Spedizioni Pagamenti Aiuto | Contatti
    
Tipologie di prodotti: Altro:
Brocardo del giorno

Copertina di 'Commentario alle riforme del processo civile'

Ingrandisci immagine


Commentario alle riforme del processo civile - [volume 3.1] Ricorso per Cassazione

 

Disponibilità immediata
In promozione
Spedizione gratuita (dettagli)
Allegati: Indice

DETTAGLI DI «Commentario alle riforme del processo civile»

Tipo Libro
Titolo Commentario alle riforme del processo civile - [volume 3.1] Ricorso per Cassazione
A cura di Briguglio A., Capponi B.
Editore

CEDAM


EAN 9788813274184
Pagine XXVIII-462
Data ottobre 2009

INDICE DI «Commentario alle riforme del processo civile»

Per visualizzare l'indice clicca qui Nascondi

INDICE SOMMARIO(*)




TOMO PRIMO

RICORSO PER CASSAZIONE


Art. 339 (Appellabilità delle sentenze) . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 3

Commento di RAFFAELE FRASCA
1.Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 3
2.Il problema dell'esistenza della delega . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 4
3. L'appello a motivi limitati concorre con altri motivi di impugnazione' » 7
4. I motivi limitati di appellabilità: identificazione . . . . . . . . . . . . . . » 12
5. Cumulo di cause dinanzi al giudice di pace e regola di decisione . . . » 21
6. Svolgimento del processo dinanzi al giudice di pace ed ambito dell'ap-
pello . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 22
7. Appello a motivi limitati e natura del giudizio del giudice d'appello » 24
8. Ricorso per cassazione contro la sentenza sull'appello a motivi limitati » 28
9. Regime delle sentenze del giudice di pace sulle opposizioni a precetto . » 28

Artt. 151 disp. att. c.p.c. (Riunione di procedimenti) . . . . . . . . » 30

Commento di RAFFAELE FRASCA
1. Le novità introdotte nella norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 30
2. Lo scopo perseguito dal legislatore . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 32
3. Qualche incongruenza provocata dalla novellazione . . . . . . . . . . . » 32

Art. 360 (Sentenze impugnabili e motivi di ricorso) . . . . . . . . . » 34

Commento di ROBERTA TISCINI
1. Il nuovo art. 360 e gli intendimenti nomofilattici della legge delega n.
80/2005 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 34


(*) Ove non altrimenti segnalato, nel presente sommario nonché nel seguito del volume
l'indicazione degli articoli si riferisce al Codice di procedura civile.
X INDICE SOMMARIO


2. Il controllo su violazione o falsa applicazione dei contratti e accordi
collettivi nazionali di lavoro privato . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 36
3. Il vizio di motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 40
4. L'uniformazione tra motivi di ricorso ordinario e straordinario . . . . » 44
5. Il ricorso per saltum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 48
6. L'impugnazione delle sentenze non definitive. Rinvio . . . . . . . . . . » 49


Art. 360-bis (Inammissibilità del ricorso) . . . . . . . . . . . . . . . . » 50

Commento di ANTONIO BRIGUGLIO
1. La nascita del «filtro» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 50
2. La articolazione ed i caratteri generali del «filtro» . . . . . . . . . . . . » 51
3. La concomitante abrogazione degli artt. 366-bis e 385, comma 3, ed i
rischi scongiurati e scongiurabili del «filtro» . . . . . . . . . . . . . . . » 53
4. Interpretazione dell'art. 360-bis in relazione ai ricorsi ex art. 360, nn.
1-4 ed al regolamento di competenza (manifesta infondatezza =
inammissibilità), con riguardo A) alla versione normativa approvata
nella prima tornata parlamentare, B) alla versione definitivamente ap-
provata (cenni al coordinamento con l'art. 363) . . . . . . . . . . . . . » 55
5. Segue: il «filtro» sdrammatizzato e costituzionalmente orientato . . . » 60
6. La portata dell'art. 360-bis, n. 2 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 61
7. Segue: anche in relazione al ricorso ex art. 360, n. 5 (ed ai ricorsi per
revocazione e per opposizione di terzo ex artt. 391-bis e ter) . . . . . » 62
8. Primo bilancio sul «filtro» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 66


