l.c. ........................................ ╗ 525
6. L'attivita del rimettente successiva ............................................... ╗
` 526

Sezione Decima

IL GIUDICE E GLI ISTITUTI DI NUOVA INTRODUZIONE.
LE ALTRE MODIFICHE AL PROCESSO CIVILE APPORTATE
DALLA RIFORMA DEL 2009

Capitolo Cinquantacinquesimo

IL FILTRO IN CASSAZIONE

1. Il ricorso per cassazione: ipotesi di inammissibilita ..................... pag.
` 531
2. Il filtro in cassazione nella sua puntuale articolazione ................ ╗ 533
3. Il terreno dei nuovi motivi di inammissibilita del ricorso per cas- `
sazione delimitato dal legislatore del 2009 ................................... ╗ 535
3.1. L'inammissibilita del ricorso per cassazione avverso provve-
`
dimento che decide questione di diritto in modo conforme
all'orientamento della S.C. ................................................... ╗ 536
3.2. Il superamento del filtro di ammissibilita del ricorso per `
cassazione per le ipotesi di conferma o mutamento dell'in-
dirizzo. Gli aspetti contraddittori della disposizione norma-
tiva ......................................................................................... ╗ 536
3.3. L'inammissibilita del ricorso per cassazione per manifesta
`
infondatezza della violazione dei principi del giusto pro-
cesso ...................................................................................... ╗ 539
4. Osservazioni sul nuovo istituto e sulla formula utilizzata dal legi-
slatore ............................................................................................. ╗ 540
5. La Sezione filtro dell'ammissibilita del ricorso per cassazione in
`
particolare ....................................................................................... ╗ 542

Capitolo Cinquantaseiesimo

IL PROCEDIMENTO SOMMARIO DI COGNIZIONE

1. La forma della domanda e la costituzione delle parti. il procedi-
mento .............................................................................................. pag. 545
indice-sommario XXIII

2. Sull'oggetto del procedimento sommario di cognizione .............. pag. 548
3. L'appello ......................................................................................... ╗ 551
4. Il procedimento sommario di cognizione in sintesi ..................... ╗ 552


Capitolo Cinquantasettesimo

LA TESTIMONIANZA SCRITTA
E LA CONSULENZA TECNICA D'UFFICIO

1. Il mezzo della testimonianza scritta .............................................. pag. 553
2. Il modello e la notificazione del difensore ................................... ╗ 554
3. La compilazione del modello da parte del testimone .................. ╗ 555
4. Modifiche alla disciplina recata in materia di Consulenza tecnica ╗ 556


Capitolo Cinquantottesimo

LA COMPETENZA DEL GIUDICE DI PACE

1. Competenza del giudice di pace all'indomani della Riforma del
2009 ................................................................................................ pag. 559
2. I limiti della competenza per valore del giudice di pace rimasti
esclusi dalle innovazioni apportata dalla legge di riforma del pro-
cesso civile del 2009 ...................................................................... ╗ 561
3. La competenza del g.d.p. in materia di risarcimento per morte o
lesione da circolazione di veicoli e natanti. L'abrogazione della
norma che disponeva per l'ingresso del rito del lavoro nella ma-
teria. Il rito ordinario .................................................................... ╗ 562
4. La competenza del giudice di pace per le cause relative ad inte-
ressi o accessori in materia previdenziale ..................................... ╗ 564


Capitolo Cinquantanovesimo

GLI ALTRI AMBITI DEL PROCESSO CIVILE SOTTOPOSTI
ALL'INTERVENTO RIFORMATORE DEL LEGISLATORE DEL 2009

1. Il giudice attende alla predisposizione del calendario delle
udienze ................................................................................. pag. 567
2. Gli interventi che involgono l'ambito preliminare del giudizio. in
particolare l'incompetenza ............................................................. ╗ 568
3. Il provvedimento in forma di ordinanza sostituisce quello reso in
forma di sentenza in materia di litispendenza, continenza, connes-
sione, competenza .......................................................................... ╗ 569
4. La riassunzione della causa ........................................................... ╗ 570
XXIV indice-sommario

Capitolo Sessantesimo

LA RIFORMA DEL PROCESSO CIVILE DEL 2009
IN BASE AD UNA LETTURA SINOTTICA

1. L'intervento riformatore nei suoi aspetti peculiari: norma per
norma il significato e la ratio in sintesi per schemi ..................... pag. 573
2. Come cambia il codice di procedura civile: le norme comparate ╗ 593


Sezione Undicesima
IL DIALOGO PROCESSUALE CON IL GIUDICE

Capitolo Sessantunesimo

TECNICHE DI COMUNICAZIONE PROCESSUALE IN FUNZIONE
DELLA CONCILIAZIONE

1. Chi sono i protagonisti del processo civile' La conciliazione ..... pag. 625
2. La parte .......................................................................................... ╗ 626
3. La determinazione della parte a conseguire con la domanda, giu-
stizia ................................................................................................ ╗ 626
4. Attuazione della decisione: la scelta dell'Avvocato ...................... ╗ 628
5. La figura dell'Avvocato ................................................................. ╗ 630
6. La figura del Giudice .................................................................... ╗ 631
7. In particolare la tecnica di comunicazione del giudice: non ver-
bale ................................................................................................. ╗ 632
8. In particolare la tecnica di comunicazione del giudice: verbale . ╗ 635
9. Rapporto intercorrente tra il giudice e le Parti ........................... ╗ 635
10. Rapporto intercorrente tra il giudice e l'Avvocato ...................... ╗ 636
11. Ruolo del Giudice .......................................................................... ╗ 637
12. Conoscenza dei fatti ...................................................................... ╗ 639
13. Interrogatorio libero ...................................................................... ╗ 639
14. Tentativo di conciliazione in senso pieno: principi e relative tec-
niche ............................................................................................... ╗ 640
15. Razionalita come valore ................................................................. ╗
` 641
16. I bisogni di ognuna delle parti ..................................................... ╗ 643
17. Ruolo assolto dai difensori ............................................................ ╗ 645


Capitolo Sessantaduesimo

STADIO PREPARATORIO OVVERO PRE-PROCESSUALE

1. Ruolo assolto dall'avvocato nello stadio ancora di pregenesi della
consulenza: il cliente, l'esperienza professionale .......................... pag. 647
indice-sommario XXV

2. Rapporto relazionale avvocato/cliente: i vari ambiti .................... pag. 648
3. Il tentativo di conciliare esperito nella fase preliminare dall'avvo-
cato ................................................................................................. ╗ 650
4. La consulenza ................................................................................. ╗ 653
5. L'incarico. La definizione della linea difensiva ............................ ╗ 654
6. Conferimento della procura .......................................................... ╗ 657
6.1. La procura alle liti ................................................................ ╗

COMMENTI DEI LETTORI A «I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM»

ALTRI LIBRI DI «Diana Antonio G.»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «I provvedimenti del giudice civile. Con CD-ROM»