Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Fallimento'

Ingrandisci immagine


Fallimento

(Trattato diritto comm. pubbl. econ.)


di

Ambrosini Stefano, Cavalli G., Jorio A.


Normalmente disponibile in 7/8 giorni lavorativi
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Fallimento»

Tipo Libro
Titolo Fallimento
Autori
Editore

CEDAM


EAN 9788813282684
Data 2009
Peso 1290 grammi
Collana Trattato diritto comm. pubbl. econ.

INDICE DI «Fallimento»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE-SOMMARIO




INTRODUZIONE
Alberto Jorio

1. L'evoluzione del diritto fallimentare. Le carenze della legge del '42 e le
esigenze della riforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 1
2. I principi informatori della riforma. Le parti più innovative . . . . . . . » 6
3. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 14

Capitolo I
I PRESUPPOSTI DEL FALLIMENTO
Gino Cavalli

SEZIONE PRIMA
I presupposti soggettivi del fallimento in generale

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 17
2. L'insolvenza del debitore civile . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 21
3. La nozione d'imprenditore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 23
4. Segue. Il fallimento dell'imprenditore occulto . . . . . . . . . . . . . . . » 30
5. Imprenditore commerciale ed imprenditore non commerciale. L'im-
prenditore agricolo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 32
6. Gli imprenditori « minori » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 40
7. Segue. Le soglie dimensionali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 52
8. Gli enti pubblici . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 58
9. Le « grandi imprese » in crisi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 59
10. L'acquisto e la perdita dello status d'imprenditore commerciale . . . . » 61
11. Il fallimento dell'imprenditore cessato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 67
12. Segue. Il decorso del termine annuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 70
13. Il fallimento dell'imprenditore defunto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 72

SEZIONE SECONDA
Il fallimento degli imprenditori collettivi

1. Le società commerciali assoggettabili a fallimento . . . . . . . . . . . . . Pag. 78
2. Società « piccoli imprenditori » . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 84
3. Inizio e cessazione dell'impresa sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 88
X INDICE-SOMMARIO



4. Fallimento della società e fallimento dei soci . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 94
5. Segue. Le categorie di soci fallibili . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 98
6. Soci occulti, società occulte, « apparenze » di società . . . . . . . . . . . » 103
7. Vicende della società e fallimento dei soci. Lo scioglimento del vincolo
sociale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 108
8. Segue. Trasformazione, fusione, scissione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 115
9. Gruppi associativi non societari: consorzi, associazioni, fondazio-
ni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 117
10. Società familiari e impresa familiare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 121


SEZIONE TERZA
Il presupposto oggettivo

1. Lo stato d'insolvenza in generale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 123
2. Stato d'insolvenza e stato di temporanea difficoltà . . . . . . . . . . . . . » 125
3. Stato d'insolvenza e stato d'illiquidità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 128
4. La regolarità nell'adempimento delle obbligazioni . . . . . . . . . . . . . » 133
5. Le manifestazioni dello stato d'insolvenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 135
6. Insolvenza ed impresa collettiva . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 141


Capitolo II
LA DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO
Gino Cavalli

1. L'iniziativa per la dichiarazione di fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 145
2. L'istanza del debitore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
3. Il ricorso dei creditori . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 152
4. La richiesta del pubblico ministero . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 156
5. L'abrogazione del fallimento d'ufficio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 162
6. La legittimazione a richiedere il fallimento in estensione . . . . . . . . . » 166
7. La competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 167
8. Segue. I conflitti di competenza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 173
9. La giurisdizione ed i fallimenti transfrontalieri . . . . . . . . . . . . . . . » 176
10. Il procedimento per la dichiarazione di fallimento . . . . . . . . . . . . . » 181
11. Segue. I provvedimenti cautelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 196
12. La reiezione dell'istanza. Mezzi di gravame . . . . . . . . . . . . . . . . . » 200
13. La sentenza dichiarativa di fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 207
14. Adempimenti pubblicitari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 214
15. I mezzi d'impugnazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 215
16. La sospensione della liquidazione concorsuale . . . . . . . . . . . . . . . » 227
17. La revoca del fallimento. Motivi di merito e motivi processuali . . . . . » 230
18. Segue. Gli effetti della revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 233
19. Segue. Le spese della procedura . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 240
20. Revoca del fallimento e risarcimento dei danni . . . . . . . . . . . . . . . » 244
INDICE-SOMMARIO XI

Capitolo III
GLI ORGANI DEL FALLIMENTO
Gino Cavalli

1. Gli organi preposti al fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 247
2. Il tribunale fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 250
3. Il giudice delegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 256
4. Il curatore. Generalità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 262
5. Segue. Nomina, revoca, sostituzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 264
6. Segue. La gestione del patrimonio fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . » 274
7. Segue. La responsabilità del curatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 283
8. Il comitato dei creditori. Principi generali . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 286
9. Segue. Composizione, nomina, sostituzione, funzionamento . . . . . . . » 288
10. Segue. Funzioni e responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 297
11. L'impugnazione degli atti degli organi falllimentari . . . . . . . . . . . . » 303