Art. 361 (Riserva facoltativa di ricorso contro sentenze non defi-
nitive) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 69
Art. 133 disp. att. c.p.c. (Riserva di ricorso. Estinzione del processo) » 69

Commento di MICHELE COMASTRI
1. Il nuovo testo degli artt. 360, comma 3, 361 e 133 disp. att . . . . . » 70
2. Il regime di impugnazione differita delle sentenze non definitive e le
specifiche ragioni della riforma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 71
3. L'oggetto delle nuove disposizioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 77
4. Le sentenze non definitive su questioni pregiudiziali di rito e questioni
preliminari di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 78
5. L'efficacia delle sentenze non definitive che decidono le questioni in-
sorte nel corso del giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 81
6. Le sentenze non definitive su questioni pregiudiziali in senso tecnico
ex art. 34 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 84
7. Le sentenze non definitive su questioni pregiudiziali in senso logico . » 87
8. Conclusioni sull'ambito di applicazione della riforma e il nuovo regime
della ricorribilità in cassazione delle sentenze che non definiscono il
giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 89
INDICE SOMMARIO XI

9. Le sentenze non definitive su questione e l'interesse ad impugnare.
L'effetto deflattivo del divieto di impugnazione separata . . . . . . . . Pag. 90
10. Il regime della sentenza non definitiva su questione successivamente
all'estinzione del giudizio . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 100
11. Cenni sull'ambito di applicazione della riserva di ricorso in cassazio-
ne. Le sentenze parzialmente definitive che pronunciano su alcune
delle domande cumulate nel processo . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 101
12. Digressione conclusiva sulla distinzione tra sentenze non definitive
su questione e sentenze non definitive, o parzialmente definitive, su
domanda . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 106
13. Conclusione sull'ambito di applicazione della riserva di ricorso in
cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 108


Art. 363 (Principio di diritto nell'interesse della legge) . . . . . . . » 110

Commento di ANTONIO BRIGUGLIO
1. Nomofilachia e rivitalizzazione del ricorso nell'interesse della legge;
le indicazioni della delega e le scelte del legislatore delegato . . . . . » 110
2. La richiesta del p.g.: la modifica del primo comma . . . . . . . . . . » 112
3. Segue: il nuovo secondo comma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 114
4. La pronuncia d'ufficio «nell'interesse della legge» . . . . . . . . . . . » 115
5. Dal «ricorso» al «principio di diritto» nell'interesse della legge . . . » 119
6. Pronuncia nell'interesse della legge strategicamente ricercata dalla
parte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 120
7. Prime esperienze applicative: pronuncia nell'interesse della legge e
regolamento di giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 122
8. Segue: pronuncia ex art. 363, comma 3, in casi diversi, ma analoghi
rispetto a quello della inammissibilità del ricorso . . . . . . . . . . . . » 126
9. Segue: ancora sul ricorso di parte, scientemente inammissibile, volto
a sollecitare pronuncia nell'interesse della legge . . . . . . . . . . . . » 127
10. Pronuncia nell'interesse della legge e contraddittorio . . . . . . . . . » 129


Art. 366 (Contenuto del ricorso) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 131

Commento di CRISTINA ASPRELLA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 132
2. Il c.d. principio di autosufficienza del ricorso . . . . . . . . . . . . . . » 132
2.1. Nozione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 132
2.2. La ricostruzione pretoria: la indicazione delle risultanze proces-
suali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 136
2.3. Segue: la indicazione delle argomentazioni di diritto o degli ele-
menti fattuali relativi alla violazione di legge . . . . . . . . . . . » 140
2.4. Segue: la allegazione di norme giuridiche secondarie . . . . . . » 142
2.5. Segue: applicazione del principio in relazione al regolamento di
competenza ed al giudizio di revocazione . . . . . . . . . . . . . » 142
XII INDICE SOMMARIO


2.6. Segue: la esposizione dei motivi di gravame nella deduzione del
vizio di omessa pronuncia in appello . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 143
2.7. Una base dogmatica per il principio di autosufficienza' . . . . » 143
3. La sanzione dell'improcedibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 147
4. L'indicazione del numero di fax o dell'indirizzo di posta elettronica . » 147
5. Novità in tema di ricorso per saltum . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 148

Art. 134-bis disp. att. c.p.c. (Residenza o sede delle parti) . . . . . » 149

Commento di CRISTINA ASPRELLA
1. Morte dell'unico difensore domiciatario . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 149
2. Soluzione prescelta dal legislatore della riforma del 2006 . . . . . . . » 150

Art. 366-bis (Formulazione dei motivi) . . . . . . . . . . . . . . . . . » 151

Commento di ANTONIO BRIGUGLIO
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 151
2. Formalismo' Quel tanto che basta. L'art. 366-bis sdrammatizzato . . » 153
3. Necessità del quesito esplicito e libertà di forme (dalla necessità del-
l'esplicito «quesito di diritto» alla necessità dell'esplicito quesito anche
in caso di ricorso per vizio di motivazione; possibile pluralità di profili
e di corrispondenti quesiti nell'ambito di un unico motivo; la confe-
renza e specificità del quesito) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 156
4. Il rapporto fra quesito e motivo ed il rapporto fra quesito e poteri offi-
ciosi della Suprema Corte . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 170
5. L'applicazione estensiva dell'art. 366-bis: al ricorso ex art. 362, com-
ma 1, ed a quello per regolamento di competenza; non invece al ricor-
so per regolamento di giurisdizione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 174
6. L'applicazione estensiva al ricorso per revocazione' Spunti correlati a
proposito del «quesito di fatto» ex art. 366-bis, seconda parte, acces-
sorio alla censura per vizio di motivazione . . . . . . . . . . . . . . . . » 178
7. Rilievo della inammissibilità per assenza o inidoneità del quesito e
contraddittorio in Cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 182

Art. 369 (Deposito del ricorso) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 189

Commento di CRISTINA ASPRELLA
1. La modifica: l'onere di allegazione dei contratti e accordi collettivi . . » 189
2. Termine per il deposito dei contratti e accordi collettivi e notifica del
ricorso . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 192
3. Rilievo dell'improcedibilità . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 192

Art. 144-quater disp. att. c.p.c. (Restituzione del fascicolo d'uffi-
cio e dei fascicoli di parte) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 194

Commento di CRISTINA ASPRELLA
INDICE SOMMARIO XIII

Art. 374 (Pronuncia a sezioni unite) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 195

Commento di GIOVANNI AMOROSO
1. Il nuovo ed il vecchio testo a confronto . . . . . . . . . . . . . . . . . » 195
2. Articolazione della Corte di cassazione in sezioni . . . . . . . . . . . » 196
3. Le «competenze» delle sezioni unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 197
4. a) Il sindacato (quasi esclusivo) sulla giurisdizione (artt. 41, 360, c.
1, n. 1, e 362) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 198
5. Segue: le questioni di giurisdizione devolute alle sezioni semplici . . » 199
6. b) La composizione dei contrasti di giurisprudenza . . . . . . . . . . » 202
7. c) Le questioni di massima di particolare importanza . . . . . . . . . » 203
8. L'ulteriore «competenza» delle sezioni unite . . . . . . . . . . . . . . » 205
9. Il vincolo negativo del principio di diritto affermato dalle sezioni unite » 205
10. Dai progetti di legge delega alla legge n. 80 del 2005 . . . . . . . . . » 206
11. La natura del vincolo per la sezione semplice . . . . . . . . . . . . . . » 208
12. I presupposti del vincolo: l'enunciazione di un principio di diritto da
parte delle sezioni unite . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 210
13. Comparazione con altri vincoli . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 213
14. Possibili dubbi di legittimità costituzionale . . . . . . . . . . . . . . . . » 214


Art. 142 disp. att. c.p.c. (Ricorso di competenza delle sezioni uni-
te e delle sezioni semplici) . . . . . . . . . » 216