Capitolo IV
GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO PER IL DEBITORE
Gino Cavalli

1. Gli effetti di natura personale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 313
2. Gli effetti di natura patrimoniale. Lo spossessamento fallimentare . . . » 323
3. I beni presenti. Le formalità per rendere opponibili gli atti ai terzi . . . » 328
4. I beni sopravvenuti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 332
5. Atti dispositivi e pagamenti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 337
6. I beni non compresi nel fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 341
7. Rapporti processuali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 353

Capitolo V
GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO PER I CREDITORI
Alberto Jorio

1. Il divieto di azioni esecutive e cautelari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 359
2. Le deroghe al divieto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 363
3. Creditori muniti di pegno o privilegio su mobili . . . . . . . . . . . . . . » 365
4. I crediti privilegiati e i crediti chirografari . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 370
5. Creditore di più coobbligati solidali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 378
6. La compensazione nel fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 382

Capitolo VI
GLI EFFETTI DEL FALLIMENTO SUGLI ATTI
PREGIUDIZIEVOLI AI CREDITORI
Alberto Jorio

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 389
2. Revocatoria ordinaria e revocatoria fallimentare: i concetti essenziali . . » 392
3. La disciplina attuale dopo la riforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 398
XII INDICE-SOMMARIO



4. Gli atti a titolo gratuito e i pagamenti anticipati. L'inefficacia ex le-
ge . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 400
5. La revocatoria ordinaria nel fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 404
6. La revocatoria fallimentare. Gli atti soggetti a revocatoria fallimentare.
La scientia decoctionis . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 409
7. Il dimezzamento del periodo sospetto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 412
8. Gli atti a titolo oneroso con prestazioni sproporzionate. Predetermina-
zione della misura della sproporzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 414
9. Presunzione di onerosità delle garanzie contestuali per debiti anche di
terzi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 417
10. Le esenzioni dalla revocatoria. Uno sguardo d'insieme . . . . . . . . . . » 419
11. Le singole ipotesi di esenzione. a) I pagamenti di beni e servizi effettua-
ti nell'esercizio dell'attività d'impresa nei termini d'uso. b) Le rimesse
effettuate su un conto corrente bancario purché non abbiano ridotto in
maniera consistente e durevole l'esposizione debitoria del fallito nei
confronti della banca. c) Le vendite e i preliminari di vendita trascritti
ai sensi dell'art. 2645 bis del codice civile, conclusi a giusto prezzo ed
aventi ad oggetto immobili ad uso abitativo. d) Gli atti, i pagamenti e le
garanzie concesse su beni del debitore posti in essere in esecuzione di
un piano attestato che appaia idoneo a consentire il risanamento della
esposizione debitoria dell'impresa e ad assicurare il riequilibrio della
sua situazione finanziaria. e) Gli atti, i pagamenti e le garanzie posti in
essere in esecuzione del concordato preventivo, nonché dell'accordo
omologato ai sensi dell'articolo 182 bis. f) I pagamenti dei corrispettivi
per prestazioni di lavoro effettuate da dipendenti ed altri collaboratori,
anche non subordinati, del fallito. g) I pagamenti di debiti liquidi ed
esigibili eseguiti alla scadenza per ottenere la prestazione di servizi
strumentali all'accesso alla procedura concorsuale di concordato pre-
ventivo. h) L'esenzione dell'istituto di emissione e delle operazioni di
credito su pegno e di credito fondiario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 423
12. La revocabilità della delibera di costituzione dei patrimoni destina-
ti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 450
13. Il pagamento di cambiale scaduta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 452
14. Gli atti compiuti tra coniugi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 454
15. La decadenza dall'azione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 456
16. Gli effetti della revoca . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 460
17. Alcuni profili processuali. a) Competenza, giurisdizione, composizione
del tribunale e rito applicabile. b) Legittimazione attiva e passiva; in-
teresse ad agire; decisioni relative alla instaurazione e gestione della li-
te . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 464

Capitolo VII
I RAPPORTI GIURIDICI PENDENTI
Alberto Jorio

1. Premessa: evoluzione della disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 470
2. Le indicazioni della legge delega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 474
3. La regola generale sulla sospensione del contratto in attesa della deter-
minazione del curatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 475
4. Segue. Il rapporto tra l'art. 72 e l'art. 10 del regolamento CE n.
1346/00 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 480
INDICE-SOMMARIO XIII