Commento di GIOVANNI AMOROSO
1. La rimessione dalle sezioni unite alla sezione semplice . . . . . . . . » 216
2. In particolare l'ipotesi del principio di diritto affermato dalle sezioni
unite e non condiviso dalla sezione semplice . . . . . . . . . . . . . . » 217


Art. 375 (Pronuncia in camera di consiglio) . . . . . . . . . . . . . . » 219
Art. 376 (Assegnazione dei ricorsi alle sezioni) . . . . . . . . . . . . » 220
Art. 380-bis (Procedimento per la decisione sull'inammissibilità
del ricorso e per la decisione in camera di consiglio) . . . » 221
Art. 380-ter (Procedimento per la decisione sulle istanze di rego-
lamento di giurisdizione e di competenza) . . . . . . . . . . » 222
Art. 138 disp. att. c.p.c. (Procedimento in camera di consiglio) . » 222
Art. 67-bis r.d. n. 12/1941 (Ordinamento giudiziario) (Criteri
per la composizione della sezione prevista dall'articolo
376 del codice di procedura civile) . . . . . . . . . . . . . . » 223

Commento di PAOLO VITTORIA
I. Parte prima: La pronuncia in camera di consiglio come metodo di
esame dei ricorsi a decisione spedita . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 223
1. Nella disciplina originaria degli artt. 375 e 138 disp. att . . . . . » 223
2. La sua stentata applicazione ed i propositi di riforma in prepara-
zione della legge 353 del 1990 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 226
XIV INDICE SOMMARIO


3. L'art. 1 della l. 24 marzo 2001, n. 89 e la metamorfosi della pro-
nuncia in camera di consiglio da marginale modulo di pronuncia
in rito a nuovo metodo di approccio alla decisione anche di meri-
to . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 230
II. Parte seconda: La pronuncia in camera di consiglio come modulo di
applicazione del filtro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 231
4. Il d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 e la l. 18 giugno 2009, n. 69:
uno sguardo d'assieme . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 231
4.1. Il d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 . . . . . . . . . . . . . . . . » 232
4.2. La l. 18 giugno 2009, n. 69. . . . . . . . . . . . . . . . . . » 235
III. Parte terza: il filtro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 236
5. Il d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 e l'art. 366-bis . . . . . . . . . . » 236
5.1. La l. 18 giugno 2009, n. 69 e l'art. 360-bis . . . . . . . . » 240
5.2. L'inammissibilità del ricorso ed il suo accertamento: con-
fronto tra le due discipline . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 241
IV. Parte quarta: le ipotesi di applicazione del procedimento in camera
di consiglio nel confronto tra il d.lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 e la l.
18 giugno 2009, n. 69 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 242
6. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 242
6.1. L'inammissibilità e l'improcedibilità: il numero 1) dell'art.
375 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 243
6.2. La decisione manifesta di accoglimento o di rigetto . . . . » 246
6.3. L'estinzione del processo: il numero 3) dell'art. 375 . . . » 251
6.4. I regolamenti di competenza e di giurisdizione: il numero
4) dell'art. 375 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 253
6.5. La pronuncia dei provvedimenti ordinatori: il numero 2)
dell'art. 375 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 255
V. Parte quinta: il procedimento preparatorio della decisione in camera
di consiglio e la relazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 256
7. Introduzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 256
7.1. Il procedimento preparatorio della decisione nel d.lgs. 2
febbraio 2006, n. 40 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 257
7.2. La relazione e l'imparzialità del giudice . . . . . . . . . . . » 259
7.3. Il procedimento preparatorio della decisione nella l. 18 giu-
gno 2009, n. 69 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 265
VI. Parte sesta. Procedimento in camera di consiglio e poteri diversi dal-
la decisione di ricorsi ordinari . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 268
8. I regolamenti di competenza e di giurisdizione . . . . . . . . . . » 268
8.1. Le questioni di particolare importanza e l'art. 363 . . . . » 269
8.2. Il ricorso per revocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 269
8.3. La condanna alle spese per responsabilità processuale . . » 272
VII. Parte settima . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 273
9. La difesa delle parti . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 273
9.1. La difesa nei procedimenti di regolamento . . . . . . . . . » 276
9.2. La partecipazione del pubblico ministero . . . . . . . . . . » 278
10. La decisione: tipi e stile della decisione . . . . . . . . . . . . . . » 279
11. Il regime dell'ordinanza decisoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 280
INDICE SOMMARIO XV

Art. 384 (Enunciazione del principio di diritto e decisione della
causa nel merito) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 282

Commento di ANDREA PANZAROLA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . » 283
2. Il principio di diritto e la sua estensione . . . . . . .
. . . . . . . . . . . » 284
2.1. La nuova struttura della norma . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . » 285
2.2. La estensione del principio . . . . . . . . . . .
. . . . . . . . . . . » 285
2.3. La «statuizione» della Corte e il vincolo del giudice di rinvio . . » 286
2.4. L'error in iudicando de iure procedendi . . . . . . . . . . . . . . . » 289
2.5. Sui presupposti dell'art. 384, comma 2 . . . . . . . . . . . . . . . » 291
2.6. La legge delega, la «statuizione» della Corte ed il «principio di di-
ritto» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 293
3. La decisione di merito . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 296
3.1. I risultati già conseguiti per via interpretativa . . . . . . . . . . . » 296
3.2. La legge di delegazione tra «decisione di merito» ed «enunciazio-
ne del principio di diritto» . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 297
3.3. Il merito: la decisione e l'esame . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 298
3.4. La non necessità degli accertamenti di fatto . . . . . . . . . . . . » 302
3.4.1. Segue: ancora sugli «accertamenti di fatto» e la durata ra-
gionevole del processo: il bilanciamento con altri valori . » 305
3.5. L'accoglimento del ricorso ed il titolo di esso in rapporto alla suf-
ficienza degli accertamenti di fatto . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 309
3.6. Norma di diritto e vizio di motivazione . . . . . . . . . . . . . . . » 312
3.6.1. Segue: l'esame nel merito e la riscrittura del n. 5, comma
1, art. 360 . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 312
3.6.2. L'esame nel merito e le due fasi (rescindente e rescisso-
ria) del giudizio di cassazione. Spunti critici . . . . . . . . » 313
4. La riserva di decisione dell'art. 384, comma 3 . . . . . . . . . . . . . . » 315
4.1. La questione «rilevata d'ufficio» e la rilevazione del p.m . . . . . » 319
4.1.1. Segue: la questione «rilevata d'ufficio» e la rilevazione del-
la parte in memoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 321
4.1.2. Segue: la modalità della riserva di decisione . . . . . . . . » 324
4.2. La violazione della norma . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 326


Art. 385 (Provvedimenti sulle spese) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 328

Commento di MARCO FARINA
1. Considerazioni introduttive sul regime delle spese nel giudizio di cas-
sazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 328
2. La responsabilità processuale «aggravata» in Cassazione . . . . . . . . » 332
3. L'abrogazione ad opera della novella del 2009 . . . . . . . . . . . . . . » 344
4. L'imposta di registro . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 347
XVI INDICE SOMMARIO


Art. 388 (Trasmissione di copia del dispositivo al giudice del me-
rito) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 350

Commento di ROSARIA GIORDANO
1. La trasmissione della copia della sentenza della Corte di cassazione:
funzione processuale . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 350
2. Segue: funzione nomofilattica . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 351
3. Segue: conferma della sentenza impugnata con correzione dei motivi
in diritto . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 354
4. La trasmissione della copia in via telematica . . . . . . . . . . . . . . . » 356


Art. 391 (Pronuncia sulla rinuncia) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 359

Commento di MARCO FARINA
1. Il decreto di estinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 359
2. Il regime delle spese . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 364
3. La fissazione dell'udienza . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 371


Art. 391-bis (Correzione degli errori materiali e revocazione delle
sentenze della Corte di cassazione) . . . . . . . . . . . . . . » 375
Art. 391-ter (Altri casi di revocazione ed opposizione di terzo) . . » 375