5. Casi particolari di sospensione. a. Il contratto preliminare. a/1.Il con-
tratto preliminare di vendita immobiliare. a/2. Il contratto preliminare
di immobile ad uso abitativo. a/3. L'atto traslativo di immobile da co-
struire. b. I contratti di finanziamento destinato ad uno specifico affare.
c. Il contratto di locazione finanziaria nel caso di fallimento dell'utiliz-
zatore. d. La vendita con riserva di proprietà nel caso di fallimento del
compratore. e. Il contratto di mandato in caso di fallimento del man-
dante. f. Il contratto di appalto. g. Il contratto di edizione in caso di fal-
limento dell'editore. h. Il contratto di lavoro in caso di fallimento del
datore di lavoro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 480
6. L'inefficacia delle clausole di risoluzione automatica . . . . . . . . . . . » 491
7. La domanda di risoluzione anteriore al fallimento . . . . . . . . . . . . . » 493
8. Altri strumenti di autotutela del contraente in bonis. a. La facoltà di far
« regredire » il contratto. b. La facoltà di prevenire la scelta del curato-
re tramite l'escussione della garanzia fideiussoria. c. La facoltà di priva-
re il curatore della libertà di scelta tramite l'esercizio dell'azione ex art.
2932 c.c.: oscillazioni giurisprudenziali. d. L'esclusione del diritto al-
l'insinuazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 495
9. Le regole particolari per singoli contratti . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 499
10. I contratti che proseguono ex lege con il curatore. a. La vendita traslati-
va. b. Il contratto preliminare di immobili da costruire. c. Il contratto
di locazione finanziaria nel caso di fallimento del concedente. d. La
vendita a rate con riserva di proprietà nel caso di fallimento del vendi-
tore. e. Il contratto di affitto di azienda. f. La locazione di immobili. g.
Il contratto di assicurazione contro i danni in caso di fallimento dell'as-
sicurato. h. Il contratto di factoring nel caso di fallimento dell'impren-
ditore cedente . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 500
11. Gli effetti del subingresso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 507
12. I contratti che proseguono con il fallito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 509
13. I contratti che si sciolgono automaticamente. a. I contratti di borsa a
termine. b. L'associazione in partecipazione in caso di fallimento del-
l'associante. c. I contratto di conto corrente (ordinario e bancario),
mandato (in caso di fallimento del mandatario) e commissione. d. I
contratti di rendita perpetua e vitalizia. e. Il contratto di società. f. Ces-
sio bonorum. g. Il comodato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 509
14. Gli effetti dello scioglimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 512
15. Segue. La sorte del procedimento arbitrale . . . . . . . . . . . . . . . . . » 513
16. I contratti pendenti nell'esercizio provvisorio dell'impresa . . . . . . . . » 515
17. Perduranti problemi interpretativi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 517

Capitolo VIII
L'AMMINISTRAZIONE DEI BENI, L'ESERCIZIO PROVVISORIO
E L'AFFITTO DI AZIENDA
Stefano Ambrosini

1. L'apposizione dei sigilli e l'inventario dei beni . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 521
2. La continuazione dell'impresa del fallito: il problema degli interessi tu-
telati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 524
3. La decisione di disporre l'esercizio provvisorio e il contenuto della pro-
posta del curatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 527
4. La disciplina dell'esercizio provvisorio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 531
XIV INDICE-SOMMARIO



5. L'affitto di azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 534
6. L'autorizzazione all'affitto di azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 536
7. La scelta dell'affittuario . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 538
8. Forma e contenuto del contratto di affitto . . . . . . . . . . . . . . . . . » 540
9. Contratti pendenti, crediti e debiti dell'azienda . . . . . . . . . . . . . . » 543
10. Il diritto di prelazione e l'impegno irrevocabile all'acquisto . . . . . . . » 545
11. La retrocessione dell'azienda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 547


Capitolo IX
L'ACCERTAMENTO DEL PASSIVO
Gino Cavalli

1. Caratteri generali del procedimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 549
2. L'avviso ai creditori ed agli altri aventi diritto . . . . . . . . . . . . . . . » 553
3. Le domande degli interessati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 555
4. Segue. Domande di rivendicazione e di restituzione . . . . . . . . . . . . » 561
5. Il progetto di stato passivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 564
6. L'udienza di verifica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 569
7. Le decisioni del giudice delegato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 573
8. Lo stato passivo esecutivo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 578
9. Opposizioni ed impugnazioni dello stato passivo . . . . . . . . . . . . . » 582
10. La revocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 587
11. Il procedimento di gravame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 589
12. Le domande tardive . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 599
13. Rinuncia all'accertamento del passivo per previsione d'insufficiente
realizzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 607