Commento di ANDREA PANZAROLA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 376
2. I provvedimenti impugnabili: la revocazione . . . . . . . . . . . . . . . » 380
2.1. Sulla ragionevolezza della scelta . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 382
2.2. Difetti di coordinamento . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 385
3. La decisione (eventuale) in camera di consiglio e la revocazione . . . » 385
4. Correzione degli errori materiali e revocazione . . . . . . . . . . . . . . » 388
5. Forma e modalità di proposizione della domanda revocatoria . . . . . » 390
6. La revocazione delle decisioni di merito della Cassazione . . . . . . . » 392
6.1. Notazioni introduttive. Sul procedimento introduttivo . . . . . . » 392
6.2. I provvedimenti impugnabili ed i motivi deducibili . . . . . . . . . » 397
7. La opposizione di terzo delle decisioni di merito della corte . . . . . . » 400
7.1. La opposizione di terzo ordinaria e revocatoria. Profili procedi-
mentali . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 402
8. Attività istruttoria e competenza della Corte: opposizione di terzo e re-
vocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 403
8.1. In caso di opposizione di terzo . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 403
8.2. In caso di revocazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 410
INDICE SOMMARIO XVII

Art. 392 (Riassunzione della causa) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . Pag. 415

Commento di ANTONIO BRIGUGLIO
1. Abbreviazione del termine di riassunzione . . . . . . . . . . . . . . . . . » 415
2. Rimessione in termini (rinvio) . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 415


Art. 420-bis (Accertamento pregiudiziale sull'efficacia, validità ed
interpretazione dei contratti e accordi collettivi) . . . . . . » 417
Art. 146-bis disp. att. c.p.c. (Accertamento pregiudiziale sull'effi-
cacia, validità e interpretazione dei contratti e accordi
collettivi) » 417

Commento di ANDREA PANZAROLA
1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 418
2. L'accertamento pregiudizale prima della riforma del 2006 . . . . . . » 420
2.1. La genesi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 420
2.2. Le finalità. Il lavoro alle dipendenze delle pubbliche amministra-
zioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 423
3. L'accertamento pregiudiziale entra nel codice di rito . . . . . . . . . » 426
4. La nomofilachia impugnatoria . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 430
5. Affinità e differenze tra l'accertamento pregiudiziale nel pubblico im-
piego privatizzato e nei comuni rapporti di lavoro . . . . . . . . . . . » 435
6. La questione risolta in via pregiudiziale ed il rilievo di essa . . . . . . » 437
7. La natura della sentenza ex art. 420-bis . . . . . . . . . . . . . . . . . » 439
7.1. Premessa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 439
7.2. La sentenza interpretativa . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 441
8. La sentenza interpreativa come categoria a sé: conseguenze . . . . . » 443
8.1. Il rilievo pratico della distinzione . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 443
8.2. Conclusioni . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 447
9. Il precedente relativamente vincolante e la funzione nomofilattica tra
tradizione ed istanze riformistiche . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 448
10. La sentenza sulla questione ex art. 420-bis nell'ambito del nuovo re-
gime di impugnazione delle sentenze non definitive . . . . . . . . . . » 450
10.1. Le sentenze non definitive su questioni in genere ed il regime
di impugnazione: appello e ricorso per cassazione a confronto » 450
10.2. La sentenza sulla questione ex art. 420-bis e la «normale» sen-
tenza non definitiva su questione appellabile e ricorribile per
cassazione . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 451
10.3. Segue: la sentenza sulla sola questione come sentenza necessa-
riamente di primo grado . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 453
11. L'accertamento pregiudiziale e la legge delega . . . . . . . . . . . . . » 455
11.1. I dubbi circa l'eccesso di delega . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 455
11.2. L'intervento della Corte costituzionale . . . . . . . . . . . . . . » 457
12. Rilievi conclusivi . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . . » 459

COMMENTI DEI LETTORI A «Commentario alle riforme del processo civile»

Non ci sono commenti per questo volume.

LIBRI AFFINI A «Commentario alle riforme del processo civile»

ALTRI SUGGERIMENTI

REPARTI IN CUI È CONTENUTO «Commentario alle riforme del processo civile»