Capitolo X
LA LIQUIDAZIONE DELL'ATTIVO
Stefano Ambrosini

1. Profili generali della liquidazione fallimentare . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 611
2. L'avvio della fase di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 613
3. La ripartizione di competenze tra gli organi deputati alla liquidazio-
ne . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 617
4. Il programma di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 623
5. Il contenuto del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 628
6. I supplementi del programma di liquidazione . . . . . . . . . . . . . . . » 632
7. L'approvazione del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 633
8. L'esecuzione del programma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 636
9. I rapporti tra il programma di liquidazione e la relazione ex art. 33 . . » 639
10. Le vendite fallimentari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 639
11. La cessione dell'azienda e di beni « in blocco » . . . . . . . . . . . . . . » 641
12. La cessione dei crediti e degli altri diritti esistenti nel patrimonio falli-
mentare . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 646
13. Le modalità delle vendite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 649
14. L'alienazione di beni mobili registrati e di opere dell'ingegno . . . . . . » 652
INDICE-SOMMARIO XV

Capitolo XI
LA RIPARTIZIONE DELL'ATTIVO
Stefano Ambrosini

1. Le caratteristiche salienti della disciplina . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 653
2. Il procedimento di ripartizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 654
3. L'ordine di distribuzione delle somme e la disciplina dei crediti prede-
ducibili e di quelli privilegiati . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 658
4. I creditori ammessi tardivamente o con riserva . . . . . . . . . . . . . . . » 666
5. Le ripartizioni parziali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 669
6. Pagamento ai creditori e rendiconto del curatore . . . . . . . . . . . . . » 671
7. La ripartizione finale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 673

Capitolo XII
CHIUSURA E RIAPERTURA DEL FALLIMENTO
Stefano Ambrosini

1. La chiusura del fallimento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 677
2. L'esdebitazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 682
3. La riapertura del fallimento: natura giuridica . . . . . . . . . . . . . . . . » 691
4. Segue. Procedimento ed effetti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 695

Capitolo XIII
IL CONCORDATO FALLIMENTARE
Stefano Ambrosini

1. La disciplina previgente ed il dibattito teorico sulla natura dell'istitu-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 699
2. La « filosofia » del nuovo concordato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 701
3. La proposta di concordato: legittimazione e contenuto . . . . . . . . . . » 704
4. Segue. Il concordato con assunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 710
5. Esame della proposta e provvedimenti del giudice delegato . . . . . . . » 712
6. Segue. Il caso della pluralità di proposte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 717
7. Il voto sulla proposta e l'approvazione del concordato . . . . . . . . . . » 720
8. Il giudizio di omologazione e quello di reclamo . . . . . . . . . . . . . . » 722
9. Esecuzione ed effetti del concordato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 728
10. Risoluzione e annullamento del concordato . . . . . . . . . . . . . . . . . » 730
11. Il concordato delle società e dei soci . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 732

Capitolo XIV
LE AZIONI DI RESPONSABILITÀ
Stefano Ambrosini

1. Il testo previgente dell'art. 146 e i connessi problemi interpretativi . . . Pag. 735
2. Il nuovo art. 146 l.f. . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 739
3. Le azioni di responsabilità contro amministratori e sindaci nella società
per azioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 742
XVI INDICE-SOMMARIO



4. La responsabilità di amministratori e sindaci nella società a responsabili-
tà limitata . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 744
5. Le azioni esperibili dal curatore nei confronti dei revisori contabili . . . » 746
6. La prescrizione delle azioni di responsabilità . . . . . . . . . . . . . . . . . » 750
7. La quantificazione del danno . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 757
8. La responsabilità della holding . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 760

Capitolo XV
IL FALLIMENTO DELLE SOCIETÀ
Alberto Jorio

1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 765
2. Fallimento della società e dei soci: aspetti processuali . . . . . . . . . . . » 765
3. Segue. Riflessi sulla legittimazione del curatore . . . . . . . . . . . . . . . » 774
4. Fallimento personale del socio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 776
5. Fallimento delle società di capitali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 778
6. Versamenti dei soci a responsabilità limitata . . . . . . . . . . . . . . . . . » 779
7. Escussione della polizza assicurativa/fideiussione bancaria . . . . . . . . » 782

COMMENTI DEI LETTORI A «Fallimento»

Voto medio degli utenti per «Fallimento»: 5 su 5 (1 commento)

Qui trovi riportati i commenti degli utenti di LibreriadelGiurista.it, con il nome dell'utente e il voto (espresso da 1 a 5 stelline) che ha dato al prodotto.

I commenti compaiono ordinati per data di inserimento dal meno recente (in alto) al più recente (in basso).

il 14 gennaio 2014 alle 14:50 ha scritto:

Buongiorno, ho comprato il volume e devo dire che è molto interessante. Sempre sulla crisi e le procedure concorsuali ci sono vari articoli – scritti da magistrati e avvocati - sul sito www.ilfallimentarista.it che ben si integrano con questo manuale.

LIBRI AFFINI A «Fallimento»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Fallimento»